VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Conte e Mancini, due rivoluzioni in atto. E oggi il ct può cambiare le regole del calcio

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
20.11.2014 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 26974 volte
© foto di Federico De Luca

Due uragani. Entrambi da parte di allenatori. E un mercato che prende forma. Partiamo con calma e con ordine. Mancini pur senza parlare, se non in conferenza stampa, è stato un vero e proprio terremoto. Inaspettato, soprattutto nelle tempistiche.
Come inaspettato è stato lo sfogo di Conte, dopo la vittoria contro l'Albania. Con chi ce l'aveva? E come si può risolvere la situazione?
Di Mancini è stati detto tutto e anche con dovizia di particolari. Difficile aggiungere qualcosa. Ora naturalmente in casa nerazzurra si aspettano i risultati. La mia sensazione è che si sia cercato, come in un sottile gioco di azzardo, di puntare al piatto grosso, costi quel che costi, nel vero senso della parola. L'investimento su Mancini (e la spesa di Mazzarri) possono essere coperte solo se l'Inter arriva in Champions: impresa non semplice, non scontata e con tante rivali. Thohir abbraccia un'altra filosofia, c'è da guardare anche al Fair Play Finanziario, il mantra del "non ci sono soldi" ora sarà più forte che mai. Basterà solo Mancini a risollevare l'Inter? Di sicuro la squadra ha le potenzialità, il nuovo allenatore l'ambizione e una mentalità più offensiva. Alle volte basta poco per cercare di cambiare verso. Altre volte no, è più difficile.
Se ne sta accorgendo Conte, che una volta diventato ct capisce le esigenze che aveva anche Prandelli: lavorare con la squadra il più possibile. Si trova nella stessa situazione del suo predecessore: il tempo per la Nazionale non c'è. E lo vuole, dicendolo a modo suo. Ora è naturale che la Figc dovrà cercare di sensibilizzare la Lega su questo tema. Non perché lo vuole Conte, ma perché è una richiesta legittima e sensata. Per ridare al movimento calcio italiano una nuova linfa.
Già da oggi con il consiglio federale ci saranno delle novità importanti: l'inserimento delle liste (come in Europa) per favorire l'utilizzo di giovani e alcune limitazioni all'utilizzo degli extracomunitari. Ovvero ci dovrà esserre una sorta di "esame" preventivo, come succede in Inghilterra. È chiaro che tutto questo avrà delle pesanti ingerenze nel mercato. E allo stesso tempo cambieranno anche le necessità delle squadre, magari sin da gennaio. Le big dovranno cominciare a fare i conti e a vedere chi torna e chi resta, chi invece se ne deve andare e chi non avrà spazio. Per non trovarsi nell'imbuto a luglio del prossimo anno. Ma queste decisioni sono vitali per l futuro della serie A e del calcio italiano in generale. Qualche tempo fa avevamo portato dei numeri per controllare lo stato di salute del calcio. Con la pausa abbiamo avuto modo di studiarne degli altri, grazie a ricerche di settore estremamente approfondite e valide.
Gli italiani utilizzati nelle prime 11 giornate di campionato sono il 43,68% del totale. Meno ancora rispetto alla passata stagione. Addirittura sono 12 le squadre che hanno utilizzato più della metà stranieri con almeno 5 di queste che hanno sfondato la soglia dell'80% (Fiorentina, Inter, Napoli, Verona e Udinese). Ma il dato più interessante riguarda la classifica: delle prime 10 soltanto la Sampdoria ha la maggior parte di giocatori utilizzati italiani, le altre sono tutte piene di stranieri. Come a dire: l'italiano gioca di più nella seconda metà della classifica. Provocazione? Purtroppo no. E lo stesso dato si ritrova andando a controllare le rose di chi gioca in Europa 33,53% di italiani.
La Juventus, fra queste squadre, è l'unica ad avvinarsi a un 50% anche se l'età media dei principali giocatori bianconeri (e quindi dei nazionali) deve far riflettere (31,5 anni). Tutti questi numeri per sottolineare una cosa: non c'è un'ampia base dalla quale Conte può attingere. Volete altri esempi? Prendiamo allora il numero degli italiani utilizzati per almeno un terzo del campionato. Sono 126 in totale e a parte i 5 della Juventus ce ne sono 6 della Roma (De Sanctis, Astori, De Rossi, Totti, Florenzi e Destro) o 2 del Napoli (Insigne e Maggio). Praticamente gli italiani delle grandi squadre salvo rare eccezioni sono necessariamente convocati in Nazionale, anche se non sono titolari inamovibili nel club.
Quindi una riforma del calcio secondo le direzioni indicate anche dopo aver confrontato i dati della stagione precedente è auspicabile secondo le due direttrici che già erano state decise dal consiglio federale: la necessità di avere delle rose ristrette con degli obblighi a iscrivere dei giovani prodotti del vivaio del club e/o di un vivaio di un altro club italiano. E di cercare di garantire la qualità dello straniero. Vale a dire: nessuna preclusione nei confronti di chi arriva ma l'importante è che sia forte e non vada a discapito di un nostro prodotto. Questo è il primo passo necessario per cercare di migliorare la situazione. Senza poi dimenticare le squadre B. Prima si inizia meglio è. Altrimenti si rischia di proseguire con questa tendenza (a proposito altri numeri testimoniano come si sia saltata una generazione di italiani, soprattutto in difesa, ma magari ne parliamo con più calma) che porta solo a conferenze stampa dove si lanciano segnali d'allarme...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.