HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2018/19?
  Barcellona
  Ajax
  Liverpool
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Conte insiste per l'attacco: a gennaio vuole Gabbiadini. Il Milan propone Pazzini e riproverà per Astori. Enigma Llorente. Inter-Thohir, spuntano i cinesi...

Nato ad Aulla (Massa Carrara) il 16/03/54 comincia giovanissimo a collaborare con La Nazione portando la partita che giocava lui. Poi inviato speciale e commentatore, oggi direttore del Qs Quotidiano sportivo della Nazione, Resto del Carlino e Giorno
13.09.2013 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 33639 volte
© foto di Federico De Luca

Nonostante i pompieri si siano precipitati a spegnere il piccolo incendio Conte-Marotta (ha parlato anche Nedved, guarda caso), l'allenatore della Juve è preoccupato per il suo attacco che non reputa all'altezza di molte altre squadre europee, ma anche di altre italiane. Conte, come sua abitudine, ha ripreso a lavorare con intensità con tutto l'organico, ha rimesso in circolo anche Quagliarella, ma gennaio è vicino e qualcosa la società ha promesso. L'obiettivo numero uno è diventato Manolo Gabbiadini, a metà con la Sampdoria e in forza al club ligure fino a giugno. L'idea è di riportarlo a casa a gennaio. L'attaccante sta maturando in fretta, una quindicina di partite in A e la scuola di Delio Rossi potranno farlo crescere ancora. Prandelli lo ha convocato nazionale. Se continua così potrebbe diventare veramente la punta che Conte cerca. Mobile, forte fisicamente, lavora per la squadra, in acrobazia non ha rivali. Se Llorente non dovesse sbloccarsi si potrebbe pensare anche a uno scambio secco, ma lo spagnolo ha già fatto sapere che non accetterebbe il declassamento. Risposta attesa. Potrebbe però diventare una pedina importante per l'estero, visto che il giocatore ha ottimo mercato. Comunque, preso a parametro zero, Llorente sarà un affare economico. Molto dipenderà dai prossimi tre mesi, ma se Conte non lo prende in considerazione neppure per sostituire Vucinic, la Juve rischia un altro caso Bendtner.
L'alternativa la offre il Milan che dopo aver preso Matri e Kakà si ritrova un attacco troppo affollato. Pazzini sta recuperando e per gennaio potrebbe essere di nuovo al top. Difficile possa convivere con Matri e Balotelli, rischierebbe di non giocare, mentre alla Juve potrebbe essere molto utile. Anche questa è una pista da seguire da oggi a gennaio, il giocatore (se torna ad alto livello) a Conte piace molto. Da escludere il giro tentato nelle ultime ore di mercato con Gilardino alla Juve, Quagliarella alla Lazio e Borriello al Genoa. Conte non vuole Gilardino. Quagliarella, invece, potrebbe invece gradire il ritorno alla Samp nell'operazione Gabbiadini. La palla è in mano a Marotta che deve accontentare Conte. Tra l'altro la Juve non ha mollato Zuniga e il suo procuratore Calleri. Ha in mano un accordo precedente al rilancio del Napoli e intende farlo valere. Probabile l'arrivo a parametro a giugno.
Galliani si è preso la soddisfazione di riportare a casa Kakà, ma sa benissimo che il Milan avrebbe bisogno di un forte difensore centrale e di una controfigura di Kakà visto che i rossoneri torneranno a giocare con il 4-3-1-2. Honda è in pole position per gennaio e l'affare è quasi fatto, ma per i soldi cash i problemi ci sono. Ecco allora quello che abbiamo scritto prima: l'idea di offrire Pazzini alla Juve.
Recuperando un po' di denaro dalla cessione e dalla Champions se il Milan dovesse andare avanti come tutti si augurano, Galliani pensa di bussare di nuovo alla porta di Cellino per Astori. L'operazione era quasi fatta ad agosto, poi le vicende giudiziarie pendenti hanno convinto Cellino a non vendere giocatori per evitare che eventuali creditori potessero avviare operazioni sugli introiti del Cagliari. Se a gennaio la situazione sarà più chiara, Cellino venderà sia Astori che Nainggolan. Ma l'Inter non è più interessata. Ha scoperto che con un ottimo allenatore come Mazzarri anche i giocatori di casa non erano poi così scarsi. E molto dipenderà anche dalla vicenda Thohir. Come abbiamo sempre sostenuto a fronte di chi ha sbandierato mille volte la cessione già fatta o imminente, le trattative continuano a essere lunghe e complesse. Gli avvocati sono al lavoro, le banche stanno facendo minuziosi esami dei patrimoni, non è facile trovare soluzioni soddisfacenti per i due personaggi Moratti e Thohir. Qualche passo avanti è stato fatto. Ad esempio è stato accettato da tutti il ruolo di Moratti junior che resterà in società e continuerà a pesare. Più complesso uscire da un altro rebus: cosa farà Moratti? Naturalmente lui vuole restare, si sta discutendo proprio su una uscita morbida graduale nel giro di 3-5 anni. Vedremo. Intanto spuntano anche i cinesi a turbare Moratti e offrire alleanze. I dubbi crescono e gli accordi più' lotani
Vedremo anche come finirà la telenovela Cannavaro a Napoli. Le troppe pressioni stanno indispettendo non poco De Laurentiis che avrebbe intenzione di non discutere il rinnovo. L'intervista rilasciata da Fabio Cannavaro in difesa del fratello ha complicato ancora di più la situazione. Benitez non fa una grinza, comunque vada lui tira dritto per la sua strada consapevole che la difesa a quattro non esalta le caratteristiche di Paolo Cannavaro. Le prime partite, del resto, hanno messo in evidenza qualche difficoltà nel centro della difesa. Albiol avrebbe bisogno di un compagno più veloce, più rapido nel breve. Se la difesa non troverà compattezza, a gennaio il Napoli tornerà alla carica per Skrtel che aveva già detto sì a Benitez, è stato il Liverpool a bloccare l'affare, ma i contatti sono già ripresi.
Contatti costanti anche tra Fiorentina e Udinese. Le due società hanno in comproprietà un gioiello chiamato Cuadrado. La Fiorentina aveva chiesto anche la metà di Muriel per la prossima stagione. Come finirà? Se continua così, Cuadrado a fine stagione potrebbe valere non meno di trenta milioni. Il giocatore piace molto anche alla Juventus, ma la Fiorentina avrebbe strappato un gentleman agreement all'Udinese: nessuna ingerenza esterna. La comproprietà sarà discussa tra le due società e la Fiorentina vuole tutto il cartellino. Caso mai i viola, in cambio, possono mollare l'opzione per Muriel e lasciare strada libera ai bianconeri. Quella di Cuadrado si annuncia già una telenovela: lo seguono tutte le più grandi d'Europa.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: lo scudetto, le riflessioni sul futuro, un difensore in più e... la posizione di Allegri. Milan: l'Atalanta fa paura, ora Gattuso pretende risposte. Inter: i numeri di Spalletti e la "sfida" con Conte. Evviva Fognini, anche quando perde 23.04 - Ciao. La festa è finita e si torna a lavorare. Anzi no, molti fanno il megaponte fino all’1 maggio, alcuni fino al 2 giugno, altri non tornano proprio. Il megaponte è per molti, ma non per tutti. Non per noi “grandi eroi” di tuttomercatoweb che anche oggi ve ne diciamo di tutti i...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Basta spot elettorali! Il calcio italiano crolla in Europa ma noi pensiamo ai finti progressi. Juve, festa amara. Napoli, serviva Ancelotti per una stagione così? Pippo, vedi come vola il Bologna… 22.04 - Sabato pomeriggio avrei voluto vedere, al mare, la festa della Juventus e invece mi sono ritrovato senza calcio e sprofondato sul divano a rivedere un film nuovo che davano alla tv: Quo Vado! La scena più bella è quando Checco (a proposito, che fine hai fatto? Quando torni a regalarci...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Juve, le plusvalenze non fanno vincere la Champions. Il Milan se ne frega del fair play finanziario, l'Inter riparte da Spalletti? Conte, Tuchel, Sarri e altre leggende 21.04 - La festa Scudetto non è tale quando esci dai quarti di Champions League per mano dell'Ajax. E soprattutto quando potevi farlo una settimana prima, con un pari tranquillo a Ferrara, invece di inserire giocatori di Serie C oppure giovani. La formazione era più forte di quella della...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, risalgono le quotazioni di Conte. Dybala in partenza, Bayern in prima fila ma c’è anche il Liverpool in un possibile scambio con Salah. Per la difesa spunta anche Jérôme Boateng. Marotta e Paratici, che sfida per Chiesa 20.04 - A fine stagione ci sarà un cambiamento inevitabile. Per la Juventus è già cominciata la fase di riflessione. Il primo nodo resta sempre Allegri. E’ vero che ci sono state le conferme del presidente Agnelli e dello stesso allenatore su un futuro ancora bianconero, ma la sensazione...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510