VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Sedici squadre si giocano la Champions League: chi è la favorita?
  Barcellona
  Basilea
  Bayern Monaco
  Besiktas
  Chelsea
  Juventus
  Liverpool
  Manchester City
  Manchester United
  Paris Saint-Germain
  Porto
  Real Madrid
  Roma
  Siviglia
  Shakhtar Donetsk
  Tottenham

Editoriale

Conte, no all'Inter. Sabatini pensa a Luis Enrique. Nainggolan e Manolas più vicini. Milan, Montella in bilico. Via senza Europa League. Roma, c'è Di Francesco

12.05.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 36109 volte
© foto di Federico De Luca

Conte resterà al Chelsea, almeno così pare. Lo ha ribadito anche lui ieri facendo capire che dopo la Premier vuol provare a vincere la Champions e per chi vi scrive non è una novità. L’ho sempre capito (e scritto) dopo contatti, frasi, confessioni più o meno ufficiali. Non sono i soldi che possono far cambiare idea a Conte, ma il progetto calcistico e Suning (speriamo) deve capirlo.

Se, in linea teorica, dovesse saltare il rapporto con Abramovich, a corteggiare Conte c’è anche il Barcellona. E scusate se è poco.

L’Inter si arrende? Se conosco Walter Sabatini credo proprio di no. Ma nel frattempo il nuovo dirigente in capo dell’Inter si è mosso in altre direzioni e in particolare verso un allenatore che lui aveva portato a sorpresa nella Roma sei anni fa. Parlo, naturalmente, di Luis Enrique che lascerà il Barcellona. L’ex giallorosso ha fatto sapere di voler staccare per un anno, ha bisogno di rifiatare, ma Sabatini lo sta tentando per affidargli il rilancio dell’Inter attraverso un calcio moderno e spettacolare. E’ questa la strada che vuole percorrere il nuovo dirigente che non sembra innamorato del calcio di Simeone e del cholismo. Fra l’altro anche l’argentino ha fatto capire dopo l’eliminazione dalla Champions di voler restare all’Atletico per godersi il rilancio nel nuovo stadio dei biancorossi.

Ma se anche Luis Enrique dovesse dire no? Resta la soluzione Spalletti. Sabatini l’ha voluto alla Roma poco più di un anno fa, lo stima, non sarebbe un ripiego.

E’ chiaro che l’allenatore condiziona molto scelte e programmi, ma i giocatori da Inter sono già stati messi nel mirino. Sapendo che la Roma è in autofinanziamento, prima deve vendere poi comprare, l’Inter sta pressando Nainggolan e Manolas. I giallorossi vogliono non meno di sessanta milioni per il centrocampista, quaranta per il difensore. Tanta roba. Ma Sabatini ha buoni rapporti con l’entourage dei due giocatori, li ha portati lui alla Roma e sta lavorando. E Ausilio? Dovrebbe andarsene dopo l’arrivo di Sabatini? Se l’Inter vuole costruire una grande società ha bisogno di diverse figure di grande valore e queste lo sono. Serve lavorare in gruppo, per uno stesso obiettivo. Allora anche Marotta e Paratici dovrebbero essere incompatibili. Non mi pare. Vedremo come finirà, ma questa è la strada. Servirà al più presto anche Oriali e altre figure manageriali arriveranno.

In attesa, questo finale di stagione allucinante ha fatto saltare le certezze dell’Inter, ma anche quelle del Milan. Montella ha la fiducia di Fassone, ma il crollo dell’ultimo mese e mezzo non può non essere un campanello d’allarme. Mancano soltanto tre giornate e sembra un paradosso, ma se il Milan dovesse continuare a non vincere con prestazioni disastrose e perdere il sesto posto, la posizione di Montella potrebbe diventare ad altissimo rischio. Nonostante le smentite c’è davvero Mancini nella lista di Fassone, ma anche Spalletti libero dalla Roma, può diventare un allenatore da tenere sott’occhio.

Panchine bollenti ovunque. Di Francesco era già stato a casa di Corvino, promesso sposo della Fiorentina, ma l’accordo è saltato per la clausola (tre milioni), ma anche per la Roma. L’allenatore ha chiesto tempo per capire cosa faranno i giallorossi e la Fiorentina non ha gradito. Andrà davvero alla Roma ? Chissà

Ecco allora Pioli che è felice del corteggiamento di Corvino dopo il traumatico esonero, ma solo nei prossimi giorni e dopo aver risolto il contratto con l’Inter, valuterà a fondo i piani della Fiorentina. Si farà? Possibilissimo, ma la cautela è d’obbligo visti i no già incassati dai viola da Giampaolo, Sarri e Simone Inzaghi dopo Di Francesco. In questo momento la Fiorentina non ha grandissimo appeal complice un’annata triste, ma anche gli ultimi mercati completamente sbagliati. L’esame dei conti ha fatto inorridire tutti, forse anche Andrea Della Valle. I tifosi che si chiedevano dove fossero finiti i ventisei milioni della cessione di Alonso al Chelsea, hanno scoperto che quasi ventuno sono stati spesi da Corvino per comprare i sette-otto giocatori inguardabili (solo Sanchez è da 5,5 in pagella) arrivati l’estate scorsa. Diks e Toledo, già restituiti, sono costati quasi sei milioni. Olivera e Cristoforo quasi otto con 650 mila euro di provvigioni a Paco Casal noto procuratore uruguagio con il quale il Dg viola lavora volentieri. Olivera vale al massimo una buona serie B, mentre è stato lasciato andar via a zero Facundo Roncaglia, terzino che anche ieri sera ha segnato nella semifinale di Europa League.

Curioso poi che nei contratti di Olivera e Cristoforo sia stato inserito l’obbligo di riscatto in caso di salvezza. Erano ottimisti i dirigenti viola….avevano grandi obiettivi in estate. Questo spiega il grande freddo di oggi.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Tra voluntary Milan e rating BB- Inter. Gigio, la prova del nove. ADL: Ounas? No, Donnarumma! 16.12 - Certo che al Milan non si fanno salti di gioia. Sul piano industriale presentato a Nyon e sulle successive integrazioni in base alle richieste di documentazione UEFA, il Club rossonero aveva puntato molto. In ogni caso il tono del comunicato europeo, come tutti hanno potuto verificare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Lo scandalo Donnarumma. Il portiere contro il suo procuratore Raiola: “Mai subito violenza psicologica”. Raiola contro Mirabelli: “E’ lui il male”. Mirabelli: “Tanto non lo cediamo”. Ma il Milan ora può solo vendere il giocatore 15.12 - Dopo due giorni di polemiche, striscioni e lacrime, ieri sera a tarda ora è arrivata la versione di Gigio Donnarumma: “Non ho mai scritto o detto di aver subito violenza morale da parte del Milan durante la firma del contratto”. Una presa di posizione netta, chiarissima, del giocatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Donnarumma, sempre Donnarumma, ancora Donnarumma 14.12 - Donnarumma torna al centro della polemica. E ancora una volta, una parte della tifoseria organizzata del Milan, esprime il proprio dissenso. Di sicuro il rapporto, ora, è di nuovo teso. Per via di quanto è successo nelle ultime settimane. Proviamo a fare allora un riassunto (naturalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Donnarumma-Raiola, che pasticcio! Il VAR va migliorato non demonizzato… Lazio, incubo Barcellona! 13.12 - Un mio vecchio amico mi ripete, alla noia, questa frase: “Ai miei tempi il calcio era un gioco semplice fatto da persone semplici”. Avendo superato la settantina, è evidente il suo riferimento ad un calcio, quello degli anni ’60 e 70’ che ben poco ha a che fare con il calcio d’oggi…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri e la "grana" Dybala. Inter: il senso delle parole di Spalletti. Milan: Gattuso non è solo "grinta". Occhio agli Euro-sorteggi... 12.12 - Ciao. Oggi c’è Inter-Pordenone di Coppa Italia. La Coppa Italia è molto considerata dai nostri capi del calcio: fanno giocare l’ottavo di finale in casa della più forte. Di martedì. Alle nove antelucane. Con -12 gradi e l’incubo “gelicidio”. Il gelicidio fa paura a tutti. Tutti ne...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, uno spot per poveri. Roma e Napoli, siamo alle solite. Crotone, con Nicola hai perso un patrimonio tecnico ed umano 11.12 - Quando aspetti una settimana intera un big match, lo carichi con titoloni e speciali e poi vedi (o meglio non vedi) una partita priva di emozioni, capisci che questo campionato è aperto ad ogni pronostico. L'Inter è la vera anti-Juve? Difficile pensarlo se ci ricordiamo da dove arriva...

EditorialeDI: Marco Conterio

Juventus-Inter: altro che partita perfetta e spot del calcio italiano. Nei bianconeri ci sono due casi ma molto diversi tra Allegri e Mourinho. Icardi, l'esame Mundial e la corte di Florentino Perez 10.12 - Zero a zero sarà pure la partita perfetta ma Juventus-Inter è stata la fotografia della noia. Un ben noto e ascoltato incipit della gara, spiegava che sarebbe dovuta essere lo spot per il calcio italiano. Purtroppo, lo è stata del calcio italiano. Dove contano tanto i giocatori di...

EditorialeDI: Mauro Suma

La Cavese e il Povero Diavolo. Il Milan 2012-2017. I doveri dei Club channels. Juve, vigilia violenta 09.12 - I giocatori del Milan devono capire, compatibilmente con il lavoro di carico atletico che stanno mettendo nelle gambe, che in questo momento hanno un dovere doppio. Non solo quello di giocare e fare punti. Sarebbe troppo banale. Ma anche e soprattutto di tenere il Milan come simbolo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Un giallo: il Milan accerchiato. Bocciato o no il piano finanziario, l’Uefa non si fida di Li Yonghong. E Montella non andava esonerato adesso. Napoli, resta solo lo scudetto: De Laurentiis investa a gennaio e fuori subito dall’Europa League 08.12 - E’ l’anno del Milan, l’anno nero intendo. Il nuovo corso cinese che doveva riportare i rossoneri al vertice del calcio mondiale, in realtà sta portando soltanto enormi problemi. In campo e fuori. “Aridatece il Berlusca”, urla il popolo milanista e chissà lui quanto starà godendo. L’ultimo...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e i problemi di novembre, un piccolo record italiano e una panchina per Nesta 07.12 - Al Napoli non è riuscita l'impresa. Non sarebbe dipeso solo dagli azzurri, serviva un aiutino (o aiutone, visto a posteriori) da parte del City. Invece il 2-0 maturato dopo mezz'ora ha fatto il resto. E il Napoli non ha neanche azzannato l'avversario. Per mille motivi, primo su tutti...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.