VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Caso Donnarumma: come finirà?
  Dirà addio al Milan per il Real Madrid
  Rinnoverà separandosi da Raiola
  Rinnoverà restando con Raiola
  Dirà addio al Milan per la Juventus
  Dirà addio al Milan con altra destinazione

TMW Mob
Editoriale

Conte, no all'Inter. Sabatini pensa a Luis Enrique. Nainggolan e Manolas più vicini. Milan, Montella in bilico. Via senza Europa League. Roma, c'è Di Francesco

12.05.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 35929 volte
© foto di Federico De Luca

Conte resterà al Chelsea, almeno così pare. Lo ha ribadito anche lui ieri facendo capire che dopo la Premier vuol provare a vincere la Champions e per chi vi scrive non è una novità. L’ho sempre capito (e scritto) dopo contatti, frasi, confessioni più o meno ufficiali. Non sono i soldi che possono far cambiare idea a Conte, ma il progetto calcistico e Suning (speriamo) deve capirlo.

Se, in linea teorica, dovesse saltare il rapporto con Abramovich, a corteggiare Conte c’è anche il Barcellona. E scusate se è poco.

L’Inter si arrende? Se conosco Walter Sabatini credo proprio di no. Ma nel frattempo il nuovo dirigente in capo dell’Inter si è mosso in altre direzioni e in particolare verso un allenatore che lui aveva portato a sorpresa nella Roma sei anni fa. Parlo, naturalmente, di Luis Enrique che lascerà il Barcellona. L’ex giallorosso ha fatto sapere di voler staccare per un anno, ha bisogno di rifiatare, ma Sabatini lo sta tentando per affidargli il rilancio dell’Inter attraverso un calcio moderno e spettacolare. E’ questa la strada che vuole percorrere il nuovo dirigente che non sembra innamorato del calcio di Simeone e del cholismo. Fra l’altro anche l’argentino ha fatto capire dopo l’eliminazione dalla Champions di voler restare all’Atletico per godersi il rilancio nel nuovo stadio dei biancorossi.

Ma se anche Luis Enrique dovesse dire no? Resta la soluzione Spalletti. Sabatini l’ha voluto alla Roma poco più di un anno fa, lo stima, non sarebbe un ripiego.

E’ chiaro che l’allenatore condiziona molto scelte e programmi, ma i giocatori da Inter sono già stati messi nel mirino. Sapendo che la Roma è in autofinanziamento, prima deve vendere poi comprare, l’Inter sta pressando Nainggolan e Manolas. I giallorossi vogliono non meno di sessanta milioni per il centrocampista, quaranta per il difensore. Tanta roba. Ma Sabatini ha buoni rapporti con l’entourage dei due giocatori, li ha portati lui alla Roma e sta lavorando. E Ausilio? Dovrebbe andarsene dopo l’arrivo di Sabatini? Se l’Inter vuole costruire una grande società ha bisogno di diverse figure di grande valore e queste lo sono. Serve lavorare in gruppo, per uno stesso obiettivo. Allora anche Marotta e Paratici dovrebbero essere incompatibili. Non mi pare. Vedremo come finirà, ma questa è la strada. Servirà al più presto anche Oriali e altre figure manageriali arriveranno.

In attesa, questo finale di stagione allucinante ha fatto saltare le certezze dell’Inter, ma anche quelle del Milan. Montella ha la fiducia di Fassone, ma il crollo dell’ultimo mese e mezzo non può non essere un campanello d’allarme. Mancano soltanto tre giornate e sembra un paradosso, ma se il Milan dovesse continuare a non vincere con prestazioni disastrose e perdere il sesto posto, la posizione di Montella potrebbe diventare ad altissimo rischio. Nonostante le smentite c’è davvero Mancini nella lista di Fassone, ma anche Spalletti libero dalla Roma, può diventare un allenatore da tenere sott’occhio.

Panchine bollenti ovunque. Di Francesco era già stato a casa di Corvino, promesso sposo della Fiorentina, ma l’accordo è saltato per la clausola (tre milioni), ma anche per la Roma. L’allenatore ha chiesto tempo per capire cosa faranno i giallorossi e la Fiorentina non ha gradito. Andrà davvero alla Roma ? Chissà

Ecco allora Pioli che è felice del corteggiamento di Corvino dopo il traumatico esonero, ma solo nei prossimi giorni e dopo aver risolto il contratto con l’Inter, valuterà a fondo i piani della Fiorentina. Si farà? Possibilissimo, ma la cautela è d’obbligo visti i no già incassati dai viola da Giampaolo, Sarri e Simone Inzaghi dopo Di Francesco. In questo momento la Fiorentina non ha grandissimo appeal complice un’annata triste, ma anche gli ultimi mercati completamente sbagliati. L’esame dei conti ha fatto inorridire tutti, forse anche Andrea Della Valle. I tifosi che si chiedevano dove fossero finiti i ventisei milioni della cessione di Alonso al Chelsea, hanno scoperto che quasi ventuno sono stati spesi da Corvino per comprare i sette-otto giocatori inguardabili (solo Sanchez è da 5,5 in pagella) arrivati l’estate scorsa. Diks e Toledo, già restituiti, sono costati quasi sei milioni. Olivera e Cristoforo quasi otto con 650 mila euro di provvigioni a Paco Casal noto procuratore uruguagio con il quale il Dg viola lavora volentieri. Olivera vale al massimo una buona serie B, mentre è stato lasciato andar via a zero Facundo Roncaglia, terzino che anche ieri sera ha segnato nella semifinale di Europa League.

Curioso poi che nei contratti di Olivera e Cristoforo sia stato inserito l’obbligo di riscatto in caso di salvezza. Erano ottimisti i dirigenti viola….avevano grandi obiettivi in estate. Questo spiega il grande freddo di oggi.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, la verità su Alex Sandro! Milan-Donnarumma-Raiola, chi ha vinto? Inter-Napoli-Genoa, che intreccio… Chi è Karsdorp? 28.06 - C’è tensione tra il popolo bianconero. C’è preoccupazione per le tante, troppe voci di mercato che riguardano, principalmente, Bonucci e Alex Sandro, due colonne della banda di Allegri. Andranno davvero via durante questa afosa estate? Facciamo chiarezza… Bonucci non si muoverà da...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la tensione si combatte a colpi di “francese”. Inter, 2 fuori e 2 dentro: le mosse nella settimana decisiva. Milan: un punto al caso-Donnarumma e la pesca in Germania. Fiorentina: ci sono cose da dire 27.06 - Ciao. Nelle ultime ore ho pensato molto all’hacker di Donnarumma: cosa farà nella vita? L’impiegato di banca? Il commesso al Calzedonia? L’hacker a tempo pieno? Cosa lo ha spinto ad hackerare il profilo Instagram di Donnarumma? Perché proprio quello di Donnarumma e non – chessò –...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Fassone in tre mesi ha fatto quello che il Milan doveva fare da 5 anni. La trappola per "Topo Gigio". Firenze, le "non colpe" del Corvo. Inter, count down partito per Walter (People from Ibiza) 26.06 - Sta arrivando una bufera dalla Procura Federale che i venti dell'Est a novembre, in confronto, sono cicloni provenienti dal Marocco. Adesso bisognerà capire se la Procura andrà avanti o, come spesso accade, deciderà di fermarsi per questioni politiche. Nel mirino degli uomini di Tavecchio...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alex Sandro vale 70 milioni, chissà quanto valeva Cafù. Troppi giovani non fanno vincere niente, così come spendere soldi. Donnarumma è solo un portiere, Spalletti un allenatore. De Laurentiis non può decidere per tutti 25.06 - Il candidato svolga, al netto dell'attuale situazione patrimoniale, le quotazioni di mercato dei seguenti calciatori. Berardi, Bernardeschi, Alex Sandro, Salah, Manolas, Belotti, Pellegri. Niente di più semplice per chi segue un pochino il chiacchiericcio che negli ultimi giorni si...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gigio firma subito ed esci dal tritacarne! Mercato Juventus, adesso tocca alla difesa. Città in rivolta: Borja Valero come Hernanes? Roma e Napoli: Milan e Inter snobbate 24.06 - La visita di Vincenzo Montella a Castellammare di Stabia ha riportato la vicenda nel suo ambito, quello della casa e della famiglia. Il PSG e il Real Madrid sono stati una tentazione, drenata e gestita da Mino Raiola, e possiamo comprenderlo. Ma oggi che anche il presidente del Senato...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Bonucci non è incedibile. Se vuole può partire. Douglas Costa o Bernardeschi? Iniesta con Cuadrado al Barça. Agnelli rimane presidente. Milan, Donnarumma resta 23.06 - Dalla notte di Cardiff sta nascendo il mercato della Juventus e neppure le liti (presunte o vere), i lunghi coltelli (veri o presunti) dello spogliatoio, potranno far cambiare idea a Marotta e Paratici. Avanti con questo gruppo, anche se i ritocchi saranno pesanti. E se qualcuno pensa...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Gli incastri della Juve, le mosse dell'Inter, le attese del Milan. E tutte le trattative di giornata... 22.06 - La Juventus comincia a muoversi per sostituire Dani Alves. E per farlo deve stare attenta agli incastri. Perché i nomi su cui si è concentrata in queste ore sono Darmian (che per il Manchester non è più incedibile) e Danilo (che però è extracomunitario). E soprattutto i dirigenti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan-Donnarumma, la soluzione c’è! Roma, le idee (giuste) di Monchi… Juve, ansia Alex Sandro! Ma Ibra? 21.06 - Ogni estate ha il suo tormentone calcistico… Il 2017 lo ricorderemo, a parte per il caldo asfissiante, per le “bizze” legate a Gigio Donnarumma. Neanche i sceneggiatori di Beautiful (soap opera che va in onda, in Italia, dal 1990) potevano creare un intrigo simile… Dal bacio alla...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: c’è un nome per sostituire D.Alves (ma fa a “pugni” con D.Costa…). Milan: attenti alla novità “per forza” su Donnarumma (e Conti…).  Inter: tutto quello che Spalletti ha chiesto dal mercato. Napoli: Raiola ci ha fatto un regalo 20.06 - Per iniziare salutiamo tutti assieme Luigi di Sciacca, filibustiere siciliano incontrato sabato sera a Como. “Ciao, tu scrivi chilometri di robe su tmw. Ti leggo per addormentarmi”. Gli ho offerto un birrone bello fresco perché mi sembrava un complimento. A mente fredda rivorrei...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Raiola non è una minaccia ma una condanna: Tavecchio vigili per il bene dei vivai. Juve, multa Dani Alves. Sabatini prepara i colpi. Serie C, final four "format" da rivedere 19.06 - Quello che in molti non capiscono, dirigenti e tifoserie lontane dai colori rossoneri, che la battaglia sul caso-Donnarumma non riguarda solo il Milan o solo Donnarumma. E' una battaglia di sistema. I tifosi, invece, la racchiudono frettolosamente nel colore sociale e si perdono nel...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.