VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Conte, no all'Inter. Sabatini pensa a Luis Enrique. Nainggolan e Manolas più vicini. Milan, Montella in bilico. Via senza Europa League. Roma, c'è Di Francesco

12.05.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 36093 volte
© foto di Federico De Luca

Conte resterà al Chelsea, almeno così pare. Lo ha ribadito anche lui ieri facendo capire che dopo la Premier vuol provare a vincere la Champions e per chi vi scrive non è una novità. L’ho sempre capito (e scritto) dopo contatti, frasi, confessioni più o meno ufficiali. Non sono i soldi che possono far cambiare idea a Conte, ma il progetto calcistico e Suning (speriamo) deve capirlo.

Se, in linea teorica, dovesse saltare il rapporto con Abramovich, a corteggiare Conte c’è anche il Barcellona. E scusate se è poco.

L’Inter si arrende? Se conosco Walter Sabatini credo proprio di no. Ma nel frattempo il nuovo dirigente in capo dell’Inter si è mosso in altre direzioni e in particolare verso un allenatore che lui aveva portato a sorpresa nella Roma sei anni fa. Parlo, naturalmente, di Luis Enrique che lascerà il Barcellona. L’ex giallorosso ha fatto sapere di voler staccare per un anno, ha bisogno di rifiatare, ma Sabatini lo sta tentando per affidargli il rilancio dell’Inter attraverso un calcio moderno e spettacolare. E’ questa la strada che vuole percorrere il nuovo dirigente che non sembra innamorato del calcio di Simeone e del cholismo. Fra l’altro anche l’argentino ha fatto capire dopo l’eliminazione dalla Champions di voler restare all’Atletico per godersi il rilancio nel nuovo stadio dei biancorossi.

Ma se anche Luis Enrique dovesse dire no? Resta la soluzione Spalletti. Sabatini l’ha voluto alla Roma poco più di un anno fa, lo stima, non sarebbe un ripiego.

E’ chiaro che l’allenatore condiziona molto scelte e programmi, ma i giocatori da Inter sono già stati messi nel mirino. Sapendo che la Roma è in autofinanziamento, prima deve vendere poi comprare, l’Inter sta pressando Nainggolan e Manolas. I giallorossi vogliono non meno di sessanta milioni per il centrocampista, quaranta per il difensore. Tanta roba. Ma Sabatini ha buoni rapporti con l’entourage dei due giocatori, li ha portati lui alla Roma e sta lavorando. E Ausilio? Dovrebbe andarsene dopo l’arrivo di Sabatini? Se l’Inter vuole costruire una grande società ha bisogno di diverse figure di grande valore e queste lo sono. Serve lavorare in gruppo, per uno stesso obiettivo. Allora anche Marotta e Paratici dovrebbero essere incompatibili. Non mi pare. Vedremo come finirà, ma questa è la strada. Servirà al più presto anche Oriali e altre figure manageriali arriveranno.

In attesa, questo finale di stagione allucinante ha fatto saltare le certezze dell’Inter, ma anche quelle del Milan. Montella ha la fiducia di Fassone, ma il crollo dell’ultimo mese e mezzo non può non essere un campanello d’allarme. Mancano soltanto tre giornate e sembra un paradosso, ma se il Milan dovesse continuare a non vincere con prestazioni disastrose e perdere il sesto posto, la posizione di Montella potrebbe diventare ad altissimo rischio. Nonostante le smentite c’è davvero Mancini nella lista di Fassone, ma anche Spalletti libero dalla Roma, può diventare un allenatore da tenere sott’occhio.

Panchine bollenti ovunque. Di Francesco era già stato a casa di Corvino, promesso sposo della Fiorentina, ma l’accordo è saltato per la clausola (tre milioni), ma anche per la Roma. L’allenatore ha chiesto tempo per capire cosa faranno i giallorossi e la Fiorentina non ha gradito. Andrà davvero alla Roma ? Chissà

Ecco allora Pioli che è felice del corteggiamento di Corvino dopo il traumatico esonero, ma solo nei prossimi giorni e dopo aver risolto il contratto con l’Inter, valuterà a fondo i piani della Fiorentina. Si farà? Possibilissimo, ma la cautela è d’obbligo visti i no già incassati dai viola da Giampaolo, Sarri e Simone Inzaghi dopo Di Francesco. In questo momento la Fiorentina non ha grandissimo appeal complice un’annata triste, ma anche gli ultimi mercati completamente sbagliati. L’esame dei conti ha fatto inorridire tutti, forse anche Andrea Della Valle. I tifosi che si chiedevano dove fossero finiti i ventisei milioni della cessione di Alonso al Chelsea, hanno scoperto che quasi ventuno sono stati spesi da Corvino per comprare i sette-otto giocatori inguardabili (solo Sanchez è da 5,5 in pagella) arrivati l’estate scorsa. Diks e Toledo, già restituiti, sono costati quasi sei milioni. Olivera e Cristoforo quasi otto con 650 mila euro di provvigioni a Paco Casal noto procuratore uruguagio con il quale il Dg viola lavora volentieri. Olivera vale al massimo una buona serie B, mentre è stato lasciato andar via a zero Facundo Roncaglia, terzino che anche ieri sera ha segnato nella semifinale di Europa League.

Curioso poi che nei contratti di Olivera e Cristoforo sia stato inserito l’obbligo di riscatto in caso di salvezza. Erano ottimisti i dirigenti viola….avevano grandi obiettivi in estate. Questo spiega il grande freddo di oggi.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.