HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Chi volete come centravanti dell'Italia a Euro2020?
  Ciro Immobile
  Andrea Belotti
  Mario Balotelli

La Giovane Italia
Editoriale

Conte non prende l’Inter in corsa. Il piano di Marotta per convincerlo. Da Pogba a Chiesa, da Milinkovic Savic a Modric, tutte le piste. Via Icardi per fare cassa? Spalletti si salva se arriva terzo e vince in Europa. Di Francesco, ultima chiamata

14.12.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 36716 volte
© foto di Federico De Luca

Beppe Marotta si è presentano con un’idea impegnativa: Sono qui per un progetto vincente. E già. E’ dal 2010 che i tifosi dell’Inter aspettano qualcosa di vincente e per riprovarci i nerazzurri hanno scelto non a caso, ma il numero Uno, quello che ha riportato in alto la Juventus e pazienza se fino a poche settimane fare aveva le mutande bianconere. Zhang si è turato il naso e ha deciso. Marotta amministratore delegato, avrà in squadra Ausilio, un altro che male non ha fatto e con il nuovo ad, lavorando in sintonia, potrà crescere ancora.
Parlando di Marotta il pensiero corre a Conte. Inevitabile e logico. Un manager porta avanti le sue idee, ha in mente certi giocatori e certi uomini che ritiene affidabili più di altri. Marotta con Antonio Conte ha rimesso in piedi la Juventus.
Ma perché proprio Conte? Un altro ex juventino? Il motivo c’è, fra gli allenatori bravi in circolazione Marotta sa che Conte è in assoluto il fuoriclasse nel rimotivare, ricostruire e riportare in alto i gruppi e rilanciare l’ambiente.
E’ quasi maniacale e all’inizio del suo lavoro è carismatico, coinvolgente, tutti lo seguono e si butterebbero nel fuoco per lui. E’ successo alla Juve, ma anche in Nazionale e al Chelsea. Magari dopo fa più fatica, ma nessuno come Conte ha questa capacità di trasformare tutto e subito e di far diventare oro quel che tocca, che poi è quello che serve all’Inter: ripartire immediatamente.
E Spalletti?
Spalletti non sta facendo male, ma neppure benissimo. L’eliminazione in Champions, per come è venuta, è una macchia. La gestione della gara di Londra col Tottenham è stata negativa, quella con il Psv una conseguenza. Ma anche la distanza dalla Juve in campionato va oltre i valori delle due squadre. Spalletti lo ha già capito: si salverà soltanto arrivando terzo e vincendo l’Europa League. Una missione complicata. Ma a Spalletti si imputa anche l’ostinazione con la quale ha preteso e voluto Nainggolan. Le perplessità c’erano, un giocatore che spesso si butta via come il belga, uno che gioca sul fisico e non fa vita da atleta, prima o poi paga dazio. E’ costato quaranta milioni e praticamente non ha ancora determinato una gara. Altre cose non tornano.
E allora ecco la candidatura di Antonio Conte che però, a scanso di equivoci o illusioni di qualcuno, non arriverà in corsa. Conte non ama queste soluzioni, ha già detto no a contatti avvenuti con la Roma qualche settimana fa. E prima ancora non aveva accettato le offerte del Real Madrid.
Marotta sa anche questo. Non cercherà di intervenire subito in alcun modo, o di forzare la mano, anzi. Nelle prossime settimane dovrà valutare e capire, poi interverrà.
Conte però lo vuole fortemente. Qualcuno dirà: ma alla Juve non si erano scontrati? Altri ricorderanno anche la famosa battuta del ristorante da cento euro. Vero. Ma la stima è immutata, all’epoca erano i programmi societari che non tornavano a Conte tant’è che s’è dimesso. Ma più che con Marotta ce l’aveva con Agnelli. Poi sono passati quattro anni, fra professionisti che si stimano si può ricominciare.
Conte, ovvio, è attratto dall’idea di provare a vincere con l’Inter, magari interrompendo la striscia della Juve. Ma sa benissimo anche cosa successe a Lippi quando passò dalla Juve all’Inter. Proprio la presenza di un manager come Marotta che lui conosce bene è la garanzia e la tutela. Lippi andò solo e fu travolto da un ambiente che non era il suo, con sistemi non condivisi.
Cosa farà Marotta per convincere Conte?
Il taccuino è pieno di nomi tutti di gradimento dell’allenatore, il piano è già stato concordato. Si proverà a prendere un centrocampista in grado di fare la differenza. Marotta ha gestito l’affare Pogba, è in contatto da settimane con Raiola per valutare la possibilità di riportare Paul in Italia ora che la rottura con Mou è definitiva. C’è da battere la concorrenza della Juve, guarda caso. Ma ci proverà. Un altro giocatore che ha provato a portare in bianconero è Milinkovic Savic. Ha già riallacciato contatti con Lotito. A Conte piace anche Chiesa e qui Marotta trova già terreno fertile, l’Inter lo stava già trattando. Ma c’è l’ok anche per portare a casa la trattativa Modric che va avanti da mesi. Conte ha in mente di farne il Pirlo per l’Inter. Obiezione: ma Zhang non ha problemi con il fair play finanziario? Vero. Qualche operazione in uscita Marotta la farà e sappiamo quante plusvalenze abbia portato a casa con la Juve. E se finisse sul mercato Icardi per 150 milioni? Il Real lo vuole. A Conte piace molto, da sempre, Morata. Una traccia da seguire.
Non solo Spalletti in difficoltà. Di Francesco è messo an cosa peggio, se la Roma non vincerà con il Genoa, non darà segni di ripresa, il suo destino sembra segnato. Detto di Conte che non è disponibile, in pole position per la sostituzione c’è Paulo Sousa già contattato qualche settimana fa. Piaceva già dai tempi della Fiorentina, per lui spinge soprattutto Baldini il consulente di Pallotta, mentre Monchi vorrebbe tenere Di Francesco e nel caso negativo potrebbero dire addio assieme alla Roma.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il Milan e i cambiamenti: un’altra ripartenza. La Samp e una scelta complicata 10.10 - Si è presentato Pioli, ma soprattutto hanno parlato nuovamente Gazidis, Maldini e Boban, nella conferenza stampa del loro nuovo allenatore. Le speranze di Pioli, i suoi buoni propositi, il suo modo di porsi e le idee che intende portare fanno sicuramente parte del suo mondo, del...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

La colpa del Milan è dei milanisti: è una squadra da sesto posto, accettatelo! Lasciare a Pioli il tempo non dato a Giampaolo. L’Inter non fa sconti: giusto non pagare 4.5 milioni per favorire Spalletti (e il Milan)? 09.10 - L’unica cosa positiva di tutta questa storia a tinte rossonere è che un galantuomo come Stefano Pioli avrà la possibilità di rifarsi. Dopo aver dato alla città di Firenze quello che nessun contratto avrebbe potuto prevedere - uno straordinario slancio umano per tenere la testa alta...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: 90 minuti semi-perfetti e un dato di fatto “pericoloso”. Inter: il mercato estivo, le prime critiche e la richiesta di Conte. Milan: Spalletti è il prescelto, Pioli l’alternativa (in grande ascesa), Giampaolo è già il passato 08.10 - Ciao. C’è la sosta: un grande classico ottombrino. Due belle settimane di rotture di balle e questa volta con una maglia verde in più, quella della Nazionale. Sapete cosa cambia la presenza della maglia verde rispetto alla noia mortale del “pausone”? Niente. Ma per annoiarci c’è gran...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Maldini, in cerca di esperienza e alla ricerca della classe (persa a Genova): ecco cosa è successo. A Firenze ho visto la luce... classe 1997 e non è Chiesa 07.10 - Siete pronti a leggere una bestemmia pubblica? Eccola: in tutto questo strazio, al Milan, il meno colpevole è Marco Giampaolo. Un allenatore bravo, un grande teorico, non sempre un eccellente pratico a tal punto che pochi anni fa per far ripartire la sua carriera è dovuto scendere...

Editoriale DI: Marco Conterio

Conte e la lezione dell'Inter alla Serie A. Sarri resta ancora una splendida scommessa. Che succede ad Ancelotti e al Napoli? 06.10 - Quanto conta un allenatore, nel rendimento di una squadra? Nelle partite e nei campionati? Domande, non risposte. Trovarle è sempre stata un arcano, quando sembrava d'avere il Graal è arrivato il santone a sovvertire le gerarchie. Un'annata a raccontare un altro percorso, un'altra...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510