HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
La Juventus non ha confermato Allegri: siete d'accordo?
  Si, il ciclo Allegri s'è esaurito
  No, bisognava andare avanti con Allegri

La Giovane Italia
Editoriale

Conte più Inter, nessuna chiamata Juve. Ecco il (possibile) giro delle panchine per la prossima stagione

09.05.2019 09:00 di Luca Marchetti   articolo letto 53047 volte
© foto di Federico De Luca

I grandi movimenti per le panchine è inevitabile che partano con qualche settimana d'anticipo rispetto all'inizio del mercato: prima si sistema la panchina, poi tocca alla costruzione della squadra.
E il fatto che Conte - uno degli allenatori più corteggiati a livello europeo - sia libero porta chiaramente ad innalzare l'attenzione. Ma chiaramente non è l'unico, anche se in qualche caso è la prima scelta, allenatore che ingolosisce le società (italiane e non), ma soprattutto le strategie delle società possono modificarsi, anche in base ai risultati che si otterranno in questo finale di stagione.
Cerchiamo di essere il più chiari possibile e iniziamo proprio da Conte. Lui stesso, nell'intervista alla Gazzetta di qualche giorno fa, ha detto chiaramente che non è il momento di accettare il progetto della Roma. L'aggiunta che possiamo fare, al di là delle belle parole spese per la sua ex società, è che neanche la Juventus sarà la squadra di Conte per la prossima stagione. Fondamentalmente per due motivi che combaciano: il primo è che nessuno dalla Juventus ha mai chiamato Conte, anche fosse per un sondaggio. E già questo è sicuramente un dato importante (se non fondamentale). E' vero che le parole pubbliche sono (e saranno) sicuramente distensive, ma alcuni dissapori con il presidente Agnelli non sono mai stati risolti completamente.
Il secondo motivo è che almeno momento, anche se c'è da aspettare la comunicazione ufficiale dopo la solita cena di "fine stagione", i segnali di divorzio (che sarebbe clamoroso, dopo le ripetute dichiarazioni da tutte e due le parti) fra Allegri e Agnelli sono stati smentiti vigorosamente da tutte le parti. In questo caso però bisognerà aspettare per ufficialità.
Insomma: Roma no, Juve no. Per Conte, come nel gioco di "Indovina Chi" rimane decisamente in piedi l'Inter. Il rapporto con Marotta è scontato dire che sia solido. Il progetto nerazzurro è sicuramente solido e di prospettiva. In questo caso sta all'Inter - di fatto - decidere. Se cambiare e quindi svoltare decisamente pagina o se invece continuare con Spalletti, che nel frattempo sta conquistando la qualificazione alla prossima Champions League, tassello decisamente importante per proseguire nel progetto di crescita.
Nel borsino di Conte quindi, sale l'Inter e si prende le percentuali (giornalistiche) di Roma e Juventus. Fatto salvo che potrebbe (ipotesi remota?) rimanere fermo ancora o aspettare una chiamata dall'estero (anche se in questo caso le panchine delle altre big europee non "tremano" abbastanza).
Anche la Roma, naturalmente, sta cercando l'allenatore giusto per la prossima stagione. Conte è stato un tentativo (assolutamente doveroso) che non ha sortito gli effetti desiderati. Sul discorso Sarri vanno fatte delle riflessioni: intanto lo stesso Sarri ha detto che per quanto riguarda le sue preferenze vuole continuare a confrontarsi in un campionato competitivo come la Premier. Ma soprattutto la conferma, da parte della FIFA, del blocco del mercato per il Chelsea, spinge gli inglesi a una riflessione molto importante: esiste un allenatore migliore di Sarri per continuare con lo stesso gruppo di lavoro, considerando che non potrà arrivare nessuno? Ecco quindi che rimangono le piste italiane: Gasperini (che però l'Atalanta non ha assolutamente intenzione di lasciar andare e che comunque in questo momento è estremamente concentrato sul finale bellissimo di stagione che sta vivendo) e Giampaolo (che proprio domenica ha voluto mandare dei messaggi riguardo al progetto della Sampdoria). Forse è per questo che non sono da scartare a priori le quotazioni (per quanto basse) di Ranieri, soprattutto dovesse centrare la qualificazione in Champions League.
Il Milan vive una situazione molto delicata. Anche qui - forse in maniera superiore rispetto ad altre piazze - la qualificazione in Champions è vitale per i progetti di sviluppo del club (e di Elliot). Gattuso sta cercando di riprendersi la quarta posizione: bisognerà aspettare la fine della stagione per capire quale sarà il futuro di Rino. Bisognerebbe avere il tempo di considerare tutta la stagione del Milan (e non solo per l'allenatore, qualora poi non dovesse arrivare la Champions) e non bastano poche righe per poter essere completi. In estrema sintesi abbiamo la sensazione che potrebbe anche non bastare la qualificazione per vedere confermato questo gruppo di lavoro. E il fatto che Di Francesco sia libero (e che abbia già avuto modo di confrontarsi in club importante come la Roma) è sicuramente un vantaggio.
Scendendo nella classifica non dovrebbero esserci dubbi per la conferma di Mihajlovic a Bologna (ha fatto un autentico miracolo): ma lui stesso ha voluto dare i meriti per la costruzione della squadra all'attuale ds Bigon. Come a dire: rimango e se rimane anche lui. Abbiamo letto anche degli spifferi sulla posizione di Inzaghi: a nostro avviso ingenerosi, anche se dovessero essere soltanto spifferi. Mazzarri non è certamente in discussione. La Spal vuole continuare con Semplici, così come il Parma con D'Aversa. Il Sassuolo e De Zerbi parleranno del proprio futuro, Maran (fresco di rinnovo) rimane certamente a Cagliari.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: per la panchina si sceglie tra Inzaghi e “il piano-Ronaldo” (due nomi). Inter: il contatto Marotta-Conte e l’orgoglio… a un passo dall’Abisso. Milan: il destino all’opposto di Gattuso. Allegri: il futuro non sarà al Bayern… 21.05 - Buondì. Diciamo alcune cose veloci. Facciamo una dozzina al massimo. 1) La serie A si ritrova con l’ultima giornata più bella da un sacco di tempo a questa parte e non sa nemmeno lei come ha fatto. Parliamoci chiaro: è più “colpa” che “merito” dei club coinvolti. 2) La Fiorentina...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Allegri: giusto l'addio. Alternative poche e confuse. Paratici-Inzaghi: ecco luogo e data dell'incontro. Caos serie B: vigliaccata al Palermo. Mercato, bravo Gravina. E Totti... 20.05 - Tra tre ore ho il volo per tornare a Milano. Vi scrivo da un Hotel di Londra, poche ore dopo aver visto il vero calcio. Ho pensato, nelle ultime ore, cento volte se davvero in Italia siamo convinti che quello nostro sia calcio. Sono stato a Wembley, sono stato ospite della finale...

Editoriale DI: Marco Conterio

Cosa c'è dietro l'addio di Allegri e nel futuro della panchina della Juventus. Anche se Zidane ha 'rovinato' i piani di Agnelli: tutto sui nuovi sogni e sui nomi della dirigenza 19.05 - Quel che è arrivato a parole ieri, ad Amsterdam, allo Stadium, non c'è stato nei fatti. L'appoggio costante a Massimiliano Allegri che negli ultimi giorni di vita bianconera sembrava un uomo solo al comando di una nave già in porto. Solo che la sua Juventus era un Titanic arrugginito,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli, Giuntoli insiste per Trippier e Lozano. Per la fascia sinistra occhio a Theo Hernandez, difficilissimo Grimaldo. Il Milan su Saint Maximin del Nizza. Sarri può lasciare il Chelsea, è il primo nome per il post Gattuso 18.05 - Il mercato del Napoli comincia a delinearsi. Saranno almeno 3 gli acquisti, uno per reparto. Un esterno difensivo, un centrocampista e una punta esterna. Ormai gli identikit cominciano ad essere abbastanza chiari. Per la difesa si continua a spingere per Trippier del Tottenham, ma...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non è convinto, ma la Juve non trova alternative forti. Il Milan ha le mani su Sarri. Gattuso alla Samp, Lampard al Chelsea. Gasp alla Roma, Inzaghi a Bergamo, De Zerbi alla Lazio. Montella già in discussione, si pensa a Giampaolo 17.05 - Il grande giro degli allenatori sta per cominciare, come in un grande puzzle i pezzi stanno andando al posto giusto. Cominciamo dalla Juve. Due giorni di confronto non sono bastati per prendere una decisione, Agnelli e Allegri si rivedranno oggi. Come andrà a finire? Allegri resta...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La cena di Allegri e la serata di Simone Inzaghi 16.05 - Una serata particolare: un occhio alla partita, la finale di coppa Italia, i sogni inseguiti dall’Atalanta e realizzati dalla Lazio. Un altro al telefonino per capire se e cosa succedeva fra Agnelli e Allegri in questo incontro pieno di cortine fumogene, per evitare addirittura che...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Occhio a Spalletti: tentativo disperato per rimanere all’Inter, cambia le alleanze, e c’è stato quel colloquio prima del Chievo… Agnelli vuole convincere Guardiola con l’aiuto dell’Uefa. Roma: ecco l’alternativa straniera Fonseca 15.05 - Non è finita, finché non è finita. Questo deve avere pensato Luciano Spalletti negli ultimi giorni, in piena modalità John Belushi. E non pensando tanto alla lotta Champions, che è solo una delle due partite che si sta giocando, forse la più semplice. Perché Luciano sa che se entrerà...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri, i pretendenti al “trono” e l’incontro “nelle prossime ore”. Inter: Conte, Oriali e due mesi di parole. Milan: la colpa di Gattuso. Roma: Gasp in avvicinamento 14.05 - Buongiorno e buonasera a tutti, la parola d’ordine di oggi è “nelle prossime ore”. “Nelle prossime ore” è il salvacondotto che permette a tutti noi di non sbagliare mai. Quando si incontrano Allegri e Agnelli? Nelle prossime ore. E intanto tutti noi diventiamo sempre più vecchi....

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Montella, tranquillo. Lucci ti premierà con il Real. Non voglio scriverlo: Raiola ha ragione! Lecce, quando vince la meritocrazia. Foggia, la retrocessione della società. La Crema della D: i Conti...ni tornano 13.05 - Che strazio il campionato finito con così largo anticipo. Anche Roma-Juventus diventa inguardabile. Perché se è vero che lo spettacolo non manca, quando giocano due grandi squadre, è anche vero che il calcio non è il cinema e senza l'assillo del risultato non c'è pathos. Quest'anno...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Kolossal panchine: Agnelli voleva Zidane e Guardiola, si accontenterà di qualcun altro. Conte aspettava una super big, chissà se potrà diventarlo l'Inter 12.05 - È stata una settimana complicata. Di voci, incontri segreti e pochi fatti. Ma ci si avvicina al finale, come in Game of Thrones, dove tutto dovrà andare a posto o quasi. Le settimane passate possono essere le stagioni di una serie tv, partendo dall'addio di Zinedine Zidane al Real...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510