VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Conte-Pogba: sirene francesi. Da Pellegrini-Moratti a Moratti-Thohir: tutto torna. Juve-Fiorentina: abbassate i Toni. Seedorf: missione Argo quasi compiuta

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
01.03.2014 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 28309 volte

Piccolo incipit. Il 4 Ottobre 2013, il titolo di questo editorialino era: PRANDELLI IN NAZIONALE ANCHE DOPO IL MONDIALE. Il 14 Febbraio 2014 il titolo era: NAZIONALE: PRANDELLI ALLA FINE RESTA. Anche la scorsa settimana, pur dando conto della voce Tottenham che esisteva nell'ambiente, avevamo indicato Prandelli largamente in testa nella corsa della successione a sé stesso. Scrivere di calcio significa sbagliare. E qualche volta azzeccare, come sembra da quanto trapelato dalla Figc questa settimana. Quando capita, lasciatecelo sottolineare.

Con ogni probabilità, la voce di cui stiamo per scrivere farà la fine delle sirene inglesi per Prandelli. Ma dare conto al pubblico delle voci che girano nel mondo del calcio, è un dovere. Avete ragione, bisognerebbe verificare. Ma siccome non è possibile chiamare né Antonio Conte né Paul Pogba per chieder loro se è vera, la giriamo così come ci è arrivata. La voce, doppia, è: il Psg punta il tecnico della Juventus e il Monaco cerca Pogba. Soprattutto per il centrocampista si parla di tanti soldi e, nonostante la Juventus faccia notizia giustamente per le sue imprese sul campo e il fatturato sia migliorato nettamente, il bilancio bianconero ha bisogno di una mano. Robusta, forte, come i tiri dello straordinario atleta francese.

Quello che sta accadendo oggi a Zanetti e Mazzarri ricorda un po' quello che capitò a Zenga e Bergomi dal 1995 in poi. Chi erano Zenga e Bergomi? Gli alfieri dell'Inter e dei loro tifosi, ma attenzione i simboli di una Inter pellegriniana che, agli occhi del nuovo rappresentato all'epoca da Massimo Moratti, aveva reso un po' pallido il simbolo del Club. Non sono più rientrati e non sono più stati ritenuti in sintonia con il nuovo corso. Un vento che, dopo la successione dai Moratti a Erick Thohir, ha già lambito Marco Branca. Ma la brezza continua. Javier Zanetti, se fosse perdurata la presidenza Moratti, sarebbe certamente assurto al ruolo di vice-presidente. Oggi invece attorno allo scetticismo attorno a lui sulla parte tecnica, incassa anche qualche imbarazzo sul suo futuro nel board interista. Un po' come Walter Mazzarri: l'allenatore ideale per la presidenza Moratti, non al cento per cento per la griffe indonesiana. I morattiani oggi come i pellegriniani di un tempo? E' presto per dirlo, ma la nemesi sa essere bizzarra come poche altre cose al mondo.

Sarà brutto da leggere, ma è vero. Meglio, molto meglio, qualche scazzottata sugli spalti o vicino allo stadio, rispetto all'inquietante, greve, umorale stagione che stiamo vivendo sul piano del tifo. Curve vuote, curve chiuse, curve infangate dagli striscioni sulle stragi (Superga fa male, ma c'è chi fa la stessa cosa sull'Heysel da troppo tempo), panolade romane per Lotito, la solita Firenze sempre in ebollizione, coreografie latitanti per le grandi partite per problemi economici e incomprensioni con le forze dell'ordine. Insomma, è lo sciopero delle emozioni. Che va in scena in stadi brutti e obsoleti. Non si vede la fine, ma tocca proprio a bianconeri e viola fare da esempio. C'è chi attende con il cuore in gola il loro doppio confronto in Europa League, per paura che tutto questo impasto che dura da Settembre degeneri in maniera irreparabile. Gli Elkann e i Della Valle facciano appello a tutto l'enorme senso di responsabilità di cui sono capaci. Perché in palio c'è molto di più di una qualificazione a un Quarto di finale. Ne va della credibilità e della sostenibilità dell'intero calcio italiano.

Guardare il Milan del primo tempo all'assalto dell'Atletico e osservare lo 0-2 ineccepibile di Marassi è stato come arrivare da un altro pianeta. Liberare il Milan dalle incrostazioni ambientali degli ultimi mesi e dai 4 gol di Berardi (il Sassuolo ha sempre perso dopo quella notte!) era come pensare, nel 1980, di esfiltrare da una Teheran infoiata di antiamericanismo i sei diplomatici statunitensi fuoriusciti dall'ambasciata americana come accaduto nel film pluripremiato di Ben Affleck. Ma anche se dovesse esserci qualche intoppo e dovesse andare male contro la Juventus, Clarence Seedorf ce l'ha già fatta. Perché vada come vada questo finale di stagione, ha già fatto intravvedere una prospettiva di gioco e di qualità per la prossima stagione. I tifosi del Milan in questi giorni sono più di buon umore, più sereni. Non solo per i risultati o per i punti. Ma per la strada ormai tracciata verso il futuro. Quello di Seedorf non è più un Milan che va a vedere cosa succede partita per partita, situazione che può accadere al quarto anno di una gestione (per gli allenatori ma anche ad esempio per Braschi su tutt'altro fronte, quello arbitrale), ma un Milan che ha già rialzato la testa e sta guardando lontano. Indipendentemente dal prossimo o dai prossimi risultati. Sembrava impossibile, ma Clarence Seedorf-Tony Mendez è riuscito a evitare i check-point degli scetticismi e delle assuefazioni ed è decollato verso una nuova frontiera. Che i tifosi del Milan ritengono non solo credibile, ma anche molto affascinante.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter avanti per Rafinha, ma spuntano le alternative, le mosse (segrete) del Napoli e quelle (clamorose) delle spagnole: da CR7 a Griezmann... 18.01 - Il primo incontro con il Barcellona ora deve maturare. L'Inter, con il suo direttore sportivo, ha allacciato ufficialmente i rapporti (fra società importanti come Inter e Barca è molto meglio, anche diplomaticamente, parlarne di persona) e ha "lanciato" l'ultima offerta. 35 milioni...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.