VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Conte-Pogba: sirene francesi. Da Pellegrini-Moratti a Moratti-Thohir: tutto torna. Juve-Fiorentina: abbassate i Toni. Seedorf: missione Argo quasi compiuta

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
01.03.2014 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 28306 volte

Piccolo incipit. Il 4 Ottobre 2013, il titolo di questo editorialino era: PRANDELLI IN NAZIONALE ANCHE DOPO IL MONDIALE. Il 14 Febbraio 2014 il titolo era: NAZIONALE: PRANDELLI ALLA FINE RESTA. Anche la scorsa settimana, pur dando conto della voce Tottenham che esisteva nell'ambiente, avevamo indicato Prandelli largamente in testa nella corsa della successione a sé stesso. Scrivere di calcio significa sbagliare. E qualche volta azzeccare, come sembra da quanto trapelato dalla Figc questa settimana. Quando capita, lasciatecelo sottolineare.

Con ogni probabilità, la voce di cui stiamo per scrivere farà la fine delle sirene inglesi per Prandelli. Ma dare conto al pubblico delle voci che girano nel mondo del calcio, è un dovere. Avete ragione, bisognerebbe verificare. Ma siccome non è possibile chiamare né Antonio Conte né Paul Pogba per chieder loro se è vera, la giriamo così come ci è arrivata. La voce, doppia, è: il Psg punta il tecnico della Juventus e il Monaco cerca Pogba. Soprattutto per il centrocampista si parla di tanti soldi e, nonostante la Juventus faccia notizia giustamente per le sue imprese sul campo e il fatturato sia migliorato nettamente, il bilancio bianconero ha bisogno di una mano. Robusta, forte, come i tiri dello straordinario atleta francese.

Quello che sta accadendo oggi a Zanetti e Mazzarri ricorda un po' quello che capitò a Zenga e Bergomi dal 1995 in poi. Chi erano Zenga e Bergomi? Gli alfieri dell'Inter e dei loro tifosi, ma attenzione i simboli di una Inter pellegriniana che, agli occhi del nuovo rappresentato all'epoca da Massimo Moratti, aveva reso un po' pallido il simbolo del Club. Non sono più rientrati e non sono più stati ritenuti in sintonia con il nuovo corso. Un vento che, dopo la successione dai Moratti a Erick Thohir, ha già lambito Marco Branca. Ma la brezza continua. Javier Zanetti, se fosse perdurata la presidenza Moratti, sarebbe certamente assurto al ruolo di vice-presidente. Oggi invece attorno allo scetticismo attorno a lui sulla parte tecnica, incassa anche qualche imbarazzo sul suo futuro nel board interista. Un po' come Walter Mazzarri: l'allenatore ideale per la presidenza Moratti, non al cento per cento per la griffe indonesiana. I morattiani oggi come i pellegriniani di un tempo? E' presto per dirlo, ma la nemesi sa essere bizzarra come poche altre cose al mondo.

Sarà brutto da leggere, ma è vero. Meglio, molto meglio, qualche scazzottata sugli spalti o vicino allo stadio, rispetto all'inquietante, greve, umorale stagione che stiamo vivendo sul piano del tifo. Curve vuote, curve chiuse, curve infangate dagli striscioni sulle stragi (Superga fa male, ma c'è chi fa la stessa cosa sull'Heysel da troppo tempo), panolade romane per Lotito, la solita Firenze sempre in ebollizione, coreografie latitanti per le grandi partite per problemi economici e incomprensioni con le forze dell'ordine. Insomma, è lo sciopero delle emozioni. Che va in scena in stadi brutti e obsoleti. Non si vede la fine, ma tocca proprio a bianconeri e viola fare da esempio. C'è chi attende con il cuore in gola il loro doppio confronto in Europa League, per paura che tutto questo impasto che dura da Settembre degeneri in maniera irreparabile. Gli Elkann e i Della Valle facciano appello a tutto l'enorme senso di responsabilità di cui sono capaci. Perché in palio c'è molto di più di una qualificazione a un Quarto di finale. Ne va della credibilità e della sostenibilità dell'intero calcio italiano.

Guardare il Milan del primo tempo all'assalto dell'Atletico e osservare lo 0-2 ineccepibile di Marassi è stato come arrivare da un altro pianeta. Liberare il Milan dalle incrostazioni ambientali degli ultimi mesi e dai 4 gol di Berardi (il Sassuolo ha sempre perso dopo quella notte!) era come pensare, nel 1980, di esfiltrare da una Teheran infoiata di antiamericanismo i sei diplomatici statunitensi fuoriusciti dall'ambasciata americana come accaduto nel film pluripremiato di Ben Affleck. Ma anche se dovesse esserci qualche intoppo e dovesse andare male contro la Juventus, Clarence Seedorf ce l'ha già fatta. Perché vada come vada questo finale di stagione, ha già fatto intravvedere una prospettiva di gioco e di qualità per la prossima stagione. I tifosi del Milan in questi giorni sono più di buon umore, più sereni. Non solo per i risultati o per i punti. Ma per la strada ormai tracciata verso il futuro. Quello di Seedorf non è più un Milan che va a vedere cosa succede partita per partita, situazione che può accadere al quarto anno di una gestione (per gli allenatori ma anche ad esempio per Braschi su tutt'altro fronte, quello arbitrale), ma un Milan che ha già rialzato la testa e sta guardando lontano. Indipendentemente dal prossimo o dai prossimi risultati. Sembrava impossibile, ma Clarence Seedorf-Tony Mendez è riuscito a evitare i check-point degli scetticismi e delle assuefazioni ed è decollato verso una nuova frontiera. Che i tifosi del Milan ritengono non solo credibile, ma anche molto affascinante.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....

EditorialeDI: Marco Conterio

Dalla Juventus al Milan, dall'Inter alla Roma e non solo: i retroscena sui colpi che preparano adesso le grandi d'Italia. E' anche il mercato dei procuratori: tutti gli affari già a segno 16.07 - E' una splendida estate. Inattesa. Il Milan s'è preso la copertina ma mica è finita. Già, perché adesso la premiata coppia Fassone-Mirabelli cerca la ciliegina in attacco e non è da escludere che per il centrocampo arrivi pure un altro colpo con Suso possibile partente. E' da Scudetto?...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri: da Pirlo a Bonucci. Donnarumma: nessuna reciprocità. Napoli: l'esperimento del non mercato 15.07 - Quando c'è una diaspora che scuote le pareti dello stomaco di una tifoseria, Massimiliano Allegri si trova nel mezzo. Andrea Pirlo nel Milan del 2012, Leonardo Bonucci nella Juventus del 2017. Max cozza senza volerlo con i caratteri di alcuni big: loro non si aspettano in un uomo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci capitano del Milan: tutti i retroscena sul divorzio dell'anno. Episodi inquietanti. Ha vinto Allegri. Epurazione, anche Cuadrado e Mandzukic in partenza. In arrivo Manolas. Viola, caos Kalinic 14.07 - Bonucci al Milan è il divorzio dell’anno e forse anche di più. Non siamo infatti solo davanti a un semplice trasferimento a sorpresa, questa vicenda racconta di una Juventus in ebollizione e trasformazione che sta cercando di porre fine a un evidente strappo di spogliatoio iniziato...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan grandi idee (Bonucci), Juve-Schick, Roma e gli attaccanti... 13.07 - L'idea è ambiziosa, esattamente come il Milan del nuovo corso. Finora nessun contatto, neanche ufficioso, fra le società. Ma i rossoneri pensano a Bonucci. Hanno cominciato a sondare il terreno, a parlare con il procuratore del ragazzo (l'altro ieri Lucci era a casa Milan anche per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, ora un addio eccellente… Milan-Gigio, tutto dimenticato? Roma-Nainggolan, resa dei conti! Inter, quanti sogni. E intanto Roberto Carlos fa 9… 12.07 - Ancora una volta, la Juventus sta mostrando gli artigli. Dopo un inizio di calciomercato soporifero, Marotta e compagni hanno deciso di inserire le marce alte. Douglas Costa è un fenomeno. In un calcio molto tattico come quello italiano, avere uno, come il brasiliano, che salta l’uomo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, non solo Douglas: altri 2 colpi “da Champions” (uno nascosto). Inter: la strategia su Nainggolan, il patto con Dalbert e la “tecnica-Spalletti”. Milan: dietro al super-mercato c’è un piano preciso (e occhio al Gallo…) 11.07 - (A fine editoriale mi lascio andare a un delirio da ricovero coatto. Non fateci caso, è il caldo). Buondì. Oggi volevo ragionare con voi di emoticon. Le faccine che sorridono, che piangono, il simbolo della merda col sorriso, il dito all’insu, le corna, l’omino che corre, il vecchio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Paperumma ha rovinato tutto: immagine da ricostruire. Gli agenti bravi e quelli che fanno danni: da Raiola a Di Campli fino a Giuffredi. Inter, tocca a te! Palermo, non trema solo Zamparini... 10.07 - Doveva essere un titolo da cartone animato è stato, invece, un titolo premonitore. Paperumma non ha portato benissimo a Gigio Donnarumma che oltre a costruire la sua carriera, adesso, dovrà ricostruire la sua immagine. Un anno fa aveva l'immagine migliore del nostro campionato. Il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.