HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

CR7 a Torino è un colpaccio per la Juventus, non per la Serie A. In Italia (e non solo) va avanti il monopolio e il risultato finale sarà uno solo: la nascita della Superlega

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Politica presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
15.07.2018 09:46 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 102446 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Se ne sono dette tante, troppe. E forse è anche giusto così. Perché Cristiano Ronaldo è un acquisto che almeno per qualche giorno ha riportato l'Italia al centro del mondo calcistico. Ha risvegliato i sogni e riportato con la memoria indietro nel tempo, quando i grandi campioni - anche il numero uno - sceglieva l'Italia senza troppe riserve.
E' stata una settimana appassionante, che ci ha consegnato una chiave di lettura al minuto. Analisi arrivate anche da quei giornali che abitualmente si occupano di altro, di politica o religione. Una dopo l'altra come le magliette vendute dagli store ufficiali, presi d'assalto nonostante l'afa di luglio. Faceva specie vedere a Milano i negozi dei due club meneghini disseminati in giro per la città pressoché deserti e quelli della Juventus pieni zeppi di tifosi pronti ad accaparrarsi la nuova numero 7. E' il segno dei tempi, la società bianconera domina anche in questo.

L'euforia da CristianoRonaldoMania ha prodotto le analisi più disparate. Quelle tecniche quasi tutte unanimi, perché se acquisti il padrone della Champions League non puoi che scalare posizioni nella corsa a quella coppa che negli ultimi anni hai solo sfiorato. E quelle economiche, relative al brand e al calcio che verrà. E qui si sono scontrate le visioni più contrapposte. S'è scritto, s'è detto, che l'arrivo di Cristiano Ronaldo porterà benefici all'intera Serie A, che questo colpo di teatro rappresenta l'inversione di tendenza di un campionato che tornerà a capeggiare. Con le altre società chiamate adesso a fare la loro parte. Come se fossimo a fine anni '80 o nelle stagioni delle sette sorelle. Due modelli che non esistono più e che nell'epoca del Financial Fair Play, pur volendo, non possono nemmeno tornare.

Il punto è che un colpo clamoroso come quello messo a segno dalla Juventus ha accecato tutti e ha fatto perdere di vista ciò che realmente è Cristiano Ronaldo in bianconero: un colpo clamoroso per la Juventus. E null'altro. La Juventus, sette Scudetti consecutivi in bacheca, con Cristiano Ronaldo non solo ha ulteriormente incrementato il distacco dalle altre in Italia, ma ha dato il via a un progetto che ha come obiettivo finale quello di avvicinare l'élite del calcio europeo.
Provo a spiegarmi meglio, anche se - almeno per linee generali - il ragionamento non è così complicato. Basta spulciare la Deloitte Football Money League, una classifica che ogni anno stila la Deloitte mettendo a confronto i fatturati dei primi 30 club in Europa. La Juventus è da anni la prima delle italiane, ed è stabilmente in crescita. Ma come cresce la Juventus crescono anche le altre e se tu diventi più ricco, ma lo fa anche chi ti precede, il rapporto di forza e di potere non cambia. Dal 2013 al 2017 il fatturato bianconero è passato da 272 a 406 milioni di euro, ma in questi cinque anni la società di Agnelli ha addirittura perso una posizione nella classifica dei club più ricchi, passando dal nono al decimo posto.
Serviva quindi una svolta per avvicinare e se possibile superare nel giro di due-tre stagioni Paris Saint-Germain, Arsenal e Bayern Monaco, serviva un colpo lucido e folle per pensare di poter avvicinare il brand Juventus a Barcellona, Real Madrid o Manchester United. Serviva il calciatore più conosciuto in tutto il mondo. Serviva Cristiano Ronaldo, appunto. Un acquisto che permetterà alla Juventus anche di abbassare la percentuale di intrioiti provenienti dai diritti televisivi e aumentare i proventi commerciali, il vero tallone d'Achille delle società italiane.

A questo punto la domanda sorge spontanea: da questo progetto messo in piedi dalla Exor, da Andrea Agnelli e dalla Juventus come possono trarre giovanemento le altre 19 società di Serie A? La risposta è semplice: in nessun modo. Con i diritti televisivi già venduti, sia all'estero che in Italia, fino al 2021, l'appeal che può portare una figura come CR7 non si tramuterà in più soldi per gli altri club di Serie A. E per vendere tutti i biglietti nelle partite contro la Juventus non c'era certo bisogno di CR7. Al massimo si può alzare ulteriormente il prezzo del tagliando quando di fronte ci saranno i campioni d'Italia (come ha fatto la stessa Juventus con gli abbonamenti) ma sono briciole. O anche meno.

Più che dare una sterzata alla Serie A, CR7 a Torino consolida quindi la leadership in Italia di una Juventus che ha vinto gli ultimi sette Scudetti ed è favoritissima anche per i prossimi. Un po' quello che accade in Francia col Paris Saint-Germain, in Germania col Bayern Monaco e in Spagna con Real Madrid e Barcellona. Squadre che vincono praticamente incontrastate nei rispettivi campionati (sempre meno incerti e più noiosi), che si scambiano i campioni perché sono le uniche società che possono permettersi i calciatori più forti e si danno battaglia in Europa, in quella Champions League che al momento è la casa delle partite più seguite e con più appeal e che prima o poi si trasformerà in una Superlega.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: la miglior risposta al sorteggio è quella meno scontata, parola di Allegri. Inter: la cifra sul rinnovo di Icardi, le voci (esagerate) su Spalletti. Milan: la "resistenza" di Gattuso in attesa del mercato. Var: basta ostruzionismo 18.12 - Ciao. Siamo entrati nei clamorosi sette giorni del “tanti auguri a te e ai tuoi cari” che alcuni temerari trasformano da subito in “buon Natale, ma anche buon anno nuovo, a te e ai tuoi cari”. La maggior parte della gente che ti dice “a te e ai tuoi cari” odia te e anche i tuoi cari,...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Disfatta europea figlia di un campionato inutile e di un sistema morto. Spalletti-Gattuso: due pesi e due misure. Gravina, servono fatti. Anche in Kosovo il mercato chiude il 31. Lega Pro, la Capotondi e il paracadute... 17.12 - Inutile girarci intorno. Possiamo dire che il PSV è diventato il Barcellona o che ad Atene il rigore non c'era ma la verità è una sola: non possiamo ridurci a tifare il Barcellona o ad attaccare l'arbitro per passare il turno in Champions League ed Europa League in situazioni di estrema...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Chi deciderà all'Inter? Spalletti rischia e non poco. Il Milan viene colpito dall'UEFA, ma non affondato. Settimana nera in Europa, ma nulla è perduto 16.12 - Il tentativo è stato quello di introdurlo con tranquillità, come una figura che mancava in una già nutrita dirigenza. Ma l'arrivo di Giuseppe Marotta rivoluziona le decisioni all'Inter, per forza di cose. Niente scossoni, nessun addio brusco, ma lo stop dei rinnovi contrattuali e...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Quagliarella ipotesi concreta, a centrocampo possibile nome a sorpresa. Juventus, Pogba pista forte per giugno ma attenzione anche a Rabiot se non rinnova con il Psg. Di Francesco, decisiva la sfida con il Genoa 15.12 - Ibra non arriverà e il Milan sta già lavorando su altri fronti. Anche perché il mercato è alle porte e il tempo comincia a stringere. Fabio Quagliarella ad ora è un’ipotesi concreta. Per l’attaccante c’è un discorso aperto con la Samp per il rinnovo di un anno ma la strada è ancora...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Conte non prende l’Inter in corsa. Il piano di Marotta per convincerlo. Da Pogba a Chiesa, da Milinkovic Savic a Modric, tutte le piste. Via Icardi per fare cassa? Spalletti si salva se arriva terzo e vince in Europa. Di Francesco, ultima chiamata 14.12 - Beppe Marotta si è presentano con un’idea impegnativa: Sono qui per un progetto vincente. E già. E’ dal 2010 che i tifosi dell’Inter aspettano qualcosa di vincente e per riprovarci i nerazzurri hanno scelto non a caso, ma il numero Uno, quello che ha riportato in alto la Juventus...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le incertezze della Champions: la cura non è solo il mercato... 13.12 - Possiamo dirlo senza mezzi termini: peggio di così difficilmente poteva andare. Martedì sera le due italiane non sono riuscite a qualificarsi nonostante avessero avuto tutto a disposizione, non soltanto in questo turno di Champions, ma anche i precedenti. Mercoledì Juve e Roma si...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->