HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?
  Barcellona
  Juventus
  Manchester United
  Liverpool
  Manchester City
  Ajax
  Porto
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

CR7 a Torino è un colpaccio per la Juventus, non per la Serie A. In Italia (e non solo) va avanti il monopolio e il risultato finale sarà uno solo: la nascita della Superlega

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Politica presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
15.07.2018 09:46 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 102633 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Se ne sono dette tante, troppe. E forse è anche giusto così. Perché Cristiano Ronaldo è un acquisto che almeno per qualche giorno ha riportato l'Italia al centro del mondo calcistico. Ha risvegliato i sogni e riportato con la memoria indietro nel tempo, quando i grandi campioni - anche il numero uno - sceglieva l'Italia senza troppe riserve.
E' stata una settimana appassionante, che ci ha consegnato una chiave di lettura al minuto. Analisi arrivate anche da quei giornali che abitualmente si occupano di altro, di politica o religione. Una dopo l'altra come le magliette vendute dagli store ufficiali, presi d'assalto nonostante l'afa di luglio. Faceva specie vedere a Milano i negozi dei due club meneghini disseminati in giro per la città pressoché deserti e quelli della Juventus pieni zeppi di tifosi pronti ad accaparrarsi la nuova numero 7. E' il segno dei tempi, la società bianconera domina anche in questo.

L'euforia da CristianoRonaldoMania ha prodotto le analisi più disparate. Quelle tecniche quasi tutte unanimi, perché se acquisti il padrone della Champions League non puoi che scalare posizioni nella corsa a quella coppa che negli ultimi anni hai solo sfiorato. E quelle economiche, relative al brand e al calcio che verrà. E qui si sono scontrate le visioni più contrapposte. S'è scritto, s'è detto, che l'arrivo di Cristiano Ronaldo porterà benefici all'intera Serie A, che questo colpo di teatro rappresenta l'inversione di tendenza di un campionato che tornerà a capeggiare. Con le altre società chiamate adesso a fare la loro parte. Come se fossimo a fine anni '80 o nelle stagioni delle sette sorelle. Due modelli che non esistono più e che nell'epoca del Financial Fair Play, pur volendo, non possono nemmeno tornare.

Il punto è che un colpo clamoroso come quello messo a segno dalla Juventus ha accecato tutti e ha fatto perdere di vista ciò che realmente è Cristiano Ronaldo in bianconero: un colpo clamoroso per la Juventus. E null'altro. La Juventus, sette Scudetti consecutivi in bacheca, con Cristiano Ronaldo non solo ha ulteriormente incrementato il distacco dalle altre in Italia, ma ha dato il via a un progetto che ha come obiettivo finale quello di avvicinare l'élite del calcio europeo.
Provo a spiegarmi meglio, anche se - almeno per linee generali - il ragionamento non è così complicato. Basta spulciare la Deloitte Football Money League, una classifica che ogni anno stila la Deloitte mettendo a confronto i fatturati dei primi 30 club in Europa. La Juventus è da anni la prima delle italiane, ed è stabilmente in crescita. Ma come cresce la Juventus crescono anche le altre e se tu diventi più ricco, ma lo fa anche chi ti precede, il rapporto di forza e di potere non cambia. Dal 2013 al 2017 il fatturato bianconero è passato da 272 a 406 milioni di euro, ma in questi cinque anni la società di Agnelli ha addirittura perso una posizione nella classifica dei club più ricchi, passando dal nono al decimo posto.
Serviva quindi una svolta per avvicinare e se possibile superare nel giro di due-tre stagioni Paris Saint-Germain, Arsenal e Bayern Monaco, serviva un colpo lucido e folle per pensare di poter avvicinare il brand Juventus a Barcellona, Real Madrid o Manchester United. Serviva il calciatore più conosciuto in tutto il mondo. Serviva Cristiano Ronaldo, appunto. Un acquisto che permetterà alla Juventus anche di abbassare la percentuale di intrioiti provenienti dai diritti televisivi e aumentare i proventi commerciali, il vero tallone d'Achille delle società italiane.

A questo punto la domanda sorge spontanea: da questo progetto messo in piedi dalla Exor, da Andrea Agnelli e dalla Juventus come possono trarre giovanemento le altre 19 società di Serie A? La risposta è semplice: in nessun modo. Con i diritti televisivi già venduti, sia all'estero che in Italia, fino al 2021, l'appeal che può portare una figura come CR7 non si tramuterà in più soldi per gli altri club di Serie A. E per vendere tutti i biglietti nelle partite contro la Juventus non c'era certo bisogno di CR7. Al massimo si può alzare ulteriormente il prezzo del tagliando quando di fronte ci saranno i campioni d'Italia (come ha fatto la stessa Juventus con gli abbonamenti) ma sono briciole. O anche meno.

Più che dare una sterzata alla Serie A, CR7 a Torino consolida quindi la leadership in Italia di una Juventus che ha vinto gli ultimi sette Scudetti ed è favoritissima anche per i prossimi. Un po' quello che accade in Francia col Paris Saint-Germain, in Germania col Bayern Monaco e in Spagna con Real Madrid e Barcellona. Squadre che vincono praticamente incontrastate nei rispettivi campionati (sempre meno incerti e più noiosi), che si scambiano i campioni perché sono le uniche società che possono permettersi i calciatori più forti e si danno battaglia in Europa, in quella Champions League che al momento è la casa delle partite più seguite e con più appeal e che prima o poi si trasformerà in una Superlega.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Inter, Politano sarà riscattato, c’è anche l’idea Bergwjin. Roma, per la panchina il favorito è Sarri. Senza Champions Under e Manolas potrebbero partire. Napoli, riflettori accesi su Lazzari, ma piace anche Lazaro dell’Hertha Berlino 23.03 - La sosta ci riporta inevitabilmente a parlare di mercato. Le grandi manovre stanno cominciando. L’Inter ha in mente di fare molte operazioni. È chiaro che tanto dipenderà anche dalle uscite. In attacco Politano verrà sicuramente riscattato dal Sassuolo. Perisic potrebbe invece partire....

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

La Juve prova il grande colpo: Salah in cambio di Dybala. Paratici ha in mano Chiesa e Zaniolo. Una cena col romanista. Marotta punta Andrè Gomes. Icardi accordo per l’addio. Veretout al Napoli 22.03 - In Inghilterra svelano una nuova, clamorosa pista del mercato della Juventus: i bianconeri hanno offerto Dybala al Liverpool per avere Salah. L’indiscrezione è forte, ma anche consistente e ci conferma che l’estate prossima la Juventus farà grandi cose, soprattutto ha in cantiere...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Icardi-Inter: telenovela finita? E un altro cambio in panchina: le difficoltà di un progetto 21.03 - Potremmo essere arrivati alla fine. Sicuramente alla fine delle cure. Icardi scende dal lettino delle cure fisioterapiche al ginocchio (day35) e dovrebbe essere guarito. Si allenerà con il gruppo, salvo sorprese. Si allenerà in realtà con quello che rimane del gruppo visto che molti...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Dybala ha detto no all’Inter! Ecco i dettagli. La Juventus può perderlo, ma ecco le squadre in Premier per Paulo. Real Madrid insiste per Icardi, e venerdì è lcardi-day: quello che succederà, da cui dipende il futuro 20.03 - Essere interista non è mai normale, come recita lo stesso inno nerazzurro. E così può capitare che al giovedì ti umilino in casa in Europa League, e poi alla domenica tu giochi uno dei derby più gagliardi degli ultimi anni e in una delle condizioni più difficili. Allo stesso modo,...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve vs. Uefa: la decisone su Ronaldo (e quella già presa a prescindere). Inter: i 5 segreti di una battaglia vinta col cuore (e l'incontro pre-derby di Icardi). Milan: su Gattuso il solito banco degli imputati (con un’incredibile compagnia) 19.03 - Complimenti per la trasmissione. La differenza tra la pausa per la nazionale e la pausa per la nazionale dopo una vittoria è che ti rompi le balle lo stesso, ma con una bella faccia di tolla stampata sul volto. Il qui scrivente c’ha la faccia di tolla, perché temeva di essere suonato...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Le scuse ad Allegri e le scuse di Spalletti: trova la differenza. Napoli, la strada per essere grande si fa in salita. Bologna, Sinisa ha smontato la testa. Gravina-Brunelli-De Siervo, asse contro Di Maio che vuole far perdere al calcio 2 miliardi 18.03 - La Toscana non è uguale in tutte le sue città. Firenze non è Livorno, Siena non è Pisa e Forte dei Marmi non è Grosseto. Ognuna di queste ha le sue bellezze. Anche i toscani sono diversi tra di loro. Ci sono quelli simpatici che fanno ridere e quelli che vogliono fare i simpatici...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il Mondo capovolto: la Juve clamorosamente tra le grandi favorite Champions. Ajax, talenti e delusioni cocenti. Messi o Cristiano Ronaldo? Lo scontro possibile e il derby di oggi. Tutto di un altro pianeta 17.03 - Adesso che il cerchio si stringe, su Tuttomercatoweb.com abbiamo aperto il sondaggio che di per se ha poco d'originale, tanto di banale ma che ha il gran dubbio della risposta finale. "Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?". Otto opzioni, di fatto i lettori ne stanno votando,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli: Insigne, Koulibaly e Allan restano. Per il centrocampo c’è Fornals, in attacco Lozano prima scelta. Per il futuro di Allegri bisogna aspettare ancora, Conte e Deschamps nomi da monitorare. Il Real ripensa a Milinkovic Savic 16.03 - I motori si stanno scaldando. La Primavera in arrivo sta accendendo il mercato. Il Napoli è sempre molto attivo. Ancelotti e la società sono convinti di poter crescere ancora e per questo l’obiettivo è tenere tutti i big. Non c’è alcuna volontà di prendere in considerazione offerte...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter fuori dall’Europa paga caro il caso-Icardi. Un capitano vero avrebbe giocato. Zhang furioso lo vuole sul mercato. Derby ad alto rischio. Spalletti via, Conte ha chiesto tempo. Il caso Mourinho. 15.03 - L’Europa League era uno degli obiettivi stagionali, ora per non fallire completamente la stagione, all’Inter non resta che la caccia alla Champions, con il Derby alle porte, in un momento complicatissimo. Questa situazione drammatica è il frutto amaro del caso Icardi che da oltre...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Una Champions da sballo e il dominio inglese. L’orgoglio italiano di Napoli e Inter e la rivoluzione in casa Real 14.03 - Ora abbiamo le favolose 8 d’Europa. E nei giorni in cui si discute tantissimo della Brexit, le squadre della Premier danno un chiaro indirizzo: in Champions vogliono dettare loro la legge. L’ultima volta che si era verificato un evento del genere era esattamente 10 anni fa: Arsenal,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510