HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Calciomercato di Serie A in chiusura: qual è il vostro flop tra le big?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Inter
  Lazio
  Milan

La Giovane Italia
Editoriale

CR7 a Torino è un colpaccio per la Juventus, non per la Serie A. In Italia (e non solo) va avanti il monopolio e il risultato finale sarà uno solo: la nascita della Superlega

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Politica presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
15.07.2018 09:46 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 102132 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Se ne sono dette tante, troppe. E forse è anche giusto così. Perché Cristiano Ronaldo è un acquisto che almeno per qualche giorno ha riportato l'Italia al centro del mondo calcistico. Ha risvegliato i sogni e riportato con la memoria indietro nel tempo, quando i grandi campioni - anche il numero uno - sceglieva l'Italia senza troppe riserve.
E' stata una settimana appassionante, che ci ha consegnato una chiave di lettura al minuto. Analisi arrivate anche da quei giornali che abitualmente si occupano di altro, di politica o religione. Una dopo l'altra come le magliette vendute dagli store ufficiali, presi d'assalto nonostante l'afa di luglio. Faceva specie vedere a Milano i negozi dei due club meneghini disseminati in giro per la città pressoché deserti e quelli della Juventus pieni zeppi di tifosi pronti ad accaparrarsi la nuova numero 7. E' il segno dei tempi, la società bianconera domina anche in questo.

L'euforia da CristianoRonaldoMania ha prodotto le analisi più disparate. Quelle tecniche quasi tutte unanimi, perché se acquisti il padrone della Champions League non puoi che scalare posizioni nella corsa a quella coppa che negli ultimi anni hai solo sfiorato. E quelle economiche, relative al brand e al calcio che verrà. E qui si sono scontrate le visioni più contrapposte. S'è scritto, s'è detto, che l'arrivo di Cristiano Ronaldo porterà benefici all'intera Serie A, che questo colpo di teatro rappresenta l'inversione di tendenza di un campionato che tornerà a capeggiare. Con le altre società chiamate adesso a fare la loro parte. Come se fossimo a fine anni '80 o nelle stagioni delle sette sorelle. Due modelli che non esistono più e che nell'epoca del Financial Fair Play, pur volendo, non possono nemmeno tornare.

Il punto è che un colpo clamoroso come quello messo a segno dalla Juventus ha accecato tutti e ha fatto perdere di vista ciò che realmente è Cristiano Ronaldo in bianconero: un colpo clamoroso per la Juventus. E null'altro. La Juventus, sette Scudetti consecutivi in bacheca, con Cristiano Ronaldo non solo ha ulteriormente incrementato il distacco dalle altre in Italia, ma ha dato il via a un progetto che ha come obiettivo finale quello di avvicinare l'élite del calcio europeo.
Provo a spiegarmi meglio, anche se - almeno per linee generali - il ragionamento non è così complicato. Basta spulciare la Deloitte Football Money League, una classifica che ogni anno stila la Deloitte mettendo a confronto i fatturati dei primi 30 club in Europa. La Juventus è da anni la prima delle italiane, ed è stabilmente in crescita. Ma come cresce la Juventus crescono anche le altre e se tu diventi più ricco, ma lo fa anche chi ti precede, il rapporto di forza e di potere non cambia. Dal 2013 al 2017 il fatturato bianconero è passato da 272 a 406 milioni di euro, ma in questi cinque anni la società di Agnelli ha addirittura perso una posizione nella classifica dei club più ricchi, passando dal nono al decimo posto.
Serviva quindi una svolta per avvicinare e se possibile superare nel giro di due-tre stagioni Paris Saint-Germain, Arsenal e Bayern Monaco, serviva un colpo lucido e folle per pensare di poter avvicinare il brand Juventus a Barcellona, Real Madrid o Manchester United. Serviva il calciatore più conosciuto in tutto il mondo. Serviva Cristiano Ronaldo, appunto. Un acquisto che permetterà alla Juventus anche di abbassare la percentuale di intrioiti provenienti dai diritti televisivi e aumentare i proventi commerciali, il vero tallone d'Achille delle società italiane.

A questo punto la domanda sorge spontanea: da questo progetto messo in piedi dalla Exor, da Andrea Agnelli e dalla Juventus come possono trarre giovanemento le altre 19 società di Serie A? La risposta è semplice: in nessun modo. Con i diritti televisivi già venduti, sia all'estero che in Italia, fino al 2021, l'appeal che può portare una figura come CR7 non si tramuterà in più soldi per gli altri club di Serie A. E per vendere tutti i biglietti nelle partite contro la Juventus non c'era certo bisogno di CR7. Al massimo si può alzare ulteriormente il prezzo del tagliando quando di fronte ci saranno i campioni d'Italia (come ha fatto la stessa Juventus con gli abbonamenti) ma sono briciole. O anche meno.

Più che dare una sterzata alla Serie A, CR7 a Torino consolida quindi la leadership in Italia di una Juventus che ha vinto gli ultimi sette Scudetti ed è favoritissima anche per i prossimi. Un po' quello che accade in Francia col Paris Saint-Germain, in Germania col Bayern Monaco e in Spagna con Real Madrid e Barcellona. Squadre che vincono praticamente incontrastate nei rispettivi campionati (sempre meno incerti e più noiosi), che si scambiano i campioni perché sono le uniche società che possono permettersi i calciatori più forti e si danno battaglia in Europa, in quella Champions League che al momento è la casa delle partite più seguite e con più appeal e che prima o poi si trasformerà in una Superlega.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Modric, l’ultimo no del Real. Ma nella notte restano piccole speranze. All’Inter è mancato uno come Mendes per Ronaldo. Nerazzurri sono comunque l’anti-Juve. E c’è sempre Rafinha. Milan, colpi da Champions League 17.08 - Florentino Perez ha detto l’ultimo no. Il Real Madrid non libera Luca Modric, non lo farà andare all’Inter come avrebbe voluto. Del resto, hanno spiegato i dirigenti madridisti al procuratore del giocatore nell’ultimo incontro di ieri, in due mesi sono cambiate troppe cose e il presidente...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ancora 48 ore e tutti si affannano: anche chi sembra aver chiuso tutto. 48 ore da vivere con il fiato sospeso... 16.08 - Siamo ormai alle battute finali e tutti si affannano per rifinire la squadra. Il Milan, è naturalmente, la big più attiva visto che per i problemi societari si è potuta muovere concretamente soltanto un paio di settimane fa. Sono arrivati a Milano Castillejo e Laxalt, entrambe operazioni...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Promosse e bocciate del calciomercato a 72 ore dalla fine: Juventus e Inter regine assolute. Segue il Milan. Solo sufficienti Napoli, Roma e Lazio. E in coda, in bocca al lupo all'Udinese, ne ha bisogno... 15.08 - A 72 ore dalla fine del calciomercato, andiamo con il pagellone sospeso della Serie A, con le squadre divise tra promosse, rimandate e bocciate. Ma con una premessa fondamentale: qua non si giudica il conto economico, e nemmeno soltanto gli acquisti. E nemmeno della squadra costruita...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: mercato con (doppia) sorpresa, ma occhio a Nedved... Inter: dopo il settimo (Keita) c'è una certezza. Milan: 2 colpi in 4 giorni, l'impresa di Leonardo. Napoli: il "complesso" di De Laurentiis 14.08 - Ciao. C'è il fuso. Son dall'altra parte del mondo. Al mare. È un posto strano. Qui, per dire, è nuvoloso da 4 giorni. Sapete quando sono arrivato? Quattro giorni fa. Il fuso è devastante. Soprattutto se vuoi stare al passo con le robe del mercato. Per questo metto tanti punti. Almeno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

De Laurentiis, 5 giorni per dare un senso a questo mercato. Milan, sessione intelligente. L’Inter dietro la Juve. Volevate il Commissario? Era meglio Montalbano… 13.08 - Cinque giorni e poi sarà tutto finito. L’assurdità di chiudere il calciomercato il 17 agosto, alle ore 20.00, lascerà tanti cadaveri sulla riva del fiume. Lo scriviamo da mesi, adesso, molti club di serie A iniziano a capire la fesseria di seguire Marotta nell’unica sciocchezza fatta,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il mondo dorato di CR7 e quello sommerso dei Tribunali, dove vige il tutti contro tutti. Tra udienze, sentenze e ricorsi B e C sono in pieno caos. E anche la Serie A non può dirsi tranquilla 12.08 - E' un'estate strana, particolare. Senza dubbio unica quella che tra meno di una settimana - per gli operatori di calciomercato - chiuderà i battenti. Non sono mancate le notizie, né i colpi di scena. Sono stati mesi che hanno riportato una manciata di club italiani a sedere di nuovo...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Ore decisive per il futuro di Modric. Inter, fatta per Keita. Il Milan pronto a chiudere per Bakayoko. Ochoa in pole per il Napoli, occhio anche a Tatarusanu. 11.08 - Luka Modric, l’Inter e il Real Madrid. Sono ore decisive per il futuro del centrocampista croato vice campione del mondo, che vorrebbe andare all’Inter, anche se non è intenzionato ad arrivare ai ferri corti con Florentino Perez. Il numero uno del Real non cede. Anzi in Spagna sono...

EditorialeDI: Luca Serafini

I colpi di Leo, il ruolo di Paolo, il lavoro di Rino: notte prima degli esami 10.08 - Tra una settimana è campionato. Possiamo davvero dire che l’estate è volata, sotto questa cappa di afa con ventate di grande ottimismo. Di meritato sollievo. Mi fanno ridere i censori del ruolo di Paolo Maldini, come se avere una figura di riferimento così autorevole non fosse già...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Modric ancora attesa, Keita si tratta ad oltranza. Bakayoko convinto ora si fa sul serio. Portieri Napoli e quello del Chievo. Ultima settimana... 09.08 - Doveva essere il Modric-day, nel bene o nel male, ma si è trasformato in un altro giorno di attesa. Tutto rinviato a data da destinarsi, forse venerdì, visto che le prossime ore saranno quelle di Cortouis e che Florentino non vorrà togliere la scena al suo portiere con la grana Modric....

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Modric-Inter: è il D-Day. Ecco perché tutti i fattori esterni sono contro l’Inter (diversamente da come erano stati tutti a favore della Juve con Cristiano). Pogba-Barcellona: dipende da Lotito… 08.08 - E’ arrivato il giorno in cui l’Inter saprà se può tornare a sognare l’impossibile, come non le accadeva dai tempi del Triplete. Nonché in cui la Serie A può scoprire se davvero le cose hanno già cominciato a cambiare a livello sistemico, o se il locomotore Juventus tira ancora il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy