HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi sarà il capocannoniere della Serie A 2018/19?
  Cristiano Ronaldo
  Gonzalo Higuain
  Mauro Icardi
  Ciro Immobile
  Edin Dzeko
  Dries Mertens
  Paulo Dybala
  Gregoire Defrel
  Arkadiusz Milik
  Duvan Zapata
  Krzysztof Piatek
  Mario Mandzukic
  Leonardo Pavoletti
  Altro

La Giovane Italia
Editoriale

Cristiano Ronaldo ha distrutto la Spagna e il suo Mondiale dal di dentro, e Allegri lo ha aiutato. Ecco come. Mancini poteva avere ragione, ma c’è un particolare fondamentale che lui e la Figc hanno dimenticato su Euro2020

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
12.09.2018 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 46998 volte

E’ stato un piano perfetto. E noi distratti dal passaggio di Cristiano Ronaldo alla Juventus. Altroché. Diabolico CR7, che arrivando ai Mondiali con il Portogallo campione d’Europa, e avendo nel proprio gruppo la Spagna, ha usato tutte le armi per farla fuori, anche se non è bastato a spianare la strada alla sua nazionale.
Cospirazioni a parte, in verità in maniera indiretta è stato proprio così che la Spagna si è vista distruggere il proprio sogno mondiale, accoltellata alle spalle da Cristiano, e con Massimilano Allegri che ha spinto la lama ancora più a fondo. Come? E’ presto detto, e non è fantasia.
La Spagna ha appena polverizzato la Croazia 6-0, solo 3 giorni dopo aver rimontato l’Inghilterra a Wembley, evento unico nella storia della nazionale inglese.
Guarda caso, se la Spagna non fosse uscita contro la Russia agli Ottavi, avrebbe incontrato proprio Croazia e Inghilterra. Ovvio, il calcio non si fa con i se, e tutte le partite sono diverse, così come sono diverse le motivazioni e sono state diverse nei due frangenti differenti le formazioni messe in campo.
Però. Però è innegabile che la Spagna prima fosse una macchina potente e attraente, almeno fino all’esonero di Lopetegui 24 ore prima del calcio d’inizio dei Mondiali; dopo, durante il Mondiale, fosse regredita allo stato di banda allo sbando con ognuno che va per i fatti propri; e adesso guarda caso sia già immediatamente ritornata al suo stato di bellezza calcistica naturale.
Una Spagna che forse non avrebbe battuto la Francia, ma certo sulla carta superiore a Croazia e Inghilterra. Una Spagna distrutta da Cristiano Ronaldo. Come? Così:

1) Cristiano annuncia che lascerà il Real Madrid quando ha ancora la Champions League in mano sul campo di Kiev.

2) Zidane lascia il Real Madrid, 10 giorni dopo. Forse una decisione che avrebbe comunque preso a prescindere dall’addio di Cristiano, sicuramente una decisone che dopo l’annuncio di CR7 viene ancora più fortificata.

3) Florentino cerca un nuovo allenatore: contatta Loew e Pochettino, vaglia Antonio Conte. I primi due rifiutano, il terzo non può accettare, tutti per lo stesso motivo: sono legati da un contratto troppo vincolante, o in una situazione in cui non possono liberarsi.

E qui, entra in gioco Massimiliano Allegri.

4) Florentino contatta Allegri: rispetto agli altri, in un’altra condizione, in un’altra stagione, avrebbe anche accettato, e Agnelli non gli avrebbe fatto lo sgarbo di non lasciarlo andare. Ma Allegri ai primi di giugno sa una cosa che Florentino ancora non è sicuro di sapere: Allegri sa che, se nulla osta, allenerà Cristiano Ronaldo, e diventerà il primo favorito per la Champions. E allora che senso ha andarsene proprio in quel momento al Real Madrid a ricostruire?

5) Florentino contatta Lopetegui: una settimana prima che inizi il Mondiale, e pochi giorni dopo che Lopetegui abbia già firmato il prolungamento di contratto come ct della Spagna fino al 2020. Lopetegui perde la testa per il Real Madrid; Florentino perde la testa e annuncia l’ingaggio senza avvisare la Federcalcio spagnola; il presidente della federazione spagnola Rubiales perde la testa e lo caccia a meno di 24 ore dall’inizio dei Mondiali.

Zidane se ne sarebbe andato via comunque, probabilmente. Ma se Cristiano non se ne fosse andato, allora Allegri avrebbe accettato. Lopetegui sarebbe stato al suo posto. Che Spagna avremmo visto.
Cristiano, che delitto perfetto…

Se torniamo invece nel campo della realtà, c’è Mancini che adesso sta scoprendo l’insostenibile pesantezza dell’essere ct della Nazionale, nel periodo peggiore della storia poi. Altro che cocco dei media: lo stanno crocefiggendo per un livello tecnico scadente, e per una mancanza di fiducia.
Ma sono situazioni che hanno cause una nelle deficienze strutturali del calcio italiano, e l’altra nelle deficienze decisionali dell’ex ct.
Però. Però Mancini una responsabilità ce l’ha eccome, nell’aver cambiato nove degli undici titolari, e aver mandato in campo una squadra senza uno straccio di automatismi.

Dice: l’ho fatto perché devo dare l’occasione di crescere e giocare a tutti, mi serve in prospettiva per le qualificazioni di Euro2020.
Ok.
Ma a parte che è tutto da vedere se cambiarne così tanti contemporaneamente sia veramente un vantaggio per tutti (ma questa è un’opinione personale); tuttavia quello che non è un’opinione è la valutazione della situazione: una valutazione errata.
Perché, mettendo anche da parte l’errore del non valutare la Nations League come una competizione e non come un laboratorio (errore molto grosso), la lacuna principale di Mancini - e verrebbe da dire anche della Figc che si è trovata d’accordo in merito - è che eventualmente arrivare ultimi nella Nations League possa essere utile per le qualificazioni di Euro2020.
Come a dire: “baratto una eliminazione qui, ma guadagno esperienza per Euro2020”.
No: così si guadagna una condanna.
Che non è solo la condanna del retrocedere nella Lega B. Ma ci riferiamo a qualcosa davvero di più materiale.
Infatti va ricordato che il ranking per effettuare il sorteggio alle qualificazioni a Euro2020 sarà fortemente influenzato dai risultati in Nations League.
Il nostro ranking è già pessimo. Ma vincere il gruppo potrebbe (avrebbe potuto…) migliorarlo sensibilmente.
E ancora peggio: venire retrocessi lo peggiorerà ulteriormente, addirittura cominciando a farci temere per la qualificazione a Euro2020, dove peraltro saremo anche tra i 12 paesi organizzatori, includendo la partita inaugurale.
Ecco, questo è il rischio che ci siamo presi valutando la Nations League come un test.
E dire che pensavamo di aver toccato il fondo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve e Douglas: il suo errore e quello "degli altri". Inter: ecco chi ha fretta di seppellire i nerazzurri. Milan: la ricetta di Gattuso (in barba alle "ombre"). Ridateci il Var, per carità. E su Barella... 18.09 - L’ombra di Conte. L’ombra di Conte è devastante. È su tutti. Su Spalletti. Su Gattuso. Su Di Francesco. Ma anche su di te. Al lavoro sei stato rimbrottato? C’è l’ombra di Conte. La tua ragazza ultimamente ti tratta male? Pensaci, potrebbe essere l’ombra di Conte. Sei pallido? Per...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Si scrive Inter, si legge crisi. Ronaldo e il gol: adesso via ai titoloni. Allarme Roma mentre Gattuso deve prendere una decisione 17.09 - Parlare di crisi dopo 4 giornate è prematuro. Non si possono lanciare allarmi e non si possono fare funerali ad uno che ha solo il raffreddore. Se è vero che abbiamo forzato un pò la mano per il titolo è altrettanto vero che l'Inter non ha solo il raffreddore ma la diagnosi è piuttosto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il Var così è inutile, parte seconda. Ci hanno rotto il calcio: è tutto più che ridicolo. E il campionato sembra già finito 16.09 - In due settimane di pausa si sono sviluppati tre macrotemi: la Nazionale, il campionato dei tribunali e quello che sembra già finito, cioè la A, perché provate a pensare quando si sbloccherà Cristiano Ronaldo. Ieri si è aggiunto in maniera prepotente, ma in realtà è così dalla prima...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter ancora Modric nel mirino e si lavora per il rinnovo di Skriniar, Juve occhi su Marcelo, il Napoli vuole blindare Milik. Milan, oltre Rabiot piacciono Paquetà e Paredes 15.09 - Siamo appena a metà settembre eppure gennaio sembra così vicino, perché il mercato è sempre in movimento. E allora parto dall’Inter che ha cullato per alcuni giorni il sogno Modric. Il no netto di Florentino Perez ha chiuso ogni possibilità, ma ancora il rinnovo con il Real Madrid...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Dybala al Real, Pogba alla Juve, Griezmann allo United: si prepara un grande giro forse già a gennaio. Molto dipende da Zidane. E l’Inter non molla Modric. Sta per finire lo strapotere dei procuratori. Stop ai prestiti selvaggi 14.09 - Visto che il mercato non si ferma mai, le ultime che arrivano soprattutto dalla Spagna vale davvero la pena di cercare di intercettarle e valutarle. Da tempo i giornali spagnoli parlano di Dybala al Real, l’estate scorsa ci furono anche annunci ufficiali con relative smentite. Che...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il mercato internazionale ai raggi X: l'Italia spende e gli affari sono sempre fra i soliti... 13.09 - La FIFA ha fatto la fotografia del mercato internazionale. Ovvero dei trasferimenti provenienti dalle federazioni estere. Un lavoro complesso, reso possibile dal TMS (il Transfer Matching Sistem): quindi non si tratta di proiezioni o di valutazioni, ma di dati certi. Sono dati aggregato...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Cristiano Ronaldo ha distrutto la Spagna e il suo Mondiale dal di dentro, e Allegri lo ha aiutato. Ecco come. Mancini poteva avere ragione, ma c’è un particolare fondamentale che lui e la Figc hanno dimenticato su Euro2020 12.09 - E’ stato un piano perfetto. E noi distratti dal passaggio di Cristiano Ronaldo alla Juventus. Altroché. Diabolico CR7, che arrivando ai Mondiali con il Portogallo campione d’Europa, e avendo nel proprio gruppo la Spagna, ha usato tutte le armi per farla fuori, anche se non è bastato...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Italia: un anno senza vittorie (ma non diamo la colpa agli stranieri). In arrivo la quarta giornata, ma c’è già chi parla “del mercato di gennaio” (pietà…). Inter: per il rinnovo di Icardi… non c’è fretta 11.09 - Siamo in piena pausa per la Nazionale. Ma il peggio è passato. Da oggi smetteremo di far finta che ce ne freghi qualcosa della Nations League (“La Nations League è importante!”) e torneremo a creare nuovi casi mediatici: perché Ronaldo non ha segnato durante la pausa? (“perché è bollito!”)....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Raiola, Sacchi ha fatto la storia, tu i soldi in Italia e vivi nel Principato. Rischio concreto di un campionato a senso unico. Sentenza B tra oggi e domani: una macchia eterna in un sistema che salva solo Gravina e Sibilia 10.09 - Volevo ringraziare pubblicamente Mino Raiola. Non sapevo proprio cosa scrivere questo lunedì, in assenza di notizie, campionato e mercato. Ho ragionato per giorni ma cose originali e sensate non me ne venivano in mente. Poi leggo le dichiarazioni di Mino e lo ringrazio perché anche...

EditorialeDI: Marco Conterio

Dallo Stadium a CR7, da First Team alla U23. I motivi per cui Totti ha consegnato il titolo alla Juventus. Il Manchester City e Guardiola intanto stravolgono il modo di raccontare il calcio 09.09 - In principio è stata la Juventus, con il docu-film prodotto da Netflix, First Team. Archetipo del dietro le quinte di quel che c'è nel lavoro d'ogni giorno che avviene a telecamere spente. I giocatori che si confidano, le discussioni nell'alveo dello spogliatoio. E' stata una primogenitura...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy