HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Cristiano Ronaldo ha distrutto la Spagna e il suo Mondiale dal di dentro, e Allegri lo ha aiutato. Ecco come. Mancini poteva avere ragione, ma c’è un particolare fondamentale che lui e la Figc hanno dimenticato su Euro2020

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
12.09.2018 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 47275 volte

E’ stato un piano perfetto. E noi distratti dal passaggio di Cristiano Ronaldo alla Juventus. Altroché. Diabolico CR7, che arrivando ai Mondiali con il Portogallo campione d’Europa, e avendo nel proprio gruppo la Spagna, ha usato tutte le armi per farla fuori, anche se non è bastato a spianare la strada alla sua nazionale.
Cospirazioni a parte, in verità in maniera indiretta è stato proprio così che la Spagna si è vista distruggere il proprio sogno mondiale, accoltellata alle spalle da Cristiano, e con Massimilano Allegri che ha spinto la lama ancora più a fondo. Come? E’ presto detto, e non è fantasia.
La Spagna ha appena polverizzato la Croazia 6-0, solo 3 giorni dopo aver rimontato l’Inghilterra a Wembley, evento unico nella storia della nazionale inglese.
Guarda caso, se la Spagna non fosse uscita contro la Russia agli Ottavi, avrebbe incontrato proprio Croazia e Inghilterra. Ovvio, il calcio non si fa con i se, e tutte le partite sono diverse, così come sono diverse le motivazioni e sono state diverse nei due frangenti differenti le formazioni messe in campo.
Però. Però è innegabile che la Spagna prima fosse una macchina potente e attraente, almeno fino all’esonero di Lopetegui 24 ore prima del calcio d’inizio dei Mondiali; dopo, durante il Mondiale, fosse regredita allo stato di banda allo sbando con ognuno che va per i fatti propri; e adesso guarda caso sia già immediatamente ritornata al suo stato di bellezza calcistica naturale.
Una Spagna che forse non avrebbe battuto la Francia, ma certo sulla carta superiore a Croazia e Inghilterra. Una Spagna distrutta da Cristiano Ronaldo. Come? Così:

1) Cristiano annuncia che lascerà il Real Madrid quando ha ancora la Champions League in mano sul campo di Kiev.

2) Zidane lascia il Real Madrid, 10 giorni dopo. Forse una decisione che avrebbe comunque preso a prescindere dall’addio di Cristiano, sicuramente una decisone che dopo l’annuncio di CR7 viene ancora più fortificata.

3) Florentino cerca un nuovo allenatore: contatta Loew e Pochettino, vaglia Antonio Conte. I primi due rifiutano, il terzo non può accettare, tutti per lo stesso motivo: sono legati da un contratto troppo vincolante, o in una situazione in cui non possono liberarsi.

E qui, entra in gioco Massimiliano Allegri.

4) Florentino contatta Allegri: rispetto agli altri, in un’altra condizione, in un’altra stagione, avrebbe anche accettato, e Agnelli non gli avrebbe fatto lo sgarbo di non lasciarlo andare. Ma Allegri ai primi di giugno sa una cosa che Florentino ancora non è sicuro di sapere: Allegri sa che, se nulla osta, allenerà Cristiano Ronaldo, e diventerà il primo favorito per la Champions. E allora che senso ha andarsene proprio in quel momento al Real Madrid a ricostruire?

5) Florentino contatta Lopetegui: una settimana prima che inizi il Mondiale, e pochi giorni dopo che Lopetegui abbia già firmato il prolungamento di contratto come ct della Spagna fino al 2020. Lopetegui perde la testa per il Real Madrid; Florentino perde la testa e annuncia l’ingaggio senza avvisare la Federcalcio spagnola; il presidente della federazione spagnola Rubiales perde la testa e lo caccia a meno di 24 ore dall’inizio dei Mondiali.

Zidane se ne sarebbe andato via comunque, probabilmente. Ma se Cristiano non se ne fosse andato, allora Allegri avrebbe accettato. Lopetegui sarebbe stato al suo posto. Che Spagna avremmo visto.
Cristiano, che delitto perfetto…

Se torniamo invece nel campo della realtà, c’è Mancini che adesso sta scoprendo l’insostenibile pesantezza dell’essere ct della Nazionale, nel periodo peggiore della storia poi. Altro che cocco dei media: lo stanno crocefiggendo per un livello tecnico scadente, e per una mancanza di fiducia.
Ma sono situazioni che hanno cause una nelle deficienze strutturali del calcio italiano, e l’altra nelle deficienze decisionali dell’ex ct.
Però. Però Mancini una responsabilità ce l’ha eccome, nell’aver cambiato nove degli undici titolari, e aver mandato in campo una squadra senza uno straccio di automatismi.

Dice: l’ho fatto perché devo dare l’occasione di crescere e giocare a tutti, mi serve in prospettiva per le qualificazioni di Euro2020.
Ok.
Ma a parte che è tutto da vedere se cambiarne così tanti contemporaneamente sia veramente un vantaggio per tutti (ma questa è un’opinione personale); tuttavia quello che non è un’opinione è la valutazione della situazione: una valutazione errata.
Perché, mettendo anche da parte l’errore del non valutare la Nations League come una competizione e non come un laboratorio (errore molto grosso), la lacuna principale di Mancini - e verrebbe da dire anche della Figc che si è trovata d’accordo in merito - è che eventualmente arrivare ultimi nella Nations League possa essere utile per le qualificazioni di Euro2020.
Come a dire: “baratto una eliminazione qui, ma guadagno esperienza per Euro2020”.
No: così si guadagna una condanna.
Che non è solo la condanna del retrocedere nella Lega B. Ma ci riferiamo a qualcosa davvero di più materiale.
Infatti va ricordato che il ranking per effettuare il sorteggio alle qualificazioni a Euro2020 sarà fortemente influenzato dai risultati in Nations League.
Il nostro ranking è già pessimo. Ma vincere il gruppo potrebbe (avrebbe potuto…) migliorarlo sensibilmente.
E ancora peggio: venire retrocessi lo peggiorerà ulteriormente, addirittura cominciando a farci temere per la qualificazione a Euro2020, dove peraltro saremo anche tra i 12 paesi organizzatori, includendo la partita inaugurale.
Ecco, questo è il rischio che ci siamo presi valutando la Nations League come un test.
E dire che pensavamo di aver toccato il fondo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...

Editoriale DI: Marco Conterio

La caccia al nuovo sogno mercato della Juventus passa dai conti. E dall'inevitabile partenza di un big. Icardi, decimo stipendio della A: con l'Inter è braccio di ferro economico 13.01 - Kylian Mbappè. Come sogno e come chimera. Come grande obiettivo, perché "adesso la Juventus deve puntare i nuovi Cristiano Ronaldo". E chi meglio del crack francese che col portoghese si scattava le foto da giovane e imberbe talento? Chi meglio di un giocatore che a Parigi non vive...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain e Morata situazione in evoluzione, ma il Milan punta a tenere il Pipita. Icardi-Inter vertice in settimana per trattare il rinnovo.  Juventus, dopo Ramsey ora è il turno di Romero. Per Barella continua il pressing di Chelsea e Napoli 12.01 - Sono giorni importanti per capire il futuro di Higuain e Morata. Le posizioni sono molto chiare. Sarri considera il Pipita l’uomo giusto per aumentare tantissimo il potenziale offensivo del Chelsea. Sta spingendo perché questa possa diventare un’ipotesi concreta fin da subito. Higuain...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri-Real Madrid: contatto. Icardi, fissato l’incontro per il rinnovo. I piani di Marotta per la firma. Pregiudizi su Wanda: fa solo il suo lavoro. Higuain vuole solo il Chelsea e mette in crisi Leonardo 11.01 - Non so se Max Allegri durante le recenti vacanze abbia davvero sposato Ambra come scrivono i giornali di gossip, so invece che ha ricevuto una telefonata da Florentino Perez. Auguri, certo, ma anche una nuova, decisa proposta per la panchina del Real Madrid. L’anno scorso la telefonata...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Icardi e il rinnovo, Higuain e il Chelsea. Le novità su Ramsey, il ritorno di Gabbiadini e le strategie del Napoli... 10.01 - L'ultimo colpo di giornata lo ha messo a segno la Sampdoria che riabbraccia Gabbiadini. Lo riporta in blucerchiato: operazione complessiva da 12 milioni di euro (3 di prestito e 9 per il riscatto obbligatorio più bonus legati alla qualificazione in Europa). La Samp non voleva lasciarsi...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Godinopoli: l’Inter sta per fregare la Juventus per la prima volta dopo tanti anni, soffiandole Godin. Il messaggio di Marotta alla Juventus è chiaro. Skriniar: il Manchester United c’è, il rinnovo no 09.01 - La tentazione è davvero tanta per non usare questa parola, e come diceva Oscar Wilde: “Posso resistere a tutto, tranne che alle tentazioni”. E’ Godinopoli: il colpo che l’Inter sta portando a termine, concludendo l’acquisto di Diego Godin, è un cambio epocale nella storia minima...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Quanti nomi attorno all'Inter, ma solo al prezzo giusto (con due parole su Robben). Juve, Ronaldo porta Ramsey. E Ramsey porta... W il mercato, anche se a gennaio vince sempre... il fairplay finanziario 08.01 - Buon Natale a te e famiglia. Così, a sorpresa. La depressione da rientro post-feste renderà questo editoriale più sconclusionato del solito. Io vi ho avvusato. Con la "u", avvusato. Il rientro dalle feste natalizie è uno schifo perché ti senti grasso e quando torni a casa c'è...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, se ci sei batti un colpo. Muriel, tocco di classe del "Corvo". Inter, sveglia su Barella. Nella "Gabbia" dorata della Premier 07.01 - La situazione del Milan rischia di diventare, seriamente, pericolosa. Dopo i complimenti che abbiamo fatto a Leonardo per come ha difeso Gattuso, pubblicamente, prima della gara con la Spal oggi dovremmo fare alcune riflessioni di mercato. Perché, appunto, il mercato è una cosa seria....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->