HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Lotta per l'Europa: Inter e Milan andranno in Champions?
  Sì, arriveranno entrambe in Champions League
  Solo l'Inter riuscirà nell'obiettivo
  Niente Inter: sarà solo il Milan a raggiungerla
  Nessuna delle due riuscirà ad andarci

La Giovane Italia
Editoriale

Cristiano Ronaldo-Juventus: è tutto vero. Ma non siamo ancora nella situazione raccontata in Spagna. Ecco di chi la Juve si deve liberare, ecco il rischio. Ma qui a Radio Mosca sembra Brasile-Inghilterra la finale...

04.07.2018 07:44 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 62715 volte

Qui Radio Mosca, ma ci sono interferenze radio sul ponte Madrid-Torino, e allora tocca ascoltare le voci che sono diventati urli al Bernabeu, prima di tornare in Russia.
E’ tutto vero: Cristiano Ronaldo non è soltanto nel mirino della Juventus (che fa già impressione dirlo), ma è oggetto di trattativa seria, considerata, e concreta.
Non siamo ancora allo stadio di proposta accettata, né da Real Madrid né da giocatore, ma al momento nessuno dei due club che possono permettersi il pacchetto Cristiano, ovvero PSG e Manchester United, hanno mostrato alcun interesse. E dunque l’affare rimane aperto per la terza via, qualora offra il giusto prezzo e le giuste ambizioni: la concretezza delle sfide Champions della Juventus soddisfa la fame atavica di vittorie di Cristiano; rimane, e non è poco, la questione del giusto prezzo.
Ma Andrea Agnelli ha deciso di provarci seriamente: non un’offerta tipo quella per Falcao 4 anni fa, quando la Juve sì partecipò prima che andasse allo United, ma con due terzi del salario offerti dal City.
No, stavolta si è deciso di rompere la banca. E di ingegnarsi perché sia possibile.
Il che vuol dire un acquisto oltre i 100 milioni, forse più verso i 150 milioni. E soprattutto uno stipendio da 30 milioni netti di €, il che vuol dire comprese le imposte una spesa monstre di 240 milioni in 4 anni comprese le tasse.
Non è ancora stata formulata l’offerta in quel senso, ma è partito il progetto per mettere in moto il piano possibile.
Primo passo: la cessione di Higuain. E in quella maniera si arriverebbe a metà del valore per il Real Madrid, e a un quarto del salario.
Secondo passo: la cessione di Dybala, e con quello si salderebbe il totale dovuto al Real Madrid, forse anche in uno scambio con conguaglio, e si arriverebbe a metà del salario di Cristiano.
Servirebbe ancora una terza, e forse una quarta cessione.
Terzo passo: la cessione di Pjanic, accettando i 70 milioni offerti dal Barcellona. E finalmente, attraverso l’ulteriore risparmio sul monte stipendi e la cifra incassata, si raggiungerebbe il totale dei 360 milioni necessari per l’affare - anche se solleverebbe un dubbio sullo sviluppo di gioco della Juve, visto che rinunciare a Higuain e Dybala per Cristiano ha molto senso, ma Pjanic poi dovrebbe essere sostituito.
Piccolo particolare: il Barcellona dopo aver presentato un’offerta non ufficiale e averla vista rifiutata, adesso ha dichiarato pubblicamente che il giocatore non è oggetto di interesse, e dunque si dovrebbe riaprire il fronte catalano.
Il percorso è tortuoso, ma è chiaro, ed è percorribile.
Occhio però, perché non è assolutamente, minimamente esclusa la possibilità che sia Florentino che Cristiano si stiano minacciando a vicenda la fattibilità dell’operazione, per semplicemente provare a convincere l’interlocutore a cedere, rimanendo quindi tutto uguale al Real Madrid, ma alle condizioni di uno o dell’altro.
La Juventus non può certo però rompere la squadra per nulla, dunque in verità già nel giro di una settimana si capirà se la rivoluzione portoghese è imminente.

Nel frattempo qua a Mosca si sono chiusi gli Ottavi di Finale, e forse abbiamo una notizia: forse è la volta giusta per l’Inghilterra, per lo meno per tornare in finale dopo 52 anni. Tranne il Brasile, nessuna squadra è così ben messa in campo e così efficace. Aggiungendo l’altro miglior centravanti al mondo con Cristiano, quell’Harry Kane che sposta le difese e gli equilibri. L’unico giocatore totalmente decisivo ancora presente ai Mondiali, insieme a un Neymar in crescita esponenziale partita dopo partita.
Dopo gli Ottavi avevamo pensato a Brasile-Croazia come finale, ma i croati si sono impelagati perdendo brillantezza, e forse l’assenza del cannoniere implacabile comincia a sentirsi.
Il Brasile invece è solido con i suoi 7 gol fatti e 1 solo subito, con i suoi talenti tutti con la freccia verso l’alto, con l’intelligenza del manager. Come l’Inghilterra, con meno talento e meno esperienza in mezzo, ma vive congratulazioni al lavoro fatto da Southgate, che dispone con sicurezza una squadra intensa e sicura, a cui manca solo assistenza per Harry Kane dentro l’area, e allora chissà che Rashford non trovi più spazio.
Ci sarebbe da dire di un Uruguay che non ha paura di niente, ma che senza Cavani perderebbe il 30% del potenziale; di una Francia che non ha da invidiare il talento di nessuno, ma che con Deschamps conferma le ingenuità della fase difensiva; di un Belgio che ha tempra e carattere per rimontare, ma non sufficiente malizia per imporsi senza rischiare; di una Russia solo emozionale, che forse sente di aver già dato tutto; e di una Svezia che è la sorpresa assoluta del Mondiale, con un grande allenatore.
Ma stanotte da Radio Mosca è difficile trasmettere, con le interferenze sull’asse Torino-Madrid che distraggono il resto del mondo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, è Lukaku la prima scelta se parte Icardi. Dzeko e Zapata le altre ipotesi. Juventus, per il centrocampo si continua a monitorare Ndombele del Lione. Svolta Mertens, l’attaccante belga ora potrebbe rimanere. Giuntoli al lavoro per Callejon 13.04 - La fine del campionato è dietro l’angolo e una decisione deve essere presa per forza. La svolta tra l’Inter e Icardi sta per arrivare. L’addio resta l’ipotesi più probabile ma non scontata. Icardi è un grande bomber, ha 26 anni e ora più che mai è un’occasione di mercato per tante...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve, il Real vuole Kean. De Ligt, passi avanti. Conte, scatto della Roma. Un piano con Faggiano come ds. L’ombra del Qatar. Ma l’Inter vuole chiudere in fretta. Skriniar rinnova, Chiesa più lontano. Pioli-Fiorentina alle carte bollate 12.04 - La Juve deve fare in fretta a rinnovare il contratto di Moise Kean in scadenza fra un anno. Dopo la raffica di gol e le capacità tecniche e fisiche messe in mostra dal ragazzo del 2000, mezza Europa lo sta monitorando, ma in particolare è scattata l’attenzione del Real Madrid. Zidane...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la legge di CR7 e le panchine che cambiano in Serie A 11.04 - Tiene duro la Juventus, CR7 ci mette sempre la sua firma per un gol che fra una settimana potrebbe valere moltissimo. La Juve tocca con mano la freschezza dei giovani talenti olandesi, ma ha assolutamente imparato la lezione impartita al Real Madrid negli ottavi di finale. Non ha...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

L’assenza di Chiellini è più pesante di quella di Cristiano Ronaldo. Ma è la Champions della Juventus: anche così Allegri può vincere. Conte dentro, Icardi fuori: perché l’Inter deve decidersi, e presto 10.04 - Senza Chiellini contro l’Ajax non mancherà solo uno dei migliori tre difensori del mondo. Mancherà il condottiero, ancora prima che il capitano, quello che è capace di trascinare l’esercito fuori dal fuoco di fila. Si teme uno stop che possa includere anche il ritorno, ma il Chiello...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Inter: Conte in avvicinamento (e non arriva da solo...). Milan: la "finale" di Gattuso e un futuro già scritto. Juve: le polemiche e il campionato vinto a ottobre. Salvate il Var dagli arbitri! 09.04 - Parto con una primizia: lo scudetto è andato, assegnato, lo vince la Juve. Sarà per quei 323423423 punti di vantaggio sulla seconda. E allora parliamo d'altro, di una roba noiosa ma che ci tocca affrontare: parliamo di arbitri. E di Var. E di arbitri al Var. E di designatori che mandano...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510