VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

D'Ambrosio e l'Inter: ci siamo. E il Toro chiede Botta. Pogba-Pjanic-Nainggolan: che girotondo... Caso Antonelli: a Napoli comanda Benitez. Le ultime su Paredes. Il Parma di Imborgia

Alfredo Pedullà è nato a Messina il 15 aprile 1964. Lavora a Sport Uno, giornalista per passione e convinzione. Il più bel premio ricevuto è l'affetto della gente
05.01.2014 00.00 di Alfredo Pedullà  Twitter:    articolo letto 52215 volte
© foto di Federico De Luca

Danilo D'Ambrosio vede Milano, ma esclusivamente sponda Inter. Storia di una trattativa decollata all'improvviso nelle ultime 36 ore. C'era la Roma, ha mollato, scavalcata. Sorpasso Inter, traguardo vicinissimo. Per il Toro una contropartita tecnica individuata in Ruben Botta, l'estroso trequartista che era stato parcheggiato al Livorno durante il grave infortunio ormai smaltito. La comproprietà di Botta e un conguaglio di circa un milione. Si è ragionato su queste basi, una soluzione in grado di soddisfare tutti. L'Inter vorrebbe dare Botta solo in prestito, cosa che farebbe con il Livorno, tuttavia Spinelli deve aspettare. Il Toro preme per la metà, vedremo. Saltasse la contropartita tecnica, ma Botta piace molto al Toro, l'Inter potrebbe aumentare il cash. Quando tutto sarà chiaro e ufficiale avremo tempo di raccontare mille retroscena, depistaggi, qualche bufala. Faceva parte del gioco, importante non cascarci. I tempi per il nero su bianco potrebbero allungarsi di cinque o sei giorni, in fondo stiamo parlando della prima operazione dell'era Thohir. Per D'Ambrosio pronto un contratto fino al 2018, da 1,3 milioni a stagione più bonus. L'Inter saluterà Pereira, il Marsiglia è vicino, potrebbe restituire Wallace al Chelsea, poi si dedicherà al resto. Da qui la forte accelerazione, con D'Ambrosio nel mirino. Stand by Guarin, stand by Lamela, stand by Lavezzi. Magari esce Ranocchia, ma gennaio è lungo, non bisogna avere fretta. Della serie: ponderare e decidere.
I pezzi da novanta sono a centrocampo, mica soltanto in attacco. Sono i giorni di Pogba, Pjanic, Nainggolan, Jorginho. Qualcuno vorrebbe allargare a Verratti (per il futuro). E chissà quanti altri protagonisti ci sarebbero, soltanto se guardassimo oltre gennaio. Ma no, fermiamoci ai giorni nostri, saranno intensi fino al 31. Pogba: la Juve lo strablinda (forzatura) molto presto, gli offre quasi la luna. Pensate: fino a tre mesi fa in casa bianconera si immaginava che un adeguamento fino a due milioni e mezzo sarebbe stato sufficiente per accontentare il Polpo Paul. Adesso si parte da una base di quattro milioni almeno, sapendo che qualcuno presto potrà offrirgliene il doppio. Questo qualcuno è il Psg, ma fino a quando Pogba e il suo mentore Raiola non avranno lancinanti mal di pancia la Juve non correrà rischi. Anche se è giusto mettere in preventivo che i francesi dello sceicco per la prossima estate metteranno sul piatto dai 50 milioni in su. E magari Verratti che piace alla Juve (molto) e anche al Real, qui si aprirebbero gli incastri che coinvolgono Pirlo. Quest'ultimo non ha ancora deciso se restare o meno, può anche darsi che dica si, ma dobbiamo aspettare.
Nel frattempo il Psg ha memorizzato una cosa: è la stagione giusta per provare a vincere la Champions. Quindi, se bisogna spendere la cassaforte è completamente aperta. Piace molto Pjanic, che la Roma vuole trattenere con una clausola alta, a costo di mettere Pastore sul piatto della bilancia. E quando sente il nome di Pastore a Sabatini vengono i mal di testa e i mancamenti come se fosse un vuoto d'aria: prima o poi, più prima che poi, spera di tornare a lavorare con il suo figlioccio. Ma per Pjanic resiste, nel frattempo marca sempre Parolo. Esattamente come il Milan spera sempre di chiudere Nainggolan, number one della lista. Radja era stato proposto indovinate a chi? Al Psg che evidentemente non è così allupato sull'argomento. La Roma in questi giorni è isolata, l'Inter può tornare, la Juve alla finestra. Certo, se Nainggolan anche stavolta restasse a Cagliari, sarebbe come minimo sorprendente. Ecco perché qualcosa accadrà, le motivazioni sono tutto. E lo stesso Cellino ha tracciato la strada giusta, sa di non poterlo più trattenere. Su Jorginho bisogna capire quanto durerà la resistenza del Verona; i rapporti con la Fiorentina sono ottimi, dalla Premier potrebbero rilanciare, restando tutto bloccato fino a luglio magari tornerebbe in lizza il Milan. Considerato che il futuro del diesse Sogliano potrebbe/dovrebbe avere i colori rossoneri.
Saranno i giorni di Leandro Paredes: da novembre vi raccontiamo che la Roma ha il 90 per cento di possibilità, ultimamente il ragazzo non ha fatto benissimo al Boca, ma ha un talento straordinario. Era stato proposto alla Fiorentina, che ha il posto libero, ma non c'è stato un impulso. La Roma cercherà di piazzarlo per non correre rischi, la sicurezza di Sabatini è che stiamo parlando di un predestinato. E poi si concentrerà, tra le altre cose, sull'operazione Iturbe da chiudere con il Verona, prevedibilmente per luglio. Aspettiamo.
Nessuno è maestro, nessuno può fare il Prof, bisogna sempre mettersi in discussione. Ma se annunci "Antonelli andrà al Napoli", caschi il mondo Antonelli deve andare al Napoli. Altrimenti devi dire: ci sono buone possibilità, anzi ottime, sono vicini, quasi sicuramente troveranno un'intesa... No, tu dici che sicuramente lascerà il Genoa per andare al Napoli, poi non ci va e te la cavi con "sono storie di mercato". Storie di cosa? Cantastorie... A proposito della vicenda Antonelli, voi sapete come la penso (senza peli sulla lingua): Antonelli buonissimo interprete, ma non in grado di fare la differenza in un club dalle ambizioni europee come quello di De Laurentiis. Ritengo, quindi, siano stati soldi risparmiati. Anche perché Zuniga torna, Armero magari non parte, Mesto sarà nuovamente disponibile non tardissimo. Insomma, sulle fasce non sarebbe un dramma. Aspettando l'ultimo e decisivo scatto per Gonalons, una cosa mi colpisce: come il lavoro di cucitura di Bigon venga spesso azzerato e respinto al mittente da Benitez. La conferma che a Napoli conta solo Rafè: era accaduta la stessa cosa anche per Astori, il diesse a tessere la tela, inutilmente. Bigon è un bravo ragazzo, gode di ottima stampa, ma arriva il momento di capire quando si è protagonisti e quando no. Lo ha fatto anche Braida dopo quasi 30 anni vissuti magicamente con il Milan...
Leggo un'intervista di Antonino Imborgia che racconta i suoi successi al Parma. Saponara di qua, Belfodil di là, "se non ci fossi stato io", della serie "lei non sa chi sono io". Io ricordo Imborgia procuratore, da dirigente incompiute una dietro l'altra. Se fosse davvero così bravo, ispirato e competitivo non pensa il signor Nino che sarebbe ancora in Emilia? Perché non c'è più? Come mai ha rotto il contratto? Suvvia, non raccontiamo barzellette: in Italia sono bravi tutti a difendere l'indifendibile, a dire "ero il migliore" quando non tanto all'improvviso hanno indicato l'uscio, con tanti saluti. il Parma è rappresentato dal portafoglio di Ghirardi, dal genio tuttofare di Leonardi e dall'instancabile Preiti. Il signor Imborgia ripassi la prossima volta, spiegheremo meglio: oggi è chiuso per ferie. Buon anno.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi 27.04 - Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.