HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Cristiano Ronaldo alla Juve: ora chi andrà via?
  Gonzalo Higuain
  Miralem Pjanic
  Daniele Rugani
  Paulo Dybala
  Alex Sandro
  Più di un big
  Nessuno

Editoriale

Da Jeppson a Neymar: la storia si ripete. Dembélé, Coutinho, Mbappé: ora tutte le valutazioni sono sfalsate. La vera sconfitta dell'UEFA e il vero affare (nel rapporto qualità/prezzo) dell'estate: complimenti al Monaco

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
06.08.2017 10:06 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 62403 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

I 100 milioni di lire per 'o Banc 'e Napule Hasse Jeppson, i due miliardi per il bomber Giuseppe Savoldi, i 13 per Diego Armando Maradona, i 150 per Zinedine Zidane. Poi, passando ai milioni di euro, i 94 per Cristiano Ronaldo, i 105 per Paul Pogba e i 222 milioni di euro per Neymar.
Il calciomercato fin dai suoi albori ha vissuto momenti come quelli a cui abbiamo assistito questa settimana. L'impressione di tutti è che il passaggio di Neymar al Paris Saint-Germain rappresenti un momento storico, uno di quelli che sposta più in alto (in questo caso molto più in alto...) l'asticella delle valutazioni.
Come sempre, in queste circostanze l'opinione pubblica si divide: tra chi urla allo scandalo e chi giustifica tutto con la frase 'Il prezzo lo fa il mercato', c'è chi prova a dare delle spiegazioni razionali a un affare folle, ma forse - economicamente parlando - meno di quello che un anno fa portò Pogba dalla Juventus al Manchester United. Siamo su due pianeti diversi: per valutazione, certo, ma anche per il valore del calciatore, per l'importanza del brand Neymar (sottolineata anche da Al-Khelaifi in sede di presentazione) e perché nel 2022, anno del Mondiale in Qatar, il brasiliano sarà probabilmente il giocatore più forte al mondo. Che gioca nel club della Qatar Investment Authority e sarà il main sponsor di una competizione già oggi giustamente molto contestata e criticata.

Il trasferimento di Neymar può quindi negli anni ripagarsi da solo, un po' come quello che nel 2009 portò CR7 dal Manchester United al Real Madrid. Allora sembrò folle, oggi molto meno. Ma questi soldi che adesso ha incassato il Barcellona serviranno anche per far impennare il prezzo di calciatori che, ad oggi, con Neymar non hanno nulla in comune.
Perché, ad esempio, un calciatore come Ousmane Dembélé dovrebbe valere 100 milioni di euro?
Classe '97, questo calciatore francese che può giocare un po' in tutti i ruoli alle spalle della prima punta fu pagato un anno fa dal Borussia Dortmund 15 milioni di euro più bonus per un valore complessivo comunque non superiore ai 30 mln. Adesso, dopo una buona stagione a Dortmund, ne vale magicamente 100.
Perché dovrebbe valere 100 milioni di euro Philippe Coutinho? In questo caso parliamo di un attaccante più pronto che a Liverpool nell'ultimo anno ha dimostrato di essere un leader. Ma in tre anni e mezzo non ha mai trascinato i reds alla vittoria di alcun trofeo e le sue ultime vittorie risalgono ancora all'avventura all'Inter.
Perché Kylian Mbappé ne vale 190 (più 25 di bonus)? Stiamo parlando di un grandissimo talento classe '98, ma pur sempre di un calciatore che ha cominciato a vedere il campo con continuità dallo scorso febbraio. Ormai bastano quattro mesi ad altissimi livelli per 'rischiare' di diventare il secondo calciatore più pagato di sempre.

Quanto sta accadendo dovrà essere da monito per l'UEFA. Non tanto per l'operazione Neymar in sé, ma perché ci sono ormai sette-otto club al mondo che possono permettersi qualsiasi cosa e tutti gli altri, chi più e chi meno, che restano ad inseguire e ad annaspare.
Chi dice che il mondo del calcio viaggia su binari diversi rispetto al mondo reale si sbaglia: sono esattamente la stessa cosa. Basta mettere a confronto due rapporti, quello dell'Oxfam e quello della Deloitte, entrambi stilati lo scorso gennaio. Il primo ha certificato che le otto persone più ricche al mondo detengono la stessa ricchezza di metà della popolazione più povera del mondo, vale a dire 3,6 miliardi di persone. Il secondo che i 20 club più ricchi al mondo fatturano sempre di più aumentando la distanza dagli altri club, quelli più poveri. La forbice si allarga sempre più: i ricchi diventano sempre più ricchi, i poveri diventano sempre più poveri.
Il calcio sta andando in una direzione preoccupante, i campionati nazionali diventano sempre più noiosi perché a vincere sono sempre le stesse squadre (la Premier, per via di un campionato molto più ricco e di una ripartizione dei diritti tv più equa, è l'unica eccezione) e proseguendo su questa strada non basterà la riforma della Champions League per evitare la nascita di una Superlega.
E' il vero problema non risolto dal Financial Fair Play, strumento inserito dall'UEFA nel 2011 per regolamentare i conti dei club che partecipano alle competizioni europee. Perché se da un lato con il FFP s'è messo solo in parte un freno al problema dei mecenati (chi vuole continuare a investire tanto, in un modo o nell'altro, trova l'escamotage), dall'altro non sono stati forniti ai club 'normali' gli strumenti per competere. Luxury tax, salary cap e limitazione delle rose potrebbero essere delle prime risposte, ma probabilmente da sole non bastano.

In questa estate fatta di cifre folli e valutazioni senza alcun senso, difficile stabilire chi abbia fatto un affare e chi abbia strapagato un calciatore. Pochissime le certezze, tipo i 25 milioni di euro spesi a maggio dal Monaco per accaparrarsi le prestazioni di Youri Tielemans. Il vero affare dell'estate nel rapporto qualità/prezzo. Maggio '97, è un centrocampista che con l'Anderlecht ha giocato quasi 200 gare ufficiali ed è stato nelle ultime tre stagioni il vero faro dei biancomalva. Complimenti al club monegasco ad accaparrarselo prima che la situazione degenerasse, e permettesse allo stesso Monaco di chiedere per Mbappé (18 mesi in meno di Tielamans ma con quattro mesi di esperienza nel calcio che conta al posto dei quattro anni del belga) quasi 200 milioni di euro.
Mbappé, insomma, vale otto Tielemans: misteri del calciomercato.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

CR7 a Torino è un colpaccio per la Juventus, non per la Serie A. In Italia (e non solo) va avanti il monopolio e il risultato finale sarà uno solo: la nascita della Superlega 15.07 - Se ne sono dette tante, troppe. E forse è anche giusto così. Perché Cristiano Ronaldo è un acquisto che almeno per qualche giorno ha riportato l'Italia al centro del mondo calcistico. Ha risvegliato i sogni e riportato con la memoria indietro nel tempo, quando i grandi campioni -...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, assalto a Vrsaljko e Dembelé. Per Milinkovic Savic ora c’è il Real. Higuain e Rugani verso il Chelsea, che pensa anche ad Alisson. Florenzi rinnova fino al 2023 14.07 - L’Inter non si ferma e tenta il doppio colpo. Ausilio continua a lavorare per provare a chiudere altri due acquisti. A centrocampo l’obiettivo è Dembélé. Il belga è fortemente tentato dall’idea di misurarsi nel campionato italiano. La presenza di Nainggolan è uno stimolo in più per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cavani è la risposta del Napoli a Ronaldo. De Laurentiis tratta con il Psg, ingaggio da spalmare. Ma è il Milan il futuro di Giuntoli con Conte in panchina. Sarri e Zola firmano per il Chelsea. Juve lascia via libera al Real per Milinkovic Savic 13.07 - De Laurentiis ha incassato da signore (o quasi) il colpo del secolo messo a segno dalla Juventus. E adesso come risponderà all’acquisto di Ronaldo? Chi lo conosce bene sa che le dichiarazioni di questi giorni sono fumo per mascherare le intenzioni e la realtà. Non si prende un allenatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non solo Cristiano Ronaldo... la serie A risponde 12.07 - Cristiano Ronaldo alla Juventus ha avuto un’eco mediatica incredibile. E questo è solo l’assaggio di quello che succederà in Italia da adesso in poi. A cominciare da lunedì, quando ci sarà il CR7-day. Arrivo, visite mediche, conferenza stampa e presentazione. Poi da lì in poi inizierà...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

La Juventus porta avanti il calcio italiano riportando indietro l’orologio di 20 anni: entriamo in una nuova era. Nella storia del calcio italiano solo il passaggio di Ronaldo all’Inter è paragonabile, ecco perché 11.07 - Qui Radio Mosca, ma il terremoto di Torino è arrivato a ondate fino a qua. Qua dove sono io adesso, nel Media Center dell’astronave aliena della Krushovka Arena di San Pietroburgo, qua dove c’era una semifinale dei Mondiali. Ah, c’era una semifinale dei Mondiali? Se ne sono accorti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: tutte le sfaccettature dell'affare (fatto) chiamato "Ronaldo". Inter: le chance per Rafinha, l'idea per il centrocampo e il messaggio di Icardi. Milan: qualcuno salvi il soldato Gattuso. Napoli: il regalo di ADL per Ancelotti 10.07 - Oggi non c’è molto tempo. Però c’è parecchia “ciccia”, del resto sono iniziati i ritiri e il Mondiale sta per finire. E più il Mondiale si avvicina alla fine, più tornano le bombe di mercato. Le bombe di mercato sono importantissime, sono “il metadone” che accompagna i tossici del...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

“Un giorno all’improvviso…”CR7-Juve, mille vantaggi e un solo svantaggio. Paratici, dal colpo del secolo al bluff del millennio. Raduno Milan: squadra da sostenere, proprietà da contestare. Meret-Napoli, a Pastorello non prendeva il telefono 09.07 - C’è un popolo in attesa. Bambini impazziti che sognano il loro idolo con la maglia della propria squadra del cuore. Il popolo si divide in due: quelli che non vedono l’ora di abbracciarlo e quelli che non vogliono neanche sentire nominare Cristiano Ronaldo, per profonda scaramanzia....

EditorialeDI: Marco Conterio

Lunga ricostruzione della trattativa del secolo: Cristiano Ronaldo alla Juventus. La partita a poker Real-Mendes e il rischio boomerang. Poi i messaggi nascosti, l'orgoglio di Perez, lo United e la strategia economica per raggiungere il sogno 08.07 - Scordata e dimenticata, relegata al ruolo di recettrice di grandi talenti o di campioni in cerca di riscatto, l'Italia è tornata nella cartina geografica mondiale del calcio che conta. Perché Cristiano Ronaldo alla Juventus è trattativa e suggestione che rinverdisce fasti antichi,...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Cristiano Ronaldo sempre più Juve, Higuain verso il Chelsea, l’Inter insiste per Malcom. Milan: obiettivo cessioni 07.07 - Cristiano Ronaldo si avvicina sempre più. La Juventus è a pochi passi dal traguardo, vede insomma l’arrivo. Se Florentino Perez accetta l’offerta di 120 milioni di euro, Cr7 è bianconero. Ci vorrà ancora un pò di pazienza ma l’ottimismo in casa Juventus non manca. E’ chiaro che il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ronaldo ha deciso: vuole solo la Juve. Ok del Real, ma prima Perez vuole riprovare con Neymar, prendere Kane o Mbappè. Tutti i retroscena della trattativa del secolo. 350 milioni per vincere la Champions. Higuain e Rugani al Chelsea per 100 milioni 06.07 - Ronaldo ha deciso: vuole soltanto la Juventus. La leggenda narra che tutto è cominciato la sera del tre aprile scorso quando quarantamila spettatori dello Juventus Stadium si sono alzati in piedi e per più di un minuto lo hanno applaudito per il gol segnato in rovesciata. Da quella...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy