VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Sedici squadre si giocano la Champions League: chi è la favorita?
  Barcellona
  Basilea
  Bayern Monaco
  Besiktas
  Chelsea
  Juventus
  Liverpool
  Manchester City
  Manchester United
  Paris Saint-Germain
  Porto
  Real Madrid
  Roma
  Siviglia
  Shakhtar Donetsk
  Tottenham

Editoriale

Da Jeppson a Neymar: la storia si ripete. Dembélé, Coutinho, Mbappé: ora tutte le valutazioni sono sfalsate. La vera sconfitta dell'UEFA e il vero affare (nel rapporto qualità/prezzo) dell'estate: complimenti al Monaco

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
06.08.2017 10:06 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 62139 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

I 100 milioni di lire per 'o Banc 'e Napule Hasse Jeppson, i due miliardi per il bomber Giuseppe Savoldi, i 13 per Diego Armando Maradona, i 150 per Zinedine Zidane. Poi, passando ai milioni di euro, i 94 per Cristiano Ronaldo, i 105 per Paul Pogba e i 222 milioni di euro per Neymar.
Il calciomercato fin dai suoi albori ha vissuto momenti come quelli a cui abbiamo assistito questa settimana. L'impressione di tutti è che il passaggio di Neymar al Paris Saint-Germain rappresenti un momento storico, uno di quelli che sposta più in alto (in questo caso molto più in alto...) l'asticella delle valutazioni.
Come sempre, in queste circostanze l'opinione pubblica si divide: tra chi urla allo scandalo e chi giustifica tutto con la frase 'Il prezzo lo fa il mercato', c'è chi prova a dare delle spiegazioni razionali a un affare folle, ma forse - economicamente parlando - meno di quello che un anno fa portò Pogba dalla Juventus al Manchester United. Siamo su due pianeti diversi: per valutazione, certo, ma anche per il valore del calciatore, per l'importanza del brand Neymar (sottolineata anche da Al-Khelaifi in sede di presentazione) e perché nel 2022, anno del Mondiale in Qatar, il brasiliano sarà probabilmente il giocatore più forte al mondo. Che gioca nel club della Qatar Investment Authority e sarà il main sponsor di una competizione già oggi giustamente molto contestata e criticata.

Il trasferimento di Neymar può quindi negli anni ripagarsi da solo, un po' come quello che nel 2009 portò CR7 dal Manchester United al Real Madrid. Allora sembrò folle, oggi molto meno. Ma questi soldi che adesso ha incassato il Barcellona serviranno anche per far impennare il prezzo di calciatori che, ad oggi, con Neymar non hanno nulla in comune.
Perché, ad esempio, un calciatore come Ousmane Dembélé dovrebbe valere 100 milioni di euro?
Classe '97, questo calciatore francese che può giocare un po' in tutti i ruoli alle spalle della prima punta fu pagato un anno fa dal Borussia Dortmund 15 milioni di euro più bonus per un valore complessivo comunque non superiore ai 30 mln. Adesso, dopo una buona stagione a Dortmund, ne vale magicamente 100.
Perché dovrebbe valere 100 milioni di euro Philippe Coutinho? In questo caso parliamo di un attaccante più pronto che a Liverpool nell'ultimo anno ha dimostrato di essere un leader. Ma in tre anni e mezzo non ha mai trascinato i reds alla vittoria di alcun trofeo e le sue ultime vittorie risalgono ancora all'avventura all'Inter.
Perché Kylian Mbappé ne vale 190 (più 25 di bonus)? Stiamo parlando di un grandissimo talento classe '98, ma pur sempre di un calciatore che ha cominciato a vedere il campo con continuità dallo scorso febbraio. Ormai bastano quattro mesi ad altissimi livelli per 'rischiare' di diventare il secondo calciatore più pagato di sempre.

Quanto sta accadendo dovrà essere da monito per l'UEFA. Non tanto per l'operazione Neymar in sé, ma perché ci sono ormai sette-otto club al mondo che possono permettersi qualsiasi cosa e tutti gli altri, chi più e chi meno, che restano ad inseguire e ad annaspare.
Chi dice che il mondo del calcio viaggia su binari diversi rispetto al mondo reale si sbaglia: sono esattamente la stessa cosa. Basta mettere a confronto due rapporti, quello dell'Oxfam e quello della Deloitte, entrambi stilati lo scorso gennaio. Il primo ha certificato che le otto persone più ricche al mondo detengono la stessa ricchezza di metà della popolazione più povera del mondo, vale a dire 3,6 miliardi di persone. Il secondo che i 20 club più ricchi al mondo fatturano sempre di più aumentando la distanza dagli altri club, quelli più poveri. La forbice si allarga sempre più: i ricchi diventano sempre più ricchi, i poveri diventano sempre più poveri.
Il calcio sta andando in una direzione preoccupante, i campionati nazionali diventano sempre più noiosi perché a vincere sono sempre le stesse squadre (la Premier, per via di un campionato molto più ricco e di una ripartizione dei diritti tv più equa, è l'unica eccezione) e proseguendo su questa strada non basterà la riforma della Champions League per evitare la nascita di una Superlega.
E' il vero problema non risolto dal Financial Fair Play, strumento inserito dall'UEFA nel 2011 per regolamentare i conti dei club che partecipano alle competizioni europee. Perché se da un lato con il FFP s'è messo solo in parte un freno al problema dei mecenati (chi vuole continuare a investire tanto, in un modo o nell'altro, trova l'escamotage), dall'altro non sono stati forniti ai club 'normali' gli strumenti per competere. Luxury tax, salary cap e limitazione delle rose potrebbero essere delle prime risposte, ma probabilmente da sole non bastano.

In questa estate fatta di cifre folli e valutazioni senza alcun senso, difficile stabilire chi abbia fatto un affare e chi abbia strapagato un calciatore. Pochissime le certezze, tipo i 25 milioni di euro spesi a maggio dal Monaco per accaparrarsi le prestazioni di Youri Tielemans. Il vero affare dell'estate nel rapporto qualità/prezzo. Maggio '97, è un centrocampista che con l'Anderlecht ha giocato quasi 200 gare ufficiali ed è stato nelle ultime tre stagioni il vero faro dei biancomalva. Complimenti al club monegasco ad accaparrarselo prima che la situazione degenerasse, e permettesse allo stesso Monaco di chiedere per Mbappé (18 mesi in meno di Tielamans ma con quattro mesi di esperienza nel calcio che conta al posto dei quattro anni del belga) quasi 200 milioni di euro.
Mbappé, insomma, vale otto Tielemans: misteri del calciomercato.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Caso Donnarumma e Voluntary Agreement bocciato, una brutta settimana al Milan. L'Inter piange sulla prima sconfitta, Spalletti deve tenere la barca. Giacomelli horror, ma certi pianti... Complimenti a Massimo Oddo che ha già fatto nove punti 17.12 - Una settimana da Dio. Quella di Marco Fassone è stato a mercato ancora chiuso, perché l'amministratore delegato del Milan aveva già gettato le basi per il Milan del 2017-18, trovando accordi con praticamente tutti i giocatori poi acquistati in estate. Il mercato iniziava a luglio,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Tra voluntary Milan e rating BB- Inter. Gigio, la prova del nove. ADL: Ounas? No, Donnarumma! 16.12 - Certo che al Milan non si fanno salti di gioia. Sul piano industriale presentato a Nyon e sulle successive integrazioni in base alle richieste di documentazione UEFA, il Club rossonero aveva puntato molto. In ogni caso il tono del comunicato europeo, come tutti hanno potuto verificare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Lo scandalo Donnarumma. Il portiere contro il suo procuratore Raiola: “Mai subito violenza psicologica”. Raiola contro Mirabelli: “E’ lui il male”. Mirabelli: “Tanto non lo cediamo”. Ma il Milan ora può solo vendere il giocatore 15.12 - Dopo due giorni di polemiche, striscioni e lacrime, ieri sera a tarda ora è arrivata la versione di Gigio Donnarumma: “Non ho mai scritto o detto di aver subito violenza morale da parte del Milan durante la firma del contratto”. Una presa di posizione netta, chiarissima, del giocatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Donnarumma, sempre Donnarumma, ancora Donnarumma 14.12 - Donnarumma torna al centro della polemica. E ancora una volta, una parte della tifoseria organizzata del Milan, esprime il proprio dissenso. Di sicuro il rapporto, ora, è di nuovo teso. Per via di quanto è successo nelle ultime settimane. Proviamo a fare allora un riassunto (naturalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Donnarumma-Raiola, che pasticcio! Il VAR va migliorato non demonizzato… Lazio, incubo Barcellona! 13.12 - Un mio vecchio amico mi ripete, alla noia, questa frase: “Ai miei tempi il calcio era un gioco semplice fatto da persone semplici”. Avendo superato la settantina, è evidente il suo riferimento ad un calcio, quello degli anni ’60 e 70’ che ben poco ha a che fare con il calcio d’oggi…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri e la "grana" Dybala. Inter: il senso delle parole di Spalletti. Milan: Gattuso non è solo "grinta". Occhio agli Euro-sorteggi... 12.12 - Ciao. Oggi c’è Inter-Pordenone di Coppa Italia. La Coppa Italia è molto considerata dai nostri capi del calcio: fanno giocare l’ottavo di finale in casa della più forte. Di martedì. Alle nove antelucane. Con -12 gradi e l’incubo “gelicidio”. Il gelicidio fa paura a tutti. Tutti ne...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, uno spot per poveri. Roma e Napoli, siamo alle solite. Crotone, con Nicola hai perso un patrimonio tecnico ed umano 11.12 - Quando aspetti una settimana intera un big match, lo carichi con titoloni e speciali e poi vedi (o meglio non vedi) una partita priva di emozioni, capisci che questo campionato è aperto ad ogni pronostico. L'Inter è la vera anti-Juve? Difficile pensarlo se ci ricordiamo da dove arriva...

EditorialeDI: Marco Conterio

Juventus-Inter: altro che partita perfetta e spot del calcio italiano. Nei bianconeri ci sono due casi ma molto diversi tra Allegri e Mourinho. Icardi, l'esame Mundial e la corte di Florentino Perez 10.12 - Zero a zero sarà pure la partita perfetta ma Juventus-Inter è stata la fotografia della noia. Un ben noto e ascoltato incipit della gara, spiegava che sarebbe dovuta essere lo spot per il calcio italiano. Purtroppo, lo è stata del calcio italiano. Dove contano tanto i giocatori di...

EditorialeDI: Mauro Suma

La Cavese e il Povero Diavolo. Il Milan 2012-2017. I doveri dei Club channels. Juve, vigilia violenta 09.12 - I giocatori del Milan devono capire, compatibilmente con il lavoro di carico atletico che stanno mettendo nelle gambe, che in questo momento hanno un dovere doppio. Non solo quello di giocare e fare punti. Sarebbe troppo banale. Ma anche e soprattutto di tenere il Milan come simbolo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Un giallo: il Milan accerchiato. Bocciato o no il piano finanziario, l’Uefa non si fida di Li Yonghong. E Montella non andava esonerato adesso. Napoli, resta solo lo scudetto: De Laurentiis investa a gennaio e fuori subito dall’Europa League 08.12 - E’ l’anno del Milan, l’anno nero intendo. Il nuovo corso cinese che doveva riportare i rossoneri al vertice del calcio mondiale, in realtà sta portando soltanto enormi problemi. In campo e fuori. “Aridatece il Berlusca”, urla il popolo milanista e chissà lui quanto starà godendo. L’ultimo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.