VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Ciryl Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Da Jeppson a Neymar: la storia si ripete. Dembélé, Coutinho, Mbappé: ora tutte le valutazioni sono sfalsate. La vera sconfitta dell'UEFA e il vero affare (nel rapporto qualità/prezzo) dell'estate: complimenti al Monaco

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
06.08.2017 10:06 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 62057 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

I 100 milioni di lire per 'o Banc 'e Napule Hasse Jeppson, i due miliardi per il bomber Giuseppe Savoldi, i 13 per Diego Armando Maradona, i 150 per Zinedine Zidane. Poi, passando ai milioni di euro, i 94 per Cristiano Ronaldo, i 105 per Paul Pogba e i 222 milioni di euro per Neymar.
Il calciomercato fin dai suoi albori ha vissuto momenti come quelli a cui abbiamo assistito questa settimana. L'impressione di tutti è che il passaggio di Neymar al Paris Saint-Germain rappresenti un momento storico, uno di quelli che sposta più in alto (in questo caso molto più in alto...) l'asticella delle valutazioni.
Come sempre, in queste circostanze l'opinione pubblica si divide: tra chi urla allo scandalo e chi giustifica tutto con la frase 'Il prezzo lo fa il mercato', c'è chi prova a dare delle spiegazioni razionali a un affare folle, ma forse - economicamente parlando - meno di quello che un anno fa portò Pogba dalla Juventus al Manchester United. Siamo su due pianeti diversi: per valutazione, certo, ma anche per il valore del calciatore, per l'importanza del brand Neymar (sottolineata anche da Al-Khelaifi in sede di presentazione) e perché nel 2022, anno del Mondiale in Qatar, il brasiliano sarà probabilmente il giocatore più forte al mondo. Che gioca nel club della Qatar Investment Authority e sarà il main sponsor di una competizione già oggi giustamente molto contestata e criticata.

Il trasferimento di Neymar può quindi negli anni ripagarsi da solo, un po' come quello che nel 2009 portò CR7 dal Manchester United al Real Madrid. Allora sembrò folle, oggi molto meno. Ma questi soldi che adesso ha incassato il Barcellona serviranno anche per far impennare il prezzo di calciatori che, ad oggi, con Neymar non hanno nulla in comune.
Perché, ad esempio, un calciatore come Ousmane Dembélé dovrebbe valere 100 milioni di euro?
Classe '97, questo calciatore francese che può giocare un po' in tutti i ruoli alle spalle della prima punta fu pagato un anno fa dal Borussia Dortmund 15 milioni di euro più bonus per un valore complessivo comunque non superiore ai 30 mln. Adesso, dopo una buona stagione a Dortmund, ne vale magicamente 100.
Perché dovrebbe valere 100 milioni di euro Philippe Coutinho? In questo caso parliamo di un attaccante più pronto che a Liverpool nell'ultimo anno ha dimostrato di essere un leader. Ma in tre anni e mezzo non ha mai trascinato i reds alla vittoria di alcun trofeo e le sue ultime vittorie risalgono ancora all'avventura all'Inter.
Perché Kylian Mbappé ne vale 190 (più 25 di bonus)? Stiamo parlando di un grandissimo talento classe '98, ma pur sempre di un calciatore che ha cominciato a vedere il campo con continuità dallo scorso febbraio. Ormai bastano quattro mesi ad altissimi livelli per 'rischiare' di diventare il secondo calciatore più pagato di sempre.

Quanto sta accadendo dovrà essere da monito per l'UEFA. Non tanto per l'operazione Neymar in sé, ma perché ci sono ormai sette-otto club al mondo che possono permettersi qualsiasi cosa e tutti gli altri, chi più e chi meno, che restano ad inseguire e ad annaspare.
Chi dice che il mondo del calcio viaggia su binari diversi rispetto al mondo reale si sbaglia: sono esattamente la stessa cosa. Basta mettere a confronto due rapporti, quello dell'Oxfam e quello della Deloitte, entrambi stilati lo scorso gennaio. Il primo ha certificato che le otto persone più ricche al mondo detengono la stessa ricchezza di metà della popolazione più povera del mondo, vale a dire 3,6 miliardi di persone. Il secondo che i 20 club più ricchi al mondo fatturano sempre di più aumentando la distanza dagli altri club, quelli più poveri. La forbice si allarga sempre più: i ricchi diventano sempre più ricchi, i poveri diventano sempre più poveri.
Il calcio sta andando in una direzione preoccupante, i campionati nazionali diventano sempre più noiosi perché a vincere sono sempre le stesse squadre (la Premier, per via di un campionato molto più ricco e di una ripartizione dei diritti tv più equa, è l'unica eccezione) e proseguendo su questa strada non basterà la riforma della Champions League per evitare la nascita di una Superlega.
E' il vero problema non risolto dal Financial Fair Play, strumento inserito dall'UEFA nel 2011 per regolamentare i conti dei club che partecipano alle competizioni europee. Perché se da un lato con il FFP s'è messo solo in parte un freno al problema dei mecenati (chi vuole continuare a investire tanto, in un modo o nell'altro, trova l'escamotage), dall'altro non sono stati forniti ai club 'normali' gli strumenti per competere. Luxury tax, salary cap e limitazione delle rose potrebbero essere delle prime risposte, ma probabilmente da sole non bastano.

In questa estate fatta di cifre folli e valutazioni senza alcun senso, difficile stabilire chi abbia fatto un affare e chi abbia strapagato un calciatore. Pochissime le certezze, tipo i 25 milioni di euro spesi a maggio dal Monaco per accaparrarsi le prestazioni di Youri Tielemans. Il vero affare dell'estate nel rapporto qualità/prezzo. Maggio '97, è un centrocampista che con l'Anderlecht ha giocato quasi 200 gare ufficiali ed è stato nelle ultime tre stagioni il vero faro dei biancomalva. Complimenti al club monegasco ad accaparrarselo prima che la situazione degenerasse, e permettesse allo stesso Monaco di chiedere per Mbappé (18 mesi in meno di Tielamans ma con quattro mesi di esperienza nel calcio che conta al posto dei quattro anni del belga) quasi 200 milioni di euro.
Mbappé, insomma, vale otto Tielemans: misteri del calciomercato.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio 09.10 - La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.