VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/18?
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Roma
  Liverpool

Editoriale

Da Savoldi a Neymar, passando per Asensio: il calcio sta crescendo o affondando? E poi ecco il VAR…

30.08.2017 00:00 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    articolo letto 34306 volte

Un’altra dolce (e calda) estate sta volgendo al termine. E’ accaduto di tutto. Nell’ovattato universo del calcio, lo sport più amato, è stato il mercato delle esagerazioni. Colpa, in primis, di Nasser Al-Khelaifi, numero uno del PSG. Nominato, solo un anno fa, “uomo più influente nel calcio francese”, Al-Khelafi, dal suo insediamento a Parigi (ottobre 2011) ha sempre avuto obiettivi chiari: dominare in terra francese e vincere la Champions League. Il primo obiettivo, grazie ad investimenti milionari, è stato raggiunto (16 titoli dal giorno del suo arrivo, con quattro titoli di Ligue 1). Il secondo? Beh, non è andata, fino ad ora, benissimo…
L’ultima cocente eliminazione (la famosa remuntada del Barça) ha convinto l’ex tennista Al-Khelafi (miglior ranking ATP: n°995 del mondo, anno 2002) a rompere gli indugi e stravolgere le regole del calcio: 222 milioni di euro per avere Neymar!!! Boom… Un acquisto folle, sconsiderato, strepitoso, incredibile… L’intero mondo del calcio è rimasto a bocca aperta. Un trasferimento record che ha portato a conseguenze tangibili: dal giorno dell’ufficializzazione del passaggio di Neymar dal Barcellona al PSG, la valutazione generale dei calciatori, top player e non, è schizzata alle stelle.
Un “cambiamento radicale” delle regole non scritte del mercato che ha “toccato” anche l’Italia. La memoria (sapete che adoro la storia del calcio) è andata all’estate del 1975, l’anno in cui Beppe Savoldi, straordinario attaccante del Bologna, finisce al Napoli per una cifra, a quel tempo, neanche immaginabile: un miliardo e 440 milioni di vecchie lire. Di fatto, un colpo “alla Neymar” per il nostro calcio che, dopo quel trasferimento, entrerà in una nuova era, sempre più intrisa di denaro…
Insomma, da Savoldi a Neymar… Una lunga ma inesorabile scalata all’olimpo del dio denaro! I calciatori sono diventati delle vere e proprie aziende. Il loro potere non sta più solo nelle doti calcistiche ma nell’abilità, soprattutto di chi gli sta attorno, di renderli “uomini marketing”. Mai come quest’estate abbiamo assistito a “certificati medici” per saltare allenamenti. “Scusate, ho subito un danno psicologico dal mio mancato trasferimento, non posso venire ad allenarmi”… Con i capitali che circolano, ogni calciatore si sente invincibile, indistruttibile, senza re o padrone. I contratti sono diventati semplici pezzi di carta da esibire quando fa comodo. Per il resto, non hanno nessun valore. Le clausole rescissorie abbondano, proprio per “dare un prezzo” al giocatore. Pensiamo ad Asensio. A 21 anni, la nuova stella del Real Madrid, è già “prezzato”. Per averlo servono 500 milioni di euro!!! Ripeto: 500 milioni di euro, più di Messi… Pazzia? Forse o, semplicemente, c’è la consapevolezza che qualcuno, prima o poi, possa spenderli quei 500 milioni per averlo… Difficile dire se il calcio stia ulteriormente evolvendo, entrando in una nuova dimensione ancor più sfarzosa o se il giocattolino che tutti amiamo sia ad un passo dall’auto distruzione. Lo scopriremo solo osservando i protagonisti del giochino duellare a suon di milioni…
Chi osserva è anche il VAR… Sono di “cultura americana”, adoro NBA e NFL, sport in cui “l’intervento tecnologico” è presente da tempo… Ma il calcio è un’altra cosa. Il calcio è fluidità. Attenzione a non rendere il VAR l’unico, reale, giudice! L’arbitro, inconsciamente, potrebbe iniziare ad avere meno coraggio e, soprattutto, meno autorità: “Chiediamolo al VAR, non rischiamo. Ci pensa lui”, potrebbe pensare il direttore di gara dell’immediato futuro… Ma il VAR, essendo di matrice umana, è soggetto all’errore. Certamente il margine di errore è minimo ma esiste. Il calcio è un gioco di imprecisioni: segno perché qualcuno, in difesa, ha commesso uno sbaglio… Non rendiamo il calcio quello che non è mai stato. Già abbiamo “calciatori aziende”, non creiamo anche “arbitri robot”!


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Morata-Juve per ora solo un’idea, ma il ritorno non è impossibile. Per Torreira il Napoli tenta l’affondo. Mancini CT, lo Zenit frena: i tempi potrebbero allungarsi 21.04 - La sfida scudetto di Torino è dietro l’angolo ma anche il mercato continua a regalare spunti interessanti e per certi versi clamorosi. Parto subito forte e vi dico che il ritorno di Morata alla Juventus non è impossibile. Al momento è solo un’idea, destinata a rimanere tale se la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Napoli, ecco come giocheranno. Sui bianconeri le maggiori pressioni. Dybala è il dubbio. Pjanic recupera. Milik in vantaggio su Mertens. Restare o andar via? Il futuro di Allegri e Sarri passa da questo scudetto. Italia, Mancini CT 20.04 - Hai nove punti di vantaggio, praticamente già vinto lo scudetto e pochi minuti dopo scopri che quei punti si riducono a quattro e ritorna tutto in discussione. Non deve essere simpatico. Non è un momento semplice per la Juve alla vigilia dello scontro diretto col Napoli, pochi giorni...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juventus-Napoli, sfida totale. Un finale di campionato elettrizzante… 19.04 - Un finale di campionato così è letteralmente da sogno. Per tutti i tifosi, di tutti i colori. Perché vivere un duello così bello, così intenso, con così tanti colpi di scena concentrati in pochi minuti o in poche giornate. Lo scontro diretto è ormai alle porte e viverlo con queste...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

I dolori del giovane Andrea Agnelli: se gli obiettivi futuri della Juventus valgono davvero questo danno d'immagine, per il club stesso, e per Gigi Buffon. Gravissima l'accusa di malafede a Collina 18.04 - È passato tutto in cavalleria. No, non di certo le parole di Buffon o di qualcun altro. Le uscite dei giocatori hanno fatto molto clamore, anche se qua in Italia si è trattato solo di rumore, mentre all'estero è stato disgusto e condanna, in un tragico giro del mondo che ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la corte a Marotta e il futuro di Allegri. Milan: il piano di Gattuso per la prossima stagione (e Donnarumma?). Inter: quanti processi senza senso. E a Buffon il 432esimo consiglio non richiesto 17.04 - A Milano è iniziata la Settimana del Mobile. Alla Settimana del Mobile è difficilissimo trovare dei mobili e la cosa, converrete, è molto curiosa. Molto più facile trovare gente di merda. Di quella sono piene le vie. Sembra che tutti vadano nelle feste esclusive, fanno a gara a dirtelo,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Ecco perché Buffon va assolto. Il suicidio della Lazio senza un perché. L'Inter senza Icardi ha un problema. Empoli verso la A: bastava esonerare Vivarini 16.04 - Ci siamo lasciati alle spalle la settimana europea più folle di sempre per il calcio italiano. Istanbul a parte, una roba del genere non l'avevamo mai vista. Nel bene (la Roma) e nel male (la Lazio). E la Juve è bene o male? Vi starete chiedendo. Assolutamente nel bene. La Juventus...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il problema non è il contatto Benatia-Vazquez, il problema è tutto il resto: Ceferin faccia subito un passo indietro. La UEFA ha due scuse, ma non bastano per giustificare questo atteggiamento: ha ragione Gattuso 15.04 - Andò peggio, molto peggio, un anno fa. Erano sempre i quarti di finale di Champions League, c'era sempre il Real Madrid, ma i blancos al Bernabeu non avevano di fronte la Juventus, bensì il Bayern Monaco, sconfitto 2-1 all'andata. I bavaresi, allora guidati da Carlo Ancelotti, nei...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Juve, il sogno è sempre Isco, c’è anche Bernat per la fascia sinistra. Sarri pensa solo al campionato, il futuro a fine aprile. Chelsea e Monaco alla finestra. L’Inter torna forte su Verdi 14.04 - L’eliminazione in Champions League non cambia i piani. Marotta è stato chiaro. La Juventus aumenterà la sua qualità con un mix tra giovani e giocatori più esperti. E anche qualche sogno. Uno di questi è Isco. Il corteggiamento parte da lontano. Sono due anni, che i bianconeri sondano...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Buffon non può chiudere così, deve chiedere scusa. Collina e gli arbitri inadeguati. Il Var in Champions. Juve fantastica senza Dybala si è buttata via all’andata 13.04 - Dalla notte di Madrid in poi ne abbiamo viste e sentite di cotte e di crude, tanto per usare una vecchia espressione degli anni cinquanta che forse oggi è cara soltanto a Masterchef. IL RIGORE – Vista e rivista l’azione, anche a mente fredda, 24 ore dopo, sinceramente non so se...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le lezioni di Juve e Roma: a tutti. Sarri e il suo sogno e i prestiti “vietati” 12.04 - È una beffa. Forse la peggiore. Un rigore, di cui discuteremo anche a lungo, nel tempo di recupero, con addirittura l’espulsione di Buffon, raramente visto così arrabbiato. La Juventus stava raddoppiando l’impresa della Roma, e sarebbe stato duro dover scegliere quale sarebbe stato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.