VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Da Savoldi a Neymar, passando per Asensio: il calcio sta crescendo o affondando? E poi ecco il VAR…

30.08.2017 00:00 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    articolo letto 34226 volte

Un’altra dolce (e calda) estate sta volgendo al termine. E’ accaduto di tutto. Nell’ovattato universo del calcio, lo sport più amato, è stato il mercato delle esagerazioni. Colpa, in primis, di Nasser Al-Khelaifi, numero uno del PSG. Nominato, solo un anno fa, “uomo più influente nel calcio francese”, Al-Khelafi, dal suo insediamento a Parigi (ottobre 2011) ha sempre avuto obiettivi chiari: dominare in terra francese e vincere la Champions League. Il primo obiettivo, grazie ad investimenti milionari, è stato raggiunto (16 titoli dal giorno del suo arrivo, con quattro titoli di Ligue 1). Il secondo? Beh, non è andata, fino ad ora, benissimo…
L’ultima cocente eliminazione (la famosa remuntada del Barça) ha convinto l’ex tennista Al-Khelafi (miglior ranking ATP: n°995 del mondo, anno 2002) a rompere gli indugi e stravolgere le regole del calcio: 222 milioni di euro per avere Neymar!!! Boom… Un acquisto folle, sconsiderato, strepitoso, incredibile… L’intero mondo del calcio è rimasto a bocca aperta. Un trasferimento record che ha portato a conseguenze tangibili: dal giorno dell’ufficializzazione del passaggio di Neymar dal Barcellona al PSG, la valutazione generale dei calciatori, top player e non, è schizzata alle stelle.
Un “cambiamento radicale” delle regole non scritte del mercato che ha “toccato” anche l’Italia. La memoria (sapete che adoro la storia del calcio) è andata all’estate del 1975, l’anno in cui Beppe Savoldi, straordinario attaccante del Bologna, finisce al Napoli per una cifra, a quel tempo, neanche immaginabile: un miliardo e 440 milioni di vecchie lire. Di fatto, un colpo “alla Neymar” per il nostro calcio che, dopo quel trasferimento, entrerà in una nuova era, sempre più intrisa di denaro…
Insomma, da Savoldi a Neymar… Una lunga ma inesorabile scalata all’olimpo del dio denaro! I calciatori sono diventati delle vere e proprie aziende. Il loro potere non sta più solo nelle doti calcistiche ma nell’abilità, soprattutto di chi gli sta attorno, di renderli “uomini marketing”. Mai come quest’estate abbiamo assistito a “certificati medici” per saltare allenamenti. “Scusate, ho subito un danno psicologico dal mio mancato trasferimento, non posso venire ad allenarmi”… Con i capitali che circolano, ogni calciatore si sente invincibile, indistruttibile, senza re o padrone. I contratti sono diventati semplici pezzi di carta da esibire quando fa comodo. Per il resto, non hanno nessun valore. Le clausole rescissorie abbondano, proprio per “dare un prezzo” al giocatore. Pensiamo ad Asensio. A 21 anni, la nuova stella del Real Madrid, è già “prezzato”. Per averlo servono 500 milioni di euro!!! Ripeto: 500 milioni di euro, più di Messi… Pazzia? Forse o, semplicemente, c’è la consapevolezza che qualcuno, prima o poi, possa spenderli quei 500 milioni per averlo… Difficile dire se il calcio stia ulteriormente evolvendo, entrando in una nuova dimensione ancor più sfarzosa o se il giocattolino che tutti amiamo sia ad un passo dall’auto distruzione. Lo scopriremo solo osservando i protagonisti del giochino duellare a suon di milioni…
Chi osserva è anche il VAR… Sono di “cultura americana”, adoro NBA e NFL, sport in cui “l’intervento tecnologico” è presente da tempo… Ma il calcio è un’altra cosa. Il calcio è fluidità. Attenzione a non rendere il VAR l’unico, reale, giudice! L’arbitro, inconsciamente, potrebbe iniziare ad avere meno coraggio e, soprattutto, meno autorità: “Chiediamolo al VAR, non rischiamo. Ci pensa lui”, potrebbe pensare il direttore di gara dell’immediato futuro… Ma il VAR, essendo di matrice umana, è soggetto all’errore. Certamente il margine di errore è minimo ma esiste. Il calcio è un gioco di imprecisioni: segno perché qualcuno, in difesa, ha commesso uno sbaglio… Non rendiamo il calcio quello che non è mai stato. Già abbiamo “calciatori aziende”, non creiamo anche “arbitri robot”!


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Verdi-Napoli: in estate scopriremo la verità. Milan, fidarsi di Mendes è stato un errore. Cosa fai Monchi? La Roma sta rischiando grosso 21.01 - Ma cosa passa nella testa di alcune persone? Me lo sono chiesto in questi giorni vedendo le reazioni e alcuni messaggi rivolti a Simone Verdi - e persino alla sua compagna - per la scelta di restare al Bologna. Offese personali, addirittura qualche minaccia di morte. Ma perché? Badate...

EditorialeDI: Mauro Suma

Balotelli: il Milan c'entra Buffon: come Rivera l'ultimo anno Thohir: Inter usata in chiave anti Milan? 20.01 - Cosa c'entra il Milan con Mario Balotelli? Niente. Anzi, parliamone. La prima sensazione infatti è che l'apertura di credito a quanto sta facendo Balo in Ligue 1 significa che i cannoni mediatici restano belli accesi e belli carichi proprio sul Milan in relazione a eventuali sviluppi...

EditorialeDI: Luca Serafini

Napoli, Inter, Roma: mercato pro-Juve, ma fanno notizia le ombre del Milan 19.01 - Non cadete nelle trappole propagandistiche. La politica italiana ha così pochi argomenti propositivi che l’unico esercizio remunerativo appare la distruzione verbale dell’avversario. Insulti, minacce, dubbi e sospetti, così l’operazione Berlusconi-Milan cinese è diventato (dopo il...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter avanti per Rafinha, ma spuntano le alternative, le mosse (segrete) del Napoli e quelle (clamorose) delle spagnole: da CR7 a Griezmann... 18.01 - Il primo incontro con il Barcellona ora deve maturare. L'Inter, con il suo direttore sportivo, ha allacciato ufficialmente i rapporti (fra società importanti come Inter e Barca è molto meglio, anche diplomaticamente, parlarne di persona) e ha "lanciato" l'ultima offerta. 35 milioni...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.