VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Da Savoldi a Neymar, passando per Asensio: il calcio sta crescendo o affondando? E poi ecco il VAR…

30.08.2017 00:00 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    articolo letto 33994 volte

Un’altra dolce (e calda) estate sta volgendo al termine. E’ accaduto di tutto. Nell’ovattato universo del calcio, lo sport più amato, è stato il mercato delle esagerazioni. Colpa, in primis, di Nasser Al-Khelaifi, numero uno del PSG. Nominato, solo un anno fa, “uomo più influente nel calcio francese”, Al-Khelafi, dal suo insediamento a Parigi (ottobre 2011) ha sempre avuto obiettivi chiari: dominare in terra francese e vincere la Champions League. Il primo obiettivo, grazie ad investimenti milionari, è stato raggiunto (16 titoli dal giorno del suo arrivo, con quattro titoli di Ligue 1). Il secondo? Beh, non è andata, fino ad ora, benissimo…
L’ultima cocente eliminazione (la famosa remuntada del Barça) ha convinto l’ex tennista Al-Khelafi (miglior ranking ATP: n°995 del mondo, anno 2002) a rompere gli indugi e stravolgere le regole del calcio: 222 milioni di euro per avere Neymar!!! Boom… Un acquisto folle, sconsiderato, strepitoso, incredibile… L’intero mondo del calcio è rimasto a bocca aperta. Un trasferimento record che ha portato a conseguenze tangibili: dal giorno dell’ufficializzazione del passaggio di Neymar dal Barcellona al PSG, la valutazione generale dei calciatori, top player e non, è schizzata alle stelle.
Un “cambiamento radicale” delle regole non scritte del mercato che ha “toccato” anche l’Italia. La memoria (sapete che adoro la storia del calcio) è andata all’estate del 1975, l’anno in cui Beppe Savoldi, straordinario attaccante del Bologna, finisce al Napoli per una cifra, a quel tempo, neanche immaginabile: un miliardo e 440 milioni di vecchie lire. Di fatto, un colpo “alla Neymar” per il nostro calcio che, dopo quel trasferimento, entrerà in una nuova era, sempre più intrisa di denaro…
Insomma, da Savoldi a Neymar… Una lunga ma inesorabile scalata all’olimpo del dio denaro! I calciatori sono diventati delle vere e proprie aziende. Il loro potere non sta più solo nelle doti calcistiche ma nell’abilità, soprattutto di chi gli sta attorno, di renderli “uomini marketing”. Mai come quest’estate abbiamo assistito a “certificati medici” per saltare allenamenti. “Scusate, ho subito un danno psicologico dal mio mancato trasferimento, non posso venire ad allenarmi”… Con i capitali che circolano, ogni calciatore si sente invincibile, indistruttibile, senza re o padrone. I contratti sono diventati semplici pezzi di carta da esibire quando fa comodo. Per il resto, non hanno nessun valore. Le clausole rescissorie abbondano, proprio per “dare un prezzo” al giocatore. Pensiamo ad Asensio. A 21 anni, la nuova stella del Real Madrid, è già “prezzato”. Per averlo servono 500 milioni di euro!!! Ripeto: 500 milioni di euro, più di Messi… Pazzia? Forse o, semplicemente, c’è la consapevolezza che qualcuno, prima o poi, possa spenderli quei 500 milioni per averlo… Difficile dire se il calcio stia ulteriormente evolvendo, entrando in una nuova dimensione ancor più sfarzosa o se il giocattolino che tutti amiamo sia ad un passo dall’auto distruzione. Lo scopriremo solo osservando i protagonisti del giochino duellare a suon di milioni…
Chi osserva è anche il VAR… Sono di “cultura americana”, adoro NBA e NFL, sport in cui “l’intervento tecnologico” è presente da tempo… Ma il calcio è un’altra cosa. Il calcio è fluidità. Attenzione a non rendere il VAR l’unico, reale, giudice! L’arbitro, inconsciamente, potrebbe iniziare ad avere meno coraggio e, soprattutto, meno autorità: “Chiediamolo al VAR, non rischiamo. Ci pensa lui”, potrebbe pensare il direttore di gara dell’immediato futuro… Ma il VAR, essendo di matrice umana, è soggetto all’errore. Certamente il margine di errore è minimo ma esiste. Il calcio è un gioco di imprecisioni: segno perché qualcuno, in difesa, ha commesso uno sbaglio… Non rendiamo il calcio quello che non è mai stato. Già abbiamo “calciatori aziende”, non creiamo anche “arbitri robot”!


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.