VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Da Savoldi a Neymar, passando per Asensio: il calcio sta crescendo o affondando? E poi ecco il VAR…

30.08.2017 00:00 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    articolo letto 34099 volte

Un’altra dolce (e calda) estate sta volgendo al termine. E’ accaduto di tutto. Nell’ovattato universo del calcio, lo sport più amato, è stato il mercato delle esagerazioni. Colpa, in primis, di Nasser Al-Khelaifi, numero uno del PSG. Nominato, solo un anno fa, “uomo più influente nel calcio francese”, Al-Khelafi, dal suo insediamento a Parigi (ottobre 2011) ha sempre avuto obiettivi chiari: dominare in terra francese e vincere la Champions League. Il primo obiettivo, grazie ad investimenti milionari, è stato raggiunto (16 titoli dal giorno del suo arrivo, con quattro titoli di Ligue 1). Il secondo? Beh, non è andata, fino ad ora, benissimo…
L’ultima cocente eliminazione (la famosa remuntada del Barça) ha convinto l’ex tennista Al-Khelafi (miglior ranking ATP: n°995 del mondo, anno 2002) a rompere gli indugi e stravolgere le regole del calcio: 222 milioni di euro per avere Neymar!!! Boom… Un acquisto folle, sconsiderato, strepitoso, incredibile… L’intero mondo del calcio è rimasto a bocca aperta. Un trasferimento record che ha portato a conseguenze tangibili: dal giorno dell’ufficializzazione del passaggio di Neymar dal Barcellona al PSG, la valutazione generale dei calciatori, top player e non, è schizzata alle stelle.
Un “cambiamento radicale” delle regole non scritte del mercato che ha “toccato” anche l’Italia. La memoria (sapete che adoro la storia del calcio) è andata all’estate del 1975, l’anno in cui Beppe Savoldi, straordinario attaccante del Bologna, finisce al Napoli per una cifra, a quel tempo, neanche immaginabile: un miliardo e 440 milioni di vecchie lire. Di fatto, un colpo “alla Neymar” per il nostro calcio che, dopo quel trasferimento, entrerà in una nuova era, sempre più intrisa di denaro…
Insomma, da Savoldi a Neymar… Una lunga ma inesorabile scalata all’olimpo del dio denaro! I calciatori sono diventati delle vere e proprie aziende. Il loro potere non sta più solo nelle doti calcistiche ma nell’abilità, soprattutto di chi gli sta attorno, di renderli “uomini marketing”. Mai come quest’estate abbiamo assistito a “certificati medici” per saltare allenamenti. “Scusate, ho subito un danno psicologico dal mio mancato trasferimento, non posso venire ad allenarmi”… Con i capitali che circolano, ogni calciatore si sente invincibile, indistruttibile, senza re o padrone. I contratti sono diventati semplici pezzi di carta da esibire quando fa comodo. Per il resto, non hanno nessun valore. Le clausole rescissorie abbondano, proprio per “dare un prezzo” al giocatore. Pensiamo ad Asensio. A 21 anni, la nuova stella del Real Madrid, è già “prezzato”. Per averlo servono 500 milioni di euro!!! Ripeto: 500 milioni di euro, più di Messi… Pazzia? Forse o, semplicemente, c’è la consapevolezza che qualcuno, prima o poi, possa spenderli quei 500 milioni per averlo… Difficile dire se il calcio stia ulteriormente evolvendo, entrando in una nuova dimensione ancor più sfarzosa o se il giocattolino che tutti amiamo sia ad un passo dall’auto distruzione. Lo scopriremo solo osservando i protagonisti del giochino duellare a suon di milioni…
Chi osserva è anche il VAR… Sono di “cultura americana”, adoro NBA e NFL, sport in cui “l’intervento tecnologico” è presente da tempo… Ma il calcio è un’altra cosa. Il calcio è fluidità. Attenzione a non rendere il VAR l’unico, reale, giudice! L’arbitro, inconsciamente, potrebbe iniziare ad avere meno coraggio e, soprattutto, meno autorità: “Chiediamolo al VAR, non rischiamo. Ci pensa lui”, potrebbe pensare il direttore di gara dell’immediato futuro… Ma il VAR, essendo di matrice umana, è soggetto all’errore. Certamente il margine di errore è minimo ma esiste. Il calcio è un gioco di imprecisioni: segno perché qualcuno, in difesa, ha commesso uno sbaglio… Non rendiamo il calcio quello che non è mai stato. Già abbiamo “calciatori aziende”, non creiamo anche “arbitri robot”!


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L’Italia e Insigne, il Napoli e i terzini, l’Inter e Joao Mario e il FFP del Milan 09.11 - Ora tutti concentrati sull’Italia. E di parole sull’importanza della partita in previsione domani ne sono state dette e scritte tantissime. Dai protagonisti di questo spareggio e da tanti colleghi. Tutti d’accordo, l’Italia non può mancare dal Mondiale. Il rischio, paradossalmente...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.