HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Dal contatto Iuliano-Ronaldo e le parole di Ceccarini fino alle polemiche su Allegri, il triste derby di Milano e il ko Juve col Real. Tutto collegato ed è sempre la stessa vecchia storia

Nato a Firenze nel 1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com e speaker di RMC SPORT. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato voce e conduttore per Radio Sportiva.
08.04.2018 07:37 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 27885 volte
© foto di Image Sport

Nei giorni in cui la Juventus tracolla contro il Real Madrid e la Roma fa lo stesso contro il Barcellona, ci ritroviamo ancora a discutere del fallo o non fallo tra Mark Iuliano e Ronaldo. Delle parole dell'arbitro Piero Ceccarini, delle reazioni di Luigi Simoni e di tutti gli altri protagonisti di qualcosa che accade vent'anni fa. E non è giusto per sentirci tutti un po' più vecchi, o meno giovani. E' purtroppo perché non riusciamo a metter da parte il passato, a posare le asce, a scordare viceversa gli antichi fasti, che non riusciamo ad andare avanti. Figuriamoci se citiamo la parola Calciopoli: apriti cielo e dischiudetevi inferi.

Il punto è che le ferite non si rimarginano solo in chi non ha la forza per curarsele. Il punto è che celebriamo un derby di Milano in prima pagina, dedicandogli pagine e speciali, titoli e aperture, perché riguarda due squadre che hanno ampio bacino d'utenza e perché c'è comunque attenzione ma in pochi hanno saputo sottolineare che era un derbino, una partita che non aveva neppure l'ombra della gloria che fu. Inter e Milan, tra spending review e nubi societarie, l'una aggrappata all'obiettivo Champions e l'altra che dai proclami d'estate ha cambiato allenatore e che carica il peso di un attacco che doveva mirare in altissimo e che ora mira all'Europa League, dalla quale è peraltro anche fuori, su quello che doveva essere il terzo attaccante d'estate.

Il punto è che il tifoso italiano, a ogni latitudine, non s'accorge della dimensione attuale della sua piazza e, allargando il cerchio, della nazione calcistica in cui vive. Prendete la Juventus: il fatturato e gli investimenti sono ben al di sotto rispetto a quelli delle colossali industrie pallonare europee. Due finali Champions negli ultimi tre anni sono dei miracoli, vincere per sei anni di fila il titolo non è sintomo solo di maggior forza economica ma anche di progetto. In breve, si può dire che in Europa la Juventus è riuscita quasi a fare quel che in Italia nessuno si avvicina da anni a raggiungere. Eppure Massimiliano Allegri è sulla graticola, eppure Paulo Dybala un giorno è Messi e uno è Esnaider. Manca equilibrio, se non si realizza che il Real Madrid ha uno stipendio medio annuo di 6,6 milioni di euro per calciatore e che Cristiano Ronaldo ne guadagna come Higuain, Dybala, Douglas Costa e Buffon messi insieme o che Modric guadagna come Khedira, Matuidi e Pjanic sommati l'uno con l'altro. Allegri ha sbagliato probabilmente la formazione all'Allianz Stadium ma era senza Rugani e Pjanic. Zidane li aveva tutti e in panchina poteva contare su Bale che guadagna 15 milioni all'anno, il doppio di Higuain.

La Juventus aprirà un nuovo ciclo, lo faranno presto tutte le altre ma le vittorie, quando, se e come arriveranno, saranno episodiche a grandissimi livelli. Perché i Paul Pogba vanno dalla Juventus al Manchester United e non più viceversa. Perché sarà sempre il Real Madrid a cercare Mauro Icardi e non il contrario, non l'Inter. Suning e la nuova guida cinese del Milan ci avevano regalato un bagliore di grandeur, subito scontratasi con la realtà degli investimenti e delle proprietà o future tali. James Pallotta ci ha provato, ma il sogno americano si è infranto con la burocrazia dello Stadio, con una realtà che è ben diversa dallo sport-business a cui è abituato negli Stati Uniti. Così discutere di vittoria Champions, oggi, è assurdo e sbagliato per tutti. Chi ci arriverà, a quelle finali, come ha fatto la Juventus, è solo perché sarà in grado di fare un miracolo, un'impresa, ma non più da favorita, non più perché avrà delle basi concrete.

Non ci sarà da stupirsi se Allegri, che pur pare destinato a un altro anno in bianconero, deciderà di provarci laddove c'è terreno fertile per farlo e come lui Sarri. E' questo l'assunto da cui ripartire. Come tornare ad averle, quelle basi concrete, affinché ai grandi allenatori italiani, loro come Conte, Ancelotti e Mancini (che per inciso pare il nome destinato a guidare l'Italia che verrà) non abbiano più l'ardire e l'ambire di allenare altrove ma di farlo in Serie A perché è la terra migliore per farlo. Non serve più, per tornare lassù, vivere d'espedienti e di speranze. Non più solo con l'acume tattico dei Sacchi ieri e dei Sarri oggi. Non basta, non nel 2018. C'era un tempo, semmai, in cui quella dottrina tattica italiana era forse abbastanza. Solo che era almeno vent'anni fa e ci saremmo stancati di riascoltare antichi nastri, rilucidati, dove si discute di un campionato polveroso. Dove ci si aggrappa ancora alla polemica che fu, senza capire che il terreno sotto ai piedi, oggi, si fa sempre meno solido.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...

Editoriale DI: Marco Conterio

La caccia al nuovo sogno mercato della Juventus passa dai conti. E dall'inevitabile partenza di un big. Icardi, decimo stipendio della A: con l'Inter è braccio di ferro economico 13.01 - Kylian Mbappè. Come sogno e come chimera. Come grande obiettivo, perché "adesso la Juventus deve puntare i nuovi Cristiano Ronaldo". E chi meglio del crack francese che col portoghese si scattava le foto da giovane e imberbe talento? Chi meglio di un giocatore che a Parigi non vive...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain e Morata situazione in evoluzione, ma il Milan punta a tenere il Pipita. Icardi-Inter vertice in settimana per trattare il rinnovo.  Juventus, dopo Ramsey ora è il turno di Romero. Per Barella continua il pressing di Chelsea e Napoli 12.01 - Sono giorni importanti per capire il futuro di Higuain e Morata. Le posizioni sono molto chiare. Sarri considera il Pipita l’uomo giusto per aumentare tantissimo il potenziale offensivo del Chelsea. Sta spingendo perché questa possa diventare un’ipotesi concreta fin da subito. Higuain...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri-Real Madrid: contatto. Icardi, fissato l’incontro per il rinnovo. I piani di Marotta per la firma. Pregiudizi su Wanda: fa solo il suo lavoro. Higuain vuole solo il Chelsea e mette in crisi Leonardo 11.01 - Non so se Max Allegri durante le recenti vacanze abbia davvero sposato Ambra come scrivono i giornali di gossip, so invece che ha ricevuto una telefonata da Florentino Perez. Auguri, certo, ma anche una nuova, decisa proposta per la panchina del Real Madrid. L’anno scorso la telefonata...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Icardi e il rinnovo, Higuain e il Chelsea. Le novità su Ramsey, il ritorno di Gabbiadini e le strategie del Napoli... 10.01 - L'ultimo colpo di giornata lo ha messo a segno la Sampdoria che riabbraccia Gabbiadini. Lo riporta in blucerchiato: operazione complessiva da 12 milioni di euro (3 di prestito e 9 per il riscatto obbligatorio più bonus legati alla qualificazione in Europa). La Samp non voleva lasciarsi...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Godinopoli: l’Inter sta per fregare la Juventus per la prima volta dopo tanti anni, soffiandole Godin. Il messaggio di Marotta alla Juventus è chiaro. Skriniar: il Manchester United c’è, il rinnovo no 09.01 - La tentazione è davvero tanta per non usare questa parola, e come diceva Oscar Wilde: “Posso resistere a tutto, tranne che alle tentazioni”. E’ Godinopoli: il colpo che l’Inter sta portando a termine, concludendo l’acquisto di Diego Godin, è un cambio epocale nella storia minima...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Quanti nomi attorno all'Inter, ma solo al prezzo giusto (con due parole su Robben). Juve, Ronaldo porta Ramsey. E Ramsey porta... W il mercato, anche se a gennaio vince sempre... il fairplay finanziario 08.01 - Buon Natale a te e famiglia. Così, a sorpresa. La depressione da rientro post-feste renderà questo editoriale più sconclusionato del solito. Io vi ho avvusato. Con la "u", avvusato. Il rientro dalle feste natalizie è uno schifo perché ti senti grasso e quando torni a casa c'è...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, se ci sei batti un colpo. Muriel, tocco di classe del "Corvo". Inter, sveglia su Barella. Nella "Gabbia" dorata della Premier 07.01 - La situazione del Milan rischia di diventare, seriamente, pericolosa. Dopo i complimenti che abbiamo fatto a Leonardo per come ha difeso Gattuso, pubblicamente, prima della gara con la Spal oggi dovremmo fare alcune riflessioni di mercato. Perché, appunto, il mercato è una cosa seria....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->