VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Dal mercato alla tattica: tutti gli errori del Milan. Higuain zittisce i critici ma Allegri trova il pelo nell'uovo alla sua Juve. Inter: primo colpo a segno. Inghilterra: il futuro è tuo

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista di Firenzeviola.it e voce di TMW Radio.
29.10.2017 09:18 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 49311 volte
© foto di Image Sport

Sei punti in meno a un anno fa. Quando il Milan era alla berlina, accusato e additato. Quando il Milan non aveva avuto un mercato milionario a rinforzarlo d'estate. Quando il Milan non aveva avuto la possibilità di scegliere ogni suoi rinforzo a prezzi e costi pregiati. Fassone e Mirabelli hanno avuto un portafogli ricolmo di euro per regalare all'allenatore, Vincenzo Montella, i rinforzi da giugno ad agosto ma adesso emergono fior di lacune in quello che è stato il mercato estivo del Milan.

Nei fatti, in ogni possibile schema di gioco schierabile da Vincenzo Montella c'è qualcuno penalizzato. Con questo 3-4-2-1, Lucas Biglia soffre il centrocampo a due e pure Franck Kessie non dà l'impressione di poter liberare i cavalli nel suo motore. André Silva rimane un profondo mistero tattico e Nikola Kalinic dà poca profondita. Con la difesa a quattro, Leonardo Bonucci ha mostrato di soffrire ma con il tridente, Hakan Calhanoglu fatica ad adattarsi da interno di centrocampo e manca un esterno d'attacco sinistro con Suso dall'altra parte. Alessio Romagnoli, poi, funziona meglio come interno sinistro della difesa e non al centro dei tre in retroguardia e lì Rodriguez è soltanto adattato, come dimostra il secondo gol di oggi di Gonzalo Higuain.

La verità è che il Milan ci ha provato ma ha mostrato lacune in fase realizzativa, raccontate dai sedici gol segnati in undici partite (gli stessi dell'Udinese che deve ancora giocare una partita) e pure in quella difensiva (sedici reti prese, tante quante il Genoa che è in fondo alla classifica della Serie A).

Dall'altra parte la spiegazione, in due gesti, che le critiche affrettate non giovano a nessuno se non a qualche titolo a effetto in più. Gonzalo Higuain è il secondo giocatore negli ultimi vent'anni a segnare più di cento gol in due campionati diversi dopo Zlatan Ibrahimovic. Ha vissuto una flessione, non un'involuzione. Higuain s'era perso ma non se n'è mai andato e le parole di Buffon verso il numero nove lo dimostrano. "La sua partita andrebbe mostrata a tutti in un dvd", aveva detto dopo la Spal. Questa, merita una collezione a parte.

Intanto, Massimiliano Allegri dimostra in poche parole che la Juventus non ha la pancia piena. A ogni conferenza, a ogni intervista, cerca il pelo nell'uovo per tenere alta la tensione. Stavolta il bersaglio degli stimoli è Miralem Pjanic. "Mi sono arrabbiato con lui perché uno come Miralem deve perdere un solo pallone a partita e quando gioca corto non mi piace".

Intanto, a ottobre, è già calciomercato. Tutte si stanno muovendo, chi l'ha già fatto è l'Inter che ha regalato a Luciano Spalletti il brasiliano Ramires. Arriverà dal Jiangsu Suning, club della stessa proprietà dei nerazzurri, in prestito. Ha qualità, tanta, per trovare e ritrovare la forma inglese, approderà a Milano in anticipo per essere pronto alla bisogna già a gennaio.

La chiosa sull'Inghilterra. Che a livello di club è stata in crisi per tempo, soprattutto in Champions League. Che a livello di Nazionale ha vinto più di cinquant'anni fa e con tutti i dubbi e le polemiche del caso. Però i frutti del lavoro delle accademie calcistiche delle grandi si stanno vedendo. La vittoria al Torneo di Tolone, il secondo posto all'Europeo Under 17, la vittoria a quello Under 19, poi i trionfi al Mondiale Under 20 e quello di ieri al Mondiale Under 17. L'Inghilterra ha giocatori da sogno, campioni in erba come Phil Foden, classe 2000 del Manchester City, che sono pronti a prendere in mano la Nazionale del futuro. E' una generazione pazzesca, che ricorda molto quella della Spagna che ha dominato in lungo e in largo a livello di big per anni e anni. Servirà un bello sforzo, da parte di tutti, per salvarci dalla Regina...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L’Italia e Insigne, il Napoli e i terzini, l’Inter e Joao Mario e il FFP del Milan 09.11 - Ora tutti concentrati sull’Italia. E di parole sull’importanza della partita in previsione domani ne sono state dette e scritte tantissime. Dai protagonisti di questo spareggio e da tanti colleghi. Tutti d’accordo, l’Italia non può mancare dal Mondiale. Il rischio, paradossalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Che sia una bella av-Ventura… Samp, negozio di alta qualità!!! Schick, pensa a giocare… Conte parigino? Mou nelle mani di Ibra! 08.11 - Non so voi ma io sono teso… Lo spareggio Mondiale mi ronza nella mente. Ci penso tanto, troppo. E’ come un chiodo fisso e preferirei averne di altro tipo! Che sia chiaro, ho fiducia nell’Italia ma ho anche tanta, troppa paura… Non me ne voglia il nostro CT (che non ho intenzione di...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.