VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

De Jong: no Juve. Pippo Baudo: critica Berlusconi ma fa come Berlusconi. Lotito-Iodice: un trappolone organizzato. Icardi-Inter: è già finita. Napoli: arriva Mihajlovic

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
14.02.2015 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 33496 volte

Massimiliano Allegri ha fatto bene ad anni alterni al Milan. Scudetto il primo anno, un passo indietro il secondo quando, per tanti e non semplici motivi, ha perso la scia dello spogliatoio nel momento topico della stagione. Molto bene il terzo anno con l'insperato terzo posto e un altro passo indietro nella stagione dell'esonero che in cuor suo ha vissuto come una liberazione ma che pur sempre esonero è stato. Dunque, il primo e il terzo anno, il primo e il terzo posto. Nella stagione tricolore, Nigel De Jong non c'era perché giocava nel Manchester City. Ma nella stagione del terzo posto, il Milan ha cambiato marcia e ha iniziato la sua vera rincorsa al terzo posto solo dopo la rottura del tendine d'Achille di De Jong quando al posto dell'olandese fu Montolivo a prendere la guida del centrocampo. Non c'è quindi un particolare nesso fra Allegri e De Jong. E forse anche per questo abbiamo raccolto un secco no dalle parti di Torino, alla ricerca di elementi su un futuro bianconero del giocatore olandese. Sul quale ci sembra si brancoli. Fino a dieci giorni fa era praticamente firmato il pre-contratto con il Manchester United di Van Gaal, oggi quello con la Juventus di Allegri. Se davvero il Milan ridisegnerà il suo centrocampo in chiave tutta italiana, De Jong potrebbe partire. Ma nel vero senso della parola, tornare alle origini tecniche del suo passato olandese, tornare in Premier, tornare…non allungarsi di un centinaio di chilometri rispetto a Milanello.

Pippo Baudo fa il fenomeno contro tutti. Dileggia il presidente Berlusconi, cosa che si guardava molto dal fare quando ne apprezzava il colore dei compensi, ma in questo non è il primo e non sarà l'ultimo nel Bel Paese e dintorni naturalmente. Ma quello che fa ulteriormente riflettere è il suo alzo zero contro Antonio Conte. E' capitato anche a Baudo in carriera di doversi difendere da accuse importanti, e sta a lui valutare se fossero più importanti degli addebiti mossi oggi al Ct della Nazionale che, a questo punto, deve porsi l'obiettivo di fare come Marcello Lippi in Germania nel 2006. Come Lippi non doveva andare al Mondiale e poi lo vinse, allo stesso modo Conte non deve, secondo Baudo, andare all'Europeo ma lui deve andarci e vincerlo. Torniamo a Baudo. Usa toni da sottoscala contro Berlusconi, ma è diventato il protagonista di una campagna anti-Ct azzurro negli stessi termini in cui lo era diventato, suo malgrado, lo stesso presidente Berlusconi rispetto a Dino Zoff nel Luglio 2000 dopo la Finale europea fra Italia e Francia a Rotterdam. In quel caso Silvio Berlusconi esprimeva in buona fede rilievi tecnici che Zoff ha però utilizzato come assist per raggiungere la poltrona presidenziale della Lazio. Questa volta come finirà la vicenda Baudo? E, soprattutto, come mai parla proprio in questi giorni in cui va in scena un grande Festival di Sanremo? Nostalgia?

Il presidente Lotito avrebbe dovuto trarre una morale dall'opti pobà-gate estivo. Il bisogno di protezione di quei giorni da parte del presidente Tavecchio gli avrebbe dovuto suggerire qualcosa di importante per il futuro, una sorta di nodo al fazzoletto comportamentale. E cioè lo scrupolo, l'attenzione. E cioè la discrezione, il basso profilo. I continui duelli fra maggioranza e opposizione, come ha ricordato il comunicato stampa di domenica della Juventus contro Galliani e contro Infront, gli opposti schieramenti televisivi, Mediaset da una parte e Sky dall'altra, non sono posta in palio da niente. Roba seria. Roba da giganti. E quindi bisogna stare attenti. Soprattutto alle trappole. Vi sarete chiesti perché la crociata ischitana di Pino Iodice contro Claudio Lotito ha visto un uomo solo al comando. Lui, Iodice, da solo. Senza un territorio, senza l'intera isola indignata al suo fianco. Perché Ischia sa bene che la battaglia di Iodice non è per l'Ischia calcio, ma è quella di un dirigente da sempre legato allo schieramento opposto a quello di Mario Macalli. Una bufera a orologeria, una bufera voluta e organizzata. Questa è l'attenuante. Ma all'interno del mondo vicino a Claudio Lotito, nonostante l'attenuante, si inizia a guardarsi bene negli occhi.

Sarebbe stato molto meglio, per i tifosi interisti, se Mauro Icardi avesse spiegato la sua mancata esultanza dopo i gol di Inter-Palermo, come una sua reazione offesa all'episodio con la Curva di Reggio Emilia dopo Sassuolo-Inter. Saremmo stati di fronte a qualcosa di vero, di umano, di vivo. E invece era tutto concordato. Un volto corrucciato per motivi contrattuali. Almeno Trezeguet allo stadio Olimpico di Torino, quando si era rivolto duro ai dirigenti juventini dal campo, era stato spontaneo, espressivo. In pratica Icardi dice ai propri tifosi: voi siete felici dopo un gol dell'Inter, io invece ne parlo prima con il mio procuratore. Da oggi quello fra Icardi e i suoi tifosi non è più un rapporto diretto, di feeling, di entusiasmo. Ma schermato. Prima c'è il procuratore. Anche nel momento dell'esultanza. E l'esultanza è come il gol, la naturale prosecuzione del gol, in molti casi più importante del gol.

Per Sinisa Mihajlovic, Napoli sarebbe molto più di una grande sfida professionale. Sarebbe una questione di storia, di vita. Il grande Vujadin Boskov ha allenato il Napoli. E per Sinisa sarebbe una consacrazione. Mihajlovic ha il polso e la personalità per farlo. E' al punto giusto della maturazione per una sfida non solo tecnica e professionale, ma anche psicologica. Il presidente Ferrero si sente già abbandonato e ha forse già intuito tutto. Napoli cadrebbe in piedi. Al termine naturale della vicenda con Benitez, arriverebbe un allenatore stimolante per la città più appassionata e affamata di calcio del mondo: Napoli.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta 22.10 - C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane,...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.