VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

De Laurentiis sembra Gandalf, brandisce la clausola rescissoria di Higuain come una spada contro i signori oscuri che vogliono rapire il bomber...

26.07.2015 08:14 di Raffaele Auriemma   articolo letto 44420 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Tutto ruota intorno al Pipita, l'ultimo grande top bomber rimasto nel campionato di serie A. Le big d'Europa in cerca dell'uomo-gol gli stanno facendo un corteggiamento serrato e cordiale, nonostante quella clausola rescissoria da 90 milioni più spese che di certo non può spaventare chi sta per vendere Di Maria (il ManUnited) a 65 milioni di euro, oppure il Psg che non pensa al ridimensionamento nel dopo Ibra. Anzi.... Il ristoro economico come unica ragione per accettare la perdita (caso mai) di Higuain: la famigerata clausola sembra avere nel Napoli le sembianze di un enorme assegno circolare. Eppure troppe volte il presidente De Laurentiis ha brandito quella clausola contrattuale come se fosse la spada di Gandalf nel Signore degli Anelli contro l'Oscuro Signore danaroso e rapace. Era una difesa, fatta ad alta voce e più volte. Così tante volte da aver tracciato nell'animo del Pipita una corsia preferenziale per indicare la via d'uscita dal Napoli. Non era così e il presidente lo ha spiegato apertamente, con grande afflato a papà Jorge ed al fratello Nicolas, nell'incontro veneziano che ha permesso al Napoli di testimoniare una volta di più la necessità di trattenere uno dei cinque bomber più forti della Terra. Perché è così. Perché non esiste Napoli competitivo senza la presenza di un centravanti del suo calibro; perché cambierebbero fisionomia e progetti in sua assenza; perché non basterebbe il ricavato della clausola rescissoria per convincere altri attaccanti come lui ad accettare un Napoli che quest'anno indossa i panni dell'incognita. Higuain, oggi, è "il Napoli" e se collochiamo gli azzurri tra quelle (poche) che possono competere per il ruolo di anti-Juventus e che nutrono l'ambizione di un posto in Champions, si intuisce una volta di più la necessità di non perderlo. La Roma e la Lazio ripartono dalle posizioni di seconda e terza forza, giacche lo scorso campionato questo ha detto, mentre l'Inter ed il Milan, pur avendo speso tanto per rinforzarsi, non possono vantare un attaccante tanto bravo e potente come Higuain. E solo la sua presenza domani a Dimaro potrebbe dare un senso alla presentazione della squadra sotto gli occhi dei tifosi accorsi a Dimaro con la passione inestirpabile e le perplessità (giustificate) di chi non riesce ancora ad individuare i tratti della squadra azzurra. Oggi il Pipita si metterà in viaggio da Madrid verso Napoli e poi deciderà se ricominciare ad allenarsi lunedì a Castelvolturno, oppure se accettare l'accorato invito di De Laurentiis a presentarsi nel ritiro di Dimaro. Anche solo per poche ore, anche solo per infiammare piazza Madonna della Pace che domani sera si riempirà delle tante anime azzurre che pendono dalle labbra e dai gol del loro unico, vero, riconosciuto condottiero. I rigori sbagliati sono soltanto un brutto ricordo, al pari di una stagione cominciata male (leggi: eliminazione dalla Champions per mano dell'Athletic Bilbao) e finita peggio (leggi: sconfitta in finale di Coppa America contro il Cile). Vai bomber, il mondo è tuo, ancor di più adesso che le tue vacanze sono finite e ti aspetta il rilancio in un'annata che potrebbe diventare la migliore, grazie ad un modulo disegnato interamente per te. Sarri è lì, con il suo computer e le sue statistiche, le strategie tattiche che non vede l'ora di illustrare al calciatore più forte che abbia mai allenato. Mai più Higuain isolato al centro dell'attacco del Napoli, costretto a toccare uno, al massimo due palloni a partita nell'area avversaria e ad essere uno dei calciatori partenopei tra i più continui nel fornire gli assist ai compagni di squadra: lui, le palle-gol deve riceverle, non crearle per gli altri. Gabbiadini o Mertens al suo fianco e Insigne alle sue spalle: chi vuole scommettere sul numero di gol che segnerà quest'anno con la maglia del Napoli?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
I cinque motivi della crisi Milan. Napoli e Inter giocano per la Juve. Benevento, svegliati che è un incubo. Giulini alla Cellino ma con una differenza... 23.10 - Dalla vittoria dello scudetto estivo al buio profondo del 21 ottobre. Il Milan aveva fatto un'impresa: conquistare in un mese la fiducia dei tifosi rossoneri che avevano riempito, di nuovo, con orgoglio San Siro. E' durato il tempo di una preghiera. Se si spendono 220 milioni di euro...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta 22.10 - C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.