VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Musacchio, Kessiè, Ricardo Rodriguez e André Silva. Quale nuovo acquisto del Milan vi piace di più?
  Mateo Musacchio
  Franck Yannick Kessié
  Ricardo Rodriguez
  André Silva

TMW Mob
Editoriale

De Sciglio, esattamente come Pirlo. D'Ambrosio e Nagatomo, che succede? Buffon crea, Roma distrugge

06.05.2017 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 11695 volte

Esattamente gli stessi che oggi massacrano Mattia De Sciglio, fra cinque mesi, nel malaugurato caso in cui passasse alla Juventus, saranno i primi ad accusare il Milan da non aver imparato abbastanza dall'errore di Pirlo. Film già visto e rivisto, scritto e riscritto. E allora vale la pena capirsi e fare un po' di storia. Semplice cronaca, anzi cronaca spicciola. Perchè in un grande Club, a diversi livelli di responsabilità, mancherebbe altro, quando si fa un errore lo si fa gradualmente ma tutti insieme. Ricordiamo perfettamente che dal 2007-08 al 2010-11, Andrea Pirlo, lui smentisca se crede, era stato duramente criticato dai tifosi rossoneri. Come si fa oggi: mail alle tv, post sui social. Ma non solo: autorevoli commentatori radiofonici che lo definivano giocatore logoro, chilometrato, in quegli anni milanisti. Che cosa era accaduto in realtà: che Pirlo, lo stesso Pirlo vicino al Real Madrid nel 2006 e al Chelsea nel 2009, aveva ormai staccato. Voleva mettersi in gioco in un ambiente in cui non fosse oscurato da Kakà, da Shevchenko e da altri big. Per non parlare dei tifosi: ogni lunedì, alla Posta di Milan Channel, un tifoso, Renato da Roma, ci scriveva spietato sempre lo stesso messaggio: "Vi è piaciuto anche ieri salame Pirlo? Basta difendere salame Pirlo". Quando, all'inizio della stagione 2008-09 si infortuna e rimane fuori squadra, molti tifosi rossoneri scrissero a Milan Channel: "Finalmente"! Girammo l'opinione di tendenza all'interessato che ci rispose in diretta: "Se il problema sono io, non hanno che da dirmelo". La stessa cosa dopo l'infortunio dell'Ottobre 2010 che determina la nascita del centrocampo dello Scudetto, Gattuso-Ambrosini-Flamini prima e Gattuso-Van Bommel-Ambrosini poi. E' anche questo il clima della tifoseria che non tiene sul chi va là la società rossonera: se ci fosse stato un clima diverso su Andrea, anche se non devono ricadere sui tifosi le responsabilità di orientare le scelte di un grande Club e ognuno deve prendersi le sue, probabilmente al giocatore di Flero non sarebbe stato proposto un solo anno di contratto ma sarebbe accaduto qualcosa di diverso. Non è colpa di nessuno, ma si sa come vanno le cose: le società hanno le antenne dritte sugli umori dei tifosi. Lo stesso rischio il Milan lo sta correndo per De Sciglio. I tifosi che oggi lo fischiano e lo insultano non lo vogliono più e dicono: cediamolo, ma non alla Juventus. Cari rossoneri, meglio intendersi, nel momento in cui giocatore va sul mercato con poco potere contrattuale interno, poi all'esterno se la cerca lui la squadra. Non la decide una platea inferocita. Quindi, attenzione. De Sciglio non sta facendo meraviglie nel Milan, per gli stessi motivi psicologici, anche diametralmente opposti, che accusava Pirlo. Andrea si sentiva forse troppo oscurato, Mattia si sente oggi troppo allo scoperto. De Sciglio è un ragazzo dolce, corretto, educato, milanista nel midollo. Ma in questi anni con tanti infortuni per lui e di tanti risultati negativi per la squadra, ha sofferto l'esistenza di leader veri nella squadra. Guarda caso, agli Europei 2016 in Francia, dove era coperto e tutelato da Buffon e Bonucci, da Barzagli e Chiellini, ha fatto bene. Quindi, venendo a noi, attenzione: siamo dell'opinione che Mattia vada recuperato alla causa milanista e rimesso alla prova in una nuova squadra rossonera più forte, più solida e più positiva. Perchè se viene lasciato in caduta libera, se va da loro, poi il Pirlo-2 sarà una situazione ineluttabile. E si è già dato in questo senso. O no?

Nagatomo che si ribella e D'Ambrosio che porta alla luce quello che in molti sospettavano. Nagatomo ha fatto un errore in occasione del gol del Napoli e per i tifosi nerazzurri è stato il pretesto per prendersela finalmente con qualcuno. Icardi non si tocca, Perisic pure, Ranocchia non c'è più, Joao Mario e Kondogbia si faranno, Gabigol non ce lo fanno vedere, quindi eccolo bell'è pronto l'agnello sacrificale. Nagatomo. Contro di lui ci si può sfogare. Duro, crudele, ma fa parte del calcio, Yuto è una persona perbene e non ha puntato la pistola contro la tempia di nessuno per rimanere a contratto nell'Inter. Non è stato giusto infierire nei suoi confronti Spezzata la lancia a suo favore, va altrettanto detto che i tifosi vanno capiti e che in casi del genere è sempre meglio reggere, sopportare e stare in silenzio. Poi sono arrivate le dichiarazioni di D'Ambrosio: dopo il 2-2 di Torino, abbiamo mollato. Si era capito. Ma dovevano esserci un allenatore, uno staff e soprattutto una società ad impedire che accadesse. Ecco allora che il pensiero corre allo striscione della Curva pre Inter-Napoli e al grande rimedio Gabriele Oriali. La grande proprietà cinese rappresentata da Suning c'è a livello economico, ma non c'è ancora a livello di struttura. Come è normale che sia. Ma anche come aveva segnalato correttamente il troppo presto abiurato Roberto Mancini.

Quante volte Gigi Buffon è stato apprezzato in campo in misura inversamente proporzionale ad alcune sue uscite: "Se avessi visto il gol di Muntari non l'avrei detto", "Meglio due feriti che un morto", etc. Saremo anche ipocriti, ma sono cose che non vanno dette, perchè se le dice uno come Buffon diventano un codice calcistico, una consuetudine e lo sport nel suo complesso alla lunga ne risente in maniera molto negativa. Però questa settimana, Buffon è stato strepitoso. Invece di mettersi ad esultare per l'impresa di Monte Carlo, ha preso i social e li ha abbelliti, nobilitati, illuminati. La sua lettera sui cugini del Toro e sui valori di Superga è stata inimitabile. Di qualcuno che dicesse basta allo schifo continuo, alla deriva senza fine, ne sentivamo assolutamente la mancanza. Ma nel calcio il bello fa notizia solo nello spazio di un mattino. Abbiamo sperato che facesse finalmente tendenza il karma positivo del vento nuovo di Buffon, ma Roma ci ha richiamati alla realtà. Quei manichini, quell'odore di zolfo della velata minaccia contenuta nello striscione, quella rivendicazione degli Ultras della Lazio, ma anche quel comunicato asciutto e vagamente cerchiobottista della Lazio. Non siamo in grado di capire gli Ultras, lo ammettiamo. La loro è una mentalità che come tale va rispettata, ma capirla è una fatica almeno per noi. E anche se facciamo un errore nella grammatica delle Curve, pazienza. Ma quelle cose nel centro di Roma non sono uno sfottò. Solo solo uno sfregio ad una città eterna, anzi alla Città Eterna. Sono i fatti di Roma a farci pensare amaramente che la lettera di Buffon sia purtroppo una eccezione. Quando, dannazione, diventerà la regola?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Gigio firma subito ed esci dal tritacarne! Mercato Juventus, adesso tocca alla difesa. Città in rivolta: Borja Valero come Hernanes? Roma e Napoli: Milan e Inter snobbate 24.06 - La visita di Vincenzo Montella a Castellammare di Stabia ha riportato la vicenda nel suo ambito, quello della casa e della famiglia. Il PSG e il Real Madrid sono stati una tentazione, drenata e gestita da Mino Raiola, e possiamo comprenderlo. Ma oggi che anche il presidente del Senato...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Bonucci non è incedibile. Se vuole può partire. Douglas Costa o Bernardeschi? Iniesta con Cuadrado al Barça. Agnelli rimane presidente. Milan, Donnarumma resta 23.06 - Dalla notte di Cardiff sta nascendo il mercato della Juventus e neppure le liti (presunte o vere), i lunghi coltelli (veri o presunti) dello spogliatoio, potranno far cambiare idea a Marotta e Paratici. Avanti con questo gruppo, anche se i ritocchi saranno pesanti. E se qualcuno pensa...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Gli incastri della Juve, le mosse dell'Inter, le attese del Milan. E tutte le trattative di giornata... 22.06 - La Juventus comincia a muoversi per sostituire Dani Alves. E per farlo deve stare attenta agli incastri. Perché i nomi su cui si è concentrata in queste ore sono Darmian (che per il Manchester non è più incedibile) e Danilo (che però è extracomunitario). E soprattutto i dirigenti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan-Donnarumma, la soluzione c’è! Roma, le idee (giuste) di Monchi… Juve, ansia Alex Sandro! Ma Ibra? 21.06 - Ogni estate ha il suo tormentone calcistico… Il 2017 lo ricorderemo, a parte per il caldo asfissiante, per le “bizze” legate a Gigio Donnarumma. Neanche i sceneggiatori di Beautiful (soap opera che va in onda, in Italia, dal 1990) potevano creare un intrigo simile… Dal bacio alla...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: c’è un nome per sostituire D.Alves (ma fa a “pugni” con D.Costa…). Milan: attenti alla novità “per forza” su Donnarumma (e Conti…).  Inter: tutto quello che Spalletti ha chiesto dal mercato. Napoli: Raiola ci ha fatto un regalo 20.06 - Per iniziare salutiamo tutti assieme Luigi di Sciacca, filibustiere siciliano incontrato sabato sera a Como. “Ciao, tu scrivi chilometri di robe su tmw. Ti leggo per addormentarmi”. Gli ho offerto un birrone bello fresco perché mi sembrava un complimento. A mente fredda rivorrei...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Raiola non è una minaccia ma una condanna: Tavecchio vigili per il bene dei vivai. Juve, multa Dani Alves. Sabatini prepara i colpi. Serie C, final four "format" da rivedere 19.06 - Quello che in molti non capiscono, dirigenti e tifoserie lontane dai colori rossoneri, che la battaglia sul caso-Donnarumma non riguarda solo il Milan o solo Donnarumma. E' una battaglia di sistema. I tifosi, invece, la racchiudono frettolosamente nel colore sociale e si perdono nel...

EditorialeDI: Marco Conterio

E' il calciomercato più bello del nuovo millennio. Casi shock e trasferimenti record: la top ten dei tormentoni ma siamo solo all'inizio 18.06 - E' un'estate calda, ma questo non è certo una novità. Solo che quest'anno, sotto l'ombrellone, ci stiamo già godendo la più bella e divertente sessione di mercato da anni a questa parte. In ordine sparso: la bomba Cristiano Ronaldo con il Real Madrid. L'avvento dei cinesi del Milan...

EditorialeDI: Mauro Suma

Donnarumma: costi quel che costi. Suning tra ex juventini ed ex milanisti. Da Cardiff a Castellammare 17.06 - Non l'ha ordinato nessuno ai tifosi del Milan di innamorarsi di Donnarumma. Nemmeno ai bambini ai quali, come per Kakà, e torneremo su questa nemesi, è particolarmente difficile spiegare cos'è successo. Ma non è il tempo del pistolotto moralistico: solo analisi e solo dettagli. Era...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma, ecco perché va via. Una storia scandalosa. Il Real lo aspetta, ma anche la Juve. Tornerà in Primavera o andrà in tribuna. Piace Neto. Inter, via Perisic. Nel mirino Bernardeschi e Borja Valero. Allegri aspetta Iniesta 16.06 - Donnarumma, una storia scandalosa. Una società investe sul settore giovanile, fa crescere un bambino, lo lancia in serie A, gli offre cinque milioni di ingaggio per cinque anni (una follia) e lui che fa? A diciotto anni dice no, vuole andar via per più soldi e forse più gloria. Una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter colpo a centrocampo, Juve passi avanti per N'Zonzi (e non solo), Milan il giorno di Donnarumma 15.06 - Si presenta Spalletti e spiega la sua filosofia. E mentre si presenta i suoi direttori lavorano per consegnargli una squadra che possa ricalcare più possibile le sue idee. Ecco perché è partita l'offensiva per Borja Valero. Il giocatore era già in cima alla lista dei desideri di Spalletti...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.