HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Calciomercato di Serie A in chiusura: qual è il vostro flop tra le big?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Inter
  Lazio
  Milan

La Giovane Italia
Editoriale

Debiti: Yonghong Li libera tutti. Bonucci, Torino è alle spalle. Una volta era il Milan che "cambiava". Mino chiama alle armi

03.03.2018 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 17404 volte

Il nostro amico Doriano Baldassin, tifoso rossonero, quindi di parte, ma al solito preciso con le cifre, ci ha inviato come sempre i suoi specchietti. Fra cui spiccano due righe in coda alla semestrale, sia della Juve che del Milan. Eccole: Juve, indebitamento finanziario netto 279,7 milioni di euro; Milan, indebitamento finanziario 165,3 milioni di euro. Dal canto suo Il Sole 24 Ore (la cui autorevolezza, rispetto al New York Times o a Milena Gabanelli, è stata sostanzialmente sottaciuta nella lettura sorpresa del suo articolo sui debiti dell'Inter), ha scritto di prestiti erogati al club dall'azionista di riferimenti, passati da 40 a 221 milioni di euro. L'Inter ha preannunciato querele ed essendo stati in settimana a nostra volta, per gravi motivi familiari causa social, impegnati sia con la Polizia Postale di Milano che con la Procura milanese, non vogliamo dare altro lavoro agli inquirenti. Ma, una domanda sarà lecita: va tutto bene se ci sono dei soldi prestati, quindi dei debiti, con una proprietà che da Luglio 2017 ad oggi, "cambia spesso idea" (cit.) e non appare in primissima linea nell'impegno sugli investimenti? Non sono affari nostri, ma la domanda resta. Coinvolgendo in questo caso il confronto dell'indebitamento fra quello bianconero e quello rossonero, senza alcuna pretesa di confrontare il grande ciclo bianconero di questi anni rispetto agli anni difficili da cui proviene il Milan, la sensazione è ben altra. E cioè che il fuoco di fila sul presidente Yonghong Li sia utile, quindi strumentale, quindi produttivo. A tenere accesi i riflettori solo sul Milan e a troncare e sopire tutto il resto, a partire dai numeri bollenti di bilanci, rendiconti e parametri di altri club dai colori diversi da quelli rossoneri. Sarà l'abitudine a parlarne, fatto sta che sul Milan c'è una conoscenza finanziaria delle virgole, su tutto il resto facce stranite, boh, non si sa, andiamo avanti. La stessa protesta dei tifosi cinesi nerazzurri verso Suning è stata emblematica. L'avessero fatta i milanisti cinesi, avrebbe preoccupato le alte sfere istituzionali italiane. Fatta con tanto di striscioni da quelli interisti, è stata preceduta dal silenzio e seguita dal silenzio. Sono le mode e le onde mediatiche, a cui i tifosi del Milan hanno ormai fatto il callo.

Leonardo Bonucci, il capitano del Milan, è stato lasciato solo dalle circostanze nel momento in cui era più vulnerabile. Aveva bisogno più di altri di partire bene. Perchè la linea editoriale che lo inseguiva è balzata agli occhi in maniera abbastanza chiara: sminuirlo, ridimensionarlo, ingigantirne le eventuali difficoltà. Proprio per questo, lui doveva partire bene. Ma le gambe che giravano così così per tanti motivi a inizio stagione, i vari cambi di modulo, l'identità ibrida e la fragile compattezza del gruppo a inizio stagione, lo ha esposto. Al fuoco di fila dei titoli indotti e degli sfottò social. I due mesi terribili del Milan, ottobre e novembre 2017, Leone, come lo chiama Rino Gattuso, li ha subiti, patiti e pagati il doppio. Per questo che adesso che la squadra è assestata, che le gambe girano e che lui è tornato Bonucci, è il primo a meritarsi di goderselo questo momento. Tenendo conto di quel che significa godere per Bonucci, e cioè non avere mai pace, continuare a picchiare sul tasto dell'impegno e degli obiettivi. Un minuto dopo aver vinto, perchè lui si nutre di adrenalina positiva e ne ha bisogno ogni volta che va in campo. Per qualsiasi allenamento e per qualsiasi gara.

Eusebio Di Francesco ha cambiato molto la Roma, in funzione del Milan. E qualche cambiamento, stando ai rumors dei giornali, potrebbe farlo anche Luciano Spalletti nel derby di domani sera, con qualche sorpresa nello schieramenti dei singoli e delle loro rispettive funzioni. Come cambiano le stagioni. Nell'autunno difficile e inespresso, era il Milan che cambiava formazione di partita in partita e sistema di gioco fra una sostituzione e l'altra. Oggi il Milan è quello, una squadra in cui tutti sanno cosa fa il compagno e in cui non si corre a vuoto, organizzando così anche le energie. Tocca agli altri adeguarsi. E' proprio per questo che la squadra costruita da Gattuso sta entusiasmando i tifosi rossoneri. Comunque sia e comunque vada.

Mino Raiola va capito. Il suo cavallo di battaglia nei confronti di Gigio era evidente e mai taciuto, ma che ci fai lì, non vedi che squadra, non vedi che risultati, non vedi che società. E fino a metà dicembre aveva ragione lui. Adesso che però la squadra vince, convince ed è sempre squadra, che la società tira dritto rispertto a qualsiasi illazione, in qualche modo SuperMino doveva reagire. E ricordare a Gigio il suo pensiero. Soprattutto perchè, il problema non solo solo le vittorie in campionato e la qualificazione alla finale di coppa Italia, ma anche la rinascita, la ripartenza di un clima umano e intenso da vero Milan in quel di Milanello. Oggi Raiola non ha più come propria alleata la vaghezza e l'impalpabilità di inizio stagione. Suoi avversari sono i nuovi punti di riferimento che ha davanti agli occhi il giovane Gigio, nella sua crescita, e cioè il cuore di Rino Gattuso che lo guarda negli occhi, e la lealtà di Leonardo Bonucci che, consolandolo da uomo, nella serata più difficile, lo ha restituito alla causa che per Gigio è ancora la più bella di tutte, quella rossonera.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Ancora 48 ore e tutti si affannano: anche chi sembra aver chiuso tutto. 48 ore da vivere con il fiato sospeso... 16.08 - Siamo ormai alle battute finali e tutti si affannano per rifinire la squadra. Il Milan, è naturalmente, la big più attiva visto che per i problemi societari si è potuta muovere concretamente soltanto un paio di settimane fa. Sono arrivati a Milano Castillejo e Laxalt, entrambe operazioni...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Promosse e bocciate del calciomercato a 72 ore dalla fine: Juventus e Inter regine assolute. Segue il Milan. Solo sufficienti Napoli, Roma e Lazio. E in coda, in bocca al lupo all'Udinese, ne ha bisogno... 15.08 - A 72 ore dalla fine del calciomercato, andiamo con il pagellone sospeso della Serie A, con le squadre divise tra promosse, rimandate e bocciate. Ma con una premessa fondamentale: qua non si giudica il conto economico, e nemmeno soltanto gli acquisti. E nemmeno della squadra costruita...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: mercato con (doppia) sorpresa, ma occhio a Nedved... Inter: dopo il settimo (Keita) c'è una certezza. Milan: 2 colpi in 4 giorni, l'impresa di Leonardo. Napoli: il "complesso" di De Laurentiis 14.08 - Ciao. C'è il fuso. Son dall'altra parte del mondo. Al mare. È un posto strano. Qui, per dire, è nuvoloso da 4 giorni. Sapete quando sono arrivato? Quattro giorni fa. Il fuso è devastante. Soprattutto se vuoi stare al passo con le robe del mercato. Per questo metto tanti punti. Almeno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

De Laurentiis, 5 giorni per dare un senso a questo mercato. Milan, sessione intelligente. L’Inter dietro la Juve. Volevate il Commissario? Era meglio Montalbano… 13.08 - Cinque giorni e poi sarà tutto finito. L’assurdità di chiudere il calciomercato il 17 agosto, alle ore 20.00, lascerà tanti cadaveri sulla riva del fiume. Lo scriviamo da mesi, adesso, molti club di serie A iniziano a capire la fesseria di seguire Marotta nell’unica sciocchezza fatta,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il mondo dorato di CR7 e quello sommerso dei Tribunali, dove vige il tutti contro tutti. Tra udienze, sentenze e ricorsi B e C sono in pieno caos. E anche la Serie A non può dirsi tranquilla 12.08 - E' un'estate strana, particolare. Senza dubbio unica quella che tra meno di una settimana - per gli operatori di calciomercato - chiuderà i battenti. Non sono mancate le notizie, né i colpi di scena. Sono stati mesi che hanno riportato una manciata di club italiani a sedere di nuovo...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Ore decisive per il futuro di Modric. Inter, fatta per Keita. Il Milan pronto a chiudere per Bakayoko. Ochoa in pole per il Napoli, occhio anche a Tatarusanu. 11.08 - Luka Modric, l’Inter e il Real Madrid. Sono ore decisive per il futuro del centrocampista croato vice campione del mondo, che vorrebbe andare all’Inter, anche se non è intenzionato ad arrivare ai ferri corti con Florentino Perez. Il numero uno del Real non cede. Anzi in Spagna sono...

EditorialeDI: Luca Serafini

I colpi di Leo, il ruolo di Paolo, il lavoro di Rino: notte prima degli esami 10.08 - Tra una settimana è campionato. Possiamo davvero dire che l’estate è volata, sotto questa cappa di afa con ventate di grande ottimismo. Di meritato sollievo. Mi fanno ridere i censori del ruolo di Paolo Maldini, come se avere una figura di riferimento così autorevole non fosse già...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Modric ancora attesa, Keita si tratta ad oltranza. Bakayoko convinto ora si fa sul serio. Portieri Napoli e quello del Chievo. Ultima settimana... 09.08 - Doveva essere il Modric-day, nel bene o nel male, ma si è trasformato in un altro giorno di attesa. Tutto rinviato a data da destinarsi, forse venerdì, visto che le prossime ore saranno quelle di Cortouis e che Florentino non vorrà togliere la scena al suo portiere con la grana Modric....

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Modric-Inter: è il D-Day. Ecco perché tutti i fattori esterni sono contro l’Inter (diversamente da come erano stati tutti a favore della Juve con Cristiano). Pogba-Barcellona: dipende da Lotito… 08.08 - E’ arrivato il giorno in cui l’Inter saprà se può tornare a sognare l’impossibile, come non le accadeva dai tempi del Triplete. Nonché in cui la Serie A può scoprire se davvero le cose hanno già cominciato a cambiare a livello sistemico, o se il locomotore Juventus tira ancora il...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: in attesa del "miracolo Modric" si punta a Keita! Juve: altro tassello in arrivo al centro. Milan: attenzione, Leonardo ha un segreto... Napoli: 10 giorni per risolvere un equivoco 07.08 - Ciao. Mancano 10 giorni alla chiusura del mercato poi, purtroppo, inizierà il campionato. Il campionato non interessa a nessuno. A tutti interessa il mercato. “Chi arriva?”. “Ne prendiamo due?”. “La pista è calda?”. Queste cose qui. Pochissimi si chiedono “dove giocherà?” o “ha senso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy