HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi è stato il migliore?
  Ciro Immobile
  Mauro Icardi
  Kalidou Koulibaly
  Milan Skriniar
  Allan
  Bryan Cristante
  Sergej Milinkovic-Savic
  Douglas Costa
  Alisson
  Paulo Dybala

Editoriale

Debiti: Yonghong Li libera tutti. Bonucci, Torino è alle spalle. Una volta era il Milan che "cambiava". Mino chiama alle armi

03.03.2018 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 17096 volte

Il nostro amico Doriano Baldassin, tifoso rossonero, quindi di parte, ma al solito preciso con le cifre, ci ha inviato come sempre i suoi specchietti. Fra cui spiccano due righe in coda alla semestrale, sia della Juve che del Milan. Eccole: Juve, indebitamento finanziario netto 279,7 milioni di euro; Milan, indebitamento finanziario 165,3 milioni di euro. Dal canto suo Il Sole 24 Ore (la cui autorevolezza, rispetto al New York Times o a Milena Gabanelli, è stata sostanzialmente sottaciuta nella lettura sorpresa del suo articolo sui debiti dell'Inter), ha scritto di prestiti erogati al club dall'azionista di riferimenti, passati da 40 a 221 milioni di euro. L'Inter ha preannunciato querele ed essendo stati in settimana a nostra volta, per gravi motivi familiari causa social, impegnati sia con la Polizia Postale di Milano che con la Procura milanese, non vogliamo dare altro lavoro agli inquirenti. Ma, una domanda sarà lecita: va tutto bene se ci sono dei soldi prestati, quindi dei debiti, con una proprietà che da Luglio 2017 ad oggi, "cambia spesso idea" (cit.) e non appare in primissima linea nell'impegno sugli investimenti? Non sono affari nostri, ma la domanda resta. Coinvolgendo in questo caso il confronto dell'indebitamento fra quello bianconero e quello rossonero, senza alcuna pretesa di confrontare il grande ciclo bianconero di questi anni rispetto agli anni difficili da cui proviene il Milan, la sensazione è ben altra. E cioè che il fuoco di fila sul presidente Yonghong Li sia utile, quindi strumentale, quindi produttivo. A tenere accesi i riflettori solo sul Milan e a troncare e sopire tutto il resto, a partire dai numeri bollenti di bilanci, rendiconti e parametri di altri club dai colori diversi da quelli rossoneri. Sarà l'abitudine a parlarne, fatto sta che sul Milan c'è una conoscenza finanziaria delle virgole, su tutto il resto facce stranite, boh, non si sa, andiamo avanti. La stessa protesta dei tifosi cinesi nerazzurri verso Suning è stata emblematica. L'avessero fatta i milanisti cinesi, avrebbe preoccupato le alte sfere istituzionali italiane. Fatta con tanto di striscioni da quelli interisti, è stata preceduta dal silenzio e seguita dal silenzio. Sono le mode e le onde mediatiche, a cui i tifosi del Milan hanno ormai fatto il callo.

Leonardo Bonucci, il capitano del Milan, è stato lasciato solo dalle circostanze nel momento in cui era più vulnerabile. Aveva bisogno più di altri di partire bene. Perchè la linea editoriale che lo inseguiva è balzata agli occhi in maniera abbastanza chiara: sminuirlo, ridimensionarlo, ingigantirne le eventuali difficoltà. Proprio per questo, lui doveva partire bene. Ma le gambe che giravano così così per tanti motivi a inizio stagione, i vari cambi di modulo, l'identità ibrida e la fragile compattezza del gruppo a inizio stagione, lo ha esposto. Al fuoco di fila dei titoli indotti e degli sfottò social. I due mesi terribili del Milan, ottobre e novembre 2017, Leone, come lo chiama Rino Gattuso, li ha subiti, patiti e pagati il doppio. Per questo che adesso che la squadra è assestata, che le gambe girano e che lui è tornato Bonucci, è il primo a meritarsi di goderselo questo momento. Tenendo conto di quel che significa godere per Bonucci, e cioè non avere mai pace, continuare a picchiare sul tasto dell'impegno e degli obiettivi. Un minuto dopo aver vinto, perchè lui si nutre di adrenalina positiva e ne ha bisogno ogni volta che va in campo. Per qualsiasi allenamento e per qualsiasi gara.

Eusebio Di Francesco ha cambiato molto la Roma, in funzione del Milan. E qualche cambiamento, stando ai rumors dei giornali, potrebbe farlo anche Luciano Spalletti nel derby di domani sera, con qualche sorpresa nello schieramenti dei singoli e delle loro rispettive funzioni. Come cambiano le stagioni. Nell'autunno difficile e inespresso, era il Milan che cambiava formazione di partita in partita e sistema di gioco fra una sostituzione e l'altra. Oggi il Milan è quello, una squadra in cui tutti sanno cosa fa il compagno e in cui non si corre a vuoto, organizzando così anche le energie. Tocca agli altri adeguarsi. E' proprio per questo che la squadra costruita da Gattuso sta entusiasmando i tifosi rossoneri. Comunque sia e comunque vada.

Mino Raiola va capito. Il suo cavallo di battaglia nei confronti di Gigio era evidente e mai taciuto, ma che ci fai lì, non vedi che squadra, non vedi che risultati, non vedi che società. E fino a metà dicembre aveva ragione lui. Adesso che però la squadra vince, convince ed è sempre squadra, che la società tira dritto rispertto a qualsiasi illazione, in qualche modo SuperMino doveva reagire. E ricordare a Gigio il suo pensiero. Soprattutto perchè, il problema non solo solo le vittorie in campionato e la qualificazione alla finale di coppa Italia, ma anche la rinascita, la ripartenza di un clima umano e intenso da vero Milan in quel di Milanello. Oggi Raiola non ha più come propria alleata la vaghezza e l'impalpabilità di inizio stagione. Suoi avversari sono i nuovi punti di riferimento che ha davanti agli occhi il giovane Gigio, nella sua crescita, e cioè il cuore di Rino Gattuso che lo guarda negli occhi, e la lealtà di Leonardo Bonucci che, consolandolo da uomo, nella serata più difficile, lo ha restituito alla causa che per Gigio è ancora la più bella di tutte, quella rossonera.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Ecco cosa rischia il Milan dalla Uefa: la scure del financial fair play pronta ad abbattersi sui rossoneri, e il salto all'indietro rischia di essere davvero triplo. Eppure c'era quel dettaglio che rendeva tutto prevedibile… 23.05 - E' andata come si sperava non andasse, o come si temeva, o come qualcuno aveva indicato: la Uefa ha rifiutato il settlement agreement, dopo aver in illo tempore rigettato il voluntary agreement, e ha rinviato il caso alla Camera. Decisione che è l'anticamera della sanzione nei confronti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Buffon a Parigi, Emre Can-Morata in arrivo. Inter: Icardi resta, solo uno tra Rafinha e Cancelo. Milan: i numeri (ottimi) di Gattuso e il “guaio” Donnarumma. Napoli: Sarri tra i soldi e il cuore 22.05 - È finito il campionato. Quando finisce il campionato c’è chi è felice e chi no. Poi inizia il mercato. Anzi, il mercato c’è a prescindere, anche a Pasqua. Solo che quest’anno per noialtri non c’è neppure il Mondiale e, quindi, c’è “più mercato”. Ci sono tifosi che al gol di Vecino...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Napoli: lo scudetto dei veleni. Milan, il bomber del futuro ce l’hai in casa. Parma, il volo del Faggiano. Verona, Marchetti la tua strada migliore 21.05 - Bare con nomi di calciatori, maglie offensive, cori inopportuni e via con il valzer delle schifezze. Bisogna saper perdere ma bisogna anche saper vincere. Non vale solo per la Juventus ma per tutti. Ha vinto la Juve e, allora, via con i fucili spianati su Torino. Avesse vinto il Napoli...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Rivoluzione Juve, ma solo in campo. Gli Scudetti sono 34. Valzer del moscerino: Napoli-Sarri, Inter-Spalletti, Lazio-Inzaghi, solo il Milan ci proverà per Conte (se salta la coppia Gattuso-Mirabelli) 20.05 - Ogni anno la stessa, identica, storia. Massimiliano Allegri sembra sulla graticola, poi vince lo Scudetto e la Coppa Italia - 4x4, complimenti - e rimane alla guida del club italiano più famoso. Anche nel mondo, dopo che l'egemonia Milan, dovuta soprattutto alle Coppe Campioni, è...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, nella lista anche Ilicic e Cristante. Il Milan non molla la pista Belotti. Lazio, idea Badstuber per la difesa 19.05 - Ancora 90 minuti e poi tutto sarà chiaro. La Champions è un traguardo fondamentale per il mercato dell’Inter, aiuterebbe sul piano degli investimenti, ma le strategie sono già definite. La partita di domenica sera all’Olimpico contro la Lazio è insomma un crocevia. Il primo passo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Buffon aspetta il Real. I retroscena del divorzio con la Juve. Allegri, ecco cosa vuole per restare. Sarri resta con un Napoli più forte: tutti i nomi nel mirino. Milan, Baselli al posto di Bonaventura 18.05 - S’era capito che Buffon non aveva nessuna intenzione di smettere, ma alla Juve non si fanno condizionare, i piani li fanno loro e non hanno sentito storie. Alla Juve ragionano con la testa fredda e non con il cuore caldo. “Anche se sei il capitano, anche se sei un mito, anche se...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Incontro Sarri-AdL e le schiarite all'orizzonte: come può cambiare il Napoli? Buffon, l'addio e la chiusura di un'era, ma ne riparte un'altra. Le milanesi legate (anche) al risultato... 17.05 - Il tanto atteso faccia a faccia c'è stato e ora si può cominciare a ragionare sul futuro. Tutto sembra essere andato veloce come l'auto (del direttore sportivo napoletano Giuntoli) che è entrata e uscita da Castel Volturno fra un allenamento e l'altro. I tanti dubbi di questi giorni...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Esclusivo: Balotelli festeggia la convocazione in Nazionale regalandosi il Marsiglia, è quasi fatta. Nel frattempo, ecco perché la scelta di Mancini è la migliore possibile 16.05 - Mario Balotelli tornerà lunedì prossimo in Nazionale, e festeggia la convocazione dopo 4 anni regalandosi la nuova squadra: l'Olympique Marsiglia. E' quasi tutto fatto tra i francesi e Mario. L'accordo di massima c'è, si vuole però ancora aspettare su sponda Balotelli perché Raiola...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: un colpo a centrocampo, il futuro di Dybala e le polemiche sullo scudetto. Inter: dalla Champions passano i riscatti… ma non Icardi. Milan: Donnarumma e altri “autogol”. Napoli: Ancelotti sì o no? Italia: benvenuto Mancio, ma… 15.05 - L’Italia della politica cerca un modo per uscire dalla fase di stallo. Ci prova da mesi. Cercano un’intesa ma non la trovano. Ce la mettono tutta. E intanto l’Italia va avanti. Anche senza di loro. Ci si pone delle domande: “Ma non sarà che si può fare anche senza?”. Loro temono che...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve Campione nel deserto d'Italia. Spalletti, cosa combini? Derby milanese per Mulattieri. Follia a Perugia. Seconde squadre? Sì ma senza promozioni 14.05 - Ha vinto la Juventus. Qual è la novità? In Italia c'è il deserto e dobbiamo solo ringraziare il Napoli se, a Torino, hanno festeggiato a maggio e non a marzo. Ormai è diventato un problema di mese. Sinceramente una roba triste. La storia dice che, in Italia, lo scudetto va alla Juventus...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy