HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Debiti: Yonghong Li libera tutti. Bonucci, Torino è alle spalle. Una volta era il Milan che "cambiava". Mino chiama alle armi

03.03.2018 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 17450 volte

Il nostro amico Doriano Baldassin, tifoso rossonero, quindi di parte, ma al solito preciso con le cifre, ci ha inviato come sempre i suoi specchietti. Fra cui spiccano due righe in coda alla semestrale, sia della Juve che del Milan. Eccole: Juve, indebitamento finanziario netto 279,7 milioni di euro; Milan, indebitamento finanziario 165,3 milioni di euro. Dal canto suo Il Sole 24 Ore (la cui autorevolezza, rispetto al New York Times o a Milena Gabanelli, è stata sostanzialmente sottaciuta nella lettura sorpresa del suo articolo sui debiti dell'Inter), ha scritto di prestiti erogati al club dall'azionista di riferimenti, passati da 40 a 221 milioni di euro. L'Inter ha preannunciato querele ed essendo stati in settimana a nostra volta, per gravi motivi familiari causa social, impegnati sia con la Polizia Postale di Milano che con la Procura milanese, non vogliamo dare altro lavoro agli inquirenti. Ma, una domanda sarà lecita: va tutto bene se ci sono dei soldi prestati, quindi dei debiti, con una proprietà che da Luglio 2017 ad oggi, "cambia spesso idea" (cit.) e non appare in primissima linea nell'impegno sugli investimenti? Non sono affari nostri, ma la domanda resta. Coinvolgendo in questo caso il confronto dell'indebitamento fra quello bianconero e quello rossonero, senza alcuna pretesa di confrontare il grande ciclo bianconero di questi anni rispetto agli anni difficili da cui proviene il Milan, la sensazione è ben altra. E cioè che il fuoco di fila sul presidente Yonghong Li sia utile, quindi strumentale, quindi produttivo. A tenere accesi i riflettori solo sul Milan e a troncare e sopire tutto il resto, a partire dai numeri bollenti di bilanci, rendiconti e parametri di altri club dai colori diversi da quelli rossoneri. Sarà l'abitudine a parlarne, fatto sta che sul Milan c'è una conoscenza finanziaria delle virgole, su tutto il resto facce stranite, boh, non si sa, andiamo avanti. La stessa protesta dei tifosi cinesi nerazzurri verso Suning è stata emblematica. L'avessero fatta i milanisti cinesi, avrebbe preoccupato le alte sfere istituzionali italiane. Fatta con tanto di striscioni da quelli interisti, è stata preceduta dal silenzio e seguita dal silenzio. Sono le mode e le onde mediatiche, a cui i tifosi del Milan hanno ormai fatto il callo.

Leonardo Bonucci, il capitano del Milan, è stato lasciato solo dalle circostanze nel momento in cui era più vulnerabile. Aveva bisogno più di altri di partire bene. Perchè la linea editoriale che lo inseguiva è balzata agli occhi in maniera abbastanza chiara: sminuirlo, ridimensionarlo, ingigantirne le eventuali difficoltà. Proprio per questo, lui doveva partire bene. Ma le gambe che giravano così così per tanti motivi a inizio stagione, i vari cambi di modulo, l'identità ibrida e la fragile compattezza del gruppo a inizio stagione, lo ha esposto. Al fuoco di fila dei titoli indotti e degli sfottò social. I due mesi terribili del Milan, ottobre e novembre 2017, Leone, come lo chiama Rino Gattuso, li ha subiti, patiti e pagati il doppio. Per questo che adesso che la squadra è assestata, che le gambe girano e che lui è tornato Bonucci, è il primo a meritarsi di goderselo questo momento. Tenendo conto di quel che significa godere per Bonucci, e cioè non avere mai pace, continuare a picchiare sul tasto dell'impegno e degli obiettivi. Un minuto dopo aver vinto, perchè lui si nutre di adrenalina positiva e ne ha bisogno ogni volta che va in campo. Per qualsiasi allenamento e per qualsiasi gara.

Eusebio Di Francesco ha cambiato molto la Roma, in funzione del Milan. E qualche cambiamento, stando ai rumors dei giornali, potrebbe farlo anche Luciano Spalletti nel derby di domani sera, con qualche sorpresa nello schieramenti dei singoli e delle loro rispettive funzioni. Come cambiano le stagioni. Nell'autunno difficile e inespresso, era il Milan che cambiava formazione di partita in partita e sistema di gioco fra una sostituzione e l'altra. Oggi il Milan è quello, una squadra in cui tutti sanno cosa fa il compagno e in cui non si corre a vuoto, organizzando così anche le energie. Tocca agli altri adeguarsi. E' proprio per questo che la squadra costruita da Gattuso sta entusiasmando i tifosi rossoneri. Comunque sia e comunque vada.

Mino Raiola va capito. Il suo cavallo di battaglia nei confronti di Gigio era evidente e mai taciuto, ma che ci fai lì, non vedi che squadra, non vedi che risultati, non vedi che società. E fino a metà dicembre aveva ragione lui. Adesso che però la squadra vince, convince ed è sempre squadra, che la società tira dritto rispertto a qualsiasi illazione, in qualche modo SuperMino doveva reagire. E ricordare a Gigio il suo pensiero. Soprattutto perchè, il problema non solo solo le vittorie in campionato e la qualificazione alla finale di coppa Italia, ma anche la rinascita, la ripartenza di un clima umano e intenso da vero Milan in quel di Milanello. Oggi Raiola non ha più come propria alleata la vaghezza e l'impalpabilità di inizio stagione. Suoi avversari sono i nuovi punti di riferimento che ha davanti agli occhi il giovane Gigio, nella sua crescita, e cioè il cuore di Rino Gattuso che lo guarda negli occhi, e la lealtà di Leonardo Bonucci che, consolandolo da uomo, nella serata più difficile, lo ha restituito alla causa che per Gigio è ancora la più bella di tutte, quella rossonera.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Leonardo non conosceva Higuain? Il Milan ha sopravvalutato il Pipita. Troppa ipocrisia su Wanda Nara: l'unico errore sarebbe quello di non comportarsi come gli altri procuratori 20.01 - Gonzalo Higuain è stato il miglior centravanti visto in Italia dopo Zlatan Ibrahimovic. Ha riscritto la storia dei cannonieri della Serie A battendo nel 2016 il record di Nordhal che resisteva da 65 anni. Diciassette, poi 18, 36, 24 e 16 gol in cinque stagioni di Serie A, 111 in cinque...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain al Chelsea e Piatek al Milan ormai ci siamo. Nell’operazione anche il ritorno di  Bertolacci al Genoa. Su Barella per giugno l’Inter di nuovo in pole position. Napoli, Lozano se in estate parte uno tra Mertens e Callejon 19.01 - Higuain al Chelsea, Piatek al Milan, Morata all’Atletico Madrid, Il gioco è fatto. Tutti gli incastri al posto giusto per un grande valzer di attaccanti. E allora andiamo a ricostruire quello che accadrà a breve. Higuain presto volerà a Londra per le visite mediche e si metterà a...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve-Milan falsata, l’ultimo scandalo. Con questo VAR aumentano solo le polemiche e non si fa giustizia. Banti, che delusione. Higuain, che vergogna. Piatek al Milan, che rischio. Icardi rinnoverà 18.01 - Gli arbitri italiani stanno diventando dei piccoli Tafazzi: sono riusciti nell’impresa ciclopica di falsare perfino una gara tutto sommato non complicata come la Supercoppa italiana e farsi ancora una volta travolgere dalle polemiche. Autolesionismo puro, incredibile ma vero, come...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...

Editoriale DI: Marco Conterio

La caccia al nuovo sogno mercato della Juventus passa dai conti. E dall'inevitabile partenza di un big. Icardi, decimo stipendio della A: con l'Inter è braccio di ferro economico 13.01 - Kylian Mbappè. Come sogno e come chimera. Come grande obiettivo, perché "adesso la Juventus deve puntare i nuovi Cristiano Ronaldo". E chi meglio del crack francese che col portoghese si scattava le foto da giovane e imberbe talento? Chi meglio di un giocatore che a Parigi non vive...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain e Morata situazione in evoluzione, ma il Milan punta a tenere il Pipita. Icardi-Inter vertice in settimana per trattare il rinnovo.  Juventus, dopo Ramsey ora è il turno di Romero. Per Barella continua il pressing di Chelsea e Napoli 12.01 - Sono giorni importanti per capire il futuro di Higuain e Morata. Le posizioni sono molto chiare. Sarri considera il Pipita l’uomo giusto per aumentare tantissimo il potenziale offensivo del Chelsea. Sta spingendo perché questa possa diventare un’ipotesi concreta fin da subito. Higuain...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri-Real Madrid: contatto. Icardi, fissato l’incontro per il rinnovo. I piani di Marotta per la firma. Pregiudizi su Wanda: fa solo il suo lavoro. Higuain vuole solo il Chelsea e mette in crisi Leonardo 11.01 - Non so se Max Allegri durante le recenti vacanze abbia davvero sposato Ambra come scrivono i giornali di gossip, so invece che ha ricevuto una telefonata da Florentino Perez. Auguri, certo, ma anche una nuova, decisa proposta per la panchina del Real Madrid. L’anno scorso la telefonata...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->