HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Lotta per l'Europa: Inter e Milan andranno in Champions?
  Sì, arriveranno entrambe in Champions League
  Solo l'Inter riuscirà nell'obiettivo
  Niente Inter: sarà solo il Milan a raggiungerla
  Nessuna delle due riuscirà ad andarci

La Giovane Italia
Editoriale

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
05.12.2018 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 24289 volte

Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona.
Ma al di là del pathos, della storia e del gap che sempre si riduce in una sfida simile, ma al di là di tutto, l’Inter pensa davvero di avere qualche speranza?
L’accoppiata Tottenham/Roma era il crocevia per chiarire se l’Inter avesse passato il solco: dalle ambizioni da podio, a pretendente a un titolo, seppure ovviamente da outsider. E il doppio impegno ha praticamente respinto con perdite i nerazzurri: in entrambi i casi sono crollati sul più bello, sul finale di partita, lì dove bisogna alzare i giri della personalità per intimidire le proprie paure, più che gli avversari in sé.
Non è tanto, o non solo, l’essere stati messi sotto sul piano del gioco tanto a Wembley quanto all’Olimpico, ché potrebbe anche fare parte dell’ordine delle cose. E’ che l’Inter ha tremato proprio quando si trattava di stringere tutto, denti e qualcos’altro, facendo denotare che dunque nel percorso di personalità in Italia il vallo che separa da Napoli e Juventus non è colmabile a breve.
Non è un caso forse che il meglio sia venuto in casa, perché evidentemente la fede incondizionata di San Siro ha dato letteralmente quel gol in più che ha permesso di ribaltare con Spurs, Barcellona e anche Milan. Ma il problema per l’Inter è che si gioca allo Juventus Stadium.

E se non bastasse, per la prima volta la Juventus è stata spettacolare anche in campionato, dove - tranne che in un paio di partite - finora aveva sempre giocato con il pilota automatico, spesso con le fattezze di Cristiano Ronaldo. Se in Champions ha praticamente sempre giocato da grande, in Serie A invece la Juve si era limitata a seguire l’inerzia della propria forza, sapendo di giocare su un piano inclinato dal peso della propria qualità, laddove non ci si mettesse anche la fortuna degli eventi.
Contro la Fiorentina invece è stata un martello, e sotto questo martello l’Inter non è sicura di essere solido incudine.
Se Spalletti deciderà di giocarsela provando a imporre il proprio gioco, come sciaguratamente pensato a Londra e Barcellona, allora si rischierà il diluvio, perché è ovvio che la Juve avrà anche la particolare cattiveria magari risparmiata agli Empoli e Cagliari.
Se invece l’Inter saprà essere consapevole dei propri limiti, allora magari riuscirà a esporre le poche incertezze juventini, tipo lo spazio lasciato incustodito davanti alla difesa, gli anticipi a intermittenza di De Sciglio, o le incertezze ormai croniche in chiusura di Bonucci.
Ma la Juve tranne gli ultimi 15 minuti in casa contro il Manchester United, finora non ha sbagliato niente. E il piacere di vincere contro l’Inter vale doppio. In campionato la Juve non riesce a dare 3 gol di scarto all’Inter da 15 anni: che sia la volta buona?

Qualora non fosse sufficiente, per i prossimi Juve-Inter, e non solo, Fabio Paratici sta provando a reclutarne uno in più, come se ce ne fosse bisogno. La situazione di Isco a Madrid è difficilmente reversibile: dopo la tribuna contro la Roma, il giocatore ha recuperato la panchina, ma il punto è che lo spagnolo fa parte dei tre che Florentino vorrebbe provare a piazzare, insieme soprattutto a Bale e al Pallone d’Oro Modric, che vince il trofeo ma non ottiene alcun rinnovo.
Paratici ha un canale preferenziale con il Bernabeu (al punto che due anni fa rifiutò l’offerta da direttore sportivo) e la Juve sarebbe pronta a offrire a Isco un contratto simile ai 7.5 milioni di € percepiti da Dybala. Florentino per fare la voce grossa ha detto che c’è da pagare la clausola da 700 milioni, cioè è un messaggio trasversale per dire che sconti non se ne faranno e probabilmente il costo si avvicinerà al centinaio. Un conto è sborsare quella cifra per l’operazione Cristiano, altro conto per il rispettabilissimo Isco.
Tutto è trattabile, ma mentre Manchester United, Manchester City e Liverpool hanno tutte prevedibilmente già chiesto informazioni in merito, la novità principale - anche per la serietà del contatto - riguarda il Bayern Monaco: ha ufficialmente comunicato a Robben e Ribery che saranno dismessi, libera un parte importante nel monte ingaggi, ed ha assoluta necessità di rimpiazzare la parte tecnica. Al punto che eventualmente Isco non sarà nemmeno l’unico acquisto.
E’ vero che i bavaresi non sono soliti fare follie, ma la stagione sta dimostrando che la rosa ha bisogno di un profondo restyling. Rummenigge e Florentino sono sodali di vecchia data per motivi politici, ma certo Cristiano a Torino se l’è portato Paratici…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juventus, risalgono le quotazioni di Conte. Dybala in partenza, Bayern in prima fila ma c’è anche il Liverpool in un possibile scambio con Salah. Per la difesa spunta anche Jérôme Boateng. Marotta e Paratici, che sfida per Chiesa 20.04 - A fine stagione ci sarà un cambiamento inevitabile. Per la Juventus è già cominciata la fase di riflessione. Il primo nodo resta sempre Allegri. E’ vero che ci sono state le conferme del presidente Agnelli e dello stesso allenatore su un futuro ancora bianconero, ma la sensazione...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, è Lukaku la prima scelta se parte Icardi. Dzeko e Zapata le altre ipotesi. Juventus, per il centrocampo si continua a monitorare Ndombele del Lione. Svolta Mertens, l’attaccante belga ora potrebbe rimanere. Giuntoli al lavoro per Callejon 13.04 - La fine del campionato è dietro l’angolo e una decisione deve essere presa per forza. La svolta tra l’Inter e Icardi sta per arrivare. L’addio resta l’ipotesi più probabile ma non scontata. Icardi è un grande bomber, ha 26 anni e ora più che mai è un’occasione di mercato per tante...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve, il Real vuole Kean. De Ligt, passi avanti. Conte, scatto della Roma. Un piano con Faggiano come ds. L’ombra del Qatar. Ma l’Inter vuole chiudere in fretta. Skriniar rinnova, Chiesa più lontano. Pioli-Fiorentina alle carte bollate 12.04 - La Juve deve fare in fretta a rinnovare il contratto di Moise Kean in scadenza fra un anno. Dopo la raffica di gol e le capacità tecniche e fisiche messe in mostra dal ragazzo del 2000, mezza Europa lo sta monitorando, ma in particolare è scattata l’attenzione del Real Madrid. Zidane...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la legge di CR7 e le panchine che cambiano in Serie A 11.04 - Tiene duro la Juventus, CR7 ci mette sempre la sua firma per un gol che fra una settimana potrebbe valere moltissimo. La Juve tocca con mano la freschezza dei giovani talenti olandesi, ma ha assolutamente imparato la lezione impartita al Real Madrid negli ottavi di finale. Non ha...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510