VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Detective Galliani a Milanello: ecco il risultato. E da giugno inizia la girandola delle panchine. Manenti adesso basta!

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
05.03.2015 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 34740 volte
© foto di Federico De Luca

Per la seconda volta in due giorni Galliani a Milanello. Tutti a rapporto per, almeno a parole, ricompattare il gruppo, remare tutti dalla stessa parte e trovare le soluzioni alle cause del problema.
Il problema individuato sono i troppi infortuni. Muscolari, gravi e lunghi. Questo non è andato giù fondamentalmente a Galliani, che ha mandato una richiesta di spiegazioni ai vari responsabili dei settori rossoneri. Le ha lette tutte Galliani, ma non sono emerse criticità particolari, infortuni a parte, su cui Galliani aveva già posto l'attenzione. E insomma è tutto qui? Il momento nero del Milan è soltanto legato agli infortuni muscolari? Il ragionamento è certamente più profondo. Alla base ci sono anche i rapporti fra Galliani ed Inzaghi, che sono sicuramente logorati da una stagione che non sta andando per il verso giusto. Inzaghi non è più intoccabile, di sicuro. Ma non è neanche a rischio. Se il Milan avesse voluto esonerarlo lo avrebbe già fatto. Per questo avanti tutti insieme. Non c'è un colpevole. Non ora. Ma il fatto che non ci sia un colpevole non significa che tutti sono innocenti. Anzi. Salvo clamorose sorprese o grandissimi rush finali Inzaghi che ora viene difeso dalla società, non sarà più allenatore del Milan il prossimo anno. La scommessa di Galliani non è stata vinta, lui stesso non è stato soddisfatto dell'Inzaghi allenatore. Al di là dei risultati. Questione di gioco, questione di mentalità. Il Milan cambia, ma non adesso. A giugno cambia. E cambia non solo il Milan. Potrebbe partire il classico domino.
Perché uno dei papabili alla panchina rossonera è Vincenzo Montella, che però piace anche al Napoli, dovesse partire Benitez. La Fiorentina al momento guarda. Si gode il suo allenatore e sa che se qualcuno lo vuole dovrà pagare la clausola da 5 milioni di euro. Un nome alternativo al Milan è Spalletti, da sempre accostato al mondo rossonero, ma finora sempre frenato dal contratto ricchissimo con lo Zenit. A giugno scadrà. E a giugno avrà la possibilità di essere appetibile, dal Milan e non solo. In rossonero c'è bisogno di riniziare un nuovo progetto, cominciando a ragionare su un discorso più ad ampio raggio che la normale stagione. Vincere subito non si può, ma se si continua con questo tipo di programmazione si rischia di vivere troppo alla giornata e di non vincere non solo in questa stagione ma anche nelle prossime.
Abbiamo soltanto accennato a Benitez. Questo è l'altro grande tema di cui invece parleremo a lungo. Soltanto lo spagnolo sa cosa farà la prossima stagione, le nostre al momento sono solo congetture. Di sicuro i segnali non indicano la permanenza, visto che il momento del confronto viene rimandato ogni mese più in là. Il Napoli, comunque vada non si farà trovare impreparato: di allenatori bravi ed ambiziosi ce ne sono, l'ultimo tenuto sotto osservazione è Mihajlovic che sta facendo meraviglie con la sua Samp, ma ancora nessuno a Castelvolturno ha rotto gli indugi. E in questo momento fare previsioni potrebbe essere azzardato. Benitez ha fatto un bel lavoro, ha vinto. La vera domanda è ha voglia di continuare questo suo progetto? O sono finiti gli stimoli o è di nuovo stufo del calcio italiano? Magari attratto di nuovo da quello inglese?
In ultimo panchine o meno la situazione Parma. Giudico il teatrino di Manenti inopportuno e irrispettoso nei confronti dei tifosi del Parma e delle istituzioni (sia calcistiche che civili). Sono ormai passate più di tre settimane da quando doveva presentare i soldi per i pagamento degli stipendi dei giocatori. Non si è visto che l'ufficiale giudiziario a Collecchio. Ormai pare evidente che il Parma sia destinato a fallire e avremo tempo di individuare di chi sono le responsabilità. Responsabilità che sono cercate anche dalla magistratura ordinaria. Nel frattempo la Lega sta cercando di capire come rendere la stagione non viziata dal fallimento più che probabile della società. Invece di porre rimedi una volta che il danno è stato fatto, non era possibile anticipare queste criticità? È la caratteristica dell'Italia: trovare le risposte sempre all'ultimo minuto. Stavolta però una bella domanda se la devono fare tutti (noi compresi): cosa è stato fatto per evitare questo scempio? E soprattutto quale sarà il prossimo? Si riesce a evitarlo?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

100 milioni per Belotti ma Dani Alves è costato 0. L'Inter vuole Conte, il Milan doveva rinnovare per Donnarumma tre mesi fa. La stampa si merita i lettori che ha... e viceversa 14.05 - È stata una settimana molto piena. Il Milan incomincia a tirare fuori le cartucce e incontra mezzo mondo, l'Inter esonera Pioli mentre la Juventus va a Cardiff, il Torino non vorrebbe cedere Belotti ma Cairo incomincia a contare i soldi, la Roma saluta Totti con l'omaggio di San Siro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan-Inter: derby senza soste. Allegri il cannibale: è a Cardiff, ma pensa a Doha. Chelsea: Antonio Conte come Diego Costa. Inter: i casi Medel e Gagliardini 13.05 - Il Milan tira dritto in silenzio. Lavora di giorno sotto la luce dei riflettori di Casa Milan e di notte, senza luci e senza riflettori. E forse quando si tireranno le fila del mercato estivo rossonero, si scoprirà che si è trattato di notti produttive. Degna di nota, esattamente...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.