VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Detective Galliani a Milanello: ecco il risultato. E da giugno inizia la girandola delle panchine. Manenti adesso basta!

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
05.03.2015 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 34740 volte
© foto di Federico De Luca

Per la seconda volta in due giorni Galliani a Milanello. Tutti a rapporto per, almeno a parole, ricompattare il gruppo, remare tutti dalla stessa parte e trovare le soluzioni alle cause del problema.
Il problema individuato sono i troppi infortuni. Muscolari, gravi e lunghi. Questo non è andato giù fondamentalmente a Galliani, che ha mandato una richiesta di spiegazioni ai vari responsabili dei settori rossoneri. Le ha lette tutte Galliani, ma non sono emerse criticità particolari, infortuni a parte, su cui Galliani aveva già posto l'attenzione. E insomma è tutto qui? Il momento nero del Milan è soltanto legato agli infortuni muscolari? Il ragionamento è certamente più profondo. Alla base ci sono anche i rapporti fra Galliani ed Inzaghi, che sono sicuramente logorati da una stagione che non sta andando per il verso giusto. Inzaghi non è più intoccabile, di sicuro. Ma non è neanche a rischio. Se il Milan avesse voluto esonerarlo lo avrebbe già fatto. Per questo avanti tutti insieme. Non c'è un colpevole. Non ora. Ma il fatto che non ci sia un colpevole non significa che tutti sono innocenti. Anzi. Salvo clamorose sorprese o grandissimi rush finali Inzaghi che ora viene difeso dalla società, non sarà più allenatore del Milan il prossimo anno. La scommessa di Galliani non è stata vinta, lui stesso non è stato soddisfatto dell'Inzaghi allenatore. Al di là dei risultati. Questione di gioco, questione di mentalità. Il Milan cambia, ma non adesso. A giugno cambia. E cambia non solo il Milan. Potrebbe partire il classico domino.
Perché uno dei papabili alla panchina rossonera è Vincenzo Montella, che però piace anche al Napoli, dovesse partire Benitez. La Fiorentina al momento guarda. Si gode il suo allenatore e sa che se qualcuno lo vuole dovrà pagare la clausola da 5 milioni di euro. Un nome alternativo al Milan è Spalletti, da sempre accostato al mondo rossonero, ma finora sempre frenato dal contratto ricchissimo con lo Zenit. A giugno scadrà. E a giugno avrà la possibilità di essere appetibile, dal Milan e non solo. In rossonero c'è bisogno di riniziare un nuovo progetto, cominciando a ragionare su un discorso più ad ampio raggio che la normale stagione. Vincere subito non si può, ma se si continua con questo tipo di programmazione si rischia di vivere troppo alla giornata e di non vincere non solo in questa stagione ma anche nelle prossime.
Abbiamo soltanto accennato a Benitez. Questo è l'altro grande tema di cui invece parleremo a lungo. Soltanto lo spagnolo sa cosa farà la prossima stagione, le nostre al momento sono solo congetture. Di sicuro i segnali non indicano la permanenza, visto che il momento del confronto viene rimandato ogni mese più in là. Il Napoli, comunque vada non si farà trovare impreparato: di allenatori bravi ed ambiziosi ce ne sono, l'ultimo tenuto sotto osservazione è Mihajlovic che sta facendo meraviglie con la sua Samp, ma ancora nessuno a Castelvolturno ha rotto gli indugi. E in questo momento fare previsioni potrebbe essere azzardato. Benitez ha fatto un bel lavoro, ha vinto. La vera domanda è ha voglia di continuare questo suo progetto? O sono finiti gli stimoli o è di nuovo stufo del calcio italiano? Magari attratto di nuovo da quello inglese?
In ultimo panchine o meno la situazione Parma. Giudico il teatrino di Manenti inopportuno e irrispettoso nei confronti dei tifosi del Parma e delle istituzioni (sia calcistiche che civili). Sono ormai passate più di tre settimane da quando doveva presentare i soldi per i pagamento degli stipendi dei giocatori. Non si è visto che l'ufficiale giudiziario a Collecchio. Ormai pare evidente che il Parma sia destinato a fallire e avremo tempo di individuare di chi sono le responsabilità. Responsabilità che sono cercate anche dalla magistratura ordinaria. Nel frattempo la Lega sta cercando di capire come rendere la stagione non viziata dal fallimento più che probabile della società. Invece di porre rimedi una volta che il danno è stato fatto, non era possibile anticipare queste criticità? È la caratteristica dell'Italia: trovare le risposte sempre all'ultimo minuto. Stavolta però una bella domanda se la devono fare tutti (noi compresi): cosa è stato fatto per evitare questo scempio? E soprattutto quale sarà il prossimo? Si riesce a evitarlo?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella, questo Milan ha bisogno di identità. Verona, in "Pecchiata" verso il baratro. Baroni, è stato bello... Juve e Napoli, avanti così! 25.09 - Quest'ultima giornata di campionato ci consegna diverse cartoline. Una da Milano: una volta l'Inter queste partite non le avrebbe mai vinte, invece, anche se non indovina la domenica giusta Spalletti fa punti. Nel calcio si dice: sono segnali. Seconda cartolina da Torino: Mihajlovic...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.