HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Lotta per l'Europa: Inter e Milan andranno in Champions?
  Sì, arriveranno entrambe in Champions League
  Solo l'Inter riuscirà nell'obiettivo
  Niente Inter: sarà solo il Milan a raggiungerla
  Nessuna delle due riuscirà ad andarci

La Giovane Italia
Editoriale

Di Francesco e la confusione. Gli opposti destini di Zhang e Yonghong. Media e infortuni: Gigio, Verdi, Icardi. Monchi, Sabatini e...Mirabelli

03.02.2018 07:08 di Mauro Suma   articolo letto 19020 volte

Poche settimane prima che Vincenzo Montella approdasse in rossonero, nell'estate del 2016, l'allora tecnico del Sassuolo liquidò frettolosamente il Milan, che peraltro non lo stava seguendo: "Non vado dove c'è confusione". Beh, è il classico caso in cui basta la parola...Da quel momento Di Francesco la confusione l'ha lasciata e l'ha trovata. L'ha lasciata al Sassuolo, dove fra Bucchi, Iachini, Berardi e Politano si fa in qualche caso fatica a fare l'appello fra chi c'è e chi non c'è. E l'ha trovata nella Capitale versante giallorosso, dove un esperto di Milan come il presidente Pallotta si sta "dimenticando" da qualche settimana a questa parte di dare spiegazioni ai suoi tifosi, quelli della Roma. Dove fra il capodanno romano e quello cinese di Nainggolan si fa fatica a cerchiare il calendario e dove fra la girandola di voci che hanno riguardato Dzeko e perfino Florenzi, alla fine la vittima sacrificale del mercato è stata Emerson Palmieri. Un mercato psico-drammatico, ebbene sì un po' ondivago e forse anche confuso, ma non diciamolo a Di Francesco.

Uno piace ai media, l'altro ai suoi tifosi. Con il risultato che uno dopo aver preso due giocatori sul mercato invernale, viene investito da insulti a raffica su Instagram. L'altro, dopo non aver preso nessuno, viene lasciato in pace dai media giusto perchè il Milan di Gattuso sta andando bene, ma soprattutto nei suoi tifosi continua ad avere quella immagine del presidente portafortuna del derby di coppa Italia. Se anche un interista paziente come Enrico Mentana arriva a dire, dopo il lungo e reiterato silenzio dei media "distratti" dal Milan, che Suning deve restituire l'Inter, vuol dire che il bonus Zhang sta per finire, sia verso il patron senior che nei confronti di Steven. E significa, sul fronte opposto, che il Milan sta raggiungendo il risultato che si era prefisso in linea con quanto accade con i club inglesi: tocca al management aziendale programmare e comunicare, il presidente è giusto che resti dietro e sopra la trincea. Una volta spiegato per tempo perchè il Milan doveva dare continuità alla propria programmazione estiva, i tifosi hanno capito e sono andati in 70mila allo stadio per le 2 gare con la Lazio.

Dall'infortunio muscolare all'infortunio mediatico. Un caso mediatico oggi scatena baraonde e bufere sui social. Che scavano dentro un giocatore. Che a stretto giro si fa male. Tenerne conto, please. Tutto è partito da Gianluigi Donnarumma, con l'improvvida scelta di rivangare sul un grande quotidiano in maniera forzata alcune sfumature estive, nella speranza di muovere le acque a gennaio. Ne è nata una dura reazione dei tifosi, finita bene grazie alla prova maiuscola di Antonio nel derby, ma dicembre era stato il mese delle partite non positive di Gigio contro Verona e Atalanta, prima di infortunarsi poco dopo Natale. La prova del nove ha funzionato anche ai danni di Simone Verdi: preoccupatissimo dalla reazione di Napoli, si è fatto male in campo proprio contro il Napoli. Idem come sopra per Mauro Icardi. Dopo le tante voci che lo hanno riguardato (fine corsa con Wanda? Da Wanda a Raiola? Rapporti non buoni con Brozovic? E pure con Perisic?), è arrivata puntuale l'elongazione muscolare. Attenzione: l'impasto media-social incide direttamente sui giocatori. Arma a doppio taglio pericolosissima.

Quello di oggi è il calcio delle formula magiche. Una volta trovata una, va bene per tutti i gusti. Era così per Suning proprietà certa e il Milan invece...Era, perchè forse è vicino il momento in cui riavvolgere il nastro...Ma era abusatissima anche quella di Monchi e Sabatini che sono bravi a scovare talenti a zero mentre invece Mirabelli spende a pioggia...Sicuri che la formuletta sia ancora valida? Ha fatto meglio lo spernacchiatissimo Borini in questa stagione, oppure Hector Moreno e Karsdorp? Oppure Karamoh? E per cento bocche che sputano sentenze su Andrè Silva, ce ne sarà mai una che riuscirà a pronunciare, anche lentamente, il nome di Dalbert? O serve il logopedista? Ma Monchi e Sabatini sono consolidati, sono navigati, conoscono e blandiscono il sistema con le sue regole e i suoi rapporti, mentre Mirabelli è visto ancora come naif. Ecco perchè anche in settimana gli hanno indirizzato battutine, messaggi e sorrisini. Circondati dal solito codazzo degli altrettanto convinti sorrisini di chi ascoltava...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, è Lukaku la prima scelta se parte Icardi. Dzeko e Zapata le altre ipotesi. Juventus, per il centrocampo si continua a monitorare Ndombele del Lione. Svolta Mertens, l’attaccante belga ora potrebbe rimanere. Giuntoli al lavoro per Callejon 13.04 - La fine del campionato è dietro l’angolo e una decisione deve essere presa per forza. La svolta tra l’Inter e Icardi sta per arrivare. L’addio resta l’ipotesi più probabile ma non scontata. Icardi è un grande bomber, ha 26 anni e ora più che mai è un’occasione di mercato per tante...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve, il Real vuole Kean. De Ligt, passi avanti. Conte, scatto della Roma. Un piano con Faggiano come ds. L’ombra del Qatar. Ma l’Inter vuole chiudere in fretta. Skriniar rinnova, Chiesa più lontano. Pioli-Fiorentina alle carte bollate 12.04 - La Juve deve fare in fretta a rinnovare il contratto di Moise Kean in scadenza fra un anno. Dopo la raffica di gol e le capacità tecniche e fisiche messe in mostra dal ragazzo del 2000, mezza Europa lo sta monitorando, ma in particolare è scattata l’attenzione del Real Madrid. Zidane...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la legge di CR7 e le panchine che cambiano in Serie A 11.04 - Tiene duro la Juventus, CR7 ci mette sempre la sua firma per un gol che fra una settimana potrebbe valere moltissimo. La Juve tocca con mano la freschezza dei giovani talenti olandesi, ma ha assolutamente imparato la lezione impartita al Real Madrid negli ottavi di finale. Non ha...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

L’assenza di Chiellini è più pesante di quella di Cristiano Ronaldo. Ma è la Champions della Juventus: anche così Allegri può vincere. Conte dentro, Icardi fuori: perché l’Inter deve decidersi, e presto 10.04 - Senza Chiellini contro l’Ajax non mancherà solo uno dei migliori tre difensori del mondo. Mancherà il condottiero, ancora prima che il capitano, quello che è capace di trascinare l’esercito fuori dal fuoco di fila. Si teme uno stop che possa includere anche il ritorno, ma il Chiello...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Inter: Conte in avvicinamento (e non arriva da solo...). Milan: la "finale" di Gattuso e un futuro già scritto. Juve: le polemiche e il campionato vinto a ottobre. Salvate il Var dagli arbitri! 09.04 - Parto con una primizia: lo scudetto è andato, assegnato, lo vince la Juve. Sarà per quei 323423423 punti di vantaggio sulla seconda. E allora parliamo d'altro, di una roba noiosa ma che ci tocca affrontare: parliamo di arbitri. E di Var. E di arbitri al Var. E di designatori che mandano...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Retroscena Kean: quando a gennaio doveva essere ceduto per 20 milioni. Gattuso non fa miracoli. Rosa corta e inadeguata. Mercato: Inter in "Paul". Napoli, Ancelotti "vede" Pussetto e Perisic fa le valigie per l'Inghilterra 08.04 - Accostarlo oggi al Frosinone sembrerebbe follia ma se a gennaio si parlava di Moise Bioty Kean in Ciociaria non c'era nulla di sconvolgente. Il ragazzo non giocava, aveva bisogno di minuti e Raiola, con Capozucca, mise in piedi un'operazione già battezzata dalla Juventus. Una sorta...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510