VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Chi è attualmente il numero nove più forte del mondo?
  Harry Kane
  Mauro Icardi
  Gonzalo Higuain
  Robert Lewandowski
  Romelu Lukaku
  Luis Suarez
  Edinson Cavani
  Alvaro Morata
  Edin Dzeko

Editoriale

Di Francesco e la confusione. Gli opposti destini di Zhang e Yonghong. Media e infortuni: Gigio, Verdi, Icardi. Monchi, Sabatini e...Mirabelli

03.02.2018 07:08 di Mauro Suma   articolo letto 18336 volte

Poche settimane prima che Vincenzo Montella approdasse in rossonero, nell'estate del 2016, l'allora tecnico del Sassuolo liquidò frettolosamente il Milan, che peraltro non lo stava seguendo: "Non vado dove c'è confusione". Beh, è il classico caso in cui basta la parola...Da quel momento Di Francesco la confusione l'ha lasciata e l'ha trovata. L'ha lasciata al Sassuolo, dove fra Bucchi, Iachini, Berardi e Politano si fa in qualche caso fatica a fare l'appello fra chi c'è e chi non c'è. E l'ha trovata nella Capitale versante giallorosso, dove un esperto di Milan come il presidente Pallotta si sta "dimenticando" da qualche settimana a questa parte di dare spiegazioni ai suoi tifosi, quelli della Roma. Dove fra il capodanno romano e quello cinese di Nainggolan si fa fatica a cerchiare il calendario e dove fra la girandola di voci che hanno riguardato Dzeko e perfino Florenzi, alla fine la vittima sacrificale del mercato è stata Emerson Palmieri. Un mercato psico-drammatico, ebbene sì un po' ondivago e forse anche confuso, ma non diciamolo a Di Francesco.

Uno piace ai media, l'altro ai suoi tifosi. Con il risultato che uno dopo aver preso due giocatori sul mercato invernale, viene investito da insulti a raffica su Instagram. L'altro, dopo non aver preso nessuno, viene lasciato in pace dai media giusto perchè il Milan di Gattuso sta andando bene, ma soprattutto nei suoi tifosi continua ad avere quella immagine del presidente portafortuna del derby di coppa Italia. Se anche un interista paziente come Enrico Mentana arriva a dire, dopo il lungo e reiterato silenzio dei media "distratti" dal Milan, che Suning deve restituire l'Inter, vuol dire che il bonus Zhang sta per finire, sia verso il patron senior che nei confronti di Steven. E significa, sul fronte opposto, che il Milan sta raggiungendo il risultato che si era prefisso in linea con quanto accade con i club inglesi: tocca al management aziendale programmare e comunicare, il presidente è giusto che resti dietro e sopra la trincea. Una volta spiegato per tempo perchè il Milan doveva dare continuità alla propria programmazione estiva, i tifosi hanno capito e sono andati in 70mila allo stadio per le 2 gare con la Lazio.

Dall'infortunio muscolare all'infortunio mediatico. Un caso mediatico oggi scatena baraonde e bufere sui social. Che scavano dentro un giocatore. Che a stretto giro si fa male. Tenerne conto, please. Tutto è partito da Gianluigi Donnarumma, con l'improvvida scelta di rivangare sul un grande quotidiano in maniera forzata alcune sfumature estive, nella speranza di muovere le acque a gennaio. Ne è nata una dura reazione dei tifosi, finita bene grazie alla prova maiuscola di Antonio nel derby, ma dicembre era stato il mese delle partite non positive di Gigio contro Verona e Atalanta, prima di infortunarsi poco dopo Natale. La prova del nove ha funzionato anche ai danni di Simone Verdi: preoccupatissimo dalla reazione di Napoli, si è fatto male in campo proprio contro il Napoli. Idem come sopra per Mauro Icardi. Dopo le tante voci che lo hanno riguardato (fine corsa con Wanda? Da Wanda a Raiola? Rapporti non buoni con Brozovic? E pure con Perisic?), è arrivata puntuale l'elongazione muscolare. Attenzione: l'impasto media-social incide direttamente sui giocatori. Arma a doppio taglio pericolosissima.

Quello di oggi è il calcio delle formula magiche. Una volta trovata una, va bene per tutti i gusti. Era così per Suning proprietà certa e il Milan invece...Era, perchè forse è vicino il momento in cui riavvolgere il nastro...Ma era abusatissima anche quella di Monchi e Sabatini che sono bravi a scovare talenti a zero mentre invece Mirabelli spende a pioggia...Sicuri che la formuletta sia ancora valida? Ha fatto meglio lo spernacchiatissimo Borini in questa stagione, oppure Hector Moreno e Karsdorp? Oppure Karamoh? E per cento bocche che sputano sentenze su Andrè Silva, ce ne sarà mai una che riuscirà a pronunciare, anche lentamente, il nome di Dalbert? O serve il logopedista? Ma Monchi e Sabatini sono consolidati, sono navigati, conoscono e blandiscono il sistema con le sue regole e i suoi rapporti, mentre Mirabelli è visto ancora come naif. Ecco perchè anche in settimana gli hanno indirizzato battutine, messaggi e sorrisini. Circondati dal solito codazzo degli altrettanto convinti sorrisini di chi ascoltava...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: il segreto delle "non-lacrime" di Allegri. Milan: l'allarme cinese... e occhio a maggio! Inter: è ora di giocare al gioco del silenzio. Napoli: il diritto di Sarri a fare come crede 20.02 - Ciao. Quando arriva il momento di compilare questo editoriale faccio un giro sui siti per cercare ispirazione ed evitare di scrivere cose come “prima o poi bisogna affrontarle tutte” o “lo scudetto si decide a primavera” o “la politica è tutto un magna-magna”. A volte i siti ti danno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Napoli-Juve, marzo sarà decisivo. Inter, che flop! Sassuolo, il problema era dietro la scrivania. Cuore De Zerbi e Bergamo Gasperini-Sartori sono ai titoli di coda… 19.02 - Se la Juventus non ha lasciato punti a Firenze e nel derby significa che il Napoli, per vincere questo scudetto, dovrà andare oltre la soglia del miracolo. Tuttavia, sembra chiaro che il campionato si deciderà a marzo, in un modo o nell'altro. Allegri e Sarri sono reduci da una pessima...

EditorialeDI: Andrea Losapio

I meriti di Gattuso o i demeriti di Montella? Borussia-Atalanta, che spot per il calcio. Un po' meno il Napoli in Europa League. Rosa lunga alla Juventus, ma se si fanno tutti male... 18.02 - In sala stampa a Dortmund, con i gol di Europa League che scorrevano in sottofondo, alcuni giornalisti tedeschi paragonavano Cutrone a Inzaghi. "Ci somiglia, eh?". Non può essere che lui l'uomo copertina del Milan di Gennaro Gattuso. Lui, invece, assomiglia tanto al Pioli della scorsa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Primavera Cutrone e Primavera Merrill Lynch. Juventus europea, stampelle e pareggio. Napoli provinciale, limiti e sconfitta 17.02 - Dalla Primavera rossonera arriva Patrick Cutrone e alla Primavera come stagione prossima ventura guarda tutto il Milan che sta lavorando per la propria nuova struttura finanziaria pre-Elliott e, possibilmente, post-Elliott. Insomma, pre ottobre 2018. Ci sono grandi novità in vista...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ecco perché la Juve non ha battuto il Tottenham. Mancano i campioni. Le grandi lontane. Campionato non allenante. Napoli, vai fuori dalla Coppa 16.02 - La Juventus può ancora ribaltare il risultato a Londra, è giusto pensarlo e crederlo. L’impresa è difficile, ma possibile, conosciamo bene il calcio e anche il carattere dei bianconeri. Il pareggio con il Tottenham però è stato liquidato troppo in fretta come un incidente di percorso....

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il calciomercato di oggi, i nomi di ieri. Quanto varrebbero ora i big che ci hanno fatto sognare. Da Ronaldo a Totti, da Maradona a Platini: ecco le loro valutazioni... 15.02 - Quando Totti ha detto (a Sky) che nel mercato di oggi varrebbe almeno 200 milioni di euro è scattato in testa a tutti il solito giochino. Ma quanto varrebbero ora i grandi campioni del passato, Totti compreso? Non è la prima volta che ci si pensa, non è la prima volta che si fa. Proprio...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter tra riscatti, governo e sogni… Lazio-de Vrij, dipende da Lotito! Europa League, no alle seconde linee! 14.02 - L’Inter, seppur faticando, è tornata a vincere. Da oggetto misterioso, il giovane Karamoh si è trasformato in “enfant prodige”… Mentre Epic Brozovic ha iniziato una guerra con l’intero popolo San Siro (il croato è destinato a perdere, anche malamente), il 19enne francesino, ex Caen,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il messaggio di Allegri e la firma “segreta”. Inter: una Kara spallata agli autolesionisti (e le voci dalla Cina...). Milan: il fallimento di chi tifa fallimento. Napoli: che musica l'orchestra Sarri, ma occhio al bivio. 13.02 - Ciao, sono reduce da Sanremo. Non c’ero mai stato. A Sanremo c’è l’Altra Sanremo. L’Altra Sanremo non si vede in televisione, altrimenti tutti direbbero “minchia! Altro che Sanremo!”. L’Altra Sanremo è un delirio di cene alle 2 del mattino, feste alle 3 e “festini” fino all’alba. C’è...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Un Napoli così vale il miliardo di euro... Rino, adesso arriva il bello. Inter, gioia e fatica. La favola Chievo mostra le prime crepe 12.02 - Siamo sempre esterofili. Amiamo la Germania per la birra e per gli stadi. Amiamo l'Inghilterra per il pubblico e per i soldi della Premier. Forse amiamo anche la Francia che ha un campionato mediocre, ma il PSG e la Torre Eiffel. Ora, però, una cosa la possiamo dire: in Italia abbiamo...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

In Europa resiste solo la Serie A grazie al miracolo Napoli. Bernardeschi come Dybala: c'è il marchio Allegri. Spalletti e Di Francesco: chi salta a maggio? 11.02 - Ha ragione Maurizio Sarri quando paragona la Juventus al Bayern Monaco. Lo dice la storia, la tradizione vincente e un fatturato che è completamente differente da quello delle altre 19 squadre di Serie A. In attesa del ritorno ad alti livelli delle milanesi, che ormai aspettiamo invano...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.