VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/2018 al via: chi vince il campionato?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Milan
  Inter
  Lazio
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Di Maria, De Sciglio, Verratti, Tolisso, Caldara, Spinazzola: tutti i nomi della nuova Juve. Milan su Dzeko. Inter, Simeone si complica

28.04.2017 07:09 di Enzo Bucchioni   articolo letto 40486 volte
© foto di Federico De Luca

Allegri resterà alla Juventus anche se dovesse essere triplete (tifosi della Signoira toccate ferro), non è Mourinho. La sua è un’altra storia. Vi abbiamo già anticipato la settimana scorsa che è stata raggiunta un’intesa di massima per prolungare il contratto fino al 2020 con un ingaggio da top-allenatore, progressivamente dai cinque attuali agli otto milioni. L’annuncio doveva esserci, poi è stato rimandato, in fondo Allegri il contratto per l’anno prossimo ce l’ha già.

In attesa dell’atto formale e dell’aumento, Allegri è rimasto a Torino anche perché la Juventus gli ha presentato un piano di rafforzamento e di ringiovanimento a prescindere da come finirà questa stagione.

Si sta lavorando sottotraccia da tempo con il Psg e l’obiettivo è molto ambizioso. Vi abbiamo già detto che da mesi Di Campli, l’agente di Verratti, sta cercando la strada per riportare in Italia il giovane talento della nazionale. L’operazione costosa Orsolini (dall’Ascoli alla Juve) è stata un antipasto, guarda caso il procuratore è lo stesso. Ma non solo Verratti. Con gli incassi di questa stagione incredibilmente positiva, oltre 100 milioni dalla Champions più Coman riscattato dal Bayern per circa 20 milioni, la Juventus può permettersi di fare altre spese importanti e di alzare il monte ingaggi. In questa ottica nel mirino dei bianconeri è finito anche Di Maria che nel Psg con Emery non gioca moltissimo. La Juve sarebbe disposta a sacrificare Mandzukic che potrebbe far coppia con Cavani a Parigi, e a mettere sul piatto il centrocampista francese Lemina oltre a un pacco di milioni, una settantina. Gli intermediari sono al lavoro per trovare un punto d’incontro tra domanda e offerta, e in attesa di capire se Emery resterà o meno sulla panchina della squadra francese.

Ma non è tutto. Sempre aperta la pista che porta a Tolisso in attesa di valutare cosa farà Khedira autore di una stagione strepitosa, ma molto tentato dalla lega americana. Per la difesa Caldara si sta dimostrando più avanti del previsto, con ogni probabilità arriverà in bianconero dall’estate prossima e non nel 2018 e con lui farebbe ritorno a casa l’esterno Spinazzola che sta facendo una grande stagione a Bergamo.

Un altro nome da tempo nel mirino e forse qualcosa di più, è Mattia De Sciglio che ha deciso di lasciare il Milan a maggior ragione dopo l’aggressione patita dopo la gara con l’Empoli. E’ probabile che i rossoneri si mettano a trattare con la Juve già l’estate prossima per evitare che l’esterno di difesa si liberi a zero nel 2018. Ma c’è grande attenzione anche per la crescita di Schick. Marotta ha proposto venti milioni alla Sampdoria con il giocatore che resterebbe un altro anno a Genova. Nel frattempo dal Chelsea è arrivata una buona offerta (20 milioni) per Marchisio. Dopo il no iniziale, ora si riflette. Deciso no, invece, alle offerte per Bonucci. La difesa andrà rinnovata e il centrale, con la sua esperienza, dovrà far crescere ancora Caldara e Rugani. Anche Benatia sarà riscattato, sul suo recupero ad altissimo livello credono tutti.

Come si vede, nel momento in cui la Juventus sta per coronare una stagione ad altissimo livello, nessuno si ferma e il rinnovamento è considerato fondamentale per ripartire verso nuovi traguardi.

Quali saranno i traguardi del Milan non è ancora chiaro. Certamente Montella vuole un centroavanti per sostituire Bacca e Lapadula entrambi in partenza. Dopo il no di Morata che vuole la Premier e pensa anche alla Juve, le attenzioni si sono focalizzate su Dzeko. La richiesta è alta (40 milioni), ma con il nuovo direttore sportivo Monchi, nessuno si meravigli di niente. Ha costruito i successi del Siviglia smontando e rimontando la squadra tutti gli anni, facendo plusvalenza con i campioni e scoprendo nuovi talenti senza indebolire l’organico. Nessuna meraviglia, quindi, se la Roma dovesse accettare un’offerta del Milan, soprattutto se dovesse restare Spalletti che ha rotto con l’attaccante.

Già, Spalletti. Il colloquio con Monchi ha lasciato aperte tutte le soluzioni. L’allenatore ha più chiari i programmi della Roma e sta riflettendo. Contemporaneamente sembra complicato strappare Emery al Psg e Pochettino al Tottenham, convincere Spalletti potrebbe essere una soluzione ideale per Monchi.

Anche l’allenatore dopo che la Juve l’ha liberato (Allegri resta) sta rivedendo certe convinzioni. Se ci sono programmi importanti potrebbe restare.

All’orizzonte c’è l’Inter alla ricerca di stabilità. Abbandonata l’idea Conte che resterà a Londra come vi abbiamo sempre detto, anche Simeone sembra orientato a passare un altro anno a Madrid. Pioli è in stand by, dovrebbe vincerle tutte da qui alla fine per ritrovare estimatori in società e Spalletti resta un’idea praticabile.

S’è messa un po’ più avanti per la panchina la Fiorentina che sta stringendo per Di Francesco. Ci sarà un rinnovamento profondo, Kalinic probabilmente seguirà Sousa, servirà un nuovo attaccante. Radio-Viola dice che domenica a Palermo eccezionalmente ci sarà anche il presidente Cognigni che quasi mai segue la squadra. Non è che andrà in Sicilia per chiudere l’affare Nestorovski, un giocatore che piace molto a Corvino e di sicuro anche a Di Francesco?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Nainggolan e Belotti meglio di Dembelè. Kalinic, crudo ma chiaro. Niang come Cerci? Keita: sarà vera ritirata quella della Juve? 19.08 - Tre anni fa era l'estate dell'Ice Bucket Challenge. Nato per scherzo e diventato virale. Questa è invece l'estate dell'I go where i want. E' altrettanto virale, anche se evidentemente non è un hashtag o qualcosa di definito. E' la moda, inaugurata da Neymar e Dembelè, di prendere...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Matuidi non basta. Con questo mercato l’obiettivo Champions si allontana. Oltre a Spinazzola anche Caldara? Il modulo da cambiare. Cuadrado via. Inter, Spalletti vuole un fantasista. Schick vice Icardi, arriva un centrale 18.08 - Erano due anni che un giorno si’ e un altro pure, puntualmente, Matuidi era dato come imminente acquisto della Juve. Una storia simile a quella del lupo e il lupo questa volta e’ arrivato. Un giocatore cosi’, fisico, ma anche piedi discreti e visione di gioco, servira’ di sicuro e...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Un Ferragosto di colpi: Juve, Inter e Milan. Caso Keita, restyling Fiorentina: ma non è affatto finita qui 17.08 - Entro il fine settimana sarebbe arrivato Matuidi. E Matuidi è stato. Anche in anticipo (leggero) rispetto alle previsioni. Approfittando della festa di Ferragosto Marotta e Paratici hanno rotto gli indugi e già da martedì sera Paratici era andato a Montecarlo per chiudere la trattativa...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Quanti pensieri sotto il sole di Riccione… Kondo, che pasticcio! Juve e le scuse di Higuain… Sarri, ora o mai più! Ma Asensio? 16.08 - Le spensierate vacanze sono agli sgoccioli… Sotto il sole di Riccione ci si diverte e la mente (e il fisico) si rilassa, immagazzinando energie per i mesi futuri… Eppure, tre o quattro volte al giorno, ci si ritrova a parlare di calcio! Impossibile farne a meno… La Juventus ridimensionata...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Allarme Juve: il rinforzo di Marotta e la scelta (complicata) di Allegri. Inter: la decisione su Schick. Bomber Milan? Un silenzio "studiato". Napoli: ecco la mossa giusta 15.08 - E ben ritrovati a tutti. Questo editoriale va in onda in forma ridotta per ovviare a una questione di "ferie del sottoscritto iniziate giusto ieri". Questo non significa che non si possa toccare il fondo anche questa settimana: ci riusciremo, solo in maniera più concentrata. Vi...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

5 giorni al via della nuova serie A: ecco la griglia di partenza… e di arrivo aspettando il 31 Agosto 14.08 - Ovviamente preferiamo tutti la grigliata di Ferragosto alla griglia di partenza della serie A, però, è giusto parlare prima anziché dopo quando sarà tutto più facile per tutti. Certamente ci sono ancora due settimane piene per cambiare obiettivi e per spostare gli equilibri, con un...

EditorialeDI: Marco Conterio

L'anno zero del calcio mondiale. Il risveglio dal sogno Leicester, la lezione di Rooney, i milioni del PSG e le grandi d'Italia in cerca degli ultimi botti 13.08 - Il Leicester City di Claudio Ranieri aveva risvegliato, in tutti noi, una parola antica. Fanciullesca. Favola. Aveva riportato alla mente i racconti di un calcio che fu, le pagine polverose del pallone delle leggende, di quanto la televisione era un miraggio, o di quanto Davide aveva...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve, Milan e Inter: cosa manca. Biglia e Kondo: casi di Ferragosto. Kolarov: l'ovvio del derby 12.08 - Alla Juventus manca un centrocampista, al Milan un centravanti, all'Inter un colpo. Quello del centrocampista inizia ad essere un caso per i bianconeri. Sempre vincenti e sempre leader, ma nel corso degli anni il reparto-chiave, la sala macchine, ha perso irreversibilmente qualità....

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve allarme, il mercato e’ in ritardo. Per la Champions serve di più. Non poteva prendere Strootman con la clausola? Serve un altro Bonucci. Ma anche l’Inter e’ ferma. Milan, occhi su Cavani. Fiorentina, Simeone e Jese’ 11.08 - Guardo la casella degli acquisti su un giornale qualsiasi, conto i giorni che mancano alla fine del mercato (soltanto venti) e comincio a pensare che la Juventus sia in netto ritardo. Magari oggi Marotta mi smentira’ presentando in un colpo solo i tre-quattro giocatori che servono...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juve un 10 in attesa del centrocampista, la Roma insiste, l'Inter dribbla. Il Torino scatenato a centrocampo, Schick rifa le visite e ora? 10.08 - La Juve, sebbene non abbia più piazzato la zampata del centrocampista, la notizia della giornata l'ha comunque tirata fuori: Dybala sarà il nuovo 10 bianconero. Voi direte: col mercato non c'entra niente. Vero ma intanto possiamo sgombrare il campo da qualsiasi tipo di voce che continuava...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.