VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/18?
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Roma
  Liverpool

Editoriale

Di Maria, De Sciglio, Verratti, Tolisso, Caldara, Spinazzola: tutti i nomi della nuova Juve. Milan su Dzeko. Inter, Simeone si complica

28.04.2017 07:09 di Enzo Bucchioni   articolo letto 40690 volte
© foto di Federico De Luca

Allegri resterà alla Juventus anche se dovesse essere triplete (tifosi della Signoira toccate ferro), non è Mourinho. La sua è un’altra storia. Vi abbiamo già anticipato la settimana scorsa che è stata raggiunta un’intesa di massima per prolungare il contratto fino al 2020 con un ingaggio da top-allenatore, progressivamente dai cinque attuali agli otto milioni. L’annuncio doveva esserci, poi è stato rimandato, in fondo Allegri il contratto per l’anno prossimo ce l’ha già.

In attesa dell’atto formale e dell’aumento, Allegri è rimasto a Torino anche perché la Juventus gli ha presentato un piano di rafforzamento e di ringiovanimento a prescindere da come finirà questa stagione.

Si sta lavorando sottotraccia da tempo con il Psg e l’obiettivo è molto ambizioso. Vi abbiamo già detto che da mesi Di Campli, l’agente di Verratti, sta cercando la strada per riportare in Italia il giovane talento della nazionale. L’operazione costosa Orsolini (dall’Ascoli alla Juve) è stata un antipasto, guarda caso il procuratore è lo stesso. Ma non solo Verratti. Con gli incassi di questa stagione incredibilmente positiva, oltre 100 milioni dalla Champions più Coman riscattato dal Bayern per circa 20 milioni, la Juventus può permettersi di fare altre spese importanti e di alzare il monte ingaggi. In questa ottica nel mirino dei bianconeri è finito anche Di Maria che nel Psg con Emery non gioca moltissimo. La Juve sarebbe disposta a sacrificare Mandzukic che potrebbe far coppia con Cavani a Parigi, e a mettere sul piatto il centrocampista francese Lemina oltre a un pacco di milioni, una settantina. Gli intermediari sono al lavoro per trovare un punto d’incontro tra domanda e offerta, e in attesa di capire se Emery resterà o meno sulla panchina della squadra francese.

Ma non è tutto. Sempre aperta la pista che porta a Tolisso in attesa di valutare cosa farà Khedira autore di una stagione strepitosa, ma molto tentato dalla lega americana. Per la difesa Caldara si sta dimostrando più avanti del previsto, con ogni probabilità arriverà in bianconero dall’estate prossima e non nel 2018 e con lui farebbe ritorno a casa l’esterno Spinazzola che sta facendo una grande stagione a Bergamo.

Un altro nome da tempo nel mirino e forse qualcosa di più, è Mattia De Sciglio che ha deciso di lasciare il Milan a maggior ragione dopo l’aggressione patita dopo la gara con l’Empoli. E’ probabile che i rossoneri si mettano a trattare con la Juve già l’estate prossima per evitare che l’esterno di difesa si liberi a zero nel 2018. Ma c’è grande attenzione anche per la crescita di Schick. Marotta ha proposto venti milioni alla Sampdoria con il giocatore che resterebbe un altro anno a Genova. Nel frattempo dal Chelsea è arrivata una buona offerta (20 milioni) per Marchisio. Dopo il no iniziale, ora si riflette. Deciso no, invece, alle offerte per Bonucci. La difesa andrà rinnovata e il centrale, con la sua esperienza, dovrà far crescere ancora Caldara e Rugani. Anche Benatia sarà riscattato, sul suo recupero ad altissimo livello credono tutti.

Come si vede, nel momento in cui la Juventus sta per coronare una stagione ad altissimo livello, nessuno si ferma e il rinnovamento è considerato fondamentale per ripartire verso nuovi traguardi.

Quali saranno i traguardi del Milan non è ancora chiaro. Certamente Montella vuole un centroavanti per sostituire Bacca e Lapadula entrambi in partenza. Dopo il no di Morata che vuole la Premier e pensa anche alla Juve, le attenzioni si sono focalizzate su Dzeko. La richiesta è alta (40 milioni), ma con il nuovo direttore sportivo Monchi, nessuno si meravigli di niente. Ha costruito i successi del Siviglia smontando e rimontando la squadra tutti gli anni, facendo plusvalenza con i campioni e scoprendo nuovi talenti senza indebolire l’organico. Nessuna meraviglia, quindi, se la Roma dovesse accettare un’offerta del Milan, soprattutto se dovesse restare Spalletti che ha rotto con l’attaccante.

Già, Spalletti. Il colloquio con Monchi ha lasciato aperte tutte le soluzioni. L’allenatore ha più chiari i programmi della Roma e sta riflettendo. Contemporaneamente sembra complicato strappare Emery al Psg e Pochettino al Tottenham, convincere Spalletti potrebbe essere una soluzione ideale per Monchi.

Anche l’allenatore dopo che la Juve l’ha liberato (Allegri resta) sta rivedendo certe convinzioni. Se ci sono programmi importanti potrebbe restare.

All’orizzonte c’è l’Inter alla ricerca di stabilità. Abbandonata l’idea Conte che resterà a Londra come vi abbiamo sempre detto, anche Simeone sembra orientato a passare un altro anno a Madrid. Pioli è in stand by, dovrebbe vincerle tutte da qui alla fine per ritrovare estimatori in società e Spalletti resta un’idea praticabile.

S’è messa un po’ più avanti per la panchina la Fiorentina che sta stringendo per Di Francesco. Ci sarà un rinnovamento profondo, Kalinic probabilmente seguirà Sousa, servirà un nuovo attaccante. Radio-Viola dice che domenica a Palermo eccezionalmente ci sarà anche il presidente Cognigni che quasi mai segue la squadra. Non è che andrà in Sicilia per chiudere l’affare Nestorovski, un giocatore che piace molto a Corvino e di sicuro anche a Di Francesco?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: Allegri andrà via, ma guai a dare i bianconeri per “finiti”. Milan: la follia dei processi a Gattuso. Inter: l’operazione Champions spaventa solo i deboli. Napoli: occhio all’uragano Sarri. E forza Roma, ovvio 24.04 - Tra breve parleremo di calcio. Davvero. Ma prima l’Uomo-Ken. Ognuno nasce con uno scopo: alcuni diventano astronauti, altri benzinai, altri missionari, altri Uomo-Ken. L’Uomo-Ken è un tizio che ha come unica ragione di vita assomigliare a Ken, il noto bambolotto Anni ‘80. In questi...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allegri non pervenuto. Sarri, colpo Gobbo a Torino. Milan, che dolore il colpo della strega. Crisi Udinese, Oddo non pronto per questi livelli. De Canio e la bacchetta magica... 23.04 - Se la Juventus prepara una finale scudetto in questo modo, molto colpe sono del suo allenatore. Squadra scarica, zero tiri in porta, gente che passeggia in campo e neanche il 10% della carica agonistica che ti aspetti per chiudere i conti e ammazzare il tuo rivale. Juventus ai minimi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Napoli, solo un crollo verticale può salvare la A dalla monotonia. Roma può diventare come Londra, ma dipenderà dallo stadio. Che bella la lotta salvezza 22.04 - Questa sera andrà in scena la madre di tutte le partite. Almeno per una fetta, consistente anzichenò, del nostro calcio. Perché tutti coloro che non tifano Juventus proveranno a vedere, finalmente, la speranza di avere una nuova regina del calcio italiano. Il Napoli incarna Davide...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Morata-Juve per ora solo un’idea, ma il ritorno non è impossibile. Per Torreira il Napoli tenta l’affondo. Mancini CT, lo Zenit frena: i tempi potrebbero allungarsi 21.04 - La sfida scudetto di Torino è dietro l’angolo ma anche il mercato continua a regalare spunti interessanti e per certi versi clamorosi. Parto subito forte e vi dico che il ritorno di Morata alla Juventus non è impossibile. Al momento è solo un’idea, destinata a rimanere tale se la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Napoli, ecco come giocheranno. Sui bianconeri le maggiori pressioni. Dybala è il dubbio. Pjanic recupera. Milik in vantaggio su Mertens. Restare o andar via? Il futuro di Allegri e Sarri passa da questo scudetto. Italia, Mancini CT 20.04 - Hai nove punti di vantaggio, praticamente già vinto lo scudetto e pochi minuti dopo scopri che quei punti si riducono a quattro e ritorna tutto in discussione. Non deve essere simpatico. Non è un momento semplice per la Juve alla vigilia dello scontro diretto col Napoli, pochi giorni...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juventus-Napoli, sfida totale. Un finale di campionato elettrizzante… 19.04 - Un finale di campionato così è letteralmente da sogno. Per tutti i tifosi, di tutti i colori. Perché vivere un duello così bello, così intenso, con così tanti colpi di scena concentrati in pochi minuti o in poche giornate. Lo scontro diretto è ormai alle porte e viverlo con queste...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

I dolori del giovane Andrea Agnelli: se gli obiettivi futuri della Juventus valgono davvero questo danno d'immagine, per il club stesso, e per Gigi Buffon. Gravissima l'accusa di malafede a Collina 18.04 - È passato tutto in cavalleria. No, non di certo le parole di Buffon o di qualcun altro. Le uscite dei giocatori hanno fatto molto clamore, anche se qua in Italia si è trattato solo di rumore, mentre all'estero è stato disgusto e condanna, in un tragico giro del mondo che ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la corte a Marotta e il futuro di Allegri. Milan: il piano di Gattuso per la prossima stagione (e Donnarumma?). Inter: quanti processi senza senso. E a Buffon il 432esimo consiglio non richiesto 17.04 - A Milano è iniziata la Settimana del Mobile. Alla Settimana del Mobile è difficilissimo trovare dei mobili e la cosa, converrete, è molto curiosa. Molto più facile trovare gente di merda. Di quella sono piene le vie. Sembra che tutti vadano nelle feste esclusive, fanno a gara a dirtelo,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Ecco perché Buffon va assolto. Il suicidio della Lazio senza un perché. L'Inter senza Icardi ha un problema. Empoli verso la A: bastava esonerare Vivarini 16.04 - Ci siamo lasciati alle spalle la settimana europea più folle di sempre per il calcio italiano. Istanbul a parte, una roba del genere non l'avevamo mai vista. Nel bene (la Roma) e nel male (la Lazio). E la Juve è bene o male? Vi starete chiedendo. Assolutamente nel bene. La Juventus...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il problema non è il contatto Benatia-Vazquez, il problema è tutto il resto: Ceferin faccia subito un passo indietro. La UEFA ha due scuse, ma non bastano per giustificare questo atteggiamento: ha ragione Gattuso 15.04 - Andò peggio, molto peggio, un anno fa. Erano sempre i quarti di finale di Champions League, c'era sempre il Real Madrid, ma i blancos al Bernabeu non avevano di fronte la Juventus, bensì il Bayern Monaco, sconfitto 2-1 all'andata. I bavaresi, allora guidati da Carlo Ancelotti, nei...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.