VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Dimissioni Moratti: sul conto di Mazzarri. Tifosi Milan: guardate l'Inter. Aquilani, domenica torna a San Siro. Biasin: ma non era Simone quello bravo? De Sanctis: e quando provocavi l'espulsione di Ibra? Juve: ok Pogba e quindi Vidal...

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
25.10.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 28446 volte

Mancavano solo le dimissioni dell'icona dell'Inter sul conto del tecnico toscano. Puntualmente arrivate anche quelle. Il tifoso dell'Inter, medio o non medio, non può non essere legato. grato e devoto ad un uomo che ha gravemente intaccato il patrimonio di famiglia per le prossime generazioni, solo e sempre per amore dei suoi colori e della sua squadra. Massimo Moratti non è né quello e né quell'altro. E' l'Inter. E nessuno può dimenticarselo. Se poi parliamo dello zoccolo duro del gesto di Moratti, allora le cose cambiano. La conferenza di Mazzarri è pura foglia di fico mediatica. E nemmeno la riga mai scritta dagli attuali vertici nerazzurri per rispetto a Moratti dopo le frasi del tecnico di San Vincenzo, sono una ragione. Sono dimissioni pensate e calcolate da tempo. Dal momento in cui la famiglia ha capito che Erick Thohir non farà come il suo predecessore e non toccherà un centesimo del suo patrimonio per amore dell'Inter. Ed è dura allora per chi ha speso enormemente per amore, sentirsi fare la lezioncina su questioni che sono sì pubbliche ma che per Moratti e la sua famiglia sono molto intime e molto delicate. Moratti non prevede un buon futuro per l'Inter e ha messo una montagna fra le dichiarazioni thohiriane di oggi e il futuro della Società. Per mesi è girata per Milano la voce che Thohir fosse solo una copertura e che l'Inter fosse sempre morattiana: era una fandonia. Sempre nei mesi scorsi avevamo colpito le frasi dell'ex dg Ernesto Paolillo sulla impellente necessità economica, blasfema agli occhi di milanisti e interisti, di una fusione fra i due Club milanesi: era un grido di dolore. E oggi iniziano a comprendersene i contorni,

Al presidente Berlusconi e alla sua famiglia spiace quello che sta accadendo in casa Inter. Molte volte Silvio Berlusconi e Massimo Moratti si sono telefonati le reciproche sofferenze per i costi del calcio e per i tanti sacrifici che si sono sempre ritrovati sul groppone. Tutto questo oggi inizia ad uscire dall'ovatta e diventa più nitido. Il Milan non punta il dito. Il Milan ha i suoi problemi e le sue difficoltà quotidiane. I conti e i costi sono una dura legge per tutti. Ma, pur senza cantare nessuna vittoria, il Milan oggi non ha i problemi gravi che si scorgono all'orizzonte nerazzurro. Ecco perchè oggi appaiono una volta di più maldestri certi sproloqui e ben poco meditate e attente certe urla sguaiate sulle, sia ben chiaro, dolorosissime cessioni di Ibra e Thiago, e sui mercati fatti col bilancino nelle estati 2013 e 2014 da parte del Milan. Nelle cose c'è sempre una ragione. E la messa in sicurezza dei conti era indispensabile. Cosa che l'Inter oggi scopre quasi drammaticamente. Con un distinguo: quale che sia l'epilogo, dalla rottura Thohir-Moratti l'Inter rischia di uscirne molto più debole. Anche perché in mezzo ai due non c'è nessuno di autorevole. Dal duro, e oggi comprendiamo quanto doveroso, confronto fra Barbara Berlusconi e Adriano Galliani, il Milan è invece uscito più forte. Per un ragione: al vertice per prestigio e gerarchia, ma in mezzo per amore filiale e affetto amicale, c'era Silvio Berlusconi.

Domani a San Siro, Milan-Fiorentina. E torna Alberto Aquilani a San Siro, Lo ha già fatto e ha anche segnato contro il Milan: non è una notizia. Ma oggi che Aqua, come lo chiamavano con onore a Liverpool, è un po' pizzicato a Firenze per il contratto, è giusto rendergli l'onore delle armi. Per le gravi ragioni economiche di cui sopra, il Milan fu costretto a gestire, nei primi mesi del 2012, quell'ottimo giocatore che è Alberto in base a principi e modi non solo tecnici e non solo umani come è costume della casa, ma soprattutto monetari. E per quelle ragioni, Aquilani perse l'Europeo del 2012. Non una quisquilia per chi era tornato in Italia anche per la maglia azzurra. Ma pur avendo un milione di ragioni per farlo, Aquilani non disse una parola contro il Milan e non fece mezza polemica. Chapeau.

Amo esagerare con Biasin, ma senza cattiveria. E lo faccio solo per ricambiare le rotture di maroni che mi riserva praticamente ogni giorno con quel pareggio del Cesena. Dunque: dopo i sei gol di Honda ho ricevuto tanti messaggi a Milan Channel, ma tanti, su quel giornalista che diceva che il giapponese era un Birsa con un miglior ufficio stampa. Beh...Sistemata la cosa, avanti un'altra. In effetti Biasin ne regala, nella sua perfidia anti-rossonera. Ad esempio Inzaghi. Superpippo sta lavorando, non fa proclami e non ha ancora fatto niente. Ma qualcosina sembra indicare che fra poco mi arriveranno messaggi, sempre a Milan Channel, sull'altra chicca estiva di Biasin: attenti a Inzaghi, è Simone quello bravo...Grande Fabrizio, regalacene ancora.

Nulla contro Morgan De Sanctis. Ma...Dopo aver letto che il portierone giallorosso si lamenta delle squadre e dei giocatori che circondano gli arbitri per imporre i loro desideri sulle decisioni dell'arbitro, il pensiero è stato immediato. Ed è andato al Febbraio 2012, Milan-Napoli 0-0, punto Scudetto perso dal Milan e 3 giornate di squalifica per Ibrahimovic. Quella domenica forse il Milan ha perso lo Scudetto, quello dell'inizio dell'era Conte. E alla base della lite Ibra-Aronica, c'era stato proprio De Sanctis. Lui aveva avuto il primo contatto e lui ha un po' aizzato in campo sia Ibra e Aronica che l'arbitro. Predicare è giusto, ma razzolare di conseguenza lo è altrettanto.

C'è sempre un'altra metà nel calcio. Un'altra prospettiva, una seconda parte del problema. Questione di scelte di indirizzo. Nel caso della Juventus legittime e comprensibili. Anche se il diretto interessato smentisce, il rapporto fra Vidal e il Club bianconero segna il passo. Tecnicamente ed economicamente. Anche l età non è più di primo pelo. Non è delitto so a questo punto azzardare che una parte dei proventi del fresco rinnovo di POGBA arrivi proprio dalla partenza prossima ventura di Vidal. Non sarebbe scandaloso. Anzi. Intanto complimenti per POGBA. Dato lo stato del calcio italiano era un rinnovo tutt'altro che facile.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Finalmente è finito uno dei campionati più brutti degli ultimi anni. Il pagellone semiserio da 10 a 0: tra il closing più lungo di una soap, il tatuaggio di Baccaglini, il Pallone d'Oro a Buffon, la carriera di Totti e un addio che ha stufato 28.05 - Finalmente uno dei campionati più brutti e scontati di cui abbia memoria è finito. Doveva vincere la Juventus e lo ha fatto. Dovevano retrocedere Pescara, Palermo e Crotone con l'Empoli a rischio e ci siamo quasi. Dovevano andare in Champions League il Napoli e la Roma e l'hanno fatto....
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Gigio guardalo, è il tuo Milan. L'inevitaible egoismo di Totti. Bonucci e United esempi veri 27.05 - Ci sono in giro due tentativi di contaminare il momento magico del Milan. Che non è il sesto posto, ma è il mercato di svolta fatto con intensità e coraggio, il buon senso che si legge in tante scelte e in tanti atteggiamenti, l'eccezionale stato di forma dei tifosi. Che non si sono...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.