HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura

13.10.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 32037 volte
© foto di Federico De Luca

Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno dette e anche fatte, nello spogliatoio. Un allenatore in difficoltà come Montella non deve essere fustigato in diretta tv, gli complichi la vita e i rapporti anche con i giocatori.

Un’altra affermazione mi ha lasciato perplesso, quella contro l’Inter società naif. Alla vigilia di un Derby non si fa mai, carichi l’avversario. Ma anche quando ha detto, parlando di soldi e bilanci, “nel caso di difficoltà venderemo uno dei big”, non è stato il massimo.

Chi è questo big?

Facile associare le parole al nome di Donnarumma e fatte due verifiche, il discorso torna. Il ragazzo non ha lasciato il procuratore-nemico Raiola come avevano sperato i dirigenti del Milan e la pace estiva si è risolta in sostanza con un pareggio. Se è vero che il Milan non ha perso il ragazzo a parametro zero e qui Raiola ha dovuto cambiare strategia, è altrettanto vero che il giovane portiere rossonero ora ha una clausola da settanta milioni arrivabile per diversi club e quindi l’addio è ampiamente in preventivo. Settanta milioni che, per come si stanno mettendo le cose, fra l’altro potrebbero davvero far comodo a Yonghong Li che fra un anno prossimo dovrà rientrare con una esposizione che si aggira attorno i trecento milioni con il fondo Elliott. Il divorzio traumatico dell’estate scorsa con Dannarumma è stato evitato, ma divorzio probabilmente sarà. Fra l’altro il ragazzo appare meno determinante e non sempre al top come l’anno passato, di sicuro la vicenda ha lasciato delle scorie. E poi quando una società decide di fare affari con Jorge Mendes, inevitabilmente va in rotta di collisione con Raiola.

Il Paris Saint Germain, la squadra che più insegue Donnarumma, potrebbe anche provare a fare il colpo a gennaio, ma è assai più probabile che il discorso venga ripreso a giugno. Fra l’altro, in questo discorso, si inquadra anche la posizione di Bonaventura, un altro giocatore importante, con Raiola come agente. Se davvero Fassone e Mirabelli hanno deciso di tagliare tutti i rapporti con l’ex pizzaiolo napoletano, anche questo nome potrebbe diventare caldo in otttica mercato.

Non solo Fassone, anche Mirabelli poteva far di meglio nella sua puntata in Portogallo. L’hanno clamorosamente beccato e i media svizzeri sono certi di un accordo con il ct Petkovic che avrebbe dato la sua disponibilità, eventualmente, anche a fare il traghettatore nel caso di un esonero di Montella che nessuno si augura (neppure Mirabelli, credo), ma va messo in conto. Petkovic è un giramondo, ma conosce il campionato italiano e può inserirsi subito.

L’Inter, per fortuna, non ha di questi problemi. Caso mai il suo nemico si chiama fair play finanziario. Se a gennaio Sabatini e Ausilio avranno spazi di manovra sul mercato, dedicheranno le risorse disponibili al trequartista e i nomi che circolano li conoscete da Pastore a Ozil anche se quest’ultimo sembra orientato a restare in Inghilterra. Per il difensore centrale, che pure serve, si è pensato allora di ricorrere alla formula del prestito con diritto di riscatto ed ecco che le piste portano a Jedvaj, 22enne croato del Bayer Leverkusen, portato alla Roma proprio da Sabatini nel 2013 e poi ceduto ai tedeschi definitivamente l’estate scorsa. Sabatini crede molto in questo difensore, sta convincendo il Bayer con il prestito subito e otto milioni di pagherò.

A proposito del discorso fatto a proposito di Montella-Petkovic, va monitorata anche la posizione di Ventura. E’ vero che oggi dobbiamo tifare Italia come non mai, stare tutti uniti, sostenere il Ct anche nel suo percorso difficile, ma non è possibile chiudere gli occhi davanti alla realtà. Che Ventura abbia un compito più grande di lui sembra ormai chiaro ai più, anche ai suoi sponsor. Andare ai mondiali in queste condizioni?

Anche no. Ecco allora che da oggi c’è una possibilità da non trascurare. Capello ha detto al Guangzhou che lascerà a fine campionato, fra poche settimane. Con un nome così a disposizione non avrei dubbi nel fare un cambio in corsa, grazie Ventura, ma ai mondiali ci vado con Capello. Ammesso che lui accetti, naturalmente.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Le incertezze della Champions: la cura non è solo il mercato... 13.12 - Possiamo dirlo senza mezzi termini: peggio di così difficilmente poteva andare. Martedì sera le due italiane non sono riuscite a qualificarsi nonostante avessero avuto tutto a disposizione, non soltanto in questo turno di Champions, ma anche i precedenti. Mercoledì Juve e Roma si...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->