VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Sedici squadre si giocano la Champions League: chi è la favorita?
  Barcellona
  Basilea
  Bayern Monaco
  Besiktas
  Chelsea
  Juventus
  Liverpool
  Manchester City
  Manchester United
  Paris Saint-Germain
  Porto
  Real Madrid
  Roma
  Siviglia
  Shakhtar Donetsk
  Tottenham

TMW Mob
Editoriale

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura

13.10.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 31632 volte
© foto di Federico De Luca

Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno dette e anche fatte, nello spogliatoio. Un allenatore in difficoltà come Montella non deve essere fustigato in diretta tv, gli complichi la vita e i rapporti anche con i giocatori.

Un’altra affermazione mi ha lasciato perplesso, quella contro l’Inter società naif. Alla vigilia di un Derby non si fa mai, carichi l’avversario. Ma anche quando ha detto, parlando di soldi e bilanci, “nel caso di difficoltà venderemo uno dei big”, non è stato il massimo.

Chi è questo big?

Facile associare le parole al nome di Donnarumma e fatte due verifiche, il discorso torna. Il ragazzo non ha lasciato il procuratore-nemico Raiola come avevano sperato i dirigenti del Milan e la pace estiva si è risolta in sostanza con un pareggio. Se è vero che il Milan non ha perso il ragazzo a parametro zero e qui Raiola ha dovuto cambiare strategia, è altrettanto vero che il giovane portiere rossonero ora ha una clausola da settanta milioni arrivabile per diversi club e quindi l’addio è ampiamente in preventivo. Settanta milioni che, per come si stanno mettendo le cose, fra l’altro potrebbero davvero far comodo a Yonghong Li che fra un anno prossimo dovrà rientrare con una esposizione che si aggira attorno i trecento milioni con il fondo Elliott. Il divorzio traumatico dell’estate scorsa con Dannarumma è stato evitato, ma divorzio probabilmente sarà. Fra l’altro il ragazzo appare meno determinante e non sempre al top come l’anno passato, di sicuro la vicenda ha lasciato delle scorie. E poi quando una società decide di fare affari con Jorge Mendes, inevitabilmente va in rotta di collisione con Raiola.

Il Paris Saint Germain, la squadra che più insegue Donnarumma, potrebbe anche provare a fare il colpo a gennaio, ma è assai più probabile che il discorso venga ripreso a giugno. Fra l’altro, in questo discorso, si inquadra anche la posizione di Bonaventura, un altro giocatore importante, con Raiola come agente. Se davvero Fassone e Mirabelli hanno deciso di tagliare tutti i rapporti con l’ex pizzaiolo napoletano, anche questo nome potrebbe diventare caldo in otttica mercato.

Non solo Fassone, anche Mirabelli poteva far di meglio nella sua puntata in Portogallo. L’hanno clamorosamente beccato e i media svizzeri sono certi di un accordo con il ct Petkovic che avrebbe dato la sua disponibilità, eventualmente, anche a fare il traghettatore nel caso di un esonero di Montella che nessuno si augura (neppure Mirabelli, credo), ma va messo in conto. Petkovic è un giramondo, ma conosce il campionato italiano e può inserirsi subito.

L’Inter, per fortuna, non ha di questi problemi. Caso mai il suo nemico si chiama fair play finanziario. Se a gennaio Sabatini e Ausilio avranno spazi di manovra sul mercato, dedicheranno le risorse disponibili al trequartista e i nomi che circolano li conoscete da Pastore a Ozil anche se quest’ultimo sembra orientato a restare in Inghilterra. Per il difensore centrale, che pure serve, si è pensato allora di ricorrere alla formula del prestito con diritto di riscatto ed ecco che le piste portano a Jedvaj, 22enne croato del Bayer Leverkusen, portato alla Roma proprio da Sabatini nel 2013 e poi ceduto ai tedeschi definitivamente l’estate scorsa. Sabatini crede molto in questo difensore, sta convincendo il Bayer con il prestito subito e otto milioni di pagherò.

A proposito del discorso fatto a proposito di Montella-Petkovic, va monitorata anche la posizione di Ventura. E’ vero che oggi dobbiamo tifare Italia come non mai, stare tutti uniti, sostenere il Ct anche nel suo percorso difficile, ma non è possibile chiudere gli occhi davanti alla realtà. Che Ventura abbia un compito più grande di lui sembra ormai chiaro ai più, anche ai suoi sponsor. Andare ai mondiali in queste condizioni?

Anche no. Ecco allora che da oggi c’è una possibilità da non trascurare. Capello ha detto al Guangzhou che lascerà a fine campionato, fra poche settimane. Con un nome così a disposizione non avrei dubbi nel fare un cambio in corsa, grazie Ventura, ma ai mondiali ci vado con Capello. Ammesso che lui accetti, naturalmente.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve-Inter, uno spot per poveri. Roma e Napoli, siamo alle solite. Crotone, con Nicola hai perso un patrimonio tecnico ed umano 11.12 - Quando aspetti una settimana intera un big match, lo carichi con titoloni e speciali e poi vedi (o meglio non vedi) una partita priva di emozioni, capisci che questo campionato è aperto ad ogni pronostico. L'Inter è la vera anti-Juve? Difficile pensarlo se ci ricordiamo da dove arriva...

EditorialeDI: Marco Conterio

Juventus-Inter: altro che partita perfetta e spot del calcio italiano. Nei bianconeri ci sono due casi ma molto diversi tra Allegri e Mourinho. Icardi, l'esame Mundial e la corte di Florentino Perez 10.12 - Zero a zero sarà pure la partita perfetta ma Juventus-Inter è stata la fotografia della noia. Un ben noto e ascoltato incipit della gara, spiegava che sarebbe dovuta essere lo spot per il calcio italiano. Purtroppo, lo è stata del calcio italiano. Dove contano tanto i giocatori di...

EditorialeDI: Mauro Suma

La Cavese e il Povero Diavolo. Il Milan 2012-2017. I doveri dei Club channels. Juve, vigilia violenta 09.12 - I giocatori del Milan devono capire, compatibilmente con il lavoro di carico atletico che stanno mettendo nelle gambe, che in questo momento hanno un dovere doppio. Non solo quello di giocare e fare punti. Sarebbe troppo banale. Ma anche e soprattutto di tenere il Milan come simbolo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Un giallo: il Milan accerchiato. Bocciato o no il piano finanziario, l’Uefa non si fida di Li Yonghong. E Montella non andava esonerato adesso. Napoli, resta solo lo scudetto: De Laurentiis investa a gennaio e fuori subito dall’Europa League 08.12 - E’ l’anno del Milan, l’anno nero intendo. Il nuovo corso cinese che doveva riportare i rossoneri al vertice del calcio mondiale, in realtà sta portando soltanto enormi problemi. In campo e fuori. “Aridatece il Berlusca”, urla il popolo milanista e chissà lui quanto starà godendo. L’ultimo...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e i problemi di novembre, un piccolo record italiano e una panchina per Nesta 07.12 - Al Napoli non è riuscita l'impresa. Non sarebbe dipeso solo dagli azzurri, serviva un aiutino (o aiutone, visto a posteriori) da parte del City. Invece il 2-0 maturato dopo mezz'ora ha fatto il resto. E il Napoli non ha neanche azzannato l'avversario. Per mille motivi, primo su tutti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, Allegri come Yoda… Roma in paradiso!!! Milan, disastro in vista. Contrattone Messi? Se lo merita… 06.12 - Ed ecco la solita, determinata, immensa, compatta Juventus… Quando la palla comincia a scottare, i bianconeri rispondono sempre alla grande. Dopo la fondamentale vittoria al San Paolo, il successo in terra greca (contro un coriaceo Olympiacos) e il conseguente pass per gli ottavi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: sboccia Costa, ma “mister ottavi” ha il solito problema. Milan: Gattuso deve risolvere il “guaio estivo” (e c’è un esempio da seguire). Inter: Spalletti, Icardi e i pericolosi suonatori di violino. Napoli: Sarri non farti fregare 05.12 - Intanto chiedo un grande applauso al direttore artistico Luca Tommassini. Bravo Luca, riesci a sorprenderci ogni volta. (Se non chiedi un applauso per Luca Tommassini, oggigiorno non sei nessuno). Poi riflettiamo sul Natale. Il Natale sta arrivando con le sue luci e le sue mille...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, gli alibi sono finiti. Inter, adesso dimostra a Torino chi sei. Napoli, sono pochi 13 calciatori per lo scudetto. Sassuolo, quando paga Angelozzi? 04.12 - Siamo tutti professori senza cattedra ma è il bello del nostro mestiere dove giudichiamo ma non siamo giudicati perché alla fine parlare è facile ma fare calcio è davvero complicato. Puoi spendere soldi, puoi fare progetti ma il calcio è bello e maledetto proprio perché può stravolgerli....

EditorialeDI: Andrea Losapio

La Russia è una tristezza che capiremo solo a giugno. Napoli incompiuto ma pur sempre primo in classifica, la Juventus è più forte. Milan e Sardegna-gate: perché rinnovare a Montella? 03.12 - C'è chi era al caldo di Zanzibar e chi al freddo di Mosca. Chi si godeva il bagno in un periodo che solitamente porta solo spifferi e chi rischiava di scivolare sul marciapiede in Russia in attesa di un sorteggio che non ci vedeva protagonisti. Sembrano due storie molto lontane fra...

EditorialeDI: Mauro Suma

Napoli disinnescato dalla Juve. Il macellaio di Carnago. Giochi di guerra a Novara. Icardi-Tevez, bivio Inter 02.12 - Lo stesso abbraccio sportivamente "cattivo" visto a San Siro, al termine di Milan-Juventus. Se lo sono regalati i giocatori della Juventus, cinici più che mai al San Paolo nell'ennesimo capitolo della saga di Higuain. Più ha male alla mano e più lo fischiano, più segna. Gol decisivi,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.