HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Donnarumma, sempre Donnarumma, ancora Donnarumma

14.12.2017 06:58 di Luca Marchetti   articolo letto 22440 volte
© foto di Federico De Luca

Donnarumma torna al centro della polemica. E ancora una volta, una parte della tifoseria organizzata del Milan, esprime il proprio dissenso. Di sicuro il rapporto, ora, è di nuovo teso. Per via di quanto è successo nelle ultime settimane. Proviamo a fare allora un riassunto (naturalmente con gli elementi in nostro possesso). Dopo un'estate tribolata, mediaticamente complicata, l'11 luglio si arriva al rinnovo di contratto di Gigio Donnarumma e alla firma sul contratto del fratello Antonio. Totale 7 milioni di euro netti a stagione per i prossimi 4 anni per i due. La firma sul contratto arriva proprio quel giorno con Gigio assolutamente consapevole del fatto che sul rinnovo di contratto non c'era alcuna menzione a clausole. Di clausole però si era sempre parlato negli incontri preliminari fra Raiola e i dirigenti del Milan. Addirittura (almeno a livello giornalistico) si parlava di una doppia clausola: una da 70 milioni in caso di qualificazione Champions, un'altra da 40 in caso di mancata qualificazione.
Raiola non aveva mai visto di buon occhio (dal suo punto di vista) il rinnovo non ha certo accolto con favore il mancato inserimento della clausola. E questo non ha fatto altro che inasprire i rapporti fra lui e il Milan. Tanto che il 2 settembre (appena chiuso il mercato) l'avvocato Rigo ha mandato delle mail al Milan lamentando questa mancanza e sostenendo che addirittura Donnarumma avrebbe potuto impugnare il contratto: redatto senza clausola e firmato sotto "pressione".
La vicenda da settembre in poi non ha mai avuto ripercussioni perché per primo l'entourage di Donnarumma sapeva benissimo che non si poteva invalidare il contratto. Probabilmente - ma questa è una nostra ipotesi - è stato un modo per far presente in maniera formale un comportamento non ritenuto corretto. Ma la mail è stata mandata, e ha fatto rumore.
Da allora ad oggi però Donnarumma non ha mai manifestato alcuna insofferenza, nessuna volontà di essere ceduto (neanche in privato). Lo ha confermato Gattuso, che lo conosce da poco, lo ha confermato Mirabelli, che lo ha fortemente voluto come colonna di questo Milan. Nel frattempo il Milan e Raiola si sono incontrati 3 volte, l'ultima il 1 dicembre (con Fassone) e al di là dei rapporti (più o meno tesi) si sta già ragionando sul futuro.
Mirabelli nel post partita è stato chiarissimo: "Gigio non si tocca, se vuole essere ceduto ce lo deve dire in ginocchio, faremo del tutto per trattenerlo e lo tuteleremo in ogni sede". La posizione del Milan è chiara, pensa che Donnarumma sia stato messo in mezzo in una situazione più grande di lui. E in cui lui si renderà conto che è stato consigliato male.
C'è pero da prendere in considerazione quello che ultimamente ripete Fassone: il Milan molto probabilmente avrà bisogno di vendere un big per fare cassa a giugno. Gli unici due a poter essere ceduti (con guadagno) sono lui e Suso. Con un appeal di Donnarumma certamente più alto (posto che, al momento non ci sono offerte concrete o pressing in atto da parte di nessuno). Quindi le due parti dovranno per forza confrontarsi per cercare di capire come evolverà la situazione.
Secondo le informazioni in nostro possesso non c'è stata mai la reale intenzione di voler intraprendere le vie legali per invalidare il contratto di Donnarumma. Come, sempre dalle nostre informazioni e confermato anche dal Milan, mai Donnarumma ha chiesto di voler essere ceduto.
Ma indipendentemente da tutto (e da quello che lo stesso Gigio poteva sapere o condividere) il rapporto fra lui e il mondo Milan è ai minimi storici. Di sicuro è finito l'amore. Perché ormai da troppo tempo si parla di mercato, di soldi, di azioni legali, di contratti. E indipendentemente se questa sia stata una vicenda gestita male o machiavellicamente architettata il risultato non cambia. L'unica cosa che può invertire questa tendenza è una presa di posizione netta e inequivocabile da parte dei protagonisti della vicenda.
Donnarumma in testa.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Milan: l'esempio Gattuso contro i nemici del Diavolo (Higuain-Piatek e altre acrobazie). Inter: l'arma in più non arriva dal campo (e Barella...). Da Ancelotti a De Zerbi: finalmente c'è chi ha voglia di parlare di calcio 22.01 - Ieri era il compleanno di mio padre. Ne ha fatti 83, tipo mummia. È tifoso accanito del Milan. Ha visto la sua squadra vincere, ha mangiato la pizza alla diavola, ha bevuto una birra media, due fette di torta con su scritto "Auguri Celso", tre grappe Berta per le quali va matto e,...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, così non va. Da Gonzalo a Piatek, segnale di debolezza. Visto Muriel? Balata e una Lega B allo sfascio. Lecce, esempio di mercato. Si scrive Juve, si legge Stabia 21.01 - Se la scorsa estate Leonardo e Maldini avessero portato al Milan Piatek al posto di Higuain avrebbero preso 3 su tutte le pagelle del mondo. Arrivò Gonzalo e si sprecarono i 7 per il grande affare fatto con la Juventus, ridando indietro quel pacco vecchio di Bonucci prendendo il futuro...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Leonardo non conosceva Higuain? Il Milan ha sopravvalutato il Pipita. Troppa ipocrisia su Wanda Nara: l'unico errore sarebbe quello di non comportarsi come gli altri procuratori 20.01 - Gonzalo Higuain è stato il miglior centravanti visto in Italia dopo Zlatan Ibrahimovic. Ha riscritto la storia dei cannonieri della Serie A battendo nel 2016 il record di Nordhal che resisteva da 65 anni. Diciassette, poi 18, 36, 24 e 16 gol in cinque stagioni di Serie A, 111 in cinque...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain al Chelsea e Piatek al Milan ormai ci siamo. Nell’operazione anche il ritorno di  Bertolacci al Genoa. Su Barella per giugno l’Inter di nuovo in pole position. Napoli, Lozano se in estate parte uno tra Mertens e Callejon 19.01 - Higuain al Chelsea, Piatek al Milan, Morata all’Atletico Madrid, Il gioco è fatto. Tutti gli incastri al posto giusto per un grande valzer di attaccanti. E allora andiamo a ricostruire quello che accadrà a breve. Higuain presto volerà a Londra per le visite mediche e si metterà a...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve-Milan falsata, l’ultimo scandalo. Con questo VAR aumentano solo le polemiche e non si fa giustizia. Banti, che delusione. Higuain, che vergogna. Piatek al Milan, che rischio. Icardi rinnoverà 18.01 - Gli arbitri italiani stanno diventando dei piccoli Tafazzi: sono riusciti nell’impresa ciclopica di falsare perfino una gara tutto sommato non complicata come la Supercoppa italiana e farsi ancora una volta travolgere dalle polemiche. Autolesionismo puro, incredibile ma vero, come...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...

Editoriale DI: Marco Conterio

La caccia al nuovo sogno mercato della Juventus passa dai conti. E dall'inevitabile partenza di un big. Icardi, decimo stipendio della A: con l'Inter è braccio di ferro economico 13.01 - Kylian Mbappè. Come sogno e come chimera. Come grande obiettivo, perché "adesso la Juventus deve puntare i nuovi Cristiano Ronaldo". E chi meglio del crack francese che col portoghese si scattava le foto da giovane e imberbe talento? Chi meglio di un giocatore che a Parigi non vive...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510