HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Cristiano Ronaldo alla Juve: ora chi andrà via?
  Gonzalo Higuain
  Miralem Pjanic
  Daniele Rugani
  Paulo Dybala
  Alex Sandro
  Più di un big
  Nessuno

Editoriale

Donnarumma, sempre Donnarumma, ancora Donnarumma

14.12.2017 06:58 di Luca Marchetti   articolo letto 22379 volte
© foto di Federico De Luca

Donnarumma torna al centro della polemica. E ancora una volta, una parte della tifoseria organizzata del Milan, esprime il proprio dissenso. Di sicuro il rapporto, ora, è di nuovo teso. Per via di quanto è successo nelle ultime settimane. Proviamo a fare allora un riassunto (naturalmente con gli elementi in nostro possesso). Dopo un'estate tribolata, mediaticamente complicata, l'11 luglio si arriva al rinnovo di contratto di Gigio Donnarumma e alla firma sul contratto del fratello Antonio. Totale 7 milioni di euro netti a stagione per i prossimi 4 anni per i due. La firma sul contratto arriva proprio quel giorno con Gigio assolutamente consapevole del fatto che sul rinnovo di contratto non c'era alcuna menzione a clausole. Di clausole però si era sempre parlato negli incontri preliminari fra Raiola e i dirigenti del Milan. Addirittura (almeno a livello giornalistico) si parlava di una doppia clausola: una da 70 milioni in caso di qualificazione Champions, un'altra da 40 in caso di mancata qualificazione.
Raiola non aveva mai visto di buon occhio (dal suo punto di vista) il rinnovo non ha certo accolto con favore il mancato inserimento della clausola. E questo non ha fatto altro che inasprire i rapporti fra lui e il Milan. Tanto che il 2 settembre (appena chiuso il mercato) l'avvocato Rigo ha mandato delle mail al Milan lamentando questa mancanza e sostenendo che addirittura Donnarumma avrebbe potuto impugnare il contratto: redatto senza clausola e firmato sotto "pressione".
La vicenda da settembre in poi non ha mai avuto ripercussioni perché per primo l'entourage di Donnarumma sapeva benissimo che non si poteva invalidare il contratto. Probabilmente - ma questa è una nostra ipotesi - è stato un modo per far presente in maniera formale un comportamento non ritenuto corretto. Ma la mail è stata mandata, e ha fatto rumore.
Da allora ad oggi però Donnarumma non ha mai manifestato alcuna insofferenza, nessuna volontà di essere ceduto (neanche in privato). Lo ha confermato Gattuso, che lo conosce da poco, lo ha confermato Mirabelli, che lo ha fortemente voluto come colonna di questo Milan. Nel frattempo il Milan e Raiola si sono incontrati 3 volte, l'ultima il 1 dicembre (con Fassone) e al di là dei rapporti (più o meno tesi) si sta già ragionando sul futuro.
Mirabelli nel post partita è stato chiarissimo: "Gigio non si tocca, se vuole essere ceduto ce lo deve dire in ginocchio, faremo del tutto per trattenerlo e lo tuteleremo in ogni sede". La posizione del Milan è chiara, pensa che Donnarumma sia stato messo in mezzo in una situazione più grande di lui. E in cui lui si renderà conto che è stato consigliato male.
C'è pero da prendere in considerazione quello che ultimamente ripete Fassone: il Milan molto probabilmente avrà bisogno di vendere un big per fare cassa a giugno. Gli unici due a poter essere ceduti (con guadagno) sono lui e Suso. Con un appeal di Donnarumma certamente più alto (posto che, al momento non ci sono offerte concrete o pressing in atto da parte di nessuno). Quindi le due parti dovranno per forza confrontarsi per cercare di capire come evolverà la situazione.
Secondo le informazioni in nostro possesso non c'è stata mai la reale intenzione di voler intraprendere le vie legali per invalidare il contratto di Donnarumma. Come, sempre dalle nostre informazioni e confermato anche dal Milan, mai Donnarumma ha chiesto di voler essere ceduto.
Ma indipendentemente da tutto (e da quello che lo stesso Gigio poteva sapere o condividere) il rapporto fra lui e il mondo Milan è ai minimi storici. Di sicuro è finito l'amore. Perché ormai da troppo tempo si parla di mercato, di soldi, di azioni legali, di contratti. E indipendentemente se questa sia stata una vicenda gestita male o machiavellicamente architettata il risultato non cambia. L'unica cosa che può invertire questa tendenza è una presa di posizione netta e inequivocabile da parte dei protagonisti della vicenda.
Donnarumma in testa.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Alisson al Liverpool e il giro dei portieri, la Juve fra Higuain, Rugani e Pjanic. Il Milan fra TAS, Elliot e mercato. Un mese in apnea (non solo per il mercato) 19.07 - Ormai Alisson è un giocatore del Liverpool. E così a spuntarla è stata il terzo, che si prende uno dei portieri più forti del mondo, sicuramente il più caro. Lo ha seguito il Real che però non ha mail voluto affondare il colpo perché non convinto di voler spendere così tanto. Ci ha...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: c’è qualcosa che nessuno vi ha detto sul Mondiale. Che forse sentite lo stesso. Perché chi se ne frega che abbia vinto la Francia o la Croazia (beh certo, fosse stata l’Italia…) 18.07 - Qui Radio Mosca, è l’ultima corrispondenza di Russia2018, siamo sul treno per San Pietroburgo per disperdere la malinconia per questo Mondiale che si allontana nel tempo e che dice a ognuno di noi che si chiude un periodo della nostra vita, ché ammettiamolo: tutti ragioniamo scandendo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la lezione di Ronaldo, il nodo-Higuain e gli alibi agli avversari. Inter: da Perisic a Icardi, il cambio di rotta dei critici a prescindere (e occhio a centrocampo). Napoli "vede" Cavani. E il Milan sceglie il suo bomber (Morata o...) 17.07 - “Cristiano Ronaldo fa la cacca anche lui”. Era la grande lezione di vita di mio nonno: “Quando qualcuno ti sembra inarrivabile, lontano, quando hai paura e ti senti in difetto, ricordati che fa la cacca anche lui. In un attimo lo vedrai sotto altri occhi”. Questa grande pillola di...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Benvenuti al Ronaldo day. Tra depistaggi e ombre. Higuain, giusto andare. Milan, cambiare ora non avrebbe senso. Napoli, ripetersi così è difficile... 16.07 - Ci siamo! Il momento, di mercato, più atteso degli ultimi 30-50 anni è arrivato. Ronaldo, il più forte del mondo, alla Juventus, la più forte d'Italia. In questa settimana il calcio italiano si è diviso in due; come sempre: c'è chi ha visto il vantaggio solo per la Juventus e chi,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

CR7 a Torino è un colpaccio per la Juventus, non per la Serie A. In Italia (e non solo) va avanti il monopolio e il risultato finale sarà uno solo: la nascita della Superlega 15.07 - Se ne sono dette tante, troppe. E forse è anche giusto così. Perché Cristiano Ronaldo è un acquisto che almeno per qualche giorno ha riportato l'Italia al centro del mondo calcistico. Ha risvegliato i sogni e riportato con la memoria indietro nel tempo, quando i grandi campioni -...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, assalto a Vrsaljko e Dembelé. Per Milinkovic Savic ora c’è il Real. Higuain e Rugani verso il Chelsea, che pensa anche ad Alisson. Florenzi rinnova fino al 2023 14.07 - L’Inter non si ferma e tenta il doppio colpo. Ausilio continua a lavorare per provare a chiudere altri due acquisti. A centrocampo l’obiettivo è Dembélé. Il belga è fortemente tentato dall’idea di misurarsi nel campionato italiano. La presenza di Nainggolan è uno stimolo in più per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cavani è la risposta del Napoli a Ronaldo. De Laurentiis tratta con il Psg, ingaggio da spalmare. Ma è il Milan il futuro di Giuntoli con Conte in panchina. Sarri e Zola firmano per il Chelsea. Juve lascia via libera al Real per Milinkovic Savic 13.07 - De Laurentiis ha incassato da signore (o quasi) il colpo del secolo messo a segno dalla Juventus. E adesso come risponderà all’acquisto di Ronaldo? Chi lo conosce bene sa che le dichiarazioni di questi giorni sono fumo per mascherare le intenzioni e la realtà. Non si prende un allenatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non solo Cristiano Ronaldo... la serie A risponde 12.07 - Cristiano Ronaldo alla Juventus ha avuto un’eco mediatica incredibile. E questo è solo l’assaggio di quello che succederà in Italia da adesso in poi. A cominciare da lunedì, quando ci sarà il CR7-day. Arrivo, visite mediche, conferenza stampa e presentazione. Poi da lì in poi inizierà...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

La Juventus porta avanti il calcio italiano riportando indietro l’orologio di 20 anni: entriamo in una nuova era. Nella storia del calcio italiano solo il passaggio di Ronaldo all’Inter è paragonabile, ecco perché 11.07 - Qui Radio Mosca, ma il terremoto di Torino è arrivato a ondate fino a qua. Qua dove sono io adesso, nel Media Center dell’astronave aliena della Krushovka Arena di San Pietroburgo, qua dove c’era una semifinale dei Mondiali. Ah, c’era una semifinale dei Mondiali? Se ne sono accorti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: tutte le sfaccettature dell'affare (fatto) chiamato "Ronaldo". Inter: le chance per Rafinha, l'idea per il centrocampo e il messaggio di Icardi. Milan: qualcuno salvi il soldato Gattuso. Napoli: il regalo di ADL per Ancelotti 10.07 - Oggi non c’è molto tempo. Però c’è parecchia “ciccia”, del resto sono iniziati i ritiri e il Mondiale sta per finire. E più il Mondiale si avvicina alla fine, più tornano le bombe di mercato. Le bombe di mercato sono importantissime, sono “il metadone” che accompagna i tossici del...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy