VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Dopo i somari, ecco i finocchi. Gasp: qualcuno lo ascolti. Napoli: i cori e la gente vincono sempre. Barcellona: Messi chiama Dybala

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
23.01.2016 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 33863 volte

Fin dalle ultime ore del 19 Gennaio, abbiamo temuto il giorno dopo, il 20 Gennaio. Un giorno terribile, falso, ipocrita. Personaggi e personaggini che si rimbalzano dichiarazioni d'agenzia, improvvisamente tante anime belle che ci tengono a fare bella figura sul teatrino montato da Sarri e Mancini, un fogliettone inesorabile capace di trasformare per induzione, una intera giornata minuto per minuto, il mondo dello sport e dei diritti della persona in un tema nazional-popolare come in una qualunque giornata del Festival di Sanremo. Per fortuna però, è arrivato il 21 Gennaio. E qui il calcio è rinato, risorto. Sono tornate le tifoserie. Il presidente Moratti che sostiene le ragioni di Mancini, il sindaco De Magistris che tutela Sarri e tutta la Napoli sportiva. Ah ecco. Per fortuna. Rinfoderati pipponi e paternali inutili, vuoti e stanchi, il Paese del rutto libero social, delle minacce di morte ai giocatori che sbagliano un gol sotto la copertura omertosa della tastiera, è ritornato quello che conosciamo: interisti e juventini che vogliono indebolire il Napoli attraverso la criminalizzazione di Sarri, napoletani che si difendono, milanisti, romanisti e fiorentini che non s'impicciano. Ah ecco. Poi dopo, nel merito, Mancini ci perdoni ma non ce la facciamo. Non ci riusciamo proprio. Sicuramente la sua reazione è stata vissuta e indignata martedì' sera e noi siamo così piccoli che non riusciamo a farla nostra, ma no, proprio no, non riusciamo a cogliere proprio in lui e nelle sue parole l'essenza di un leader dei diritti civili contro l'omofobia e il razzismo. Sarà per quella brutta frase sugli arbitri, che hanno saputo incassare e deglutire, tutti somari che ogni tanto testimonia la sua impulsivita', sarà perché nel calcio siamo un pò tutti portati a pensare alla ricerca di vantaggi sportivi in ogni modo e in ogni dove. Insomma è molto meglio che a chiudere questa vicenda sia il benvenuto, saggio e responsabile comunicato interista di accettazione delle scuse di Sarri. È la miglior cosa accaduta nell'Italia di Sarri e Mancini dopo la famosa comunicazione del tempo di recupero in coda alla partita di coppa Italia del San Paolo. Che nonostante tutto c'è stata e si è giocata. Perché è un gioco. Non un momento di gloria.

La cosa più speciosa di questa vicenda è che ha coperto le uniche parole che dovevano risuonare per tutta la settimana in tutte le coscienze del mondo del pallone: quelle di Gian Piero Gasperini. C'è un mondo di ricatti e di interessi che tiene in scacco il calcio e la tranquillità di una persona e delle sua famiglia nel fare rientro a casa ogni sera? Le ha dette Gasp quelle cose e riguardano il Genoa, ma ciascuna tifoseria e tutti i singoli ambienti calcistici italiani sanno perfettamente che quelle parole possono riguardare ogni squadra e ogni tesserato. Ma sono finite sotto la panna montata di Sarri e Mancini. Così il mondo del calcio e l'ordinamento civile e penale che lo dovrebbero tutelare possono continuare a tirare avanti. Complimenti vivissimi.

Una ultima cosa su Napoli. Meravigliosa. Il dopo Napoli-Sassuolo è stato da brividi. Napoli è la città che più di ogni altra sa riportare il calcio al suo senso di festa di popolo, di sport condiviso con la gente. Quell'Higuain che per cinque-sei minuti non ce la fa a staccarsi dal coro "un giorno all'improvviso" cantato insieme ai suoi tifosi, è l'unica vera, grande immagine da cui dovrebbe farsi rappresentare il calcio italiano. Il coro non finiva mai, si autoalimentava. E ogni volta che ripartiva, Pipita sorrideva all'idea che fosse ancora più carico e bello del precedente. Sono questi i momenti che l'Italia deve cucirsi addosso. Siamo troppo abituati alle brutte immagini del calcio, dal fallo da rigore contestato alla rissa in campo, che rischiamo di perdere l'attimo. E invece quello di Higuain e di tutta Napoli abbracciati insieme dopo una partita di calcio, ma chi se ne frega della classifica Zvone, guarda ed emozionati, è una catarsi che non va persa. Se Napoli continua a riuscire con il suo campione, con il suo gioco e con le sue feste, a portare l'aroma del suo caffè e la musicalità dei suoi vicoli su un campo di calcio, non sarà un anno perso sulla scia dell'abbruttimento generale questo. Ma un anno bello, un anno in più. Grazie ad una Napoli che quando decide di non finire mai, è da sempre per distacco la prima in classifica.

Il Barcellona punta Dybala. Le cronache di mercato ne parlano con sufficiente sicurezza. Non è e non sarebbe una sorpresa. L'ultimo gioiello creato dal Palermo, Cavani, non è approdato nel calcio spagnolo e a Barcellona lo sanno. Ma la Juventus sa come tenere duro, secondo molti, noi compresi, Pogba avrebbe dovuto già essere stato ceduto nelle previsioni e nei pronostici di mercato. Dybala dal canto suo non ha accettato le proposte di Milan (il presidente Berlusconi conserva ancora oggi il suo filmato estivo con tante prodezze e tante giocate importanti) e Inter, perché voleva la Juventus. Quindi un legame c'è. E chiaro che per un argentino come lui, il richiamo del Barcellona non diventa e non diventerebbe quello di una Società gloriosa, ma di Leo Messi. E qui le cose potrebbero davvero cambiare.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il PSG e il fair play finanziario, sempre più aggirato. L'Inter imbrigliata, la Juventus parte in prima fila. Il Milan punta su altri mercati e modelli esteri, ma senza sponsor rischia di star dietro 10.09 - Il Paris Saint Germain, in settimana, ha presentato Kylian Mbappé. Sula carta uno degli investimenti più onerosi di sempre, secondo solo a quello per Neymar Jr. 180 milioni di euro che, però, sono ancora da investire, perché il Monaco lo ha ceduto in prestito con diritto di riscatto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan: soldi veri, soldi precisi. Come Verratti? Gigio e Lorenzo pensateci. Mercato: la Premier va capita, non scopiazzata 09.09 - Le cifre vanno e vengono. Una volta che entra in scena il campo, lasciano il tempo che trovano. Ma intanto "passano". Esattamente come due anni fa, estate 2015, insistevamo sul fatto che il calciomercato del Milan fosse stato di 80 milioni e non di 100, allo stesso modo, senza virgole...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.