VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Dopo i somari, ecco i finocchi. Gasp: qualcuno lo ascolti. Napoli: i cori e la gente vincono sempre. Barcellona: Messi chiama Dybala

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
23.01.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 33838 volte

Fin dalle ultime ore del 19 Gennaio, abbiamo temuto il giorno dopo, il 20 Gennaio. Un giorno terribile, falso, ipocrita. Personaggi e personaggini che si rimbalzano dichiarazioni d'agenzia, improvvisamente tante anime belle che ci tengono a fare bella figura sul teatrino montato da Sarri e Mancini, un fogliettone inesorabile capace di trasformare per induzione, una intera giornata minuto per minuto, il mondo dello sport e dei diritti della persona in un tema nazional-popolare come in una qualunque giornata del Festival di Sanremo. Per fortuna però, è arrivato il 21 Gennaio. E qui il calcio è rinato, risorto. Sono tornate le tifoserie. Il presidente Moratti che sostiene le ragioni di Mancini, il sindaco De Magistris che tutela Sarri e tutta la Napoli sportiva. Ah ecco. Per fortuna. Rinfoderati pipponi e paternali inutili, vuoti e stanchi, il Paese del rutto libero social, delle minacce di morte ai giocatori che sbagliano un gol sotto la copertura omertosa della tastiera, è ritornato quello che conosciamo: interisti e juventini che vogliono indebolire il Napoli attraverso la criminalizzazione di Sarri, napoletani che si difendono, milanisti, romanisti e fiorentini che non s'impicciano. Ah ecco. Poi dopo, nel merito, Mancini ci perdoni ma non ce la facciamo. Non ci riusciamo proprio. Sicuramente la sua reazione è stata vissuta e indignata martedì' sera e noi siamo così piccoli che non riusciamo a farla nostra, ma no, proprio no, non riusciamo a cogliere proprio in lui e nelle sue parole l'essenza di un leader dei diritti civili contro l'omofobia e il razzismo. Sarà per quella brutta frase sugli arbitri, che hanno saputo incassare e deglutire, tutti somari che ogni tanto testimonia la sua impulsivita', sarà perché nel calcio siamo un pò tutti portati a pensare alla ricerca di vantaggi sportivi in ogni modo e in ogni dove. Insomma è molto meglio che a chiudere questa vicenda sia il benvenuto, saggio e responsabile comunicato interista di accettazione delle scuse di Sarri. È la miglior cosa accaduta nell'Italia di Sarri e Mancini dopo la famosa comunicazione del tempo di recupero in coda alla partita di coppa Italia del San Paolo. Che nonostante tutto c'è stata e si è giocata. Perché è un gioco. Non un momento di gloria.

La cosa più speciosa di questa vicenda è che ha coperto le uniche parole che dovevano risuonare per tutta la settimana in tutte le coscienze del mondo del pallone: quelle di Gian Piero Gasperini. C'è un mondo di ricatti e di interessi che tiene in scacco il calcio e la tranquillità di una persona e delle sua famiglia nel fare rientro a casa ogni sera? Le ha dette Gasp quelle cose e riguardano il Genoa, ma ciascuna tifoseria e tutti i singoli ambienti calcistici italiani sanno perfettamente che quelle parole possono riguardare ogni squadra e ogni tesserato. Ma sono finite sotto la panna montata di Sarri e Mancini. Così il mondo del calcio e l'ordinamento civile e penale che lo dovrebbero tutelare possono continuare a tirare avanti. Complimenti vivissimi.

Una ultima cosa su Napoli. Meravigliosa. Il dopo Napoli-Sassuolo è stato da brividi. Napoli è la città che più di ogni altra sa riportare il calcio al suo senso di festa di popolo, di sport condiviso con la gente. Quell'Higuain che per cinque-sei minuti non ce la fa a staccarsi dal coro "un giorno all'improvviso" cantato insieme ai suoi tifosi, è l'unica vera, grande immagine da cui dovrebbe farsi rappresentare il calcio italiano. Il coro non finiva mai, si autoalimentava. E ogni volta che ripartiva, Pipita sorrideva all'idea che fosse ancora più carico e bello del precedente. Sono questi i momenti che l'Italia deve cucirsi addosso. Siamo troppo abituati alle brutte immagini del calcio, dal fallo da rigore contestato alla rissa in campo, che rischiamo di perdere l'attimo. E invece quello di Higuain e di tutta Napoli abbracciati insieme dopo una partita di calcio, ma chi se ne frega della classifica Zvone, guarda ed emozionati, è una catarsi che non va persa. Se Napoli continua a riuscire con il suo campione, con il suo gioco e con le sue feste, a portare l'aroma del suo caffè e la musicalità dei suoi vicoli su un campo di calcio, non sarà un anno perso sulla scia dell'abbruttimento generale questo. Ma un anno bello, un anno in più. Grazie ad una Napoli che quando decide di non finire mai, è da sempre per distacco la prima in classifica.

Il Barcellona punta Dybala. Le cronache di mercato ne parlano con sufficiente sicurezza. Non è e non sarebbe una sorpresa. L'ultimo gioiello creato dal Palermo, Cavani, non è approdato nel calcio spagnolo e a Barcellona lo sanno. Ma la Juventus sa come tenere duro, secondo molti, noi compresi, Pogba avrebbe dovuto già essere stato ceduto nelle previsioni e nei pronostici di mercato. Dybala dal canto suo non ha accettato le proposte di Milan (il presidente Berlusconi conserva ancora oggi il suo filmato estivo con tante prodezze e tante giocate importanti) e Inter, perché voleva la Juventus. Quindi un legame c'è. E chiaro che per un argentino come lui, il richiamo del Barcellona non diventa e non diventerebbe quello di una Società gloriosa, ma di Leo Messi. E qui le cose potrebbero davvero cambiare.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.