HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Cristiano Ronaldo alla Juve: ora chi andrà via?
  Gonzalo Higuain
  Miralem Pjanic
  Daniele Rugani
  Paulo Dybala
  Alex Sandro
  Più di un big
  Nessuno

Editoriale

Dybala è il problema di Allegri. Divorzio a fine stagione anche con lo scudetto. Le condizioni per restare. Ma la Juve deve cambiare mentalità. Nel mirino Mancini: frenata per la Nazionale. L’Arsenal ha offerto 8 milioni a Sarri

27.04.2018 06:40 di Enzo Bucchioni   articolo letto 47682 volte
© foto di Federico De Luca

Nessuno saprà mai cos’è successo esattamente nello spogliatoio della Juventus nell’intervallo e dopo la finale di Cardiff, oppure cosa c’è stato nel dopo gara con il Napoli. Di sicuro qualcosa è successo.

Non credo al gossip più becero di questi giorni, non seguo quei siti che le sparano grosse, privilegio con orgoglio la linea che ha decretato il successo straordinario di Tuttomercatoweb: serietà e documentazione delle notizie. Tutte.

Però, e torno al però, la situazione nello spogliatoio della Juve non è tranquilla. E non da oggi. Già dopo Cardiff Allegri pensò di andar via. Bonucci se n’è andato. Già dopo Cardiff il problema fu Dybala e la sua prestazione che non era piaciuta a Bonucci e ad altri senatori. Dybala, ma non solo Dybala. Alex Sandro non è felice. Marchisio è di sicuro un altro dei Grandi Scontenti. Anche Buffon non vive benissimo questo addio mai annunciato. Ha la sensazione che la Juve lo voglia far smettere, se lui decidesse di continuare (e ci ha pensato) nessuno farebbe salti di gioia. Ma non solo questo.

Chi conosce bene gli spogliatoi, sa che ebollizioni, malumori, dissapori e roba del genere, finiscono tutti sepolti sotto il tappeto delle vittorie. Quando però la situazione diventa complicata come quella della Juve di questi giorni, è normale che le tensioni vengano a galla. Non mi meraviglio se qualcuno se l’è presa con Benatia, nelle due gare decisive si è perso prima Vazquez e poi Koulibaly. Cose di calcio, casi di calcio. A questo aggiungiamo che dopo sette anni e mille battaglie, forse davvero siamo alla fine di un ciclo.

In mezzo a tutto e a tutti c’è Allegri che forse s’è pentito di non essere andato via dopo Cardiff.

C’è Allegri che sta facendo l’impossibile per tenere la barra dritta, ricompattare la squadra sugli obiettivi, provare a portare a casa il suo quarto scudetto e la sua quarta coppa Italia consecutivi, ma ha perso certezze. E forse anche parte dello spogliatoio.

Prima della sconfitta con il Napoli, come direbbe qualcuno in tempi non sospetti, mi risulta che Allegri per rimanere e onorare il contratto fino al 2020 abbia chiesto ai dirigenti bianconeri un profondo rinnovamento della rosa e soprattutto la cessione di Dybala. Di sicuro qualcuno proverà a smentire, ma Allegri si è confidato manifestando la sua insoddisfazione per il rendimento dell’argentino, sia con ex calciatori che con suoi amici. Meglio di chiunque altro Allegri sa che il gruppo è logoro, ci sono troppi giocatori con più di trent’anni e addosso mille battaglie.

Comunque resterebbe alla Juve anche se avverte lo scetticismo di troppa tifoseria, ma solo con un progetto di rilancio, un cambiamento sostanziale e, appunto, senza Dybala che ha perso l’umiltà, la voglia di rimboccarsi le maniche, di crescere e di lavorare secondo i criteri dell’allenatore livornese.

Difficile che le richieste di Allegri possano essere accolte, per cambiare una rosa così importante servono investimenti, non basterebbe la cessione di Dybala che oggi, fra l’altro, ha una quotazione calante. Più probabile, dunque, il divorzio a fine stagione. Sia l’allenatore che la società si stanno guardando attorno. Ma se non trova la panchina giusta Allegri starebbe pensando anche a un anno sabbatico alla Guardiola.

La Juve, invece, starebbe ripensando anche a Mancini che nell’estate del 2014, dopo le dimissioni di Conte, sfiorò la panchina bianconera salvo poi perdere la concorrenza con Allegri. Questo virare su Mancini avrebbe portato a una frenata nella trattativa che sembrava chiusa tra il Mancio e la Nazionale che allora ci ha riprovato con Ancelotti. Ancelotti che nel frattempo non ha più certezze per la panchina dell’Arsenal. Perché? Gli inglesi hanno sempre privilegiato i giovani, il gioco, lo spettacolo. Per questo hanno acceso i riflettori su Sarri. L’Arsenal sarebbe disposto a pagare al Napoli la clausola da otto milioni e al tecnico sarebbe già stato proposto un contratto triennale da otto milioni l’anno. Proprio per questa trattativa, da qualche settimana nello staff di Sarri è entrato anche il procuratore Ramadani al quale è stata data la procura per l’estero. Sarri non ha deciso, sia chiaro. Come ha detto a De Laurentiis ha detto anche all’Arsenal: riparliamone dopo il 20 maggio. Se dovesse vincere lo scudetto è assai probabile che Sarri decida di lasciare Napoli per accettare l’Arsenal e una nuova avventura. Fra l’altro, per chi non lo sapesse, Sarri parla inglese. Se invece non dovesse vincere, anche restare a Napoli e rilanciare potrebbe essere una soluzione gradita. Un mese e sapremo.

Tornando alla Juve, Mancini è un’opzione, ma i tifosi lo vedono troppo interista. Zidane è il sogno. Guadagna moltissimo, ma c’è da aspettare la fine della Champions. Se dopo aver fallito Lega e coppa del Re, il Real non dovesse vincere neppure la Champions, c’è da aspettarsi la reazione di Florentino Perez. Un anno senza tituli a Madrid è inconcepibile. E la Juve potrebbe essere l’immediata ripartenza.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Roma: Olsen e Malcom. Il Milan insiste per Morata. Napoli tra Sabaly, Lainer e Arias. Juve c’è Darmian 21.07 - La Roma torna protagonista sul mercato. La cessione di Alisson, che ha portato nelle casse giallorosse 75 milioni di euro compresi bonus, permette a Monchi di lavorare su altri 2 obiettivi. Olsen è in pole position. Il portiere svedese è passato in testa e sta battendo un’agguerrita...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci, Donnarumma e Suso via dal Milan: oggi si saprà. Sarri vuole Reina, in ballo Morata. Cavani e il Napoli, dalla Francia insistono. E la suggestione continua anche per Luigi De Laurentiis... 20.07 - Soltanto oggi sapremo se il Milan giocherà o meno l’Europa League, il Tas si è preso qualche ora in più per decidere. Da questa sentenza dipenderà molto del futuro di Bonucci, Donnarumma e Suso. Senza l’Europa ci sarà un’altra perdita di una ventina di milioni e una ricaduta negativa...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Alisson al Liverpool e il giro dei portieri, la Juve fra Higuain, Rugani e Pjanic. Il Milan fra TAS, Elliot e mercato. Un mese in apnea (non solo per il mercato) 19.07 - Ormai Alisson è un giocatore del Liverpool. E così a spuntarla è stata il terzo, che si prende uno dei portieri più forti del mondo, sicuramente il più caro. Lo ha seguito il Real che però non ha mail voluto affondare il colpo perché non convinto di voler spendere così tanto. Ci ha...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: c’è qualcosa che nessuno vi ha detto sul Mondiale. Che forse sentite lo stesso. Perché chi se ne frega che abbia vinto la Francia o la Croazia (beh certo, fosse stata l’Italia…) 18.07 - Qui Radio Mosca, è l’ultima corrispondenza di Russia2018, siamo sul treno per San Pietroburgo per disperdere la malinconia per questo Mondiale che si allontana nel tempo e che dice a ognuno di noi che si chiude un periodo della nostra vita, ché ammettiamolo: tutti ragioniamo scandendo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la lezione di Ronaldo, il nodo-Higuain e gli alibi agli avversari. Inter: da Perisic a Icardi, il cambio di rotta dei critici a prescindere (e occhio a centrocampo). Napoli "vede" Cavani. E il Milan sceglie il suo bomber (Morata o...) 17.07 - “Cristiano Ronaldo fa la cacca anche lui”. Era la grande lezione di vita di mio nonno: “Quando qualcuno ti sembra inarrivabile, lontano, quando hai paura e ti senti in difetto, ricordati che fa la cacca anche lui. In un attimo lo vedrai sotto altri occhi”. Questa grande pillola di...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Benvenuti al Ronaldo day. Tra depistaggi e ombre. Higuain, giusto andare. Milan, cambiare ora non avrebbe senso. Napoli, ripetersi così è difficile... 16.07 - Ci siamo! Il momento, di mercato, più atteso degli ultimi 30-50 anni è arrivato. Ronaldo, il più forte del mondo, alla Juventus, la più forte d'Italia. In questa settimana il calcio italiano si è diviso in due; come sempre: c'è chi ha visto il vantaggio solo per la Juventus e chi,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

CR7 a Torino è un colpaccio per la Juventus, non per la Serie A. In Italia (e non solo) va avanti il monopolio e il risultato finale sarà uno solo: la nascita della Superlega 15.07 - Se ne sono dette tante, troppe. E forse è anche giusto così. Perché Cristiano Ronaldo è un acquisto che almeno per qualche giorno ha riportato l'Italia al centro del mondo calcistico. Ha risvegliato i sogni e riportato con la memoria indietro nel tempo, quando i grandi campioni -...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, assalto a Vrsaljko e Dembelé. Per Milinkovic Savic ora c’è il Real. Higuain e Rugani verso il Chelsea, che pensa anche ad Alisson. Florenzi rinnova fino al 2023 14.07 - L’Inter non si ferma e tenta il doppio colpo. Ausilio continua a lavorare per provare a chiudere altri due acquisti. A centrocampo l’obiettivo è Dembélé. Il belga è fortemente tentato dall’idea di misurarsi nel campionato italiano. La presenza di Nainggolan è uno stimolo in più per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cavani è la risposta del Napoli a Ronaldo. De Laurentiis tratta con il Psg, ingaggio da spalmare. Ma è il Milan il futuro di Giuntoli con Conte in panchina. Sarri e Zola firmano per il Chelsea. Juve lascia via libera al Real per Milinkovic Savic 13.07 - De Laurentiis ha incassato da signore (o quasi) il colpo del secolo messo a segno dalla Juventus. E adesso come risponderà all’acquisto di Ronaldo? Chi lo conosce bene sa che le dichiarazioni di questi giorni sono fumo per mascherare le intenzioni e la realtà. Non si prende un allenatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non solo Cristiano Ronaldo... la serie A risponde 12.07 - Cristiano Ronaldo alla Juventus ha avuto un’eco mediatica incredibile. E questo è solo l’assaggio di quello che succederà in Italia da adesso in poi. A cominciare da lunedì, quando ci sarà il CR7-day. Arrivo, visite mediche, conferenza stampa e presentazione. Poi da lì in poi inizierà...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy