HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Dybala è il problema di Allegri. Divorzio a fine stagione anche con lo scudetto. Le condizioni per restare. Ma la Juve deve cambiare mentalità. Nel mirino Mancini: frenata per la Nazionale. L’Arsenal ha offerto 8 milioni a Sarri

27.04.2018 06:40 di Enzo Bucchioni   articolo letto 47942 volte
© foto di Federico De Luca

Nessuno saprà mai cos’è successo esattamente nello spogliatoio della Juventus nell’intervallo e dopo la finale di Cardiff, oppure cosa c’è stato nel dopo gara con il Napoli. Di sicuro qualcosa è successo.

Non credo al gossip più becero di questi giorni, non seguo quei siti che le sparano grosse, privilegio con orgoglio la linea che ha decretato il successo straordinario di Tuttomercatoweb: serietà e documentazione delle notizie. Tutte.

Però, e torno al però, la situazione nello spogliatoio della Juve non è tranquilla. E non da oggi. Già dopo Cardiff Allegri pensò di andar via. Bonucci se n’è andato. Già dopo Cardiff il problema fu Dybala e la sua prestazione che non era piaciuta a Bonucci e ad altri senatori. Dybala, ma non solo Dybala. Alex Sandro non è felice. Marchisio è di sicuro un altro dei Grandi Scontenti. Anche Buffon non vive benissimo questo addio mai annunciato. Ha la sensazione che la Juve lo voglia far smettere, se lui decidesse di continuare (e ci ha pensato) nessuno farebbe salti di gioia. Ma non solo questo.

Chi conosce bene gli spogliatoi, sa che ebollizioni, malumori, dissapori e roba del genere, finiscono tutti sepolti sotto il tappeto delle vittorie. Quando però la situazione diventa complicata come quella della Juve di questi giorni, è normale che le tensioni vengano a galla. Non mi meraviglio se qualcuno se l’è presa con Benatia, nelle due gare decisive si è perso prima Vazquez e poi Koulibaly. Cose di calcio, casi di calcio. A questo aggiungiamo che dopo sette anni e mille battaglie, forse davvero siamo alla fine di un ciclo.

In mezzo a tutto e a tutti c’è Allegri che forse s’è pentito di non essere andato via dopo Cardiff.

C’è Allegri che sta facendo l’impossibile per tenere la barra dritta, ricompattare la squadra sugli obiettivi, provare a portare a casa il suo quarto scudetto e la sua quarta coppa Italia consecutivi, ma ha perso certezze. E forse anche parte dello spogliatoio.

Prima della sconfitta con il Napoli, come direbbe qualcuno in tempi non sospetti, mi risulta che Allegri per rimanere e onorare il contratto fino al 2020 abbia chiesto ai dirigenti bianconeri un profondo rinnovamento della rosa e soprattutto la cessione di Dybala. Di sicuro qualcuno proverà a smentire, ma Allegri si è confidato manifestando la sua insoddisfazione per il rendimento dell’argentino, sia con ex calciatori che con suoi amici. Meglio di chiunque altro Allegri sa che il gruppo è logoro, ci sono troppi giocatori con più di trent’anni e addosso mille battaglie.

Comunque resterebbe alla Juve anche se avverte lo scetticismo di troppa tifoseria, ma solo con un progetto di rilancio, un cambiamento sostanziale e, appunto, senza Dybala che ha perso l’umiltà, la voglia di rimboccarsi le maniche, di crescere e di lavorare secondo i criteri dell’allenatore livornese.

Difficile che le richieste di Allegri possano essere accolte, per cambiare una rosa così importante servono investimenti, non basterebbe la cessione di Dybala che oggi, fra l’altro, ha una quotazione calante. Più probabile, dunque, il divorzio a fine stagione. Sia l’allenatore che la società si stanno guardando attorno. Ma se non trova la panchina giusta Allegri starebbe pensando anche a un anno sabbatico alla Guardiola.

La Juve, invece, starebbe ripensando anche a Mancini che nell’estate del 2014, dopo le dimissioni di Conte, sfiorò la panchina bianconera salvo poi perdere la concorrenza con Allegri. Questo virare su Mancini avrebbe portato a una frenata nella trattativa che sembrava chiusa tra il Mancio e la Nazionale che allora ci ha riprovato con Ancelotti. Ancelotti che nel frattempo non ha più certezze per la panchina dell’Arsenal. Perché? Gli inglesi hanno sempre privilegiato i giovani, il gioco, lo spettacolo. Per questo hanno acceso i riflettori su Sarri. L’Arsenal sarebbe disposto a pagare al Napoli la clausola da otto milioni e al tecnico sarebbe già stato proposto un contratto triennale da otto milioni l’anno. Proprio per questa trattativa, da qualche settimana nello staff di Sarri è entrato anche il procuratore Ramadani al quale è stata data la procura per l’estero. Sarri non ha deciso, sia chiaro. Come ha detto a De Laurentiis ha detto anche all’Arsenal: riparliamone dopo il 20 maggio. Se dovesse vincere lo scudetto è assai probabile che Sarri decida di lasciare Napoli per accettare l’Arsenal e una nuova avventura. Fra l’altro, per chi non lo sapesse, Sarri parla inglese. Se invece non dovesse vincere, anche restare a Napoli e rilanciare potrebbe essere una soluzione gradita. Un mese e sapremo.

Tornando alla Juve, Mancini è un’opzione, ma i tifosi lo vedono troppo interista. Zidane è il sogno. Guadagna moltissimo, ma c’è da aspettare la fine della Champions. Se dopo aver fallito Lega e coppa del Re, il Real non dovesse vincere neppure la Champions, c’è da aspettarsi la reazione di Florentino Perez. Un anno senza tituli a Madrid è inconcepibile. E la Juve potrebbe essere l’immediata ripartenza.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve-Milan falsata, l’ultimo scandalo. Con questo VAR aumentano solo le polemiche e non si fa giustizia. Banti, che delusione. Higuain, che vergogna. Piatek al Milan, che rischio. Icardi rinnoverà 18.01 - Gli arbitri italiani stanno diventando dei piccoli Tafazzi: sono riusciti nell’impresa ciclopica di falsare perfino una gara tutto sommato non complicata come la Supercoppa italiana e farsi ancora una volta travolgere dalle polemiche. Autolesionismo puro, incredibile ma vero, come...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...

Editoriale DI: Marco Conterio

La caccia al nuovo sogno mercato della Juventus passa dai conti. E dall'inevitabile partenza di un big. Icardi, decimo stipendio della A: con l'Inter è braccio di ferro economico 13.01 - Kylian Mbappè. Come sogno e come chimera. Come grande obiettivo, perché "adesso la Juventus deve puntare i nuovi Cristiano Ronaldo". E chi meglio del crack francese che col portoghese si scattava le foto da giovane e imberbe talento? Chi meglio di un giocatore che a Parigi non vive...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain e Morata situazione in evoluzione, ma il Milan punta a tenere il Pipita. Icardi-Inter vertice in settimana per trattare il rinnovo.  Juventus, dopo Ramsey ora è il turno di Romero. Per Barella continua il pressing di Chelsea e Napoli 12.01 - Sono giorni importanti per capire il futuro di Higuain e Morata. Le posizioni sono molto chiare. Sarri considera il Pipita l’uomo giusto per aumentare tantissimo il potenziale offensivo del Chelsea. Sta spingendo perché questa possa diventare un’ipotesi concreta fin da subito. Higuain...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri-Real Madrid: contatto. Icardi, fissato l’incontro per il rinnovo. I piani di Marotta per la firma. Pregiudizi su Wanda: fa solo il suo lavoro. Higuain vuole solo il Chelsea e mette in crisi Leonardo 11.01 - Non so se Max Allegri durante le recenti vacanze abbia davvero sposato Ambra come scrivono i giornali di gossip, so invece che ha ricevuto una telefonata da Florentino Perez. Auguri, certo, ma anche una nuova, decisa proposta per la panchina del Real Madrid. L’anno scorso la telefonata...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Icardi e il rinnovo, Higuain e il Chelsea. Le novità su Ramsey, il ritorno di Gabbiadini e le strategie del Napoli... 10.01 - L'ultimo colpo di giornata lo ha messo a segno la Sampdoria che riabbraccia Gabbiadini. Lo riporta in blucerchiato: operazione complessiva da 12 milioni di euro (3 di prestito e 9 per il riscatto obbligatorio più bonus legati alla qualificazione in Europa). La Samp non voleva lasciarsi...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Godinopoli: l’Inter sta per fregare la Juventus per la prima volta dopo tanti anni, soffiandole Godin. Il messaggio di Marotta alla Juventus è chiaro. Skriniar: il Manchester United c’è, il rinnovo no 09.01 - La tentazione è davvero tanta per non usare questa parola, e come diceva Oscar Wilde: “Posso resistere a tutto, tranne che alle tentazioni”. E’ Godinopoli: il colpo che l’Inter sta portando a termine, concludendo l’acquisto di Diego Godin, è un cambio epocale nella storia minima...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->