HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Editoriale

Dybala è il problema di Allegri. Divorzio a fine stagione anche con lo scudetto. Le condizioni per restare. Ma la Juve deve cambiare mentalità. Nel mirino Mancini: frenata per la Nazionale. L’Arsenal ha offerto 8 milioni a Sarri

27.04.2018 06:40 di Enzo Bucchioni   articolo letto 47754 volte
© foto di Federico De Luca

Nessuno saprà mai cos’è successo esattamente nello spogliatoio della Juventus nell’intervallo e dopo la finale di Cardiff, oppure cosa c’è stato nel dopo gara con il Napoli. Di sicuro qualcosa è successo.

Non credo al gossip più becero di questi giorni, non seguo quei siti che le sparano grosse, privilegio con orgoglio la linea che ha decretato il successo straordinario di Tuttomercatoweb: serietà e documentazione delle notizie. Tutte.

Però, e torno al però, la situazione nello spogliatoio della Juve non è tranquilla. E non da oggi. Già dopo Cardiff Allegri pensò di andar via. Bonucci se n’è andato. Già dopo Cardiff il problema fu Dybala e la sua prestazione che non era piaciuta a Bonucci e ad altri senatori. Dybala, ma non solo Dybala. Alex Sandro non è felice. Marchisio è di sicuro un altro dei Grandi Scontenti. Anche Buffon non vive benissimo questo addio mai annunciato. Ha la sensazione che la Juve lo voglia far smettere, se lui decidesse di continuare (e ci ha pensato) nessuno farebbe salti di gioia. Ma non solo questo.

Chi conosce bene gli spogliatoi, sa che ebollizioni, malumori, dissapori e roba del genere, finiscono tutti sepolti sotto il tappeto delle vittorie. Quando però la situazione diventa complicata come quella della Juve di questi giorni, è normale che le tensioni vengano a galla. Non mi meraviglio se qualcuno se l’è presa con Benatia, nelle due gare decisive si è perso prima Vazquez e poi Koulibaly. Cose di calcio, casi di calcio. A questo aggiungiamo che dopo sette anni e mille battaglie, forse davvero siamo alla fine di un ciclo.

In mezzo a tutto e a tutti c’è Allegri che forse s’è pentito di non essere andato via dopo Cardiff.

C’è Allegri che sta facendo l’impossibile per tenere la barra dritta, ricompattare la squadra sugli obiettivi, provare a portare a casa il suo quarto scudetto e la sua quarta coppa Italia consecutivi, ma ha perso certezze. E forse anche parte dello spogliatoio.

Prima della sconfitta con il Napoli, come direbbe qualcuno in tempi non sospetti, mi risulta che Allegri per rimanere e onorare il contratto fino al 2020 abbia chiesto ai dirigenti bianconeri un profondo rinnovamento della rosa e soprattutto la cessione di Dybala. Di sicuro qualcuno proverà a smentire, ma Allegri si è confidato manifestando la sua insoddisfazione per il rendimento dell’argentino, sia con ex calciatori che con suoi amici. Meglio di chiunque altro Allegri sa che il gruppo è logoro, ci sono troppi giocatori con più di trent’anni e addosso mille battaglie.

Comunque resterebbe alla Juve anche se avverte lo scetticismo di troppa tifoseria, ma solo con un progetto di rilancio, un cambiamento sostanziale e, appunto, senza Dybala che ha perso l’umiltà, la voglia di rimboccarsi le maniche, di crescere e di lavorare secondo i criteri dell’allenatore livornese.

Difficile che le richieste di Allegri possano essere accolte, per cambiare una rosa così importante servono investimenti, non basterebbe la cessione di Dybala che oggi, fra l’altro, ha una quotazione calante. Più probabile, dunque, il divorzio a fine stagione. Sia l’allenatore che la società si stanno guardando attorno. Ma se non trova la panchina giusta Allegri starebbe pensando anche a un anno sabbatico alla Guardiola.

La Juve, invece, starebbe ripensando anche a Mancini che nell’estate del 2014, dopo le dimissioni di Conte, sfiorò la panchina bianconera salvo poi perdere la concorrenza con Allegri. Questo virare su Mancini avrebbe portato a una frenata nella trattativa che sembrava chiusa tra il Mancio e la Nazionale che allora ci ha riprovato con Ancelotti. Ancelotti che nel frattempo non ha più certezze per la panchina dell’Arsenal. Perché? Gli inglesi hanno sempre privilegiato i giovani, il gioco, lo spettacolo. Per questo hanno acceso i riflettori su Sarri. L’Arsenal sarebbe disposto a pagare al Napoli la clausola da otto milioni e al tecnico sarebbe già stato proposto un contratto triennale da otto milioni l’anno. Proprio per questa trattativa, da qualche settimana nello staff di Sarri è entrato anche il procuratore Ramadani al quale è stata data la procura per l’estero. Sarri non ha deciso, sia chiaro. Come ha detto a De Laurentiis ha detto anche all’Arsenal: riparliamone dopo il 20 maggio. Se dovesse vincere lo scudetto è assai probabile che Sarri decida di lasciare Napoli per accettare l’Arsenal e una nuova avventura. Fra l’altro, per chi non lo sapesse, Sarri parla inglese. Se invece non dovesse vincere, anche restare a Napoli e rilanciare potrebbe essere una soluzione gradita. Un mese e sapremo.

Tornando alla Juve, Mancini è un’opzione, ma i tifosi lo vedono troppo interista. Zidane è il sogno. Guadagna moltissimo, ma c’è da aspettare la fine della Champions. Se dopo aver fallito Lega e coppa del Re, il Real non dovesse vincere neppure la Champions, c’è da aspettarsi la reazione di Florentino Perez. Un anno senza tituli a Madrid è inconcepibile. E la Juve potrebbe essere l’immediata ripartenza.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve umana ma cambia poco. Napoli, bello e impossibile. Roma, che delusione. Il giorno di Gravina: Presidente cambia gli uomini poi il sistema 22.10 - La Juventus è umana. Già questa è una notizia. Pareggia contro la sua bestia nera, il Genoa di Juric, e almeno rende diverso il week end di serie A. Non siamo quelli dai titoloni "Adesso torna a sognare il Napoli" oppure "La Juventus inciampa" ma crediamo che rientri tutto nella normalità...

Editoriale DI: Andrea Losapio

C'è una guerra in corso per il Var? Stecca la Juventus, fermando Piatek. Pare già mercato con Paquetà 21.10 - Anche nella giornata di ieri il Var è stato assente non giustificato nell'espulsione di Milinkovic-Savic, portiere della Spal. Vero è che il campo di applicazione non poteva intervenire nel doppio giallo del numero uno serbo (sarebbe anche utile capire se sarebbe scattata l'ammonizione...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, Napoli e Roma su Piatek. Paratici segue anche De Ligt dell’Ajax. Ancelotti pronto a fermare il Psg. Per i giallorossi ipotesi Herrera del Porto. Lazio su Brahimi, Inter-Milan che derby 20.10 - Per Piatek è pronta a scatenarsi l’asta. L’avvio travolgente dell’attaccante polacco pagato appena 5 milioni di euro da Preziosi ha catturato l’attenzione un po’ di tutti. In Italia ci sono Juventus, Napoli e Roma. Il club bianconero là davanti ha problemi di abbondanza se si pensa...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Higuain da il via libera per Ibra al Milan. Tutto fatto, lui deciderà entro novembre. Barella, l’Inter torna in pole. Conte al Real, ora si può. Figc, Gravina è l’uomo giusto   19.10 - Un altro importante tassello per il ritorno di Ibrahimovic al Milan l’ha messo direttamente Gonzalo Higuain. Nella bella intervista rilasciata ieri alla Gazzetta, fra le tante cose non banali, si legge anche: “Ibra al Milan? Io amo giocare con i grandissimi e lui lo è”. E’ più di...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il derby di Milano: strade incrociate, obiettivi comuni 18.10 - Siamo entrati nel vivo: la settimana del derby di Milano. E dopo la pausa per gli impegni della Nazionale, che ci ha regalato una bella vittoria contro la Polonia fatta di speranza e di bel gioco, non poteva tornare con una partita migliore, il campionato di serie A. Milan e Inter...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby time: ecco perché il Milan è favorito. L’Inter sarebbe più in forma, ma… Cristiano Ronaldo con vista Manchester: la Juventus pensa già allo United per spaventare l’Europa. I 35 milioni offerti dal Napoli per Piatek 17.10 - Come si vince il Derby della Madonnina? E chi rischia di più? Inter-Milan è la partita che noi tutti ci meritiamo dopo due settimane di pausa, ristoratrici per la Nazionale e per il nostro amor proprio, ma che ci hanno lasciato una fame di calcio tale da sbirciare quasi con curiosità...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: quel che si può dire (e non dire) su Ronaldo. Inter e Milan: un derby lunghissimo (con Marotta sullo sfondo). Napoli: il prezzo di Piatek. Italia: bentornati azzurri, ma sugli stadi… 16.10 - Ciao. Domenica c’è il derby, l’altro giorno invece ha giocato la Nazionale. Ci si divide tra chi dice “uh ma che bella Nazionale! Parliamone!” e chi “che due maroni la sosta, pensiamo al derby di Milano”. Solo che il derby è domenica sera, manca ancora una vita. E allora ci si spreme...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Berlusconi e il Milan di Gattuso. Ad Allegri manca solo un tetto. Marotta-Inter, non avrebbe senso. Io voto Gravina perché.... 15.10 - Quando c'è la pausa campionato è un disastro. Non sai cosa scrivere e devi inventare storie, raccogliere notizie e parlare di mercato anche quando non c'è. Per fortuna, in questa domenica pomeriggio, Silvio Berlusconi su Sportitalia (durante Monza-Triestina) ci ha dato diversi spunti...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La pausa degli esoneri e dei primi acquisti per gennaio. Pungiball Ventura, ma il Chievo ha fatto benissimo. Finalmente c'è la formazione: ora Mancini segua il consiglio di Sarri 14.10 - Lo sport Nazionale degli ultimi undici mesi è stato insultare Gian Piero Ventura. Non è stato solo il colpevole dell'eliminazione dell'Italia dal Mondiale, ma dallo scorso 13 novembre di qualsivoglia problema. L'aumento dello spread? E' colpa di Ventura. Il surroscaldamento globale?...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Conte ipotesi concreta per il Real, Florentino pronto a tutto per avere anche Hazard. Milan, che colpo Paquetà. Under verso il rinnovo fino al 2023. Napoli a breve l’accordo con Zielinski, per gennaio non sono previste operazioni in entrata 13.10 - Lopetegui, Conte, Real e Chelsea. Il mese di ottobre potrebbe regalarci un’altra interessante rivoluzione in panchina. Florentino Perez non è soddisfatto del rendimento del suo allenatore, fortemente voluto in estate dopo l’addio di Zidane e ora sta pensando in maniera concreta ad...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy