HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2018/19?
  Barcellona
  Ajax
  Liverpool
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Dybala al Real, Pogba alla Juve, Griezmann allo United: si prepara un grande giro forse già a gennaio. Molto dipende da Zidane. E l’Inter non molla Modric. Sta per finire lo strapotere dei procuratori. Stop ai prestiti selvaggi

14.09.2018 06:57 di Enzo Bucchioni   articolo letto 31215 volte
Dybala al Real, Pogba alla Juve, Griezmann allo United: si prepara un grande giro forse già a gennaio. Molto dipende da Zidane. E l’Inter non molla Modric. Sta per finire lo strapotere dei procuratori. Stop ai prestiti selvaggi

Visto che il mercato non si ferma mai, le ultime che arrivano soprattutto dalla Spagna vale davvero la pena di cercare di intercettarle e valutarle. Da tempo i giornali spagnoli parlano di Dybala al Real, l’estate scorsa ci furono anche annunci ufficiali con relative smentite. Che dobbiamo pensare?

Che quando la pentola bolle qualcosa si muove, sta succedendo, almeno secondo l’esperienza.

Fra l’altro a rilanciare l’addio di Dybala alla Juve, l’altro giorno non sono stati i giornali spagnoli ma il patron del Palermo Zamparini che l’argentino ha avuto e venduto alla Juve.

Si sono sentiti? E’ una confidenza del giocatore al suo ex presidente? Chissà. Fatto sta che ieri, guarda caso, i giornali spagnoli sono tornati pesantemente sull’argomento. Florentino Perez avrebbe già un accordo con la Juve sulla base di 120 milioni e, naturalmente, con il giocatore. Anche se la cifra non torna (la Juve ha sempre pensato ad almeno 150 milioni), qualcosa si sta muovendo. Dybala è finito fra le riserve e lui stesso si è lasciato andare a una confidenza, “è colpa mia, devo lavorare di più per convincere Allegri”, confidenza che nasconde amarezza e consapevolezza di non essere più una prima scelta. L’impressione è che l’arrivo di Ronaldo, proprio dal punto di vista tattico, abbia chiuso ancora di più spazi già ristretti dopo l’arrivo di Higuain. E’ chiaro che un giocatore come Dybala non può rimanere alla Juve in queste condizioni ed è altrettanto chiaro che se non gioca o gioca poco, i bianconeri rischiano di vedere scendere le quotazioni e le richieste. E’ il momento di vendere? Possibile, tanto più che la Juve è in rosso di circa 20 milioni dopo tanti anni, per lo sforzo fatto sul mercato estivo.

I soldi presi dal Real, secondo il giro che si starebbe mettendo in piedi, però la Juventus li vorrebbe reinvestire. Su chi? Le correnti di mercato sono due, una spagnola parla di un interessamento per il francese Griezmann, 27 anni, dell’Atletico, l’altra inglese di un ritorno in bianconero di Pogba. Non nuova, già registrata più volte anche da noi, ma sempre d’attualità.

Procuratori e intermediari starebbero mettendo in piedi in realtà un grande giro destinato a portare Dybala al Real, Pogba alla Juve e Griezmann allo United. Dietro ci sarebbe lo zampino di Perez che vuole Dybala, ma vuole anche impedire che Pogba vada al Barcellona. Cosa manca per dire che il giro si può fare? Mourinho. Se il Manchester dovesse licenziare lo Special One e prendere come allenatore Zidane tutto diventerebbe più facile. Perché?

Zidane avrebbe chiesto allo United proprio Griezmann e di Pogba potrebbe farne a meno per lasciarlo alla Juventus che potrebbe così vendere Dybala al Real. Fantamercato?

Operazioni del genere funzionano sulla carta, realizzarle è più complicato. C’è chi scrive che addirittura si potrebbe fare tutto a gennaio visto che non vale più la regola che chi ha già giocato le coppe non può farlo con altre squadre. Una cosa però è certa, Florentino Perez ha bisogno di un grande colpo per la piazza prima che per l’allenatore Lopetegui e Dybala lo stuzzica molto. E non da oggi.

Se dovesse arrivare Dybala, fra l’altro, probabilmente consentirebbe al Real di vendere Modric a gennaio all’Inter, senza rischiare di perderlo a zero. Lopetegui potrebbe usare a centrocampo di più Ceballos (non piaceva a Zidane e lo ha cercato anche la Juve) con Casemiro, arretrando Isco e inserendo Asensio stabilmente. L’Inter aspetta, il giocatore ha deciso, fosse per lui sarebbe già nerazzurro.

A proposito di grandi giri e di trasferimenti a raffica messi in piedi da procuratori, forse il bengodi è finito. In effetti più volte abbiamo sottolineato come il mercato sia ormai una jungla con troppa gente spietata con un unico scopo: arricchirsi. Ci sono procuratori che quasi ogni anno fanno cambiare squadra ai loro assistiti. Perché? Ovvio, per le provvigioni. In Inghilterra il fenomeno è esploso. A fronte di 250 milioni di trasferimenti nell’ultimo mercato, in Premier è scattato l’allarme. Sta per passare la norma che le provvigioni non dovranno essere più pagate anche dalle società, ma soltanto dai calciatori che, ovviamente, dovendo rimetterci di tasca propria, dovrebbero dire basta a trasferimenti a raffica, senza veri obiettivi calcistici e di carriera.

Un’altra regola nuova arriva dalla Fifa: stop ai prestiti selvaggi. Anche qui molti hanno esagerato, Juve e Chelsea comprese. Prendono giocatori non completamente pronti per monopolizzare il mercato, impedire l’acquisto alla concorrenza, poi li mandano in prestito ovunque sperando di farli crescere. Il Chelsea in giro ne ha 40, la Juve 26, ma società come Atalanta e Udinese molti più. La Fifa sta per emanare una norma che imporrà il tetto ai prestiti: al massimo otto. Qualcosa si muove, era ora.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: lo scudetto, le riflessioni sul futuro, un difensore in più e... la posizione di Allegri. Milan: l'Atalanta fa paura, ora Gattuso pretende risposte. Inter: i numeri di Spalletti e la "sfida" con Conte. Evviva Fognini, anche quando perde 23.04 - Ciao. La festa è finita e si torna a lavorare. Anzi no, molti fanno il megaponte fino all’1 maggio, alcuni fino al 2 giugno, altri non tornano proprio. Il megaponte è per molti, ma non per tutti. Non per noi “grandi eroi” di tuttomercatoweb che anche oggi ve ne diciamo di tutti i...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Basta spot elettorali! Il calcio italiano crolla in Europa ma noi pensiamo ai finti progressi. Juve, festa amara. Napoli, serviva Ancelotti per una stagione così? Pippo, vedi come vola il Bologna… 22.04 - Sabato pomeriggio avrei voluto vedere, al mare, la festa della Juventus e invece mi sono ritrovato senza calcio e sprofondato sul divano a rivedere un film nuovo che davano alla tv: Quo Vado! La scena più bella è quando Checco (a proposito, che fine hai fatto? Quando torni a regalarci...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Juve, le plusvalenze non fanno vincere la Champions. Il Milan se ne frega del fair play finanziario, l'Inter riparte da Spalletti? Conte, Tuchel, Sarri e altre leggende 21.04 - La festa Scudetto non è tale quando esci dai quarti di Champions League per mano dell'Ajax. E soprattutto quando potevi farlo una settimana prima, con un pari tranquillo a Ferrara, invece di inserire giocatori di Serie C oppure giovani. La formazione era più forte di quella della...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, risalgono le quotazioni di Conte. Dybala in partenza, Bayern in prima fila ma c’è anche il Liverpool in un possibile scambio con Salah. Per la difesa spunta anche Jérôme Boateng. Marotta e Paratici, che sfida per Chiesa 20.04 - A fine stagione ci sarà un cambiamento inevitabile. Per la Juventus è già cominciata la fase di riflessione. Il primo nodo resta sempre Allegri. E’ vero che ci sono state le conferme del presidente Agnelli e dello stesso allenatore su un futuro ancora bianconero, ma la sensazione...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510