HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2018/19?
  Barcellona
  Ajax
  Liverpool
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Dybala si prende la Juventus… o il Manchester United? Il piano Agnelli per la Champions non ha limiti: ecco perché la strada a Pogba può essersi spianata. Perché Agnelli ha provato a sbolognare Marotta

03.10.2018 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 28728 volte

Finché Dybala è stato l’uomo del giorno prima, ha sofferto i paragoni ed è andato in crisi di prestazione. Chissà che adesso che l’attenzione si è spostata su Cristiano, non possa tornare a esprimersi con libertà e leggerezza (sempre che giochi). Al di là della tripletta e della prestazione contro gli acerbi Young Boys, rimane un gol che ha avuto venature di Baggio, o anche di Del Piero visto il contesto: senza voler uccidere la Joya con altri paragoni letali, ma una carezza balistica degna degli altri due numeri 10 come lui, tutti e tre accomunati dall’essere dei 9 e mezzo. Ma con il paragono ci fermiamo qua.

Teoricamente Dybala si riprende la Juventus, quella senza Cristiano almeno, perché era pur sempre in campo con Bernardeschi e Cuadrado dietro di lui, qualcosa di impensabile in presenza della contundenza di CR7 accoppiata però a una limitata generosità nella copertura.
Chissà però che Dybala non possa prendersi in un immediato futuro il Manchester United. Non che lui stia spingendo in quel senso, o che la Juve si sia messa a cercare acquirenti: è Mino Raiola che paradossalmente potrebbe venire a bussare per lui.

Perché i grandi affari, si sa, ormai li imbastiscono i procuratori e solo quelli più intraprendenti: Cristiano finisce alla Juventus grazie all’architettura e alla manovalanza di Jorge Mendes. E per questo, se Paul Pogba dovesse muoversi a gennaio, questa al momento sarebbe l’unica via praticabile (che non vuol dire si debba praticare): un Pogba direzione Torino, per un Dybala direzione Manchester.

Ricordiamo che, come svelato da Pep Guardiola, già a gennaio dell’anno scorso Raiola offrì Pogba al Manchester City, l’unico in quel momento che se lo potesse permettere, vedendosi la porta sbattuta in faccia. La situazione un anno dopo se possibile è ben peggiore: Mourinho sta sulla panchina come d’autunno sugli alberi le foglie, ma per ora resiste, salvato nel martedì di Champions da un recupero miracoloso all’89’ di Luke Shaw. Magari nel giro di due settimane Mourinho crollerà, e allora a quel punto gli del mondo pogbiano si cheteranno, e non ci sarà bisogno di cercare nuovi orizzonti, perché il presente con Zidane a farti da allenatore sarà più che sufficiente.

Ma se fino a gennaio Mourinho dovesse resistere, aiutato dagli abbondanti 20 milioni di penale che dovrebbe pagare il Manchester United in caso di esonero, allora in quel caso Raiola fermo non ci starà. Anche perché fermo non ci sta mai, e anzi proviene da un’estate dove la casella delle commissioni è stata ben poco animata.

Due erano e sono le strade percorribili per Pogba: Barcellona, dove gli accordi erano già raggiunti ad agosto tra calciatore e società, ma da dove non è mai partita l’offerta giusta per il Manchester United; e appunto Juventus, dove le riunioni assomiglierebbero a formalità.
Ma a Barcellona hanno appena presentato il bilancio, e i conti sono allarmanti: un monte stipendio che pesa per 630 milioni di €, un fatturato che deve crescere ancora di più per non finire in regime controllato di financial fair play, e insomma l’offerta allo United da almeno 120 milioni più 17-18 milioni all’anno per il giocatore sembrano di colpo insormontabili.

La Juve però dal canto suo è rimasta con in pancia circa 170 milioni non coperti della spesa per Cristiano, che dovranno essere coperti in futuro con i ricavi CR7iani in espansione, insomma una felice incognita a cui sicuramente non aggiungerne un’altra.
Ma se Agnelli si è preso questo rischio d’impresa per poter vincere la Champions finalmente, allora niente toglie che a gennaio possa fare lo stesso ragionamento, aggiungendo un Pogba di cui sicuramente ci sarebbe bisogno, al posto di un Dybala che è uno spreco faccia il 12esimo.
Non è qualcosa che sta avvenendo, ma badate che non è fantacalcio: anche perché alla Juve lo sanno bene che una stagione con tutte le altre grandi europee più o meno in crisi come quest’anno potrebbe non ricapitare più. E Cristiano va per i 34 anni, ed è longevo ma non eterno…

Sicuramente eterno non lo è nessuno, men che meno i dirigenti. Ma c’era modo e modo di terminare la storia di Marotta alla Juventus. Non si parla di stile, ma semplicemente di rispetto per quello che comunque ha potuto portare al club, accanto a Agnelli e Paratici.
La Juventus perderà l’architettura italiana, che è stata una delle tre stampelle su cui poggia il progetto juventino: se Agnelli è la mente globale del progetto, se Paratici è l’uomo dei colpi stranieri che hanno innescato un circolo virtuoso, Marotta però è stato il fautore di tutto il mercato italiano che ha fornito alla Juve preziose seconde linee, e soprattutto preziose plusvalenze nonché una rete di prestiti e giovani che foraggiano questo circolo virtuoso dei conti juventini.
Difficile credere al concetto di rinnovamento di cui parla Agnelli: che senso ha cambiare il capo di qualcosa che tu stesso hai giudicato andare perfettamente?
Lo hanno capito tutti che Marotta è stato fatto fuori, anche se nessuno pensava lui e il presidente non avessero totale identità di vedute. E infatti nemmeno si tratta di divergenze, ma forse di occupazione del potere, di presidenti che forse ritengono i fedeli amministratori delegati troppo ingombranti.
Del resto è stata una costante di questo ciclo agnelliano il repulisti di chi potesse oscurarne il dominio assoluto, che si trattasse di allenatori come Conte, o di leggende come Del Piero.

Onestamente nessuno aveva intravisto potesse esserci una sensazione simile verso Marotta, eppure pur essendo fedele ad Andrea Agnelli, l’amministratore delegato però ab origine era stato scelto dall’altra ala della famiglia, quella di John Elkann, il che probabilmente lo rendeva smarcato dalla totale subalternità al presidente della Juventus.

Forse dietrologia, forse supposizioni. Ma allora perché licenziare così Marotta? (Perché di licenziamento si tratta, quando non rinnovi un contratto in scadenza così importante).
E soprattutto, perché un mese fa provare a sbolognarlo, mandando in giro la voce della sua candidatura in Figc, provando a testare il terreno, chiedendo l’aiuto della politica sportiva a Roma, insomma facendo di tutto pur di toglierselo dai piedi?

Cambiare è lecito, per carità. Ma lo dicevano già i latini: est modus in rebus.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: lo scudetto, le riflessioni sul futuro, un difensore in più e... la posizione di Allegri. Milan: l'Atalanta fa paura, ora Gattuso pretende risposte. Inter: i numeri di Spalletti e la "sfida" con Conte. Evviva Fognini, anche quando perde 23.04 - Ciao. La festa è finita e si torna a lavorare. Anzi no, molti fanno il megaponte fino all’1 maggio, alcuni fino al 2 giugno, altri non tornano proprio. Il megaponte è per molti, ma non per tutti. Non per noi “grandi eroi” di tuttomercatoweb che anche oggi ve ne diciamo di tutti i...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Basta spot elettorali! Il calcio italiano crolla in Europa ma noi pensiamo ai finti progressi. Juve, festa amara. Napoli, serviva Ancelotti per una stagione così? Pippo, vedi come vola il Bologna… 22.04 - Sabato pomeriggio avrei voluto vedere, al mare, la festa della Juventus e invece mi sono ritrovato senza calcio e sprofondato sul divano a rivedere un film nuovo che davano alla tv: Quo Vado! La scena più bella è quando Checco (a proposito, che fine hai fatto? Quando torni a regalarci...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Juve, le plusvalenze non fanno vincere la Champions. Il Milan se ne frega del fair play finanziario, l'Inter riparte da Spalletti? Conte, Tuchel, Sarri e altre leggende 21.04 - La festa Scudetto non è tale quando esci dai quarti di Champions League per mano dell'Ajax. E soprattutto quando potevi farlo una settimana prima, con un pari tranquillo a Ferrara, invece di inserire giocatori di Serie C oppure giovani. La formazione era più forte di quella della...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, risalgono le quotazioni di Conte. Dybala in partenza, Bayern in prima fila ma c’è anche il Liverpool in un possibile scambio con Salah. Per la difesa spunta anche Jérôme Boateng. Marotta e Paratici, che sfida per Chiesa 20.04 - A fine stagione ci sarà un cambiamento inevitabile. Per la Juventus è già cominciata la fase di riflessione. Il primo nodo resta sempre Allegri. E’ vero che ci sono state le conferme del presidente Agnelli e dello stesso allenatore su un futuro ancora bianconero, ma la sensazione...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510