HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Cristiano Ronaldo alla Juve: ora chi andrà via?
  Gonzalo Higuain
  Miralem Pjanic
  Daniele Rugani
  Paulo Dybala
  Alex Sandro
  Più di un big
  Nessuno

Editoriale

Dybala, tre mesi per decidere il futuro. O cambia o va via. Psg, Manchester e Barcellona lo vogliono. Emre Can, ora si tratta. Inter tra Pastore e Delofeu: vertice Spalletti-Sabatini

29.12.2017 09:06 di Enzo Bucchioni   articolo letto 31971 volte
© foto di Federico De Luca

Domani Dybala tornerà titolare contro il Verona. Gli indizi ci sono, le prove arriveranno perché Allegri sa benissimo come dosare i comportamenti nei confronti di quei giocatori che non sono in sintonia con lui. Ed è ormai chiarissimo a tutti che l’armonia fra Dybala e la Juventus è finita da un pezzo. In sostanza e per sintetizzare, i bianconeri contestano all’argentino di essersi montato la testa. Per settimane non si è allenato con l’attenzione e l’intensità dovuti, ha perso l’umiltà e la voglia di lavorare, forse ha creduto troppo in fretta di essere un campione e certi atteggiamenti alla Juve non sono mai stati tollerati. Anzi, la regola numero uno prevede esattamente il contrario. I giocatori della Juve devono dimenticare la parola io e usare soltanto il noi. Fuori, ma soprattutto in campo. Ma non c’è solo questo. Qualche appunto è stato fatto anche sul comportamento personale, in particolare da Nedved. Dybala fa vita da atleta? Certe foto circolate nei giorni scorsi sui social lo descrivono ingrassato, ma la pancetta potrebbe anche essere un prodotto dell’abbigliamento da allenamento. Comunque il caso è aperto e il problema esiste. Il tutto ingigantito da un incontro fra il fratello-manager e il Paris Saint Germain interessato a Dybala qualora dovesse perdere Neymar corteggiato dal Real Madrid che pensa di sostituire Benzema e Bale. Anche queste cose per la Juve sono inaccettabili.

Mettete assieme il tutto e rispondete alla domanda più banale: Dybala resterà alla Juve o finirà sul mercato?

Ricordiamo che il giocatore ha rinnovato fino al 2022 pochi mesi fa con un adeguamento (bonus compresi) che lo avvicina ai sette milioni di euro di ingaggio. Tanta roba.

Ora però è evidente come il rapporto fra Dybala e la Juventus abbia bisogno di verifiche e di conferme. La Juve si aspetta una pronta reazione, spera che il giocatore abbia capito la lezione, spera di poter riprendere il percorso felice interrotto qualche mese fa. Se così non fosse, è chiaro che a fine stagione Dybala se ne andrà.

Nelle ultime ore è arrivata un’offerta di Mourinho che lo vorrebbe per una settantina di milioni. Poca roba, offerta da non prendere in considerazione. Ma l’interesse c’è. Del Psg abbiamo già detto e lo sceicco non ha certamente problemi di soldi, qualora decidesse l’attacco, ha di sicuro armi convincenti. Ma anche l’attenzione del Barcellona non è mai calata. Subito dopo il rinnovo del contratto di Dybala, indiscrezioni mai smentite parlavano di una sorta di clausola o gentleman agreement fra i dirigenti bianconeri e l’argentino per fissare una clausola pro-Barcellona attorno ai 120 milioni di euro. Insomma, se l’amore fra Dybala e la Juve è finito o c’è stata soltanto una crisi lo diranno i prossimi tre-quattro mesi, poi nel caso le cose non si sistemassero, la Juve passerà all’incasso con un’altra plusvalenza non da poco.

Marotta, intanto, si guarda attorno per rinforzare il centrocampo e l’oggetto del desiderio è sempre Emre Can del Liverpool. Il tedesco, 23 anni, in scadenza a giugno, può ricoprire anche il ruolo di difensore centrale oltre a quello di mediano davanti alla difesa o interno di centrocampo. Il giocatore ideale. Marotta ha già mandato una lettera al Liverpool per informare la società inglese che da gennaio tratterà con il giocatore come da regolamento. Qualora il Liverpool fosse disposto ad accettare 4-5 milioni invece di perderlo a zero a giugno, ci può stare che Marotta provi il colpo già a gennaio. Nel mirino resta anche Barella del Cagliari che però dovrebbe rimanere ancora un altro anno sull’isola sul modello Caldara.

La società che più di ogni altra deve colmare un paio di vuoti in organico è però l’Inter. Nessuno si è illuso che i sedici risultati utili potessero bastare a mascherare un organico non competitivo con le primissime della classifica. E’ evidente che l’Inter abbia fatto un miracolo e le tre sconfitte fanno parte di un momento di appannamento, ma è altrettanto evidente che questa squadra manchi di fantasia e imprevedibilità. Nel mercato estivo, per il fair play finanziario e il blocco cinese, non arrivò quel tipo di giocatore che Spalletti avrebbe gradito dietro a Icardi. Ieri c’è stato un vertice alla Pinetina fra Sabatini, Ausilio e Spalletti, è stata focalizzata l’attenzione sulle necessità più urgenti. Pastore è un giocatore che a Spalletti piace. Non ha grande potenza fisica, ma classe sopraffina e imprevedibilità. Piace anche Deloufeu, uno che salta l’uomo e da la superiorità numerica. Potendo, servirebbero entrambi. Sabatini proverà a prendere lo spagnolo in prestito dal Barca, mentre con il Psg si può ragionare mettendo sul piatto Joao Mario. Ma si guarda anche alla possibilità di prendere un difensore centrale e l’ex Roma Yanga Mbiwa, pallino di Sabatini, potrebbe arrivare dal Lione, sempre in prestito.

Il Milan, invece, dovrebbe rimandare tutto a giugno sperando nel risveglio di qualche big deludente, a meno che non arrivi una super offerta per qualcuno di loro. Con Donnarumma e il Psg c’è sempre da stare in campana, Fassone ha più volte detto che se il Milan non andrà in Champions qualche sacrificio andrà fatto. Vedremo.

Nel frattempo i rossoneri risparmiano sul contratto di Montella che è finito al Siviglia dopo aver rescisso ieri. E’ contento anche Gattuso, ora non esiste più l’ipotesi di un ritorno di Montella sempre nell’aria prima della vittoria nel derby. Montella faceva giocare in Italia un calcio spagnoleggiante, si troverà bene. Curiosità: è stato sponsorizzato da Ancelotti. Carletto, contattato nei giorni scorsi dal Siviglia, ha rifiutato l’offerta ma consigliato un altro italiano libero, Montella appunto. Affare fatto.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Alisson al Liverpool e il giro dei portieri, la Juve fra Higuain, Rugani e Pjanic. Il Milan fra TAS, Elliot e mercato. Un mese in apnea (non solo per il mercato) 19.07 - Ormai Alisson è un giocatore del Liverpool. E così a spuntarla è stata il terzo, che si prende uno dei portieri più forti del mondo, sicuramente il più caro. Lo ha seguito il Real che però non ha mail voluto affondare il colpo perché non convinto di voler spendere così tanto. Ci ha...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: c’è qualcosa che nessuno vi ha detto sul Mondiale. Che forse sentite lo stesso. Perché chi se ne frega che abbia vinto la Francia o la Croazia (beh certo, fosse stata l’Italia…) 18.07 - Qui Radio Mosca, è l’ultima corrispondenza di Russia2018, siamo sul treno per San Pietroburgo per disperdere la malinconia per questo Mondiale che si allontana nel tempo e che dice a ognuno di noi che si chiude un periodo della nostra vita, ché ammettiamolo: tutti ragioniamo scandendo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la lezione di Ronaldo, il nodo-Higuain e gli alibi agli avversari. Inter: da Perisic a Icardi, il cambio di rotta dei critici a prescindere (e occhio a centrocampo). Napoli "vede" Cavani. E il Milan sceglie il suo bomber (Morata o...) 17.07 - “Cristiano Ronaldo fa la cacca anche lui”. Era la grande lezione di vita di mio nonno: “Quando qualcuno ti sembra inarrivabile, lontano, quando hai paura e ti senti in difetto, ricordati che fa la cacca anche lui. In un attimo lo vedrai sotto altri occhi”. Questa grande pillola di...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Benvenuti al Ronaldo day. Tra depistaggi e ombre. Higuain, giusto andare. Milan, cambiare ora non avrebbe senso. Napoli, ripetersi così è difficile... 16.07 - Ci siamo! Il momento, di mercato, più atteso degli ultimi 30-50 anni è arrivato. Ronaldo, il più forte del mondo, alla Juventus, la più forte d'Italia. In questa settimana il calcio italiano si è diviso in due; come sempre: c'è chi ha visto il vantaggio solo per la Juventus e chi,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

CR7 a Torino è un colpaccio per la Juventus, non per la Serie A. In Italia (e non solo) va avanti il monopolio e il risultato finale sarà uno solo: la nascita della Superlega 15.07 - Se ne sono dette tante, troppe. E forse è anche giusto così. Perché Cristiano Ronaldo è un acquisto che almeno per qualche giorno ha riportato l'Italia al centro del mondo calcistico. Ha risvegliato i sogni e riportato con la memoria indietro nel tempo, quando i grandi campioni -...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, assalto a Vrsaljko e Dembelé. Per Milinkovic Savic ora c’è il Real. Higuain e Rugani verso il Chelsea, che pensa anche ad Alisson. Florenzi rinnova fino al 2023 14.07 - L’Inter non si ferma e tenta il doppio colpo. Ausilio continua a lavorare per provare a chiudere altri due acquisti. A centrocampo l’obiettivo è Dembélé. Il belga è fortemente tentato dall’idea di misurarsi nel campionato italiano. La presenza di Nainggolan è uno stimolo in più per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cavani è la risposta del Napoli a Ronaldo. De Laurentiis tratta con il Psg, ingaggio da spalmare. Ma è il Milan il futuro di Giuntoli con Conte in panchina. Sarri e Zola firmano per il Chelsea. Juve lascia via libera al Real per Milinkovic Savic 13.07 - De Laurentiis ha incassato da signore (o quasi) il colpo del secolo messo a segno dalla Juventus. E adesso come risponderà all’acquisto di Ronaldo? Chi lo conosce bene sa che le dichiarazioni di questi giorni sono fumo per mascherare le intenzioni e la realtà. Non si prende un allenatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non solo Cristiano Ronaldo... la serie A risponde 12.07 - Cristiano Ronaldo alla Juventus ha avuto un’eco mediatica incredibile. E questo è solo l’assaggio di quello che succederà in Italia da adesso in poi. A cominciare da lunedì, quando ci sarà il CR7-day. Arrivo, visite mediche, conferenza stampa e presentazione. Poi da lì in poi inizierà...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

La Juventus porta avanti il calcio italiano riportando indietro l’orologio di 20 anni: entriamo in una nuova era. Nella storia del calcio italiano solo il passaggio di Ronaldo all’Inter è paragonabile, ecco perché 11.07 - Qui Radio Mosca, ma il terremoto di Torino è arrivato a ondate fino a qua. Qua dove sono io adesso, nel Media Center dell’astronave aliena della Krushovka Arena di San Pietroburgo, qua dove c’era una semifinale dei Mondiali. Ah, c’era una semifinale dei Mondiali? Se ne sono accorti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: tutte le sfaccettature dell'affare (fatto) chiamato "Ronaldo". Inter: le chance per Rafinha, l'idea per il centrocampo e il messaggio di Icardi. Milan: qualcuno salvi il soldato Gattuso. Napoli: il regalo di ADL per Ancelotti 10.07 - Oggi non c’è molto tempo. Però c’è parecchia “ciccia”, del resto sono iniziati i ritiri e il Mondiale sta per finire. E più il Mondiale si avvicina alla fine, più tornano le bombe di mercato. Le bombe di mercato sono importantissime, sono “il metadone” che accompagna i tossici del...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy