HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Dybala, tre mesi per decidere il futuro. O cambia o va via. Psg, Manchester e Barcellona lo vogliono. Emre Can, ora si tratta. Inter tra Pastore e Delofeu: vertice Spalletti-Sabatini

29.12.2017 09:06 di Enzo Bucchioni   articolo letto 32387 volte
© foto di Federico De Luca

Domani Dybala tornerà titolare contro il Verona. Gli indizi ci sono, le prove arriveranno perché Allegri sa benissimo come dosare i comportamenti nei confronti di quei giocatori che non sono in sintonia con lui. Ed è ormai chiarissimo a tutti che l’armonia fra Dybala e la Juventus è finita da un pezzo. In sostanza e per sintetizzare, i bianconeri contestano all’argentino di essersi montato la testa. Per settimane non si è allenato con l’attenzione e l’intensità dovuti, ha perso l’umiltà e la voglia di lavorare, forse ha creduto troppo in fretta di essere un campione e certi atteggiamenti alla Juve non sono mai stati tollerati. Anzi, la regola numero uno prevede esattamente il contrario. I giocatori della Juve devono dimenticare la parola io e usare soltanto il noi. Fuori, ma soprattutto in campo. Ma non c’è solo questo. Qualche appunto è stato fatto anche sul comportamento personale, in particolare da Nedved. Dybala fa vita da atleta? Certe foto circolate nei giorni scorsi sui social lo descrivono ingrassato, ma la pancetta potrebbe anche essere un prodotto dell’abbigliamento da allenamento. Comunque il caso è aperto e il problema esiste. Il tutto ingigantito da un incontro fra il fratello-manager e il Paris Saint Germain interessato a Dybala qualora dovesse perdere Neymar corteggiato dal Real Madrid che pensa di sostituire Benzema e Bale. Anche queste cose per la Juve sono inaccettabili.

Mettete assieme il tutto e rispondete alla domanda più banale: Dybala resterà alla Juve o finirà sul mercato?

Ricordiamo che il giocatore ha rinnovato fino al 2022 pochi mesi fa con un adeguamento (bonus compresi) che lo avvicina ai sette milioni di euro di ingaggio. Tanta roba.

Ora però è evidente come il rapporto fra Dybala e la Juventus abbia bisogno di verifiche e di conferme. La Juve si aspetta una pronta reazione, spera che il giocatore abbia capito la lezione, spera di poter riprendere il percorso felice interrotto qualche mese fa. Se così non fosse, è chiaro che a fine stagione Dybala se ne andrà.

Nelle ultime ore è arrivata un’offerta di Mourinho che lo vorrebbe per una settantina di milioni. Poca roba, offerta da non prendere in considerazione. Ma l’interesse c’è. Del Psg abbiamo già detto e lo sceicco non ha certamente problemi di soldi, qualora decidesse l’attacco, ha di sicuro armi convincenti. Ma anche l’attenzione del Barcellona non è mai calata. Subito dopo il rinnovo del contratto di Dybala, indiscrezioni mai smentite parlavano di una sorta di clausola o gentleman agreement fra i dirigenti bianconeri e l’argentino per fissare una clausola pro-Barcellona attorno ai 120 milioni di euro. Insomma, se l’amore fra Dybala e la Juve è finito o c’è stata soltanto una crisi lo diranno i prossimi tre-quattro mesi, poi nel caso le cose non si sistemassero, la Juve passerà all’incasso con un’altra plusvalenza non da poco.

Marotta, intanto, si guarda attorno per rinforzare il centrocampo e l’oggetto del desiderio è sempre Emre Can del Liverpool. Il tedesco, 23 anni, in scadenza a giugno, può ricoprire anche il ruolo di difensore centrale oltre a quello di mediano davanti alla difesa o interno di centrocampo. Il giocatore ideale. Marotta ha già mandato una lettera al Liverpool per informare la società inglese che da gennaio tratterà con il giocatore come da regolamento. Qualora il Liverpool fosse disposto ad accettare 4-5 milioni invece di perderlo a zero a giugno, ci può stare che Marotta provi il colpo già a gennaio. Nel mirino resta anche Barella del Cagliari che però dovrebbe rimanere ancora un altro anno sull’isola sul modello Caldara.

La società che più di ogni altra deve colmare un paio di vuoti in organico è però l’Inter. Nessuno si è illuso che i sedici risultati utili potessero bastare a mascherare un organico non competitivo con le primissime della classifica. E’ evidente che l’Inter abbia fatto un miracolo e le tre sconfitte fanno parte di un momento di appannamento, ma è altrettanto evidente che questa squadra manchi di fantasia e imprevedibilità. Nel mercato estivo, per il fair play finanziario e il blocco cinese, non arrivò quel tipo di giocatore che Spalletti avrebbe gradito dietro a Icardi. Ieri c’è stato un vertice alla Pinetina fra Sabatini, Ausilio e Spalletti, è stata focalizzata l’attenzione sulle necessità più urgenti. Pastore è un giocatore che a Spalletti piace. Non ha grande potenza fisica, ma classe sopraffina e imprevedibilità. Piace anche Deloufeu, uno che salta l’uomo e da la superiorità numerica. Potendo, servirebbero entrambi. Sabatini proverà a prendere lo spagnolo in prestito dal Barca, mentre con il Psg si può ragionare mettendo sul piatto Joao Mario. Ma si guarda anche alla possibilità di prendere un difensore centrale e l’ex Roma Yanga Mbiwa, pallino di Sabatini, potrebbe arrivare dal Lione, sempre in prestito.

Il Milan, invece, dovrebbe rimandare tutto a giugno sperando nel risveglio di qualche big deludente, a meno che non arrivi una super offerta per qualcuno di loro. Con Donnarumma e il Psg c’è sempre da stare in campana, Fassone ha più volte detto che se il Milan non andrà in Champions qualche sacrificio andrà fatto. Vedremo.

Nel frattempo i rossoneri risparmiano sul contratto di Montella che è finito al Siviglia dopo aver rescisso ieri. E’ contento anche Gattuso, ora non esiste più l’ipotesi di un ritorno di Montella sempre nell’aria prima della vittoria nel derby. Montella faceva giocare in Italia un calcio spagnoleggiante, si troverà bene. Curiosità: è stato sponsorizzato da Ancelotti. Carletto, contattato nei giorni scorsi dal Siviglia, ha rifiutato l’offerta ma consigliato un altro italiano libero, Montella appunto. Affare fatto.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Milan: l'esempio Gattuso contro i nemici del Diavolo (Higuain-Piatek e altre acrobazie). Inter: l'arma in più non arriva dal campo (e Barella...). Da Ancelotti a De Zerbi: finalmente c'è chi ha voglia di parlare di calcio 22.01 - Ieri era il compleanno di mio padre. Ne ha fatti 83, tipo mummia. È tifoso accanito del Milan. Ha visto la sua squadra vincere, ha mangiato la pizza alla diavola, ha bevuto una birra media, due fette di torta con su scritto "Auguri Celso", tre grappe Berta per le quali va matto e,...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, così non va. Da Gonzalo a Piatek, segnale di debolezza. Visto Muriel? Balata e una Lega B allo sfascio. Lecce, esempio di mercato. Si scrive Juve, si legge Stabia 21.01 - Se la scorsa estate Leonardo e Maldini avessero portato al Milan Piatek al posto di Higuain avrebbero preso 3 su tutte le pagelle del mondo. Arrivò Gonzalo e si sprecarono i 7 per il grande affare fatto con la Juventus, ridando indietro quel pacco vecchio di Bonucci prendendo il futuro...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Leonardo non conosceva Higuain? Il Milan ha sopravvalutato il Pipita. Troppa ipocrisia su Wanda Nara: l'unico errore sarebbe quello di non comportarsi come gli altri procuratori 20.01 - Gonzalo Higuain è stato il miglior centravanti visto in Italia dopo Zlatan Ibrahimovic. Ha riscritto la storia dei cannonieri della Serie A battendo nel 2016 il record di Nordhal che resisteva da 65 anni. Diciassette, poi 18, 36, 24 e 16 gol in cinque stagioni di Serie A, 111 in cinque...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain al Chelsea e Piatek al Milan ormai ci siamo. Nell’operazione anche il ritorno di  Bertolacci al Genoa. Su Barella per giugno l’Inter di nuovo in pole position. Napoli, Lozano se in estate parte uno tra Mertens e Callejon 19.01 - Higuain al Chelsea, Piatek al Milan, Morata all’Atletico Madrid, Il gioco è fatto. Tutti gli incastri al posto giusto per un grande valzer di attaccanti. E allora andiamo a ricostruire quello che accadrà a breve. Higuain presto volerà a Londra per le visite mediche e si metterà a...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve-Milan falsata, l’ultimo scandalo. Con questo VAR aumentano solo le polemiche e non si fa giustizia. Banti, che delusione. Higuain, che vergogna. Piatek al Milan, che rischio. Icardi rinnoverà 18.01 - Gli arbitri italiani stanno diventando dei piccoli Tafazzi: sono riusciti nell’impresa ciclopica di falsare perfino una gara tutto sommato non complicata come la Supercoppa italiana e farsi ancora una volta travolgere dalle polemiche. Autolesionismo puro, incredibile ma vero, come...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...

Editoriale DI: Marco Conterio

La caccia al nuovo sogno mercato della Juventus passa dai conti. E dall'inevitabile partenza di un big. Icardi, decimo stipendio della A: con l'Inter è braccio di ferro economico 13.01 - Kylian Mbappè. Come sogno e come chimera. Come grande obiettivo, perché "adesso la Juventus deve puntare i nuovi Cristiano Ronaldo". E chi meglio del crack francese che col portoghese si scattava le foto da giovane e imberbe talento? Chi meglio di un giocatore che a Parigi non vive...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510