VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/18?
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Roma
  Liverpool

Editoriale

Dybala, tre mesi per decidere il futuro. O cambia o va via. Psg, Manchester e Barcellona lo vogliono. Emre Can, ora si tratta. Inter tra Pastore e Delofeu: vertice Spalletti-Sabatini

29.12.2017 09:06 di Enzo Bucchioni   articolo letto 31751 volte
© foto di Federico De Luca

Domani Dybala tornerà titolare contro il Verona. Gli indizi ci sono, le prove arriveranno perché Allegri sa benissimo come dosare i comportamenti nei confronti di quei giocatori che non sono in sintonia con lui. Ed è ormai chiarissimo a tutti che l’armonia fra Dybala e la Juventus è finita da un pezzo. In sostanza e per sintetizzare, i bianconeri contestano all’argentino di essersi montato la testa. Per settimane non si è allenato con l’attenzione e l’intensità dovuti, ha perso l’umiltà e la voglia di lavorare, forse ha creduto troppo in fretta di essere un campione e certi atteggiamenti alla Juve non sono mai stati tollerati. Anzi, la regola numero uno prevede esattamente il contrario. I giocatori della Juve devono dimenticare la parola io e usare soltanto il noi. Fuori, ma soprattutto in campo. Ma non c’è solo questo. Qualche appunto è stato fatto anche sul comportamento personale, in particolare da Nedved. Dybala fa vita da atleta? Certe foto circolate nei giorni scorsi sui social lo descrivono ingrassato, ma la pancetta potrebbe anche essere un prodotto dell’abbigliamento da allenamento. Comunque il caso è aperto e il problema esiste. Il tutto ingigantito da un incontro fra il fratello-manager e il Paris Saint Germain interessato a Dybala qualora dovesse perdere Neymar corteggiato dal Real Madrid che pensa di sostituire Benzema e Bale. Anche queste cose per la Juve sono inaccettabili.

Mettete assieme il tutto e rispondete alla domanda più banale: Dybala resterà alla Juve o finirà sul mercato?

Ricordiamo che il giocatore ha rinnovato fino al 2022 pochi mesi fa con un adeguamento (bonus compresi) che lo avvicina ai sette milioni di euro di ingaggio. Tanta roba.

Ora però è evidente come il rapporto fra Dybala e la Juventus abbia bisogno di verifiche e di conferme. La Juve si aspetta una pronta reazione, spera che il giocatore abbia capito la lezione, spera di poter riprendere il percorso felice interrotto qualche mese fa. Se così non fosse, è chiaro che a fine stagione Dybala se ne andrà.

Nelle ultime ore è arrivata un’offerta di Mourinho che lo vorrebbe per una settantina di milioni. Poca roba, offerta da non prendere in considerazione. Ma l’interesse c’è. Del Psg abbiamo già detto e lo sceicco non ha certamente problemi di soldi, qualora decidesse l’attacco, ha di sicuro armi convincenti. Ma anche l’attenzione del Barcellona non è mai calata. Subito dopo il rinnovo del contratto di Dybala, indiscrezioni mai smentite parlavano di una sorta di clausola o gentleman agreement fra i dirigenti bianconeri e l’argentino per fissare una clausola pro-Barcellona attorno ai 120 milioni di euro. Insomma, se l’amore fra Dybala e la Juve è finito o c’è stata soltanto una crisi lo diranno i prossimi tre-quattro mesi, poi nel caso le cose non si sistemassero, la Juve passerà all’incasso con un’altra plusvalenza non da poco.

Marotta, intanto, si guarda attorno per rinforzare il centrocampo e l’oggetto del desiderio è sempre Emre Can del Liverpool. Il tedesco, 23 anni, in scadenza a giugno, può ricoprire anche il ruolo di difensore centrale oltre a quello di mediano davanti alla difesa o interno di centrocampo. Il giocatore ideale. Marotta ha già mandato una lettera al Liverpool per informare la società inglese che da gennaio tratterà con il giocatore come da regolamento. Qualora il Liverpool fosse disposto ad accettare 4-5 milioni invece di perderlo a zero a giugno, ci può stare che Marotta provi il colpo già a gennaio. Nel mirino resta anche Barella del Cagliari che però dovrebbe rimanere ancora un altro anno sull’isola sul modello Caldara.

La società che più di ogni altra deve colmare un paio di vuoti in organico è però l’Inter. Nessuno si è illuso che i sedici risultati utili potessero bastare a mascherare un organico non competitivo con le primissime della classifica. E’ evidente che l’Inter abbia fatto un miracolo e le tre sconfitte fanno parte di un momento di appannamento, ma è altrettanto evidente che questa squadra manchi di fantasia e imprevedibilità. Nel mercato estivo, per il fair play finanziario e il blocco cinese, non arrivò quel tipo di giocatore che Spalletti avrebbe gradito dietro a Icardi. Ieri c’è stato un vertice alla Pinetina fra Sabatini, Ausilio e Spalletti, è stata focalizzata l’attenzione sulle necessità più urgenti. Pastore è un giocatore che a Spalletti piace. Non ha grande potenza fisica, ma classe sopraffina e imprevedibilità. Piace anche Deloufeu, uno che salta l’uomo e da la superiorità numerica. Potendo, servirebbero entrambi. Sabatini proverà a prendere lo spagnolo in prestito dal Barca, mentre con il Psg si può ragionare mettendo sul piatto Joao Mario. Ma si guarda anche alla possibilità di prendere un difensore centrale e l’ex Roma Yanga Mbiwa, pallino di Sabatini, potrebbe arrivare dal Lione, sempre in prestito.

Il Milan, invece, dovrebbe rimandare tutto a giugno sperando nel risveglio di qualche big deludente, a meno che non arrivi una super offerta per qualcuno di loro. Con Donnarumma e il Psg c’è sempre da stare in campana, Fassone ha più volte detto che se il Milan non andrà in Champions qualche sacrificio andrà fatto. Vedremo.

Nel frattempo i rossoneri risparmiano sul contratto di Montella che è finito al Siviglia dopo aver rescisso ieri. E’ contento anche Gattuso, ora non esiste più l’ipotesi di un ritorno di Montella sempre nell’aria prima della vittoria nel derby. Montella faceva giocare in Italia un calcio spagnoleggiante, si troverà bene. Curiosità: è stato sponsorizzato da Ancelotti. Carletto, contattato nei giorni scorsi dal Siviglia, ha rifiutato l’offerta ma consigliato un altro italiano libero, Montella appunto. Affare fatto.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Allegri non pervenuto. Sarri, colpo Gobbo a Torino. Milan, che dolore il colpo della strega. Crisi Udinese, Oddo non pronto per questi livelli. De Canio e la bacchetta magica... 23.04 - Se la Juventus prepara una finale scudetto in questo modo, molto colpe sono del suo allenatore. Squadra scarica, zero tiri in porta, gente che passeggia in campo e neanche il 10% della carica agonistica che ti aspetti per chiudere i conti e ammazzare il tuo rivale. Juventus ai minimi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Napoli, solo un crollo verticale può salvare la A dalla monotonia. Roma può diventare come Londra, ma dipenderà dallo stadio. Che bella la lotta salvezza 22.04 - Questa sera andrà in scena la madre di tutte le partite. Almeno per una fetta, consistente anzichenò, del nostro calcio. Perché tutti coloro che non tifano Juventus proveranno a vedere, finalmente, la speranza di avere una nuova regina del calcio italiano. Il Napoli incarna Davide...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Morata-Juve per ora solo un’idea, ma il ritorno non è impossibile. Per Torreira il Napoli tenta l’affondo. Mancini CT, lo Zenit frena: i tempi potrebbero allungarsi 21.04 - La sfida scudetto di Torino è dietro l’angolo ma anche il mercato continua a regalare spunti interessanti e per certi versi clamorosi. Parto subito forte e vi dico che il ritorno di Morata alla Juventus non è impossibile. Al momento è solo un’idea, destinata a rimanere tale se la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Napoli, ecco come giocheranno. Sui bianconeri le maggiori pressioni. Dybala è il dubbio. Pjanic recupera. Milik in vantaggio su Mertens. Restare o andar via? Il futuro di Allegri e Sarri passa da questo scudetto. Italia, Mancini CT 20.04 - Hai nove punti di vantaggio, praticamente già vinto lo scudetto e pochi minuti dopo scopri che quei punti si riducono a quattro e ritorna tutto in discussione. Non deve essere simpatico. Non è un momento semplice per la Juve alla vigilia dello scontro diretto col Napoli, pochi giorni...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juventus-Napoli, sfida totale. Un finale di campionato elettrizzante… 19.04 - Un finale di campionato così è letteralmente da sogno. Per tutti i tifosi, di tutti i colori. Perché vivere un duello così bello, così intenso, con così tanti colpi di scena concentrati in pochi minuti o in poche giornate. Lo scontro diretto è ormai alle porte e viverlo con queste...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

I dolori del giovane Andrea Agnelli: se gli obiettivi futuri della Juventus valgono davvero questo danno d'immagine, per il club stesso, e per Gigi Buffon. Gravissima l'accusa di malafede a Collina 18.04 - È passato tutto in cavalleria. No, non di certo le parole di Buffon o di qualcun altro. Le uscite dei giocatori hanno fatto molto clamore, anche se qua in Italia si è trattato solo di rumore, mentre all'estero è stato disgusto e condanna, in un tragico giro del mondo che ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la corte a Marotta e il futuro di Allegri. Milan: il piano di Gattuso per la prossima stagione (e Donnarumma?). Inter: quanti processi senza senso. E a Buffon il 432esimo consiglio non richiesto 17.04 - A Milano è iniziata la Settimana del Mobile. Alla Settimana del Mobile è difficilissimo trovare dei mobili e la cosa, converrete, è molto curiosa. Molto più facile trovare gente di merda. Di quella sono piene le vie. Sembra che tutti vadano nelle feste esclusive, fanno a gara a dirtelo,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Ecco perché Buffon va assolto. Il suicidio della Lazio senza un perché. L'Inter senza Icardi ha un problema. Empoli verso la A: bastava esonerare Vivarini 16.04 - Ci siamo lasciati alle spalle la settimana europea più folle di sempre per il calcio italiano. Istanbul a parte, una roba del genere non l'avevamo mai vista. Nel bene (la Roma) e nel male (la Lazio). E la Juve è bene o male? Vi starete chiedendo. Assolutamente nel bene. La Juventus...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il problema non è il contatto Benatia-Vazquez, il problema è tutto il resto: Ceferin faccia subito un passo indietro. La UEFA ha due scuse, ma non bastano per giustificare questo atteggiamento: ha ragione Gattuso 15.04 - Andò peggio, molto peggio, un anno fa. Erano sempre i quarti di finale di Champions League, c'era sempre il Real Madrid, ma i blancos al Bernabeu non avevano di fronte la Juventus, bensì il Bayern Monaco, sconfitto 2-1 all'andata. I bavaresi, allora guidati da Carlo Ancelotti, nei...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Juve, il sogno è sempre Isco, c’è anche Bernat per la fascia sinistra. Sarri pensa solo al campionato, il futuro a fine aprile. Chelsea e Monaco alla finestra. L’Inter torna forte su Verdi 14.04 - L’eliminazione in Champions League non cambia i piani. Marotta è stato chiaro. La Juventus aumenterà la sua qualità con un mix tra giovani e giocatori più esperti. E anche qualche sogno. Uno di questi è Isco. Il corteggiamento parte da lontano. Sono due anni, che i bianconeri sondano...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.