HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Icardi non è più il capitano: condividete la scelta dell'Inter?
  Si
  No

La Giovane Italia
Editoriale

E' già Juve-Napoli, è ancora Juve-Napoli. Tutto cambia, ma niente è cambiato

27.09.2018 07:02 di Luca Marchetti   articolo letto 14777 volte
© foto di Federico De Luca

E' già Juve Napoli, è ancora Juve-Napoli. E le due squadre, probabilmente, non potevano arrivarci in maniera migliore. La Juve ritrova il gol di Dybala, si gode una squadra che ha una consapevolezza incredibile. Che dosa le proprie energie, che ha in Cristiano Ronaldo il suo diamante, ma il resto non scherza affatto. Prendete Cancelo, uno degli ultimi arrivati. Ieri è stato il giocatore più cercato da CR7 e Dybala, tanto per farvi capire quante soluzioni ha Allegri a disposizione. Stavolta ha optato per la difesa a 3, Cancelo addirittura terzino sinistro a tutta fascia, le due punte vicine - e che punte.

E se da una parte c'è una Juve in grande spolvero, prendete il Napoli. Insigne, più vicino alla porta segna con una continuità disarmante. Sembra veramente l'arma in più a disposizione di Ancelotti. Che ha dato la sua impronta alla squadra, senza rinnegare l'attitudine al lavoro che aveva inculcato Sarri negli anni passati, ma rimodulando alcune dinamiche. Il Napoli non ha perso la ferocia, ha acquistato le verticalizzazioni, ha allargato veramente la rosa. Chiedetelo a Milik cosa significa ora avere la possibilità di ruotare, di avere più chanches. Il processo di Ancelottizzazione procede in maniera spedita, il Napoli sembra ogni giorno più autorevole e quella distanza che sembrava esserci ad inizio campionato sembra assottigliarsi sempre più. Il sogno dello scorso anno può continuare e sebbene, almeno sulla carta, le differenze ci sono eccome molto può passare dalla consapevolezza. Affrontare la Juve a Torino a meno tre è un vantaggio: due risultati su tre a disposizione. Una partita che sicuramente non vale il campionato perché è certamente troppo presto, ma vale la pena vederla per capire quali sono i reali rapporti fra le due squadre. 90 minuti non possono decidere le sorti di una squadra, probabilmente né in un senso né nell'altro. Ma la partita delle 18, in esclusiva su Sky, potrà comunque dare un colore al campionato. Se vince il Napoli si rinizia da capo, con una consapevolezza in più: che la Juve ha punti deboli. Se vince la Juventus dà una bella spallata alle ambizioni dei partenopei. Ma nessuna delle due può rilassarsi dopo, neanche i bianconeri che comunque hanno un piccolo vantaggio da gestire.

La sfida scudetto torna, in anticipo, ma alla fine lassù ci sono sempre loro due, anche se è solo inizio stagione. Ci sono ancora Juventus e Napoli, ci sono ancora due progetti vincenti a lungo termine. Quello della Juventus che ha sempre alzato l'asticella, che punta al bersaglio grosso della Champions e a battere un altro record in Italia. La squadra che ha portato in Italia il pentapallone d'oro, quella che nel frattempo ha comunque costruito una squadra che sembrano due. Dall'altra il Napoli che con De Laurentiis quando sembra che non si finisce di crescere trova sempre il modo per spostarsi un po' più in là. E anche quest'anno c'è riuscito, numeri alla mano.

E se pensate che poi comunque sabato (e sempre su Sky) gioca praticamente alla stessa ora anche Sarri, con il suo Chelsea contro il Liverpool, sempre per un match che vale la testa della classifica, capisci quanto il calcio possa raccontare storie straordinarie. Capisci che a un certo punto devi scegliere! E che ora per il Napoli Ancelotti è il presente e che a Sarri il pensiero (per una volta) va solo una volta finita la partita.

Per una volta il mercato non sarà centrale, anche se poi alla fine tutto parte da lì, ambizioni speranze e obiettivi. Come quello della Champions fra Lazio e Roma, contro in un sabato pazzesco di calcio, pronti per contendersi un posto in Champions, con una Roma che fatica, ma che proprio contro il Frosinone si è tirata fuori da una situazione difficile, giusto in tempo. Pronta per il derby, pronta per la Lazio (vale se dico che anche questa è sempre in esclusiva su Sky?).

Ultima menzione per Piatek. Obiettivamente nessuno di noi poteva immaginare un exploit del genere. Se questo ragazzo continua così è destinato a far parlare ancora molto di sé. Finora ha attirato le attenzioni a suon di gol e prestazioni. Segna sempre, cerca sempre il gol. E' assatanato, ha un gran tiro, sente la porta come pochi. Pazzesco, Un crack: non solo per i fantacalcisti...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: la mossa di Allegri per l’Atletico, quella di Paratici sul mercato. Inter: il ritorno di Icardi, il “metodo Marotta” e… la situazione Conte. Milan: Leonardo, gran doppietta. E su Cuneo-ProPiacenza… 19.02 - Buondì, la Roma sta giocando contro il Bologna, nel frattempo Wanda Nara brucia in un camino le foto di lei con Icardi. Pare sia un’usanza per scacciare le maledizioni. Io insisto: meglio i gin-tonic. Comunque, è stata una settimana molto intensa e tutti hanno parlato di un “caso”...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

A Cuneo, il funerale del calcio italiano. Leonardo, su Piatek a 35 milioni hai avuto ragione tu. Su Gattuso ti sei ricreduto. Caso Icardi, Wanda-Nera e, forse, Maxi Lopez non era così matto... 18.02 - Voi, giustamente, vorreste parlare della Juventus che si gioca la Champions, del Milan che sogna il ritorno nell'Europa che conta, del caso Icardi e del Napoli che prepara tre colpi per l'estate. Vi devo deludere. Non fregherà niente a nessuno ma sappiate che ieri c'è stato il funerale...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Icardi è il caso dell'anno, anche se tutti vorrebbero il rinnovo... ma il problema è Higuain. Mercoledì tocca (davvero) a Cristiano Ronaldo, il Napoli deve affidarsi al suo Re di Coppe 17.02 - Ci sono tre assunti nella vicenda Icardi. Sia Mauro che il club vorrebbero il rinnovo, ognuno alle sue condizioni. Nessuno ha mai avuto intenzione di pagare i 110 milioni della clausola rescissoria anche se potrebbero farlo nella prossima estate per via del giro di centravanti che...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Zaniolo, la Juve c’è ma la Roma è pronta a blindarlo fino al 2024. Anche il City su Dybala, il Real tratta Hazard. Per la difesa il Manchester United guarda in Italia. Nel mirino Koulibaly e Milenkovic. Il Napoli insiste per Lozano e Fornals 16.02 - La prima doppietta in Champions League ha solo confermato quello che è evidente da tempo. Nicolò Zaniolo ha tutto per diventare un grande giocatore. Ed inevitabilmente è già diventato uomo mercato. La Roma sta cercando di blindarlo anche perché sa bene che le sirene sono in agguato....

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Icardi andrà via, ma ora l’Inter punta al rinnovo. Chi paga 110 milioni? Tutte le colpe di Wanda. Punito dalla società, scaricato dallo spogliatoio. I tifosi contro l’argentino. Avanti con Lautaro. Le idee di Marotta per l’attacco 15.02 - E adesso come finirà? E’ questa la domanda delle domande che ruota e rimbalza fra l’Inter, Icardi, Wanda Nara, i compagni e i tifosi. Dopo la decisione della società di togliergli la fascia, degradare Maurito, e per reazione il suo rifiuto di seguire la squadra a Vienna, si sta...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Capitani, fasce, rinnovi e cessioni: Icardi e Hamsik 14.02 - La notizia in casa Inter è di quelle che tengono l’attenzione alta per tutta la giornata, forse per tutta la stagione. Icardi non è più il capitano dell’Inter, Icardi non è convocato per la partita di Europa League contro il Rapid Vienna. Anzi di più: Icardi ha scelto di non andare...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Roma padrona, adesso le scuse a Di Francesco e Monchi. Quello che Paratici non dice: l’asse di scambio Isco-Dybala è più di una possibilità per la Juventus. Lo spogliatoio vuole Sarri fuori: Inter, Roma o Milan se lo prenderebbero? 13.02 - Roma padrona, in Champions non perdona. Visto che bisogna adeguarsi a chi c’è al governo, allora si può riattare uno slogan politico usato da quella parte nell’epoca Tangentopoli per fotografare i giallorossi in Europa. Tanto parlare, tanto condannare, e poi la Roma è stata una potenza...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Ramsey e non solo! Inter: Marotta e la rivoluzione di giugno (nomi e modalità). Milan: Gattuso non va celebrato oggi. E su Sanremo… 12.02 - Uè, ciao. Son tornato da Sanremo. Non potere capire, sembrava l’inferno. Cioè, noi pensiamo sempre che il mondo del calcio sia il più complicato e fetente in assoluto e invece c’è chi prova a competere. C’è stata questa cosa del vincitore Mahmood che ha scatenato il tutti contro tutti...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Sarri-Napoli, l'addio è stato un flop per tutti. Inter, su Icardi ha ragione Spalletti. Frosinone, la cura di Baroni. Roma, Faggiano l'uomo giusto per il dopo Monchi. Benevento, hai fatto bene a fidarti di Bucchi 11.02 - Dirlo dopo questo week end è troppo facile ma un passaggio lo avevamo già fatto. Il divorzio estivo tra il Napoli e Maurizio Sarri è stato un flop per tutti. Quando le cose vanno bene e un allenatore trova l'habitat ideale bisognerebbe fare di tutto per andare avanti il più possibile....

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La differenza tra Piatek e Hamsik: De Laurentiis e la lezione alla medio-alta borghesia del calcio italiano che troppo spesso non viene compresa 10.02 - Nel calcio per costruire un progetto importante saper cedere è molto più importante di saper acquistare. Saper resistere, contrattare e rifiutare quando da una cessione sembra possano arrivare solo vantaggi è fondamentale. E' la differenza tra chi fa impresa in modo lungimirante e...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510