VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

E' il mercato dei sogni, dei rimpianti e dei tormentoni. Altro giro, altra corsa: dal colpo Juve ai due del Napoli fino agli attaccanti della Roma. I 10 casi che infiammano il mercato

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista e vicedirettore di Firenzeviola.it.
10.01.2016 09:35 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 70467 volte
© foto di Federico De Luca

Il bello di gennaio è che non è monotono. Quando hai la fortuna di vivere di e col calcio, e col mercato soprattutto, non c'è minuto in cui ti annoi. Scendi al bar a prendere un caffè. "Ma la Fiorentina lo prende Lisandro Lopez?". "Macchiato, grazie". Poi, magari, vai a fare la spesa perché in frigo hai una mozzarella del 1998 e tre carote che stanno semplicemente cercando di impiccarsi. "Ma Zaza e Rugani restano alla Juventus?". "Sì, ho la carta Fidaty". E così via. Dal benzinaio che, prima di metterti il pieno, pretende di sapere il destino di Felipe Anderson, fino all'amico fine intenditore che si è appena visto una partita di serie b maltese e ti consiglia i migliori talenti da scrivere. Ma in fondo è il bello, l'onere ma pure l'onore di vivere nella grande carrozza del mercato, che è anche la giostra dei sogni. Dove tutti sperano, guardano al futuro con positività, e dove almeno nei pensieri nessuno perde. Sicché proviamo ad accontentarvi tutti. Dopo un caffè e col frigo che non grida più vendetta, proviamo a snocciolare i dieci casi che stanno infiammando il mercato. E pure i vostri sogni.

Il colpo della Juventus Allegri ha chiesto solo giocatori capaci di fare la differenza. Il portafogli di Andrea Agnelli ha avuto un mancamento. Però questa è la realtà: è una squadra che Marotta e Paratici hanno costruito ad hoc, con una sola pecca: manca un altro centrocampista di spessore. Che sia il regista o il trequartista, giusto per 'rovesciare il centrocampo'. Il Dortmund non cede Gundogan, Witsel non sembra il giocatore ad hoc per le intenzioni di Allegri che piuttosto cerca un regista. Banega sarebbe il nome perfetto, mentre dal Belgio raccontano che l'Anderlecht ha messo in vendita Tielemans (ad alte cifre). Matic l'altra idea dal Chelsea, Guarin il nome che inevitabilmente tornerà d'attualità. E possibile.

Il futuro di Felipe Anderson Felipe Anderson è stato criptico. "Non so dove sarò a febbraio". In estate aveva già dato l'ok per trasferirsi al Manchester United, adesso potrebbe riaprirsi la pista. Lotito un big lo cederà: facile che sia lui, più che Biglia o Candreva. C'è anche il Bayern Monaco sul ragazzo, in estate intanto i biancocelesti avevano già bloccato Geuvanio come sostituto di FA7. Che non ha certo chiuso all'addio.

Il difensore della Fiorentina In verità la Fiorentina avrebbe bisogno di tre colpi. Un centrocampista, un esterno d'attacco ma, adesso, soprattutto un difensore. Col Milan le mancherà anche Gonzalo Rodriguez per squalifica, l'emergenza è totale (ed assurda, per tempistiche). Lisandro Lopez del Benfica il primo nome, Jason Denayer del City, in prestito al Galatasaray, un altro insieme a Edoardo Goldaniga del Palermo. Potesse, Sousa lo avrebbe già preso, ma la proprietà ancora non lo ha accontentato.

Eder: resta o parte? Bel tormentone. Al di là delle solite parole di Ferrero, che continua a parlare dei suoi gioielli come incedibili, davanti ad offerte importanti possono partire tutti. Soriano ha richieste ma sopratuttto Eder. La sensazione è che l'Inter tornerà a farsi sentire, mentre adesso anche il Valencia si mette in fila per l'italo-brasiliano.

I due colpi del Napoli Il difensore ed il centrocampista. De Laurentiis non spenderà 40 milioni, dunque Giuntoli ha la missione di chiudere un maxi colpo ed uno a cifre più convenienti. In soldoni: non arriveranno, insieme, Maksimovic e Andrè Gomes. Il granata è il sogno per la difesa, Barba un'occasione a prezzi più contenuti. Per la mediana, per adesso, solo nomi top: oltre a Gomes, Herrera del Porto, Vecino della Fiorentina e Kramer del Bayer Leverkusen (il più fattibile).

Il futuro di Ranocchia Una certezza: lascerà l'Inter. Ci prova la Sampdoria (occhio a Eder e Soriano col percorso opposto), l'Inter vorrebbe monetizzare vendendolo al Liverpool che però propone per adesso solo un prestito con diritto di riscatto. C'è anche il Torino, in caso di addio di Maksimovic, difficile l'ipotesi Genoa, sullo sfondo anche la Fiorentina.

Cerci, Perotti, Iturbe Tre piste, tre tormentoni destinate presto a trovare soluzione. Cerci al Genoa: manca solo il sì del fondo che detiene parte del cartellino del giocatore del Milan. Perotti la prossima settimana sarà della Roma, che tratta pure El Shaarawy. Perché, poi? Ha ceduto Iturbe perché non trovava spazio e ne prende due? Mistero.

Il ritorno di Immobile Immobile vuole tornare in Italia, Emery lo ha escluso dalla lista dei convocati per l'ultima gara. Può andare al Napoli se Gabbiadini va in Inghilterra, può andare al Torino ma piace anche al Sassuolo che può far partire Defrel in Premier. Una certezza: la volontà del ragazzo è chiara, da capire quale sarà ora la destinazione.

Il toto-allenatore a Palermo Se vince, Ballardini salva la panchina. Ma deve pure convincere Zamparini, che l'aveva già esonerato. Una situazione paradossale, e non è detto che Iachini dica sì al ritorno: ha litigato con il presidente sulle strategie di mercato, la terza soluzione sarebbe la promozione di Viviani.

Il valzer delle punte Floccari al Bologna (e pure Manaj), Borriello in MLS, Trotta tra Sassuolo e Frosinone. Mancousu che andrà al Carpi una volta che i rossoblù troveranno una punta, Rebic per l'Atalanta, Matos per il Genoa che deve trovare una squadra a Pandev. E poi Giuseppe Rossi: ieri ha dimostrato di essere di nuovo pronto. E può sparigliare le carte sul mercato delle punte, anche perché la Juventus ha deciso. Zaza non parte.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L’Italia e Insigne, il Napoli e i terzini, l’Inter e Joao Mario e il FFP del Milan 09.11 - Ora tutti concentrati sull’Italia. E di parole sull’importanza della partita in previsione domani ne sono state dette e scritte tantissime. Dai protagonisti di questo spareggio e da tanti colleghi. Tutti d’accordo, l’Italia non può mancare dal Mondiale. Il rischio, paradossalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Che sia una bella av-Ventura… Samp, negozio di alta qualità!!! Schick, pensa a giocare… Conte parigino? Mou nelle mani di Ibra! 08.11 - Non so voi ma io sono teso… Lo spareggio Mondiale mi ronza nella mente. Ci penso tanto, troppo. E’ come un chiodo fisso e preferirei averne di altro tipo! Che sia chiaro, ho fiducia nell’Italia ma ho anche tanta, troppa paura… Non me ne voglia il nostro CT (che non ho intenzione di...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.