VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

È preoccupante che Tavecchio confessi candidamente a De Laurentiis l'irregolarità contabile della quasi totalità dei club in serie A: ma lo scandaloso sacrificio del Parma non è bastato? No caro Marotta, è la Roma e non l'Inter la maggiore candi

Laureato in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
09.08.2015 08:38 di Raffaele Auriemma   articolo letto 166378 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Dal solleone tricolore al tifone atmosferico (mancato) cinese c'è tutto il piccolo mondo antico del calcio italiano. Parole in libertà ed il must della disorganizzazione sono nulla di fronte al giochino dell'assegnazione dello scudetto nel campionato che si gioca sulle spiagge. Sono lontani i tempi in cui, anche per abbagliare i tifosi, ci si lasciava andare ad ipotesi trionfalistiche sol perché frutto di un mercato dispendioso e per nulla certo di essere prerogativa utile a dichiarare la propria leadership in campionato. Si sono fatti tutti furbi, anche quelli che oggettivamente, in virtù della carica di campioni in carica, devono essere additati come il club che ha appena rivinto la Supercoppa di Lega ed a cui spetta di diritto la prima fila alla partenza. "L'Inter è la principale candidata alla vittoria del titolo": direttore Beppe Marotta, è mai possibile? Chi vuole che le creda, con quei 4 scudetti di fila vinti dalla Juventus in maniera più o meno meritata? Avrà sì speso tanto l'ormai ex parsimonioso Thohir (ma con Mazzarri in panchina non era fautore di una politica tendente al prodotto giovane per la necessità di risanare i conti?) ed ancora spenderà fino al 31 agosto, però provaci tu a mettere insieme tanta bella roba e farla diventare una squadra di successo. Toccherà a Mancini dimostrare le proprie capacità di portare l'Inter a vincere lo scudetto, anche in assenza di Ibrahimovic al centro dell'attacco e con un parterre di avversarie per il titolo, ben diverso rispetto a bquando anni fa faceva la voce grossa sulla panchina nerazzurra. E pure il Milan, che lo stesso Marotta giudica con le quotazioni in rialzo, dovrà limitare le proprie ambizioni se non rimetterà al centro del progetto il segno di Zlatan. Inter e Milan con lo spread in rialzo sulle borse di Giacarta e Honk Kong e comunque a ridosso della vetta nelle valutazioni precampionato che analizzano in casa Juve. La Roma no, per Marotta resta su di un gradino inferiore rispetto al terzetto che vorrebbe continuare a governare il calcio sull'asse Milano-Torino. Probabilmente non sa che con gli acquisti di Dzeko e Salah, i giallorossi hanno colmato una lacuna in attacco che non aveva permesso loro di lottare con la Juve fino alla fine per lo scudetto. E il Napoli? È cambiato anche lo stile, oltre ad allenatore, direttore sportivo ed alle strategie, tecniche e di mercato. Bando ai proclami, ora si bada al sodo, senza illudere la gente con l'annuncio di uno scudetto che, magari potrebbe pure arrivare, ma partendo da posizioni di retroguardia e pensando che ogni partita sia importante come una finalissima. Il percorso sarà lungo, ma non per questo affascinante, alla luce del mercato finora condotto dal trio De Laurentiis-Sarri-Giuntoli e di un organico che potrà riservare sorprese se Reina eviterà qualche gol, se Higuain ne segnerà ancora di più e se alla fine verrà preso un centrale difensivo superiore alla media di quelli attualmente in rosa. E allora, buon campionato a tutti, soprattutto alle famiglie che frequentano gli stadi e che sono i primi contribuenti di uno spettacolo che negli ultimi anni è stato condizionato da imbroglioni e faccendieri. L'auspicio sta nel cambiamento auspicabile e non per questo certo, anzi... "Solo quattro o cinque squadre oggi sarebbero in regola per l'iscrizione al campionato": le parole di Tavecchio confessate a De Laurentiis suonano sinistre all'indomani della vergognosa stagione con il Parma fallito, senza che nessuno avesse mosso un dito per impedire lo sconcio di un campionato falsato.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il PSG e il fair play finanziario, sempre più aggirato. L'Inter imbrigliata, la Juventus parte in prima fila. Il Milan punta su altri mercati e modelli esteri, ma senza sponsor rischia di star dietro 10.09 - Il Paris Saint Germain, in settimana, ha presentato Kylian Mbappé. Sula carta uno degli investimenti più onerosi di sempre, secondo solo a quello per Neymar Jr. 180 milioni di euro che, però, sono ancora da investire, perché il Monaco lo ha ceduto in prestito con diritto di riscatto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan: soldi veri, soldi precisi. Come Verratti? Gigio e Lorenzo pensateci. Mercato: la Premier va capita, non scopiazzata 09.09 - Le cifre vanno e vengono. Una volta che entra in scena il campo, lasciano il tempo che trovano. Ma intanto "passano". Esattamente come due anni fa, estate 2015, insistevamo sul fatto che il calciomercato del Milan fosse stato di 80 milioni e non di 100, allo stesso modo, senza virgole...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.