VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Ciryl Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Ecco chi muove il mercato: i 10 migliori Agenti italiani, capaci di cambiare la carriera ad un calciatore

Nato ad Avellino il 30-09-1983, vive e lavora a Milano. Dal 2007 Dirige Tuttomercatoweb. Per 8 anni ha diretto la Redazione Calcio di Sportitalia. Ha condotto il Gran Galà del Calcio AIC 2011 e 2012. Twitter: @MCriscitiello
20.01.2014 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 135845 volte
© foto di Federico De Luca

Se c'è un mondo dove regna la meritocrazia, allora, quel mondo è il calcio. Qui non esistono raccomandazioni. Se sei forte vai in campo e giochi, se sei una pippa non c'è procuratore che tenga. Quasi sempre. Perché se sei un calciatore valido ma non un fenomeno, un procuratore capace alla spalle ti può cambiare una carriera. Questa categoria presto finirà nell'occhio del ciclone. La settimana scorsa, in poche righe, abbiamo preannunciato che entro due mesi la Guardia di Finanza andrà a bussare alla porta di qualcuno di questi. C'è chi risiede all'Estero ma lavora in Italia (e noi paghiamo le tasse...) e chi invece all'Estero preferisce far risiedere direttamente i Conti Correnti. Una volta Lugano era la meta più ambita con codici cifrati e prestanomi, oggi va di moda Montecarlo e/o qualche Paese più lontano. Gli unici veri ricchi nel calcio sono quelli che danno un calcio al pallone e chi cura gli affari degli stessi. Poi i Direttori Sportivi sono diventati più ricchi dei Presidenti, divenuti i veri poveri del sistema. Ci sono piazze prestigiose che stanno per saltare in aria come un tappo di champagne ma una vittoria distoglie l'attenzione e, allora, via con la polvere sotto il tappeto. Due società (gloriose) di serie A e un top club di B sono messe malissimo ma oggi è meglio non parlarne. Tutte queste squadre occupano un'ottima posizione di classifica. In estate hanno speso tantissimo, altri invece hanno il Presidente amico del migliore degli amici e tirano avanti. Dicevamo dei procuratori. Non perdete la speranza: se oggi fai il pizzaiolo o camerire, tra 10 anni puoi diventare un noto Agente Fifa. Basta portare la giusta valigetta. Fanno in migliaia l'esame per diventare Agenti, molti lo passano ma sono disoccupati che pagano un bollo. Lavorano in 30, in 20 sono ricchi, in 10 sono quelli bravi. La storia l'hanno fatta Antonio Caliendo, oggi Proprietario del Modena, Giovanni Branchini, l'uomo al quale va detto grazie per averci regalato Ronaldo in Italia, Ernesto Bronzetti, fino a quando ha fatto gli interessi dei calciatori e non quelli del singolo club. Oggi i procuratori costruiscono le squadre, assistono ufficiosamente gli allenatori e molti di loro sono più bravi degli stessi Direttori Sportivi. Molti sono, anche, finiti. Gli Avvocati possono fare lo stesso lavoro del procuratore con la possibilità di fare tutto secondo la legge e la grande eccezione di poter assistere un allenatore. Volete i nomi dei migliori 10 in Italia? Ecco un pò di consigli per i calciatori che spesso si fanno rovinare le carriere da facili promesse.
Negli ultimi anni, al primo posto, è salito alla ribalta l'Avvocato Giuseppe Bozzo, partito da Cosenza e arrivato fino a Madrid. Ha "utilizzato" l'amicizia con Cassano per prendere tutti i migliori. Chi va con Bozzo sa che può trovare squadra anche se non gioca da un anno. Strappa contratti faraonici e ha ottimi rapporti con l'Inter. Ha piazzato Mazzarri all'Inter, infinocchiando uno come De Laurentiis che spesso invece incastra i procuratori. Aveva mandato Gilardino al Toronto, Gila però è uno indeciso anche quando deve indossare un paio di scarpe e si è affidato a Marronaro che, con tutto il bene del mondo, non è Beppe Bozzo. L'avvocato di Cosenza, perso Gilardino, ha preso Borriello. Certo, Avvocato, anche Lei se li cerca con la lanterna. Una volta regnava Tullio Tinti. Regna ancora ma dietro le quinte perchè ha avuto dei problemi nell'ultimo periodo. Comanda, eccome, ma non rientra nella lista dei migliori 10. Andrea D'Amico è l'agente del presente e del futuro. Alle sue spalle c'è il fratello Alessandro che non compare ma lavora benissimo, cresciuto all'ombra del grande Pasqualin oggi vanta eccellenti rapporti con i Presidenti ed è il miglior agente italiano che lavora con i russi. Bocchetti e Criscito, bravi ma non fenomeni, sono diventati plurimiliardari grazie a D'Amico. Non compare, resta spesso in silenzio ma è un grandissimo conoscitore di calcio, Claudio Vagheggi. Tra i primi tre procuratori italiani. Le società fanno spesso affari con lui perchè non propone mai mezzi calciatori e fa diventare ricche le società con le plusvalenze. Vagheggi vede i giovani prima degli altri, ha una rete pazzesca in Sudamerica e in fase di trattativa fa sempre rispettare la sua parola. Se un calciatore va con Vagheggi fa carriera e diventa ricco. Ha un solo difetto: comunica poco con la stampa! Da anni, Vagheggi, è una risorsa per il sistema calcio italiano. Nella top ten non può mancare Alessandro Moggi. Una volta era considerato il figlio di... "M"Oggi, a distanza di 8 anni, possiamo dire che l'uscita dal calcio del padre è stata la sua fortuna. Ha dimostrato che può camminare con le sue gambe e che i calciatori forti vanno con lui perchè fa sempre gli interessi del calciatore. Ottime intuizioni e senso degli affari. Lo hanno preso spesso di mira ma ogni volta ne è uscito fortificato. Immobile e Lodi sono usciti dall'imbuto grazie alle sue conoscenze. Allegri ha stretti contatti con Moggi nonostante abbia allenato per 4 anni il Milan e a Galliani quel cognome non andava proprio benissimo. E' giovane e ha talento. Se fosse stato il classico "figlio di papà" non lo avremmo neanche menzionato. Vi diamo anche nomi nuovi; tranquilli, non li prendiamo nè autisti nè camerieri. Un ex calciatore, ne parlano benissimo e lavora con Silvio Pagliari: Michelangelo Minieri. Ha un occhio particolare per i giovani. Sempre sulla scia dei ragazzi cresce bene l'ex portiere del Novara, Fontana, collaboratore dei fratelli Pastorello. Inseriamo lui e non Pastorello nella top ten, altrimenti saremmo banali e retorici. Non premiamo volutamente Mino Raiola perchè le pizze rischiano sempre di più di bruciarsi nel forno a legna e di... legnate ne sta prendendo già tante. Sta lentamente finendo l'effetto Raiola. Ha provato a soffiare Verratti a Di Campli ma il centrocampista del Psg è uno dei pochi rimasti ad avere un minimo senso di riconoscenza. A proposito di Di Campli, anche lui merita una citazione e un posto nella lista dei procuratori emergenti. Ha avuto il merito di saper far crescere Verratti ed è cresciuto con lui. Sansone ha cambiato barca ed è affondato alla prima mareggiata. Uno strappo alla regola: non è italiano ma, ormai, lo consideriamo tale. Tra i top Agenti inseriamo anche Jorge Cysterpiller. I migliori argentini arrivano tutti dalla sua scuderia. Ultimamente lavora meno con la serie A perchè i suoi Direttori Sportivi di riferimento sono fermi ai box. Diventato ricco grazie al calcio, però, ha anche dato tantissimi talenti all'Italia. Potremmo inserire anche Cosentino tra i migliori procuratori ma c'è un problema, anzi due. Non è italiano, se non per le radici, e non fa più il procuratore, anche se questo concetto non lo ha ancora ben capito il Presidente del Catania, Pulvirenti. Premiamo un altro "ex figlio di Papà": Davide Lippi. Inizialmente poteva sembrare spocchioso ed arrogante, con il tempo è maturato e anche la sua società ne ha tratto beneficio. Oggi gestisce tantissimi calciatori ma anche la loro immagine; produce degli utili e si è costruito un futuro senza dover più dire: sono il figlio di quello che vi ha fatto vincere un Mondiale in piena guerra. Ne manca uno: se avesse fatto ancora il procuratore non avremmo avuto dubbi ad inserire Stefano Antonelli, oggi Direttore Sportivo del Siena. Fece la guerra alla vecchia Gea. Antonelli è uno dei migliori e se prima faceva gli interessi dei calciatori, oggi fa gli interessi dei Presidenti. Se il Siena non è morto, va a lui un grazie particolare della Monte Paschi. Un altro esempio: Imborgia. Oggi ottimo dirigente, ex Parma. Ci manca un nome: alla carriera e alla lealtà, all'educazione e alla serietà, all'onestà intellettuale: il nostro decimo è l'Avvocato, Dario Canovi... Perchè ogni tanto serve anche essere Signori, in questo fantastico mondo del C...o (calcio)


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio 09.10 - La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.