HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
La Juventus non ha confermato Allegri: siete d'accordo?
  Si, il ciclo Allegri s'è esaurito
  No, bisognava andare avanti con Allegri

La Giovane Italia
Editoriale

Ecco come finirà il Milan: oggi la resa dei conti. Mancano 32 milioni. Elliott in agguato. Ma ecco il socio americano, è il proprietario dei Chicago Cubs. L’esclusione dall’Europa inaccettabile giudizio politico

22.06.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 39927 volte
Ecco come finirà il Milan: oggi la resa dei conti. Mancano 32 milioni. Elliott in agguato. Ma ecco il socio americano, è il proprietario dei Chicago Cubs. L’esclusione dall’Europa inaccettabile giudizio politico

Oggi si può decidere il futuro del Milan. E’ lo snodo cruciale, quattordici mesi dopo il passaggio della società da Berlusconi a Yonghong Li, si potrebbe cominciare a capire davvero qualcosa di più e di diverso. E’ il d-day per tutti.

Cerchiamo di ricapitolare.

Entro le diciassette di oggi pomeriggio mister Li dovrebbe versare 32 milioni di euro per far fronte all’aumento di capitale deciso dall’ultimo Cda. Bene. Versa? Non versa?

Ci sarebbero sensazioni negative al punto che il fondo Elliott che ha anticipato a Yonghong Li più di 300 milioni (da restituire entro ottobre con interessi), avrebbe già dato mandato per subentrare con un bonifico dello stesso importo (32 milioni appunto). Questo cosa potrebbe voler dire?

L’inizio dell’inglobazione del Milan da parte del fondo Elliott che, come sappiamo, se non vedrà restituiti i suoi soldi si potrà tenere il bene. C’è un però e un salvagente. Se Yonghong Li non pagasse oggi, avrebbe comunque tempo fino al 9 luglio per restituite a Elliott i 32 milioni prima che proceda ad inglobare. Ce la farà?

Previsioni impossibili anche se negli ultimi tempi le difficoltà sembravano evidenti. Pare che Yonghong Li abbia finito le risorse e le idee. E allora? Come uscirne?

Sappiamo che è scattato da qualche settimana un piano B, cioè cercare un socio forte per ripartire su basi nuove.

Dopo giorni di si dice e di nomi più o meno vari, ieri la stretta. Ci sarebbe un socio solvibile e credibile (o più di uno) pronto a prendersi Yonghong Li prima e il Milan poi. E questa sarebbe la svolta vera. Chi è? La notizia è credibile?

Fino a qualche ora fa si parlava di un imprenditore malese portato da Mendes, poi di un americano della grande distribuzione, poi dello sport.

Proprio quest’ultima pista americana ha preso consistenza nelle ultime ore e i rumors portano a un personaggio di spicco, Thomas Ricketts proprietario dei Chicago Cubs, indirizzato verso il Milan dalla banca d’affari Goldman Sacks. Ricketts, grande appassionato di sport, avrebbe voglia di entrare nel calcio.

Sempre secondo indiscrezioni molto fitte, ieri Han Li, braccio destro di Yonghong Li, veniva segnalato a New York per mettere a fuoco i dettagli dell’operazione. Non ci sono conferme ufficiali, ma si parla della volontà di Ricketts di fare in fretta per subentrare a Elliott con i 380 milioni complessivi che deve avere da mister Li e impedire al fondo di prendersi il Milan. Ma Rocketts comprerebbe anche con una ulteriore quota da Li che gli darebbe immediatamente la maggioranza del Milan. Sarebbe la svolta.

Con calma, nella strategia che si sta studiando, Yonghong Li potrebbe poi rientrare della sua esposizione dopo la quotazione del nuovo Milan alla borsa di Hong Kong con prevedibili plusvalenze. Ma questo sarà il futuro.

Sul presente, la sensazione è che siano veramente i giorni che dovrebbero dare vita a un Milan con una proprietà riconosciuta e riconoscibile oltre che solvibile.

Il problema con l’Uefa è stato proprio questo. E questo è inaccettabile. Se esclusione dalle coppe ci sarà è soltanto perché Yonghong Li non è ritenuto affidabile, le giustificazioni e i pani di rientro che pure avevano una logica, sono stati guardati con sufficienza, giudicati carta straccia. E questo è inaccettabile non solo perché con altre società il discorso è stato completamente diverso, ma anche perché comunque anche se Yongongh Li non è uno sceicco, e lascia dei dubbi, in un anno ha tirato fuori quasi settecento milioni per rilevare il Milan e rilanciarlo: l’Europa l’ha conquistata sul campo. Escludere il Milan dalle coppe è una decisione politica, una ulteriore mazzata quando invece sarebbe servito il sostegno per indicare una strada virtuosa e un percorso da fare assieme. In tutto questo, naturalmente, brilla anche l’assenza dei nostri organismi calcistici che non hanno mai appoggiato o difeso il Milan in consessi europei.

E se, come sembra, dovesse arrivare oggi anche l’esclusione dalle coppe, partirà immediatamente il ricorso al Tas che deciderà entro la prima decade di luglio. Una nuova proprietà, magari con un personaggio noto come Ricketts potrebbe avere una forte valenza per una sentenza positiva. Anche per questo, forse, si stanno bruciando le tappe nelle trattative per chiudere entro fine giugno. Oggi ne sapremo di più.

Sappiamo intanto che l’Inter sta facendo uno squadrone. Dopo Asamoah, De Vrij e Lautaro Martinez è arrivato anche Nainggolan, il giocatore che Spalletti aspettava da un anno. Lo metterà dietro Icardi, a fare da incursore, più o meno come giocava con lui nella Roma. Ma non è finita. Ausilio sta facendo molte cessioni minori per arrivare ad avere le plusvalenze necessarie per riportare i conti entro i parametri del fair play finanziario. Nel nuovo bilancio da luglio però, qualcosa di più sarà consentito. E l’Inter lo vuole fare. Al piano studiato con Spalletti manca una pedina sulla quale l’Inter punta molto: Federico Chiesa. Con il padre del giocatore, come abbiamo già scritto, il contatto è di oltre un mese fa e la proposta interessantissima. Nonostante i no della Fiorentina e del patron Della Valle, l’Inter non molla la presa. Al momento giusto, quando i conti lo consentiranno e il momento del mercato sarà propizio, proverà a minare le resistenze viola con una offerta dai settanta agli ottanta milioni. Un aiuto potrebbe arrivare anche da Mosca. Un gran mondiale di giocatori come Perisic o Brozovic, o anche Vecino, potrebbe portare ad un’altra grande plusvalenza da reinvestire per Chiesa.

Sempre dai mondiali arriva l’ok di Higuain per Maurizio Sarri. L’accordo fra l’allenatore e il Chelsea è fatto come vi diciamo da tempo, si tratta di ratificarlo definitivamente dopo il divorzio da Conte, molto oneroso. E fatta anche la strategia e fra i nomi dei giocatori già sondati, il sì di Higuain è stato incassato. Con la Juve si tratterà più avanti. E più avanti, forse entro il mese, arriverà anche l’annuncio per Cancelo. Accordo fatto, con i bonus costerà una quarantina di milioni.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve-Allegri: giusto l'addio. Alternative poche e confuse. Paratici-Inzaghi: ecco luogo e data dell'incontro. Caos serie B: vigliaccata al Palermo. Mercato, bravo Gravina. E Totti... 20.05 - Tra tre ore ho il volo per tornare a Milano. Vi scrivo da un Hotel di Londra, poche ore dopo aver visto il vero calcio. Ho pensato, nelle ultime ore, cento volte se davvero in Italia siamo convinti che quello nostro sia calcio. Sono stato a Wembley, sono stato ospite della finale...

Editoriale DI: Marco Conterio

Cosa c'è dietro l'addio di Allegri e nel futuro della panchina della Juventus. Anche se Zidane ha 'rovinato' i piani di Agnelli: tutto sui nuovi sogni e sui nomi della dirigenza 19.05 - Quel che è arrivato a parole ieri, ad Amsterdam, allo Stadium, non c'è stato nei fatti. L'appoggio costante a Massimiliano Allegri che negli ultimi giorni di vita bianconera sembrava un uomo solo al comando di una nave già in porto. Solo che la sua Juventus era un Titanic arrugginito,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli, Giuntoli insiste per Trippier e Lozano. Per la fascia sinistra occhio a Theo Hernandez, difficilissimo Grimaldo. Il Milan su Saint Maximin del Nizza. Sarri può lasciare il Chelsea, è il primo nome per il post Gattuso 18.05 - Il mercato del Napoli comincia a delinearsi. Saranno almeno 3 gli acquisti, uno per reparto. Un esterno difensivo, un centrocampista e una punta esterna. Ormai gli identikit cominciano ad essere abbastanza chiari. Per la difesa si continua a spingere per Trippier del Tottenham, ma...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non è convinto, ma la Juve non trova alternative forti. Il Milan ha le mani su Sarri. Gattuso alla Samp, Lampard al Chelsea. Gasp alla Roma, Inzaghi a Bergamo, De Zerbi alla Lazio. Montella già in discussione, si pensa a Giampaolo 17.05 - Il grande giro degli allenatori sta per cominciare, come in un grande puzzle i pezzi stanno andando al posto giusto. Cominciamo dalla Juve. Due giorni di confronto non sono bastati per prendere una decisione, Agnelli e Allegri si rivedranno oggi. Come andrà a finire? Allegri resta...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La cena di Allegri e la serata di Simone Inzaghi 16.05 - Una serata particolare: un occhio alla partita, la finale di coppa Italia, i sogni inseguiti dall’Atalanta e realizzati dalla Lazio. Un altro al telefonino per capire se e cosa succedeva fra Agnelli e Allegri in questo incontro pieno di cortine fumogene, per evitare addirittura che...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Occhio a Spalletti: tentativo disperato per rimanere all’Inter, cambia le alleanze, e c’è stato quel colloquio prima del Chievo… Agnelli vuole convincere Guardiola con l’aiuto dell’Uefa. Roma: ecco l’alternativa straniera Fonseca 15.05 - Non è finita, finché non è finita. Questo deve avere pensato Luciano Spalletti negli ultimi giorni, in piena modalità John Belushi. E non pensando tanto alla lotta Champions, che è solo una delle due partite che si sta giocando, forse la più semplice. Perché Luciano sa che se entrerà...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri, i pretendenti al “trono” e l’incontro “nelle prossime ore”. Inter: Conte, Oriali e due mesi di parole. Milan: la colpa di Gattuso. Roma: Gasp in avvicinamento 14.05 - Buongiorno e buonasera a tutti, la parola d’ordine di oggi è “nelle prossime ore”. “Nelle prossime ore” è il salvacondotto che permette a tutti noi di non sbagliare mai. Quando si incontrano Allegri e Agnelli? Nelle prossime ore. E intanto tutti noi diventiamo sempre più vecchi....

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Montella, tranquillo. Lucci ti premierà con il Real. Non voglio scriverlo: Raiola ha ragione! Lecce, quando vince la meritocrazia. Foggia, la retrocessione della società. La Crema della D: i Conti...ni tornano 13.05 - Che strazio il campionato finito con così largo anticipo. Anche Roma-Juventus diventa inguardabile. Perché se è vero che lo spettacolo non manca, quando giocano due grandi squadre, è anche vero che il calcio non è il cinema e senza l'assillo del risultato non c'è pathos. Quest'anno...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Kolossal panchine: Agnelli voleva Zidane e Guardiola, si accontenterà di qualcun altro. Conte aspettava una super big, chissà se potrà diventarlo l'Inter 12.05 - È stata una settimana complicata. Di voci, incontri segreti e pochi fatti. Ma ci si avvicina al finale, come in Game of Thrones, dove tutto dovrà andare a posto o quasi. Le settimane passate possono essere le stagioni di una serie tv, partendo dall'addio di Zinedine Zidane al Real...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Accelerazione Inter per Conte. Marotta e Ausilio lavorano su Chiesa, De Paul, Rakitic, Barella e Danilo. Icardi, partenza non così scontata. La Roma su Gasperini 11.05 - L’attesa è quasi finita. Presto il futuro di Conte sarà chiaro. Lo scenario si sta delineando. L’ipotesi Juve si è decisamente raffreddata nelle ultime ore anche perché il presidente Agnelli non è convinto fino in fondo del suo ritorno. La possibilità di un addio di Allegri resta...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510