HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Ecco come finirà il Milan: oggi la resa dei conti. Mancano 32 milioni. Elliott in agguato. Ma ecco il socio americano, è il proprietario dei Chicago Cubs. L’esclusione dall’Europa inaccettabile giudizio politico

22.06.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 39913 volte
Ecco come finirà il Milan: oggi la resa dei conti. Mancano 32 milioni. Elliott in agguato. Ma ecco il socio americano, è il proprietario dei Chicago Cubs. L’esclusione dall’Europa inaccettabile giudizio politico

Oggi si può decidere il futuro del Milan. E’ lo snodo cruciale, quattordici mesi dopo il passaggio della società da Berlusconi a Yonghong Li, si potrebbe cominciare a capire davvero qualcosa di più e di diverso. E’ il d-day per tutti.

Cerchiamo di ricapitolare.

Entro le diciassette di oggi pomeriggio mister Li dovrebbe versare 32 milioni di euro per far fronte all’aumento di capitale deciso dall’ultimo Cda. Bene. Versa? Non versa?

Ci sarebbero sensazioni negative al punto che il fondo Elliott che ha anticipato a Yonghong Li più di 300 milioni (da restituire entro ottobre con interessi), avrebbe già dato mandato per subentrare con un bonifico dello stesso importo (32 milioni appunto). Questo cosa potrebbe voler dire?

L’inizio dell’inglobazione del Milan da parte del fondo Elliott che, come sappiamo, se non vedrà restituiti i suoi soldi si potrà tenere il bene. C’è un però e un salvagente. Se Yonghong Li non pagasse oggi, avrebbe comunque tempo fino al 9 luglio per restituite a Elliott i 32 milioni prima che proceda ad inglobare. Ce la farà?

Previsioni impossibili anche se negli ultimi tempi le difficoltà sembravano evidenti. Pare che Yonghong Li abbia finito le risorse e le idee. E allora? Come uscirne?

Sappiamo che è scattato da qualche settimana un piano B, cioè cercare un socio forte per ripartire su basi nuove.

Dopo giorni di si dice e di nomi più o meno vari, ieri la stretta. Ci sarebbe un socio solvibile e credibile (o più di uno) pronto a prendersi Yonghong Li prima e il Milan poi. E questa sarebbe la svolta vera. Chi è? La notizia è credibile?

Fino a qualche ora fa si parlava di un imprenditore malese portato da Mendes, poi di un americano della grande distribuzione, poi dello sport.

Proprio quest’ultima pista americana ha preso consistenza nelle ultime ore e i rumors portano a un personaggio di spicco, Thomas Ricketts proprietario dei Chicago Cubs, indirizzato verso il Milan dalla banca d’affari Goldman Sacks. Ricketts, grande appassionato di sport, avrebbe voglia di entrare nel calcio.

Sempre secondo indiscrezioni molto fitte, ieri Han Li, braccio destro di Yonghong Li, veniva segnalato a New York per mettere a fuoco i dettagli dell’operazione. Non ci sono conferme ufficiali, ma si parla della volontà di Ricketts di fare in fretta per subentrare a Elliott con i 380 milioni complessivi che deve avere da mister Li e impedire al fondo di prendersi il Milan. Ma Rocketts comprerebbe anche con una ulteriore quota da Li che gli darebbe immediatamente la maggioranza del Milan. Sarebbe la svolta.

Con calma, nella strategia che si sta studiando, Yonghong Li potrebbe poi rientrare della sua esposizione dopo la quotazione del nuovo Milan alla borsa di Hong Kong con prevedibili plusvalenze. Ma questo sarà il futuro.

Sul presente, la sensazione è che siano veramente i giorni che dovrebbero dare vita a un Milan con una proprietà riconosciuta e riconoscibile oltre che solvibile.

Il problema con l’Uefa è stato proprio questo. E questo è inaccettabile. Se esclusione dalle coppe ci sarà è soltanto perché Yonghong Li non è ritenuto affidabile, le giustificazioni e i pani di rientro che pure avevano una logica, sono stati guardati con sufficienza, giudicati carta straccia. E questo è inaccettabile non solo perché con altre società il discorso è stato completamente diverso, ma anche perché comunque anche se Yongongh Li non è uno sceicco, e lascia dei dubbi, in un anno ha tirato fuori quasi settecento milioni per rilevare il Milan e rilanciarlo: l’Europa l’ha conquistata sul campo. Escludere il Milan dalle coppe è una decisione politica, una ulteriore mazzata quando invece sarebbe servito il sostegno per indicare una strada virtuosa e un percorso da fare assieme. In tutto questo, naturalmente, brilla anche l’assenza dei nostri organismi calcistici che non hanno mai appoggiato o difeso il Milan in consessi europei.

E se, come sembra, dovesse arrivare oggi anche l’esclusione dalle coppe, partirà immediatamente il ricorso al Tas che deciderà entro la prima decade di luglio. Una nuova proprietà, magari con un personaggio noto come Ricketts potrebbe avere una forte valenza per una sentenza positiva. Anche per questo, forse, si stanno bruciando le tappe nelle trattative per chiudere entro fine giugno. Oggi ne sapremo di più.

Sappiamo intanto che l’Inter sta facendo uno squadrone. Dopo Asamoah, De Vrij e Lautaro Martinez è arrivato anche Nainggolan, il giocatore che Spalletti aspettava da un anno. Lo metterà dietro Icardi, a fare da incursore, più o meno come giocava con lui nella Roma. Ma non è finita. Ausilio sta facendo molte cessioni minori per arrivare ad avere le plusvalenze necessarie per riportare i conti entro i parametri del fair play finanziario. Nel nuovo bilancio da luglio però, qualcosa di più sarà consentito. E l’Inter lo vuole fare. Al piano studiato con Spalletti manca una pedina sulla quale l’Inter punta molto: Federico Chiesa. Con il padre del giocatore, come abbiamo già scritto, il contatto è di oltre un mese fa e la proposta interessantissima. Nonostante i no della Fiorentina e del patron Della Valle, l’Inter non molla la presa. Al momento giusto, quando i conti lo consentiranno e il momento del mercato sarà propizio, proverà a minare le resistenze viola con una offerta dai settanta agli ottanta milioni. Un aiuto potrebbe arrivare anche da Mosca. Un gran mondiale di giocatori come Perisic o Brozovic, o anche Vecino, potrebbe portare ad un’altra grande plusvalenza da reinvestire per Chiesa.

Sempre dai mondiali arriva l’ok di Higuain per Maurizio Sarri. L’accordo fra l’allenatore e il Chelsea è fatto come vi diciamo da tempo, si tratta di ratificarlo definitivamente dopo il divorzio da Conte, molto oneroso. E fatta anche la strategia e fra i nomi dei giocatori già sondati, il sì di Higuain è stato incassato. Con la Juve si tratterà più avanti. E più avanti, forse entro il mese, arriverà anche l’annuncio per Cancelo. Accordo fatto, con i bonus costerà una quarantina di milioni.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve-Milan falsata, l’ultimo scandalo. Con questo VAR aumentano solo le polemiche e non si fa giustizia. Banti, che delusione. Higuain, che vergogna. Piatek al Milan, che rischio. Icardi rinnoverà 18.01 - Gli arbitri italiani stanno diventando dei piccoli Tafazzi: sono riusciti nell’impresa ciclopica di falsare perfino una gara tutto sommato non complicata come la Supercoppa italiana e farsi ancora una volta travolgere dalle polemiche. Autolesionismo puro, incredibile ma vero, come...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...

Editoriale DI: Marco Conterio

La caccia al nuovo sogno mercato della Juventus passa dai conti. E dall'inevitabile partenza di un big. Icardi, decimo stipendio della A: con l'Inter è braccio di ferro economico 13.01 - Kylian Mbappè. Come sogno e come chimera. Come grande obiettivo, perché "adesso la Juventus deve puntare i nuovi Cristiano Ronaldo". E chi meglio del crack francese che col portoghese si scattava le foto da giovane e imberbe talento? Chi meglio di un giocatore che a Parigi non vive...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain e Morata situazione in evoluzione, ma il Milan punta a tenere il Pipita. Icardi-Inter vertice in settimana per trattare il rinnovo.  Juventus, dopo Ramsey ora è il turno di Romero. Per Barella continua il pressing di Chelsea e Napoli 12.01 - Sono giorni importanti per capire il futuro di Higuain e Morata. Le posizioni sono molto chiare. Sarri considera il Pipita l’uomo giusto per aumentare tantissimo il potenziale offensivo del Chelsea. Sta spingendo perché questa possa diventare un’ipotesi concreta fin da subito. Higuain...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri-Real Madrid: contatto. Icardi, fissato l’incontro per il rinnovo. I piani di Marotta per la firma. Pregiudizi su Wanda: fa solo il suo lavoro. Higuain vuole solo il Chelsea e mette in crisi Leonardo 11.01 - Non so se Max Allegri durante le recenti vacanze abbia davvero sposato Ambra come scrivono i giornali di gossip, so invece che ha ricevuto una telefonata da Florentino Perez. Auguri, certo, ma anche una nuova, decisa proposta per la panchina del Real Madrid. L’anno scorso la telefonata...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Icardi e il rinnovo, Higuain e il Chelsea. Le novità su Ramsey, il ritorno di Gabbiadini e le strategie del Napoli... 10.01 - L'ultimo colpo di giornata lo ha messo a segno la Sampdoria che riabbraccia Gabbiadini. Lo riporta in blucerchiato: operazione complessiva da 12 milioni di euro (3 di prestito e 9 per il riscatto obbligatorio più bonus legati alla qualificazione in Europa). La Samp non voleva lasciarsi...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Godinopoli: l’Inter sta per fregare la Juventus per la prima volta dopo tanti anni, soffiandole Godin. Il messaggio di Marotta alla Juventus è chiaro. Skriniar: il Manchester United c’è, il rinnovo no 09.01 - La tentazione è davvero tanta per non usare questa parola, e come diceva Oscar Wilde: “Posso resistere a tutto, tranne che alle tentazioni”. E’ Godinopoli: il colpo che l’Inter sta portando a termine, concludendo l’acquisto di Diego Godin, è un cambio epocale nella storia minima...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->