HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Cristiano Ronaldo alla Juve: ora chi andrà via?
  Gonzalo Higuain
  Miralem Pjanic
  Daniele Rugani
  Paulo Dybala
  Alex Sandro
  Più di un big
  Nessuno

Editoriale

Ecco come finirà il Milan: oggi la resa dei conti. Mancano 32 milioni. Elliott in agguato. Ma ecco il socio americano, è il proprietario dei Chicago Cubs. L’esclusione dall’Europa inaccettabile giudizio politico

22.06.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 39408 volte
Ecco come finirà il Milan: oggi la resa dei conti. Mancano 32 milioni. Elliott in agguato. Ma ecco il socio americano, è il proprietario dei Chicago Cubs. L’esclusione dall’Europa inaccettabile giudizio politico

Oggi si può decidere il futuro del Milan. E’ lo snodo cruciale, quattordici mesi dopo il passaggio della società da Berlusconi a Yonghong Li, si potrebbe cominciare a capire davvero qualcosa di più e di diverso. E’ il d-day per tutti.

Cerchiamo di ricapitolare.

Entro le diciassette di oggi pomeriggio mister Li dovrebbe versare 32 milioni di euro per far fronte all’aumento di capitale deciso dall’ultimo Cda. Bene. Versa? Non versa?

Ci sarebbero sensazioni negative al punto che il fondo Elliott che ha anticipato a Yonghong Li più di 300 milioni (da restituire entro ottobre con interessi), avrebbe già dato mandato per subentrare con un bonifico dello stesso importo (32 milioni appunto). Questo cosa potrebbe voler dire?

L’inizio dell’inglobazione del Milan da parte del fondo Elliott che, come sappiamo, se non vedrà restituiti i suoi soldi si potrà tenere il bene. C’è un però e un salvagente. Se Yonghong Li non pagasse oggi, avrebbe comunque tempo fino al 9 luglio per restituite a Elliott i 32 milioni prima che proceda ad inglobare. Ce la farà?

Previsioni impossibili anche se negli ultimi tempi le difficoltà sembravano evidenti. Pare che Yonghong Li abbia finito le risorse e le idee. E allora? Come uscirne?

Sappiamo che è scattato da qualche settimana un piano B, cioè cercare un socio forte per ripartire su basi nuove.

Dopo giorni di si dice e di nomi più o meno vari, ieri la stretta. Ci sarebbe un socio solvibile e credibile (o più di uno) pronto a prendersi Yonghong Li prima e il Milan poi. E questa sarebbe la svolta vera. Chi è? La notizia è credibile?

Fino a qualche ora fa si parlava di un imprenditore malese portato da Mendes, poi di un americano della grande distribuzione, poi dello sport.

Proprio quest’ultima pista americana ha preso consistenza nelle ultime ore e i rumors portano a un personaggio di spicco, Thomas Ricketts proprietario dei Chicago Cubs, indirizzato verso il Milan dalla banca d’affari Goldman Sacks. Ricketts, grande appassionato di sport, avrebbe voglia di entrare nel calcio.

Sempre secondo indiscrezioni molto fitte, ieri Han Li, braccio destro di Yonghong Li, veniva segnalato a New York per mettere a fuoco i dettagli dell’operazione. Non ci sono conferme ufficiali, ma si parla della volontà di Ricketts di fare in fretta per subentrare a Elliott con i 380 milioni complessivi che deve avere da mister Li e impedire al fondo di prendersi il Milan. Ma Rocketts comprerebbe anche con una ulteriore quota da Li che gli darebbe immediatamente la maggioranza del Milan. Sarebbe la svolta.

Con calma, nella strategia che si sta studiando, Yonghong Li potrebbe poi rientrare della sua esposizione dopo la quotazione del nuovo Milan alla borsa di Hong Kong con prevedibili plusvalenze. Ma questo sarà il futuro.

Sul presente, la sensazione è che siano veramente i giorni che dovrebbero dare vita a un Milan con una proprietà riconosciuta e riconoscibile oltre che solvibile.

Il problema con l’Uefa è stato proprio questo. E questo è inaccettabile. Se esclusione dalle coppe ci sarà è soltanto perché Yonghong Li non è ritenuto affidabile, le giustificazioni e i pani di rientro che pure avevano una logica, sono stati guardati con sufficienza, giudicati carta straccia. E questo è inaccettabile non solo perché con altre società il discorso è stato completamente diverso, ma anche perché comunque anche se Yongongh Li non è uno sceicco, e lascia dei dubbi, in un anno ha tirato fuori quasi settecento milioni per rilevare il Milan e rilanciarlo: l’Europa l’ha conquistata sul campo. Escludere il Milan dalle coppe è una decisione politica, una ulteriore mazzata quando invece sarebbe servito il sostegno per indicare una strada virtuosa e un percorso da fare assieme. In tutto questo, naturalmente, brilla anche l’assenza dei nostri organismi calcistici che non hanno mai appoggiato o difeso il Milan in consessi europei.

E se, come sembra, dovesse arrivare oggi anche l’esclusione dalle coppe, partirà immediatamente il ricorso al Tas che deciderà entro la prima decade di luglio. Una nuova proprietà, magari con un personaggio noto come Ricketts potrebbe avere una forte valenza per una sentenza positiva. Anche per questo, forse, si stanno bruciando le tappe nelle trattative per chiudere entro fine giugno. Oggi ne sapremo di più.

Sappiamo intanto che l’Inter sta facendo uno squadrone. Dopo Asamoah, De Vrij e Lautaro Martinez è arrivato anche Nainggolan, il giocatore che Spalletti aspettava da un anno. Lo metterà dietro Icardi, a fare da incursore, più o meno come giocava con lui nella Roma. Ma non è finita. Ausilio sta facendo molte cessioni minori per arrivare ad avere le plusvalenze necessarie per riportare i conti entro i parametri del fair play finanziario. Nel nuovo bilancio da luglio però, qualcosa di più sarà consentito. E l’Inter lo vuole fare. Al piano studiato con Spalletti manca una pedina sulla quale l’Inter punta molto: Federico Chiesa. Con il padre del giocatore, come abbiamo già scritto, il contatto è di oltre un mese fa e la proposta interessantissima. Nonostante i no della Fiorentina e del patron Della Valle, l’Inter non molla la presa. Al momento giusto, quando i conti lo consentiranno e il momento del mercato sarà propizio, proverà a minare le resistenze viola con una offerta dai settanta agli ottanta milioni. Un aiuto potrebbe arrivare anche da Mosca. Un gran mondiale di giocatori come Perisic o Brozovic, o anche Vecino, potrebbe portare ad un’altra grande plusvalenza da reinvestire per Chiesa.

Sempre dai mondiali arriva l’ok di Higuain per Maurizio Sarri. L’accordo fra l’allenatore e il Chelsea è fatto come vi diciamo da tempo, si tratta di ratificarlo definitivamente dopo il divorzio da Conte, molto oneroso. E fatta anche la strategia e fra i nomi dei giocatori già sondati, il sì di Higuain è stato incassato. Con la Juve si tratterà più avanti. E più avanti, forse entro il mese, arriverà anche l’annuncio per Cancelo. Accordo fatto, con i bonus costerà una quarantina di milioni.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Roma: Olsen e Malcom. Il Milan insiste per Morata. Napoli tra Sabaly, Lainer e Arias. Juve c’è Darmian 21.07 - La Roma torna protagonista sul mercato. La cessione di Alisson, che ha portato nelle casse giallorosse 75 milioni di euro compresi bonus, permette a Monchi di lavorare su altri 2 obiettivi. Olsen è in pole position. Il portiere svedese è passato in testa e sta battendo un’agguerrita...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci, Donnarumma e Suso via dal Milan: oggi si saprà. Sarri vuole Reina, in ballo Morata. Cavani e il Napoli, dalla Francia insistono. E la suggestione continua anche per Luigi De Laurentiis... 20.07 - Soltanto oggi sapremo se il Milan giocherà o meno l’Europa League, il Tas si è preso qualche ora in più per decidere. Da questa sentenza dipenderà molto del futuro di Bonucci, Donnarumma e Suso. Senza l’Europa ci sarà un’altra perdita di una ventina di milioni e una ricaduta negativa...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Alisson al Liverpool e il giro dei portieri, la Juve fra Higuain, Rugani e Pjanic. Il Milan fra TAS, Elliot e mercato. Un mese in apnea (non solo per il mercato) 19.07 - Ormai Alisson è un giocatore del Liverpool. E così a spuntarla è stata il terzo, che si prende uno dei portieri più forti del mondo, sicuramente il più caro. Lo ha seguito il Real che però non ha mail voluto affondare il colpo perché non convinto di voler spendere così tanto. Ci ha...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: c’è qualcosa che nessuno vi ha detto sul Mondiale. Che forse sentite lo stesso. Perché chi se ne frega che abbia vinto la Francia o la Croazia (beh certo, fosse stata l’Italia…) 18.07 - Qui Radio Mosca, è l’ultima corrispondenza di Russia2018, siamo sul treno per San Pietroburgo per disperdere la malinconia per questo Mondiale che si allontana nel tempo e che dice a ognuno di noi che si chiude un periodo della nostra vita, ché ammettiamolo: tutti ragioniamo scandendo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la lezione di Ronaldo, il nodo-Higuain e gli alibi agli avversari. Inter: da Perisic a Icardi, il cambio di rotta dei critici a prescindere (e occhio a centrocampo). Napoli "vede" Cavani. E il Milan sceglie il suo bomber (Morata o...) 17.07 - “Cristiano Ronaldo fa la cacca anche lui”. Era la grande lezione di vita di mio nonno: “Quando qualcuno ti sembra inarrivabile, lontano, quando hai paura e ti senti in difetto, ricordati che fa la cacca anche lui. In un attimo lo vedrai sotto altri occhi”. Questa grande pillola di...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Benvenuti al Ronaldo day. Tra depistaggi e ombre. Higuain, giusto andare. Milan, cambiare ora non avrebbe senso. Napoli, ripetersi così è difficile... 16.07 - Ci siamo! Il momento, di mercato, più atteso degli ultimi 30-50 anni è arrivato. Ronaldo, il più forte del mondo, alla Juventus, la più forte d'Italia. In questa settimana il calcio italiano si è diviso in due; come sempre: c'è chi ha visto il vantaggio solo per la Juventus e chi,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

CR7 a Torino è un colpaccio per la Juventus, non per la Serie A. In Italia (e non solo) va avanti il monopolio e il risultato finale sarà uno solo: la nascita della Superlega 15.07 - Se ne sono dette tante, troppe. E forse è anche giusto così. Perché Cristiano Ronaldo è un acquisto che almeno per qualche giorno ha riportato l'Italia al centro del mondo calcistico. Ha risvegliato i sogni e riportato con la memoria indietro nel tempo, quando i grandi campioni -...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, assalto a Vrsaljko e Dembelé. Per Milinkovic Savic ora c’è il Real. Higuain e Rugani verso il Chelsea, che pensa anche ad Alisson. Florenzi rinnova fino al 2023 14.07 - L’Inter non si ferma e tenta il doppio colpo. Ausilio continua a lavorare per provare a chiudere altri due acquisti. A centrocampo l’obiettivo è Dembélé. Il belga è fortemente tentato dall’idea di misurarsi nel campionato italiano. La presenza di Nainggolan è uno stimolo in più per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cavani è la risposta del Napoli a Ronaldo. De Laurentiis tratta con il Psg, ingaggio da spalmare. Ma è il Milan il futuro di Giuntoli con Conte in panchina. Sarri e Zola firmano per il Chelsea. Juve lascia via libera al Real per Milinkovic Savic 13.07 - De Laurentiis ha incassato da signore (o quasi) il colpo del secolo messo a segno dalla Juventus. E adesso come risponderà all’acquisto di Ronaldo? Chi lo conosce bene sa che le dichiarazioni di questi giorni sono fumo per mascherare le intenzioni e la realtà. Non si prende un allenatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non solo Cristiano Ronaldo... la serie A risponde 12.07 - Cristiano Ronaldo alla Juventus ha avuto un’eco mediatica incredibile. E questo è solo l’assaggio di quello che succederà in Italia da adesso in poi. A cominciare da lunedì, quando ci sarà il CR7-day. Arrivo, visite mediche, conferenza stampa e presentazione. Poi da lì in poi inizierà...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy