VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Ecco i giovani più forti d'Europa. Quanti sono gli italiani? I numeri e la Federazione. Parma, telefonate e riforme. La foto è sfocata

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
19.02.2015 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 43456 volte
© foto di Federico De Luca

Pochi giorni fa un centro di ricerche svizzero ha fatto uno studio sui giovani, dal 1995 al 1992, quindi fino all'U23. E da questa analisi, fatta soprattutto realizzando degli algoritmi che tengono soprattutto in considerazione l'utilizzo nel proprio club e il valore di mercato, emergono dei dati interessanti.
Intanto i numeri. Nonostante l'Italia abbia più volte detto, anche attraverso le parole del suo presidente federale Tavecchio, di voler puntare sui giovani i giovani italiani praticamente non ci sono. Siamo staccati anni luce dagli altri campionati importanti europei. Lo studio prevede 5 nominativi per 6 "ruoli": portiere, terzino, difensore centrale, centrocampista difensivo, centrocampista offensivo, attaccante. Un totale di 30 giocatori per ogni anno di nascita. Per quattro anni fanno 120 giocatori nominati.
Potremmo definirli la "meglio gioventù", i migliori d'Europa. Si può essere d'accordo o meno sui parametri ma comunque difficilmente i numeri mentono. Ebbene su 120 giocatori "soltanto" 15 sono di proprietà italiana e naturalmente di questi solo la metà sono italiani. 6 portieri (Scuffet-Udinese, Gollini-Verona, Cragno-Cagliari, Leali-Cesena/Juve, Bardi-Chievo/Inter e Perin-Genoa) più un difensore, Romagnoli (Samp/Roma), e un centrocampista (Verratti) che però come sapete in Italia non gioca.
Al netto del portiere (scegliete chi volete!) si potrebbe fare una formazione anche abbatanza sensata con Hyasj (Empoli), Romagnoli (Roma/Samp) e De Vrij (Lazio) in difesa. A centrocampo forse i "nostri" uomini migliori con Pogba, Kovacic e (se ce lo consentite) Verratti, più Lestienne (Genoa) su una delle due fasce. In attacco Niang (Genoa/Milan), Boakye (Atalanta/Juventus) e Iturbe (Roma). In panchina pronto ad entrare se non potessimo tesserare Verratti Hallberg dell'Udinese.
Sono in totale 15 giocatori. 15 fra i migliori 120. Non un bel risultato, decisamente ultimi nella classifica europea. Una classifica guidata dalla Ligue1 con 29 giocatori, poi Bundesliga con 28. Spagna e Francia a parimerito con 24. Le politiche economiche da un lato (Inghilterra e le due grandi di Spagna) e le politiche federali dall'altra fanno la differenza. Non è un caso che Francia e Germania siano i campionati con più giovani top utilizzati in campo. I centri federali di crescita e formazione, gli obblighi (non come quelli recentemente approvati dalla Figc ma con una visione di più ampio respiro ed orizzonte) sulle rose delle squadre e il controllo stringente della federazione fanno la differenza. Ai tanti giocatori presenti nel listone le squadre italiane avevano pensato in fase di mercato. Qualcuno (come Marquinhos, Nastasic o Lamela) è già passato per il nostro campionato. Ma evidentemente il mercato non basta. Già ora i giovani sono molto costosi: bisogna essere bravi (e fortunati) ad arrivare prima degli altri. Quindi l'unico modo è testarne molti. Con un aiuto vero e concreto da parte delle istituzioni e del sistema con delle regole. Regole certe però e organismi che funzionano. Altrimenti ci ritroviamo come al solito al "fatta la legge trovato l'inganno". La prova lampante è il Parma. Insieme a degli amici più esperti che mi hanno aiutato a leggere bene i bilanci scorsi del Parma, senza neanche essere esperti di diritto, si capiva che la situazione era difficile e estremamente seria. In breve la liquidità che doveva essere usata nella stagione in corso (2014/15) era già stata utilizzata un anno e mezzo prima. E questo è scritto nel bilancio: per avere soldi dalle banche il Parma per esempio aveva già impegnato i proventi dai soldi delle tv, la cessione crediti della Lega. E nonostante questo i debiti - sempre nella lettura del bilancio - erano aumentati. Questi dati, pubblici soltanto ora, denotano un quadro molto difficile. Nonostante questo però la CoViSoc (organo della Figc) che forse aveva gli strumenti per fermare il Parma non lo ha fatto. Se non con la mancata licenza Uefa per il mancato pagamento di alcune trattenute Irpef. Insomma: le regole ci sono, gli strumenti pure, gli istituti anche. Allora dove si blocca il sistema? Ecco perché fare le regole non sempre serve. Serve saperle attuare anzi farle rispettare. Altrimenti rimangono solo belle idee.
I numeri difficilmente mentono: sia per i giovani, sia per il Parma. E ci danno una fotografia dell'Italia calcistica decisamente sfocata. Allora andiamo oltre (o dentro) le telefonate registrate e guardiamo ai contenuti: finora non abbiamo visto nulla.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella, questo Milan ha bisogno di identità. Verona, in "Pecchiata" verso il baratro. Baroni, è stato bello... Juve e Napoli, avanti così! 25.09 - Quest'ultima giornata di campionato ci consegna diverse cartoline. Una da Milano: una volta l'Inter queste partite non le avrebbe mai vinte, invece, anche se non indovina la domenica giusta Spalletti fa punti. Nel calcio si dice: sono segnali. Seconda cartolina da Torino: Mihajlovic...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.