VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/18?
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Roma
  Liverpool

Editoriale

Ecco perché Buffon va assolto. Il suicidio della Lazio senza un perché. L'Inter senza Icardi ha un problema. Empoli verso la A: bastava esonerare Vivarini

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
16.04.2018 09:42 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 32658 volte
© foto di Federico De Luca

Ci siamo lasciati alle spalle la settimana europea più folle di sempre per il calcio italiano. Istanbul a parte, una roba del genere non l'avevamo mai vista. Nel bene (la Roma) e nel male (la Lazio). E la Juve è bene o male? Vi starete chiedendo. Assolutamente nel bene. La Juventus era quasi entrata nella storia, aveva scritto tutte le pagine del libro. Tranne l'ultima. Vincere, al novantesimo, 0-3 a Madrid nel tempio del calcio mondiale è un'impresa. La Juve ci è riuscita. Di Francesco e Allegri hanno dimostrato, ancora una volta, che gli allenatori italiani sono i maestri nel mondo. Ma si esprimono meglio quando devono inventare e non hanno nulla da perdere. Quando le italiane se la giocano non devono temere neanche Barcellona e Real Madrid. Questo ha detto la Champions della scorsa settimana. Il nostro problema è quando facciamo mille calcoli e giochiamo per non prenderle. Mal costume del nostro sistema. La Roma ha fatto un'impresa epica. Il terzo giorno più bello della storia giallorossa. E Adesso farebbe bene a crederci. Fino in fondo. Un pizzico di fortuna e un pò di follia potrebbero portare la Roma a Kiev. Tema Juventus, anzi tema Buffon. Della Juve c'è poco da dire: due cose, forse. A Madrid abbiamo visto una squadra perfetta anche senza Dybala. E' un segnale. Benatia ha fatto un intervento scomposto ma non folle. Quel rigore si può dare ma, se dopo cinque giorni, ancora non siamo convinti del fallo significa che non era un fallo solare. Il mio pensiero? Quei rigori lì si danno solo se sei certo al 100%. Inoltre l'inadeguatezza dell'arbitro si capisce anche dalla non espulsione di Benatia. Era doppio giallo e andava espulso. Se proprio vogliamo dirla tutta. Buffon ha sbroccato. Sicuramente non è stato un esempio per i più giovani, neanche per chi crede nella Chiesa e per chi fa le offerte alla Caritas. Stiamo parlando, però, di un professionista che ha contribuito a farci vincere il Mondiale, di un portiere applaudito da sempre in tutti gli stadi italiani nonostante difendesse i pali dell'odiata Juve e di un calciatore che, in tanti anni di carriera, non ha mai fatto polemiche o sceneggiate. Buffon va assolto perché solo chi non vive il calcio da protagonista può fare il professore da dietro la cattedra e moralizzare Buffon. Guarda caso, gente come Gattuso, ha assolto il portiere. Se hai il sangue nelle vene e non sei un falso ipocrita qualche volta, a caldo, si può spegnere la centralina. E' successo a Buffon. Peggio era successo a Zidane. In questo calcio malato ci sono troppi moralizzatori e finti preti. Poi, però, sono i peggiori. Buffon non ha picchiato nessuno, non ha violentato bambini e non ha preso a calci l'arbitro. Ci è andato giù pesante nel dopo partita, certo, ha sbagliato ma ripeto che solo chi non vive le emozioni del calcio in prima persona non conosce le emozioni, negative o positive, che si provano nell'immediato post partita. Una cosa ha sbagliato Gigi. Doveva chiedere scusa due giorni dopo. Anche se non ci credeva, doveva farlo. Perché viviamo in un mondo di finti e doveva essere finto anche lui per convenienza. "Resto della mia idea ma chiedo scusa per aver usato quei toni per i tanti bambini che mi hanno ascoltato ai quali ho provocato un trauma sulla crescita. Meglio vedere la tv e farsi le canne, gente che si picchia e che si urla in faccia odio eterno". Una roba del genere avrebbe dovuto dire Buffon. Io mi sono messo, cinque minuti, nei panni di Buffon e un'intervista violenta, seppur sbagliata nei toni, la possiamo concedere ad un professionista che in 20 anni non l'ha mai fatta fuori dal vaso. Dovevamo denunciare Gattuso per la testata a Jordan, avremmo dovuto ammazzare Sarri che dà del frocio a Mancini, oppure gambizzare Tavecchio e le sue banane. L'elenco potrebbe essere molto lungo. Meglio chiuderla qui.
La Lazio si è suicidata senza un perché. E' stato un vero peccato perché in 4 minuti di follia, Inzaghi ha sprecato un jolly pazzesco. Cosa sarà passato nella testa dei calciatori della Lazio non lo sappiamo. Era una partita finita e senza storia. Perdere così fa male perché la sensazione era quella di poter arrivare fino in fondo. E avrebbe fatto bene a tutto il sistema. La lezione servirà per crescere, in futuro, anche se il rammarico aumenta perché la Lazio esce dopo aver onorato per tutta la stagione la competizione europea.
Un passaggio di mercato sull'Inter che si scopre fragile in attacco, dove senza Icardi bomber non si cantano messe. Aspettando Lautaro Martinez, preso Asamoah con De Vriji a parametro zero, i nerazzurri sono i più scatenati sul mercato primaverile. L'Inter sta lavorando bene e usa l'ingegno per non strapagarli dopo. Prima si seguiva la linea Sabatini, ora quella di Ausilio. Piero ha sguinzagliato i cani da tartufo. L'Inter sta sondando diversi giovani prospetti europei ed è vicina anche a bloccarne due di primissima fascia. Senza Icardi la squadra fa fatica e Spalletti deve trovare nuove soluzioni per fare gol. Perisic sbaglia cose assurde e Icardi ha perso la lucidità che lo contraddistingue.
In serie B domani si torna in campo. C'è l'infrasettimanale e sembra di essere sulle montagne russe. Tutti a rischio retrocessione, tutti in corsa per i play off. A Palermo Zamparini, forse, dovrebbe cambiare. Non è uno che se lo fa dire due volte ma la missione Tedino lascia troppi dubbi. La squadra gioca male e non vince. Forse sarebbe davvero il caso di cambiare. Il Bari è troppo incostante, anche a tratti sfortunato. Una sola, quasi, certezza c'è in serie B. La promozione diretta dell'Empoli che, salvo suicidio, è vicina al ritorno in A. Bastava poco: cambiare un allenatore mediocre con uno normale e il gioco è fatto. La squadra è fortissima ma Vivarini è il tecnico più sopravvalutato degli ultimi anni. Con una squadra così l'Empoli non poteva giocare male e non fare risultato. Andreazzoli ha rimesso la chiesa al centro del villaggio. Adesso deve solo organizzare l'aperitivo di benvenuto e far partire le sigle del villaggio.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juventus-Napoli, solo un crollo verticale può salvare la A dalla monotonia. Roma può diventare come Londra, ma dipenderà dallo stadio. Che bella la lotta salvezza 22.04 - Questa sera andrà in scena la madre di tutte le partite. Almeno per una fetta, consistente anzichenò, del nostro calcio. Perché tutti coloro che non tifano Juventus proveranno a vedere, finalmente, la speranza di avere una nuova regina del calcio italiano. Il Napoli incarna Davide...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Morata-Juve per ora solo un’idea, ma il ritorno non è impossibile. Per Torreira il Napoli tenta l’affondo. Mancini CT, lo Zenit frena: i tempi potrebbero allungarsi 21.04 - La sfida scudetto di Torino è dietro l’angolo ma anche il mercato continua a regalare spunti interessanti e per certi versi clamorosi. Parto subito forte e vi dico che il ritorno di Morata alla Juventus non è impossibile. Al momento è solo un’idea, destinata a rimanere tale se la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Napoli, ecco come giocheranno. Sui bianconeri le maggiori pressioni. Dybala è il dubbio. Pjanic recupera. Milik in vantaggio su Mertens. Restare o andar via? Il futuro di Allegri e Sarri passa da questo scudetto. Italia, Mancini CT 20.04 - Hai nove punti di vantaggio, praticamente già vinto lo scudetto e pochi minuti dopo scopri che quei punti si riducono a quattro e ritorna tutto in discussione. Non deve essere simpatico. Non è un momento semplice per la Juve alla vigilia dello scontro diretto col Napoli, pochi giorni...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juventus-Napoli, sfida totale. Un finale di campionato elettrizzante… 19.04 - Un finale di campionato così è letteralmente da sogno. Per tutti i tifosi, di tutti i colori. Perché vivere un duello così bello, così intenso, con così tanti colpi di scena concentrati in pochi minuti o in poche giornate. Lo scontro diretto è ormai alle porte e viverlo con queste...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

I dolori del giovane Andrea Agnelli: se gli obiettivi futuri della Juventus valgono davvero questo danno d'immagine, per il club stesso, e per Gigi Buffon. Gravissima l'accusa di malafede a Collina 18.04 - È passato tutto in cavalleria. No, non di certo le parole di Buffon o di qualcun altro. Le uscite dei giocatori hanno fatto molto clamore, anche se qua in Italia si è trattato solo di rumore, mentre all'estero è stato disgusto e condanna, in un tragico giro del mondo che ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la corte a Marotta e il futuro di Allegri. Milan: il piano di Gattuso per la prossima stagione (e Donnarumma?). Inter: quanti processi senza senso. E a Buffon il 432esimo consiglio non richiesto 17.04 - A Milano è iniziata la Settimana del Mobile. Alla Settimana del Mobile è difficilissimo trovare dei mobili e la cosa, converrete, è molto curiosa. Molto più facile trovare gente di merda. Di quella sono piene le vie. Sembra che tutti vadano nelle feste esclusive, fanno a gara a dirtelo,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Ecco perché Buffon va assolto. Il suicidio della Lazio senza un perché. L'Inter senza Icardi ha un problema. Empoli verso la A: bastava esonerare Vivarini 16.04 - Ci siamo lasciati alle spalle la settimana europea più folle di sempre per il calcio italiano. Istanbul a parte, una roba del genere non l'avevamo mai vista. Nel bene (la Roma) e nel male (la Lazio). E la Juve è bene o male? Vi starete chiedendo. Assolutamente nel bene. La Juventus...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il problema non è il contatto Benatia-Vazquez, il problema è tutto il resto: Ceferin faccia subito un passo indietro. La UEFA ha due scuse, ma non bastano per giustificare questo atteggiamento: ha ragione Gattuso 15.04 - Andò peggio, molto peggio, un anno fa. Erano sempre i quarti di finale di Champions League, c'era sempre il Real Madrid, ma i blancos al Bernabeu non avevano di fronte la Juventus, bensì il Bayern Monaco, sconfitto 2-1 all'andata. I bavaresi, allora guidati da Carlo Ancelotti, nei...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Juve, il sogno è sempre Isco, c’è anche Bernat per la fascia sinistra. Sarri pensa solo al campionato, il futuro a fine aprile. Chelsea e Monaco alla finestra. L’Inter torna forte su Verdi 14.04 - L’eliminazione in Champions League non cambia i piani. Marotta è stato chiaro. La Juventus aumenterà la sua qualità con un mix tra giovani e giocatori più esperti. E anche qualche sogno. Uno di questi è Isco. Il corteggiamento parte da lontano. Sono due anni, che i bianconeri sondano...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Buffon non può chiudere così, deve chiedere scusa. Collina e gli arbitri inadeguati. Il Var in Champions. Juve fantastica senza Dybala si è buttata via all’andata 13.04 - Dalla notte di Madrid in poi ne abbiamo viste e sentite di cotte e di crude, tanto per usare una vecchia espressione degli anni cinquanta che forse oggi è cara soltanto a Masterchef. IL RIGORE – Vista e rivista l’azione, anche a mente fredda, 24 ore dopo, sinceramente non so se...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.