HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Editoriale

Ecco perché la Juve cede Higuain e Benatia. Accordo con Morata, ma il Chelsea aspetta l’allenatore. Conte e Sarri derby Real. Anche Icardi in ballo. Inter, l’obiettivo vero è Chiesa

08.06.2018 07:27 di Enzo Bucchioni   articolo letto 74046 volte
© foto di Federico De Luca

Molti tifosi bianconeri si chiedono come mai la Juventus non dica che due giocatori importanti come Higuain e Benatia sono incedibili e non intervenga sulle voci sempre più insistenti. La risposta è banale: perché sono in vendita. La dura legge della Juventus colpisce ancora: come successo un anno fa con Bonucci, stavolta tocca al centroavanti e al difensore. Il perché è abbastanza semplice. La Juventus vince anche perché tutto deve funzionare in un certo modo, ci sono regole da rispettare, spogliatoi nei quali chi sgarra alla fine paga. Quando un giocatore arriva alla Juve certe cose le deve sapere e se non si comporta sempre in un certo modo le conseguenze sono immediate, ad esempio chiedetevi perché sono stati ceduti Vidal e Caceres?, tanto per fare due nomi. Nel mirino quest’anno c’era finito anche Dybala, poi ha cambiato atteggiamento e in considerazione della giovane età gli è stata data un’altra chance. Ma non di più.

Ma cosa sarebbe successo con Higuain e Benatia? Higuain ha avuto da ridire con Allegri per alcune esclusioni e per alcune sostituzioni. In particolare la reazione più forte c’è stata per l’esclusione dalla finale di coppa Italia e nello spogliatoio, davanti a tutti, la Juve non tollera certi comportamenti. L’allenatore è sacro davanti al gruppo, la società lo difende e protegge sempre, altrimenti saltano le gerarchie e i meccanismi. Nel caos non si vince. Lamentarsi in privato a quattr’occhi è un altro discorso, piazzate mai. Nessuno dirà cosa è effettivamente successo, ma è successo. Un po’ come nell’intervallo e nel dopo Cardiff.

Considerata l’età non più verde (31 anni) e il mercato ancora forte, ecco che mettere Higuain in vendita è stato un automatismo. A Benatia, invece, sono state contestate dall’allenatore e soprattutto dai vecchi dello spogliatoio le gravi amnesie difensive sul gol del Real al Bernabeu e sul colpo di testa di Koulibaly che poteva costare lo scudetto. Benatia ha reagito, la contestazione non l’ha presa benissimo quindi anche lui se ci sarà l’occasione cambierà squadra.

Chi al loro posto?

Come centroavanti Allegri vuole Morata e non è una novità. L’avrebbe tenuto volentieri anche due anni fa quando il Real lo riportò a casa. In difesa numericamente c’è l’arrivo di Caldara a compensare, ma la Juve farà anche qualche altra operazione. Intanto è stato riscattato Douglas Costa dal Bayern per 40 milioni. Tornando a Morata, i bianconeri hanno l’accordo di massima con il giocatore che non a caso nei giorni scorsi era a Torino. Cosa si aspetta?

L’allenatore del Real e del Chelsea. Il mercato è praticamente bloccato attorno a queste due panchine vuote. Il Real ha tre opzioni, l’ex Guti, Antonio Conte e, a sorpresa, nel mazzo ci sarebbe anche Maurizio Sarri. Il Chelsea ha un pre-accordo con Sarri che non ha esercitato, ma l’idea non è tramontata del tutto. Si aspetta che Conte si liberi senza dovergli pagare l’indennizzo da venti milioni, Abramovic spera che vada al Real. In quel caso, con i soldi risparmiati, potrebbe trattare con Adl per far liberare Sarri. Il problema è questo: Abramovic non vuol pagare la penale per Conte e lo svincolo di Sarri: una delle due cose. In alternativa c’è Blanc.

Da Sarri, lo sappiamo, dipende il futuro di Higuain (lo vorrebbe al Chelsea), ma in alternativa anche quello di Icardi, l’altro pallino del tecnico toscano che si può prendere pagando 110 milioni di clausola. Come si vede, sistemate queste due panchine partirà l’effetto domino anche per il mercato dei calciatori. E’ un po’ tutto in stand-by. L’Inter, altro esempio, aspetta Icardi. Se qualcuno dovesse pagare la clausola quei soldi sarebbero reinvestiti su un altro attaccante, ma soprattutto per Chiesa. Spalletti vuole a tutti i costi il baby viola che si può portare via con una settantina di milioni. Ma l’Inter tenendo Icardi, per prendere Chiesa potrebbe optare anche per la cessione di Perisic. Il tutto soltanto a luglio per ragioni di bilancio e forse oltre, aspettando il mondiale.

Anche il Napoli, una squadra che dovrà rinnovare per Ancelotti e per le plusvalenze, sta aspettando le prime mosse delle big. Intanto Giuntoli cerca di piazzare Jorginho al City, ballano una decina di milioni. Si tratta. Ma un’altra clamorosa plusvalenza potrebbe arrivare da Koulibaly. Il Barcellona, secondo i giornali spagnoli, lo vuole e avrebbe fatto una proposta-monstre. Una cinquantina di milioni più Andrè Gomes, Denis Suarez e Alcacer. Koulibaly era nella lista degli intoccabili, ma con Adl non ci sono certezze. Con questi cinquanta milioni più Rog (valutato 10 milioni), Grassi (6 milioni) e Ounas (quattro), Adl potrebbe tentare la Fiorentina anche lui per Chiesa, pallino di sempre.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Higuain da il via libera per Ibra al Milan. Tutto fatto, lui deciderà entro novembre. Barella, l’Inter torna in pole. Conte al Real, ora si può. Figc, Gravina è l’uomo giusto   19.10 - Un altro importante tassello per il ritorno di Ibrahimovic al Milan l’ha messo direttamente Gonzalo Higuain. Nella bella intervista rilasciata ieri alla Gazzetta, fra le tante cose non banali, si legge anche: “Ibra al Milan? Io amo giocare con i grandissimi e lui lo è”. E’ più di...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il derby di Milano: strade incrociate, obiettivi comuni 18.10 - Siamo entrati nel vivo: la settimana del derby di Milano. E dopo la pausa per gli impegni della Nazionale, che ci ha regalato una bella vittoria contro la Polonia fatta di speranza e di bel gioco, non poteva tornare con una partita migliore, il campionato di serie A. Milan e Inter...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby time: ecco perché il Milan è favorito. L’Inter sarebbe più in forma, ma… Cristiano Ronaldo con vista Manchester: la Juventus pensa già allo United per spaventare l’Europa. I 35 milioni offerti dal Napoli per Piatek 17.10 - Come si vince il Derby della Madonnina? E chi rischia di più? Inter-Milan è la partita che noi tutti ci meritiamo dopo due settimane di pausa, ristoratrici per la Nazionale e per il nostro amor proprio, ma che ci hanno lasciato una fame di calcio tale da sbirciare quasi con curiosità...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: quel che si può dire (e non dire) su Ronaldo. Inter e Milan: un derby lunghissimo (con Marotta sullo sfondo). Napoli: il prezzo di Piatek. Italia: bentornati azzurri, ma sugli stadi… 16.10 - Ciao. Domenica c’è il derby, l’altro giorno invece ha giocato la Nazionale. Ci si divide tra chi dice “uh ma che bella Nazionale! Parliamone!” e chi “che due maroni la sosta, pensiamo al derby di Milano”. Solo che il derby è domenica sera, manca ancora una vita. E allora ci si spreme...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Berlusconi e il Milan di Gattuso. Ad Allegri manca solo un tetto. Marotta-Inter, non avrebbe senso. Io voto Gravina perché.... 15.10 - Quando c'è la pausa campionato è un disastro. Non sai cosa scrivere e devi inventare storie, raccogliere notizie e parlare di mercato anche quando non c'è. Per fortuna, in questa domenica pomeriggio, Silvio Berlusconi su Sportitalia (durante Monza-Triestina) ci ha dato diversi spunti...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La pausa degli esoneri e dei primi acquisti per gennaio. Pungiball Ventura, ma il Chievo ha fatto benissimo. Finalmente c'è la formazione: ora Mancini segua il consiglio di Sarri 14.10 - Lo sport Nazionale degli ultimi undici mesi è stato insultare Gian Piero Ventura. Non è stato solo il colpevole dell'eliminazione dell'Italia dal Mondiale, ma dallo scorso 13 novembre di qualsivoglia problema. L'aumento dello spread? E' colpa di Ventura. Il surroscaldamento globale?...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Conte ipotesi concreta per il Real, Florentino pronto a tutto per avere anche Hazard. Milan, che colpo Paquetà. Under verso il rinnovo fino al 2023. Napoli a breve l’accordo con Zielinski, per gennaio non sono previste operazioni in entrata 13.10 - Lopetegui, Conte, Real e Chelsea. Il mese di ottobre potrebbe regalarci un’altra interessante rivoluzione in panchina. Florentino Perez non è soddisfatto del rendimento del suo allenatore, fortemente voluto in estate dopo l’addio di Zidane e ora sta pensando in maniera concreta ad...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ronaldo, una vergogna. In certi casi è vietato tifare. Juve su James Rodriguez e Rabiot. Milan, dopo Paquetà tutto su Barella. Derby con l’Inter per Ramsey 12.10 - Attorno alla vicenda personalissima che coinvolge Cristiano Ronaldo stiamo scrivendo un’altra pagina imbarazzante. E dico poco. Fatevi questa domanda: avete elementi seri che vi possano far pensare che Cristiano Ronaldo sia colpevole di stupro? La risposta sensata, quasi obbligata,...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Milan: un colpo in Brasile. Leicester: in arrivo un italiano, faceva il cameriere! E una Nazionale che non decolla... 11.10 - Il Milan ha praticamente preso Paquetà, il primo colpo di Leonardo. Nella notte italiana, Globo Esporte aveva lanciato l'indiscrezione. Nel corso della giornata le conferme. Accordo raggiunto tra Milan e Flamengo per il centrocampista offensivo brasiliano classe '97. Il ragazzo arriverà...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Incredibile Cristiano! Si sente perseguitato dalla Uefa, e ha deciso di boicottare la Nations League! Come se al momento non ci fossero altre preoccupazioni. L’Italia e Mancini invece devono considerarla priorità, per non finire come Ventura 10.10 - La faccenda ha dell’incredibile, e sarebbe da farci una risata sopra se non apparisse assurda. E terribilmente fuori luogo, visto il momento estremamente delicato. Cristiano Ronaldo, e insieme con lui il suo entourage familiare e lavorativo (che nel caso di Cristiano si mischiano),...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy