HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Editoriale

Ecco perché la Juve non ha battuto il Tottenham. Mancano i campioni. Le grandi lontane. Campionato non allenante. Napoli, vai fuori dalla Coppa

16.02.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 27998 volte
© foto di Federico De Luca

La Juventus può ancora ribaltare il risultato a Londra, è giusto pensarlo e crederlo. L’impresa è difficile, ma possibile, conosciamo bene il calcio e anche il carattere dei bianconeri.

Il pareggio con il Tottenham però è stato liquidato troppo in fretta come un incidente di percorso. E se Allegri fa bene a proteggere il gruppo, a mostrarsi ottimista, a guardare avanti, di sicuro la Juventus società dovrebbe analizzare meglio quello che è successo. E di sicuro lo avrà fatto. Anche in questo caso servirebbero professori buoni come quelli invocati da Allegri, perché sarebbe sciocco nascondere e non risolvere i problemi evidenziati da questa squadra in Europa. E ancora più inutile nascondersi la verità-vera.

Intanto diciamo una cosa: il campionato italiano non è allenante. Dopo sei scudetti consecutivi vinti praticamente senza avversari competitivi, quest’anno sulla strada dei bianconeri c’è solo il Napoli. Tutto il resto è modesto, in genere garantisce una gestione serena degli impegni e dell’organico. Dopo il due a zero di vantaggio dell’altra sera qualsiasi altra partita del campionato italiano sarebbe già stata chiusa, finita. Per la forza dell’organico della Juve in generale, ma anche per cultura calcistica, quale altra squadra in Italia potrebbe pensare a una rimonta tipo quella del Tottenham? Forse il Napoli, appunto. Per il resto stop. E questo è un handicap non da poco. Lo strano dell’altra sera, appunto, è stata soprattutto l’incapacità dei bianconeri di gestire a loro piacere la partita, arte nella quale in Italia sono maestri. Forse non hanno capito per tempo che davanti avevano una squadra organizzata, con forza fisica e tecnica, mentalità diversa da quella delle italiane.

E qui tiro in ballo anche la cultura calcistica. Non voglio fare da cassa di risonanza al sacchismo peggiore o a certi concetti troppo esasperati, ma l’altra sera è stato evidente un ritorno al passato, ai difetti più grossi del calcio italiano: difendere, vivacchiare, congelare le partite. Su questo bisognerebbe ragionare perché le grandi squadre d’Europa cercano sempre e comunque, con qualsiasi risultato, di fare la loro partita fino in fondo, di imporre il proprio gioco. Tanto per dirne una, il Liverpool a Oporto ha continuato a giocare anche sul quattro a zero….E si impone il gioco anche difendendosi in maniera attiva, con pressing, raddoppi e ripartenze, senza finire nel gorgo della passività che ha condizionato la Juve e rimesso in gara il Tottenham.

E se la mentalità ha inciso, chiamo in causa anche Allegri. Attenzione: per me è bravo. Non confondiamoci. E’ un grande gestore di uomini, di spogliatoio. Un ottimizzatore delle risorse e i risultati lo incoronano. Ma siccome tutti hanno margini di miglioramento, anche quelli bravi, Allegri dovrebbe provare a dare alle sue squadre una organizzazione maggiore e una mentalità di livello superiore. Sono poche le partite nelle quali la Juventus è riuscita a mettere insieme carattere, voglia di vincere e moderna organizzazione di gioco. L’esempio massimo resta la vittoria con il Barcellona dell’anno scorso. A volte c’è la sensazione che la squadra si adagi nel calcio italiano utilitaristico, quello che ha sempre predicato “l’unica cosa che conta è vincere”. Parole sante, ma se non metti in campo anche altri valori, siccome in Europa ci sono diverse squadre più forti, vincere diventa molto più complicato.

E qui passo all’organico della Juventus. Se la filosofia calcistica è e resterà quella classica, “prima i giocatori, poi il gioco”, i giocatori che ha la Juve non basteranno mai per vincere in Europa. La Juventus ha fatto autentici miracoli sportivi arrivando in finale di Champions due volte negli ultimi tre anni, ma poi nei confronti decisivi è stata messa tremendamente a nudo, non è quasi mai stata in partita. Su questo bisogna riflettere. O si vira decisamente su un modo nuovo di fare calcio, su un allenatore con una cultura diversa, o questo organico va migliorato. E’ evidente come Sarri, con il suo lavoro, abbia alzato il livello di tutti i giocatori del Napoli. Nel Napoli non ci sono campioni, il campione è il gioco. Tanti buoni giocatori sono diventati fortissimi grazie al supporto del gioco. La Juve può permettersi un allenatore del genere, con questa cultura, e un cambiamento radicale di filosofia? Non lo so. La Juventus è sempre stata un’altra.

E allora questi giocatori non bastano più per competere con le grandi d’Europa, ma diventa un problema anche battere il Tottenham. Servono almeno venti giocatori di qualità alta, interscambiabili, che offrano soluzioni all’allenatore in tutte le situazioni. La Juventus non li ha.

E se una volta il problema era il fatturato, ora che i problemi economici sono superati, bisogna passare alla fase di un rafforzamento deciso. Parlo per la Champions, naturalmente.

Una grande squadra non può avere soltanto Matuidi nel ruolo di centrocampista fisico, recuperatore di palloni. Tanto per dirne una. L’altra sera la Juventus è inciampata sull’assenza di Mutuidi. Ma è evidente come la rosa non sia completa. Con tutto il rispetto, giocatori come Sturaro, Bentancur o anche questo Marchisio crepuscolare, non sono competitivi. E anche i limiti di un Khedira, gran giocatore, ma scartato dal Real con diversi problemi fisici, sono noti. Vogliamo parlare di Benatia (per altro ottimo) o di Douglas Costa (tanto fumo)? Se il Bayern li ha scartati vuol dire che aveva di meglio, o no?

A volte va tutto bene e le magagne sono mascherate, ma quando ti mancano in un colpo solo Dybala, Matuidi e Cuadrado, diventi più vulnerabile. L’altra sera s’è sentita perfino la mancanza della rabbia agonistica di Lichtsteiner o dell’esperienza di Barzagli, due anzianissimi.

Ripeto, mi auguro che la Juve vada avanti, che arrivi fino in fondo, mi smentisca e vinca la Champions, ma una riflessione, per me, va comunque fatta. Tanto per chiuderla qui, volete sapere chi aveva in panchina l’altra sera il Real Madrid? Bale, Casilla, Hernandez, LucasVazquez, Hakimi, Asensio e Kovacic. Interessa il Psg? Trapp, ThiagoSilva, Di Maria, Meunier, Diarra, Draxler e Pastore.

Una riflessione, dicevo, che dovrebbe coinvolgere, naturalmente, tutto il nostro calcio.

L’altra squadra che in Italia si sta giocando lo scudetto è il Napoli. Gioco straordinario, livelli altissimi di organizzazione, un esempio per tanti tecnici e società in Europa, giustamente magnificato. Grandi intuizioni di De Laurentiis, grandissimo lavoro di Sarri. Poi, però, il Napoli per provare a vincere lo scudetto deve mollare l’Europa League perché fatica a mettere insieme undici giocatori e quattro riserve in panchina. Il nostro calcio è questo, grandi eccellenze, ma anche grandi limiti del movimento, frutto di troppi anni di mancata programmazione federale e della Lega, e qui allargo il discorso agli stadi, ai settori giovanili, alle regole.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juventus, Napoli e Roma su Piatek. Paratici segue anche De Ligt dell’Ajax. Ancelotti pronto a fermare il Psg. Per i giallorossi ipotesi Herrera del Porto. Lazio su Brahimi, Inter-Milan che derby 20.10 - Per Piatek è pronta a scatenarsi l’asta. L’avvio travolgente dell’attaccante polacco pagato appena 5 milioni di euro da Preziosi ha catturato l’attenzione un po’ di tutti. In Italia ci sono Juventus, Napoli e Roma. Il club bianconero là davanti ha problemi di abbondanza se si pensa...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Higuain da il via libera per Ibra al Milan. Tutto fatto, lui deciderà entro novembre. Barella, l’Inter torna in pole. Conte al Real, ora si può. Figc, Gravina è l’uomo giusto   19.10 - Un altro importante tassello per il ritorno di Ibrahimovic al Milan l’ha messo direttamente Gonzalo Higuain. Nella bella intervista rilasciata ieri alla Gazzetta, fra le tante cose non banali, si legge anche: “Ibra al Milan? Io amo giocare con i grandissimi e lui lo è”. E’ più di...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il derby di Milano: strade incrociate, obiettivi comuni 18.10 - Siamo entrati nel vivo: la settimana del derby di Milano. E dopo la pausa per gli impegni della Nazionale, che ci ha regalato una bella vittoria contro la Polonia fatta di speranza e di bel gioco, non poteva tornare con una partita migliore, il campionato di serie A. Milan e Inter...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby time: ecco perché il Milan è favorito. L’Inter sarebbe più in forma, ma… Cristiano Ronaldo con vista Manchester: la Juventus pensa già allo United per spaventare l’Europa. I 35 milioni offerti dal Napoli per Piatek 17.10 - Come si vince il Derby della Madonnina? E chi rischia di più? Inter-Milan è la partita che noi tutti ci meritiamo dopo due settimane di pausa, ristoratrici per la Nazionale e per il nostro amor proprio, ma che ci hanno lasciato una fame di calcio tale da sbirciare quasi con curiosità...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: quel che si può dire (e non dire) su Ronaldo. Inter e Milan: un derby lunghissimo (con Marotta sullo sfondo). Napoli: il prezzo di Piatek. Italia: bentornati azzurri, ma sugli stadi… 16.10 - Ciao. Domenica c’è il derby, l’altro giorno invece ha giocato la Nazionale. Ci si divide tra chi dice “uh ma che bella Nazionale! Parliamone!” e chi “che due maroni la sosta, pensiamo al derby di Milano”. Solo che il derby è domenica sera, manca ancora una vita. E allora ci si spreme...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Berlusconi e il Milan di Gattuso. Ad Allegri manca solo un tetto. Marotta-Inter, non avrebbe senso. Io voto Gravina perché.... 15.10 - Quando c'è la pausa campionato è un disastro. Non sai cosa scrivere e devi inventare storie, raccogliere notizie e parlare di mercato anche quando non c'è. Per fortuna, in questa domenica pomeriggio, Silvio Berlusconi su Sportitalia (durante Monza-Triestina) ci ha dato diversi spunti...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La pausa degli esoneri e dei primi acquisti per gennaio. Pungiball Ventura, ma il Chievo ha fatto benissimo. Finalmente c'è la formazione: ora Mancini segua il consiglio di Sarri 14.10 - Lo sport Nazionale degli ultimi undici mesi è stato insultare Gian Piero Ventura. Non è stato solo il colpevole dell'eliminazione dell'Italia dal Mondiale, ma dallo scorso 13 novembre di qualsivoglia problema. L'aumento dello spread? E' colpa di Ventura. Il surroscaldamento globale?...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Conte ipotesi concreta per il Real, Florentino pronto a tutto per avere anche Hazard. Milan, che colpo Paquetà. Under verso il rinnovo fino al 2023. Napoli a breve l’accordo con Zielinski, per gennaio non sono previste operazioni in entrata 13.10 - Lopetegui, Conte, Real e Chelsea. Il mese di ottobre potrebbe regalarci un’altra interessante rivoluzione in panchina. Florentino Perez non è soddisfatto del rendimento del suo allenatore, fortemente voluto in estate dopo l’addio di Zidane e ora sta pensando in maniera concreta ad...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ronaldo, una vergogna. In certi casi è vietato tifare. Juve su James Rodriguez e Rabiot. Milan, dopo Paquetà tutto su Barella. Derby con l’Inter per Ramsey 12.10 - Attorno alla vicenda personalissima che coinvolge Cristiano Ronaldo stiamo scrivendo un’altra pagina imbarazzante. E dico poco. Fatevi questa domanda: avete elementi seri che vi possano far pensare che Cristiano Ronaldo sia colpevole di stupro? La risposta sensata, quasi obbligata,...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Milan: un colpo in Brasile. Leicester: in arrivo un italiano, faceva il cameriere! E una Nazionale che non decolla... 11.10 - Il Milan ha praticamente preso Paquetà, il primo colpo di Leonardo. Nella notte italiana, Globo Esporte aveva lanciato l'indiscrezione. Nel corso della giornata le conferme. Accordo raggiunto tra Milan e Flamengo per il centrocampista offensivo brasiliano classe '97. Il ragazzo arriverà...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy