HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Calciomercato chiuso: quale big s'è mossa meglio?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Inter
  Lazio
  Milan

La Giovane Italia
Editoriale

Ecco perché la Juve non ha battuto il Tottenham. Mancano i campioni. Le grandi lontane. Campionato non allenante. Napoli, vai fuori dalla Coppa

16.02.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 27984 volte
© foto di Federico De Luca

La Juventus può ancora ribaltare il risultato a Londra, è giusto pensarlo e crederlo. L’impresa è difficile, ma possibile, conosciamo bene il calcio e anche il carattere dei bianconeri.

Il pareggio con il Tottenham però è stato liquidato troppo in fretta come un incidente di percorso. E se Allegri fa bene a proteggere il gruppo, a mostrarsi ottimista, a guardare avanti, di sicuro la Juventus società dovrebbe analizzare meglio quello che è successo. E di sicuro lo avrà fatto. Anche in questo caso servirebbero professori buoni come quelli invocati da Allegri, perché sarebbe sciocco nascondere e non risolvere i problemi evidenziati da questa squadra in Europa. E ancora più inutile nascondersi la verità-vera.

Intanto diciamo una cosa: il campionato italiano non è allenante. Dopo sei scudetti consecutivi vinti praticamente senza avversari competitivi, quest’anno sulla strada dei bianconeri c’è solo il Napoli. Tutto il resto è modesto, in genere garantisce una gestione serena degli impegni e dell’organico. Dopo il due a zero di vantaggio dell’altra sera qualsiasi altra partita del campionato italiano sarebbe già stata chiusa, finita. Per la forza dell’organico della Juve in generale, ma anche per cultura calcistica, quale altra squadra in Italia potrebbe pensare a una rimonta tipo quella del Tottenham? Forse il Napoli, appunto. Per il resto stop. E questo è un handicap non da poco. Lo strano dell’altra sera, appunto, è stata soprattutto l’incapacità dei bianconeri di gestire a loro piacere la partita, arte nella quale in Italia sono maestri. Forse non hanno capito per tempo che davanti avevano una squadra organizzata, con forza fisica e tecnica, mentalità diversa da quella delle italiane.

E qui tiro in ballo anche la cultura calcistica. Non voglio fare da cassa di risonanza al sacchismo peggiore o a certi concetti troppo esasperati, ma l’altra sera è stato evidente un ritorno al passato, ai difetti più grossi del calcio italiano: difendere, vivacchiare, congelare le partite. Su questo bisognerebbe ragionare perché le grandi squadre d’Europa cercano sempre e comunque, con qualsiasi risultato, di fare la loro partita fino in fondo, di imporre il proprio gioco. Tanto per dirne una, il Liverpool a Oporto ha continuato a giocare anche sul quattro a zero….E si impone il gioco anche difendendosi in maniera attiva, con pressing, raddoppi e ripartenze, senza finire nel gorgo della passività che ha condizionato la Juve e rimesso in gara il Tottenham.

E se la mentalità ha inciso, chiamo in causa anche Allegri. Attenzione: per me è bravo. Non confondiamoci. E’ un grande gestore di uomini, di spogliatoio. Un ottimizzatore delle risorse e i risultati lo incoronano. Ma siccome tutti hanno margini di miglioramento, anche quelli bravi, Allegri dovrebbe provare a dare alle sue squadre una organizzazione maggiore e una mentalità di livello superiore. Sono poche le partite nelle quali la Juventus è riuscita a mettere insieme carattere, voglia di vincere e moderna organizzazione di gioco. L’esempio massimo resta la vittoria con il Barcellona dell’anno scorso. A volte c’è la sensazione che la squadra si adagi nel calcio italiano utilitaristico, quello che ha sempre predicato “l’unica cosa che conta è vincere”. Parole sante, ma se non metti in campo anche altri valori, siccome in Europa ci sono diverse squadre più forti, vincere diventa molto più complicato.

E qui passo all’organico della Juventus. Se la filosofia calcistica è e resterà quella classica, “prima i giocatori, poi il gioco”, i giocatori che ha la Juve non basteranno mai per vincere in Europa. La Juventus ha fatto autentici miracoli sportivi arrivando in finale di Champions due volte negli ultimi tre anni, ma poi nei confronti decisivi è stata messa tremendamente a nudo, non è quasi mai stata in partita. Su questo bisogna riflettere. O si vira decisamente su un modo nuovo di fare calcio, su un allenatore con una cultura diversa, o questo organico va migliorato. E’ evidente come Sarri, con il suo lavoro, abbia alzato il livello di tutti i giocatori del Napoli. Nel Napoli non ci sono campioni, il campione è il gioco. Tanti buoni giocatori sono diventati fortissimi grazie al supporto del gioco. La Juve può permettersi un allenatore del genere, con questa cultura, e un cambiamento radicale di filosofia? Non lo so. La Juventus è sempre stata un’altra.

E allora questi giocatori non bastano più per competere con le grandi d’Europa, ma diventa un problema anche battere il Tottenham. Servono almeno venti giocatori di qualità alta, interscambiabili, che offrano soluzioni all’allenatore in tutte le situazioni. La Juventus non li ha.

E se una volta il problema era il fatturato, ora che i problemi economici sono superati, bisogna passare alla fase di un rafforzamento deciso. Parlo per la Champions, naturalmente.

Una grande squadra non può avere soltanto Matuidi nel ruolo di centrocampista fisico, recuperatore di palloni. Tanto per dirne una. L’altra sera la Juventus è inciampata sull’assenza di Mutuidi. Ma è evidente come la rosa non sia completa. Con tutto il rispetto, giocatori come Sturaro, Bentancur o anche questo Marchisio crepuscolare, non sono competitivi. E anche i limiti di un Khedira, gran giocatore, ma scartato dal Real con diversi problemi fisici, sono noti. Vogliamo parlare di Benatia (per altro ottimo) o di Douglas Costa (tanto fumo)? Se il Bayern li ha scartati vuol dire che aveva di meglio, o no?

A volte va tutto bene e le magagne sono mascherate, ma quando ti mancano in un colpo solo Dybala, Matuidi e Cuadrado, diventi più vulnerabile. L’altra sera s’è sentita perfino la mancanza della rabbia agonistica di Lichtsteiner o dell’esperienza di Barzagli, due anzianissimi.

Ripeto, mi auguro che la Juve vada avanti, che arrivi fino in fondo, mi smentisca e vinca la Champions, ma una riflessione, per me, va comunque fatta. Tanto per chiuderla qui, volete sapere chi aveva in panchina l’altra sera il Real Madrid? Bale, Casilla, Hernandez, LucasVazquez, Hakimi, Asensio e Kovacic. Interessa il Psg? Trapp, ThiagoSilva, Di Maria, Meunier, Diarra, Draxler e Pastore.

Una riflessione, dicevo, che dovrebbe coinvolgere, naturalmente, tutto il nostro calcio.

L’altra squadra che in Italia si sta giocando lo scudetto è il Napoli. Gioco straordinario, livelli altissimi di organizzazione, un esempio per tanti tecnici e società in Europa, giustamente magnificato. Grandi intuizioni di De Laurentiis, grandissimo lavoro di Sarri. Poi, però, il Napoli per provare a vincere lo scudetto deve mollare l’Europa League perché fatica a mettere insieme undici giocatori e quattro riserve in panchina. Il nostro calcio è questo, grandi eccellenze, ma anche grandi limiti del movimento, frutto di troppi anni di mancata programmazione federale e della Lega, e qui allargo il discorso agli stadi, ai settori giovanili, alle regole.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

L'umiltà di CR7 e una rosa pazzesca: il buongiorno della Juve. Il bilancio del mercato: la rinascita di Milano. De Laurentiis stecca, Ancelotti no. E' stata l'estate dei grandi agenti e intermediari 19.08 - L'antipasto del campionato, ripartito sotto i riflettori quando forse era lecito aspettarsi una più sensibile e umana commozione da parte delle alte sfere del nostro pallone, è stato quel che ci aspettavamo. Il Chievo che alza le sue Maginot, la Juventus ancora sulle gambe, Cristiano...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Ancelotti valore aggiunto del Napoli, Emre Can farà la differenza alla Juventus, Inter mercato top, Milan può lottare per la Champions, Milinkovic Savic rinnova con la Lazio fino al 2023 18.08 - Come ogni estate arriva il momento del gong. Sono passate appena 4 ore dalla chiusura del mercato e l’adrenalina è ancora alle stelle. La prima riflessione che mi viene da fare è che è stato bellissimo, il più entusiasmante degli ultimi anni. E non solo perché è arrivato Cristiano...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Modric, l’ultimo no del Real. Ma nella notte restano piccole speranze. All’Inter è mancato uno come Mendes per Ronaldo. Nerazzurri sono comunque l’anti-Juve. E c’è sempre Rafinha. Milan, colpi da Champions League 17.08 - Florentino Perez ha detto l’ultimo no. Il Real Madrid non libera Luca Modric, non lo farà andare all’Inter come avrebbe voluto. Del resto, hanno spiegato i dirigenti madridisti al procuratore del giocatore nell’ultimo incontro di ieri, in due mesi sono cambiate troppe cose e il presidente...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ancora 48 ore e tutti si affannano: anche chi sembra aver chiuso tutto. 48 ore da vivere con il fiato sospeso... 16.08 - Siamo ormai alle battute finali e tutti si affannano per rifinire la squadra. Il Milan, è naturalmente, la big più attiva visto che per i problemi societari si è potuta muovere concretamente soltanto un paio di settimane fa. Sono arrivati a Milano Castillejo e Laxalt, entrambe operazioni...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Promosse e bocciate del calciomercato a 72 ore dalla fine: Juventus e Inter regine assolute. Segue il Milan. Solo sufficienti Napoli, Roma e Lazio. E in coda, in bocca al lupo all'Udinese, ne ha bisogno... 15.08 - A 72 ore dalla fine del calciomercato, andiamo con il pagellone sospeso della Serie A, con le squadre divise tra promosse, rimandate e bocciate. Ma con una premessa fondamentale: qua non si giudica il conto economico, e nemmeno soltanto gli acquisti. E nemmeno della squadra costruita...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: mercato con (doppia) sorpresa, ma occhio a Nedved... Inter: dopo il settimo (Keita) c'è una certezza. Milan: 2 colpi in 4 giorni, l'impresa di Leonardo. Napoli: il "complesso" di De Laurentiis 14.08 - Ciao. C'è il fuso. Son dall'altra parte del mondo. Al mare. È un posto strano. Qui, per dire, è nuvoloso da 4 giorni. Sapete quando sono arrivato? Quattro giorni fa. Il fuso è devastante. Soprattutto se vuoi stare al passo con le robe del mercato. Per questo metto tanti punti. Almeno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

De Laurentiis, 5 giorni per dare un senso a questo mercato. Milan, sessione intelligente. L’Inter dietro la Juve. Volevate il Commissario? Era meglio Montalbano… 13.08 - Cinque giorni e poi sarà tutto finito. L’assurdità di chiudere il calciomercato il 17 agosto, alle ore 20.00, lascerà tanti cadaveri sulla riva del fiume. Lo scriviamo da mesi, adesso, molti club di serie A iniziano a capire la fesseria di seguire Marotta nell’unica sciocchezza fatta,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il mondo dorato di CR7 e quello sommerso dei Tribunali, dove vige il tutti contro tutti. Tra udienze, sentenze e ricorsi B e C sono in pieno caos. E anche la Serie A non può dirsi tranquilla 12.08 - E' un'estate strana, particolare. Senza dubbio unica quella che tra meno di una settimana - per gli operatori di calciomercato - chiuderà i battenti. Non sono mancate le notizie, né i colpi di scena. Sono stati mesi che hanno riportato una manciata di club italiani a sedere di nuovo...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Ore decisive per il futuro di Modric. Inter, fatta per Keita. Il Milan pronto a chiudere per Bakayoko. Ochoa in pole per il Napoli, occhio anche a Tatarusanu. 11.08 - Luka Modric, l’Inter e il Real Madrid. Sono ore decisive per il futuro del centrocampista croato vice campione del mondo, che vorrebbe andare all’Inter, anche se non è intenzionato ad arrivare ai ferri corti con Florentino Perez. Il numero uno del Real non cede. Anzi in Spagna sono...

EditorialeDI: Luca Serafini

I colpi di Leo, il ruolo di Paolo, il lavoro di Rino: notte prima degli esami 10.08 - Tra una settimana è campionato. Possiamo davvero dire che l’estate è volata, sotto questa cappa di afa con ventate di grande ottimismo. Di meritato sollievo. Mi fanno ridere i censori del ruolo di Paolo Maldini, come se avere una figura di riferimento così autorevole non fosse già...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy