HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
L'Italia di Mancini può vincere l'Europeo?
  Sì: ha dimostrato di essere all'altezza delle migliori
  Sì ma solo con un sorteggio favorevole
  Serve un miracolo, è ancora presto
  No: il girone era facile e il vero valore è sempre lo stesso

La Giovane Italia
Editoriale

Ecco perché la Juventus è la più forte di tutte. Quasi meglio perdere con il Dortmund per l’Inter… Napoli, ora di crescere. L’errore delle dirigenza Milan: perché insistere con la Champions?!

23.10.2019 13:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 58389 volte

Come contro l’Inter, più che contro l’Inter: la partita contro la Lokomotiv afferma per gli stessi motivi visti a San Siro perché la Juventus sia la più forte di tutte - sicuramente in Italia, e tra le migliori tre in Europa. Ovvio, i match contro i nerazzurri e contro i moscoviti non potrebbero essere stati più diversi, per sviluppo degli eventi e per svolgimento tattico e tecnico. Ma alla fine la Juve esce fuori per gli stessi motivi: una rosa sconfinata, che le permette di mettere in campo la migliore formazione possibile, ed effettuare cambi con giocatori dello stesso livello. E la rosa è talmente infinita che alla fine in un caso e nell’altro il migliore in campo si dimostra un tizio che a causa dello strabordare tecnico era già stato allocato a destra e manca, che pur impuntandosi partiva per essere il quindicesimo in campo, e invece Paulo Dybala è rimasto contro ogni pianificazione societaria, ed è probabilmente tra i migliori cinque di questo primo quarto di stagione.
E la Juventus è più forte di tutte perché Dybala fa la differenza nella serata dove il calcio sarriano stava mostrando la metà oscura della propria luna: quella fatta del possesso palla sterile, dei cross messi dentro senza costrutto, della manovra compassata e della supremazia territoriale inutile perché tramutatasi in totale prevedibilità. A Milano la Joya era stata la risultante di una grande prestazione di squadra; allo Juventus Stadium invece ha dovuto inventarseli i colpi, non a caso i due gol sono venuti su un tiro da fuori diretto e uno indiretto: la manovra progettata da Sarri si era fatta irretire dalla Lokomotiv, eppure non era difficile prevederlo conoscendo il gioco dei russi. Ma è per questo che la Juve è la più forte, perché anche quando non ne viene capo, può rimettersi a quello che doveva essere il quindicesimo uomo, e che ha potuto giocare titolare risparmiandosi perfino l’impegno di campionato.

Questi problemi di abbondanza l’Inter non ce li ha. E allora quasi quasi, hai visto mai che non sia quasi meglio perdere con il Dortmund… Quasi, non vi preoccupate, ché la Champions alla terza giornata figuriamoci se non devi giocartela al massimo, tanto più che anche al Borussia mancheranno Alcacer e Reus. Ma i gialloneri hanno un campionato tedesco che per ora aspetta, con una marmellata che favorisce il rallentamento del Bayern. Non è la stessa cosa per l’Inter: già Conte sa bene che è tra loro e la Juventus, e se è un po’ azzardato definire la Champions come una ‘rogna’, tuttavia non è minimamente illogico pensare che non è certo la Champions l’obiettivo dell’Inter, che anzi già contro la Juve ha dovuto pagare lo sforzo del Camp Nou, e che in questo gruppo fastidioso come un felino incastonato tra le tasche le prospettive di qualificazione sono sfavorevoli, a fronte di uno sforzo di risorse e energie che fino a dicembre sarà notevole. L’Inter se la giocherà con il Borussia, ovvio, ma perdere, o comunque uscire dalla Champions, sarebbe una occasione travestita da sfortuna.

Se l’Atalanta si è potuta giocare secondo i suoi dettami la partita a Manchester, e ci ha sbattuto sopra il muso, al Napoli tocca invece crescere. Ma al di là del risultato a Salisburgo contro una squadra che come minimo farà sicuramente penare fino alla fine, quello che conta è l’atteggiamento di squadra in partita e soprattutto nel prosieguo. Già il pareggio di Genk può aver compromesso le speranze di primo posto, ma soprattutto dopo la vittoria contro il Liverpool sembrava finalmente essere stato compiuto il passo di maturità di tutto l’ambiente: ovvero la differenza del ragionare da grande squadra, a prescindere che poi il titolo arrivi o meno. Ma da quella partita in poi il Napoli si è ancora una volta compiaciuto troppo, come appunto se fosse arrivato a compimento anziché capire che doveva essere l’inizio del percorso. E le parole, troppe, su ogni argomento delicato, non aiutano di certo…

E forse sono troppe anche le parole pronunciate dalla dirigenza milaniste. O meglio, troppo azzardate: perché continuare a promettere la Champions? Perché ribadire l’obiettivo quarto posto? Al di là del fatto che il Milan non sembra proprio averne la rosa all’altezza, ma perché attirare su di sé la pressione delle aspettative (già di per sé alte quando sei al Milan) e non invece spegnere i fari per provare a scaricare sugli altri l’urgenza di portare risultati? Come dice Commisso: “Underpromising and overdelivering”, che si potrebbe tradurre con prometti poco e raggiungi molto, o visto che siamo a Milano, stare schisci per poi godere.
Il Milan ha bisogno di tante cose, ma non certo di ulteriore pressione.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Boom: Mourinho nuovo allenatore del Tottenham! E che riduzione d’ingaggio ha accettato! Conte migliore di Sarri finora, ma sono altri due i migliori in assoluto: i voti dopo il primo terzo di campionato 20.11 - Se pensavate che in Inghilterra fosse più facile fare l’allenatore, chiedere a Mauricio Pochettino. In un qualsiasi martedì di una pausa internazionale, quando a dire il vero la pausa sta già per finire, il Tottenham lo lascia a casa, lui con il suo stipendio da 13 milioni di euro...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'ipotesi Rakitic e un numero che spaventa. Milan: Ibra, Piatek, Paquetà e le mosse del Diavolo. Inter: il caso-Gabigol. Italia: Mancini "oltre" i risultati 19.11 - Siccome siamo in drammatico regime di pausa per le nazionali e non abbiamo veramente nulla da dire (apprezzate la grande onestà intellettuale: nulla-da-dire) facciamo una cosa facile-facile: scorriamo i principali siti pallonari e commentiamo quel che c’è. Sì, è vero, non si fa, ma...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Bravo De Laurentiis, adesso vai fino in fondo. Aspettando De Ligt e Rabiot... ad oggi i conti non tornano. Boga, la prossima plusvalenza del Sassuolo. Serie C a picco: ora tocca al Rieti 18.11 - Il 5% della multa, il collegio sindacale, il sogno di decurtare il 50% dall'ultima mensilità e trovare qualche cavillo sui diritti di immagine. Signori, tanto di cappello davanti ad Aurelio De Laurentiis. Proprio la scorsa settimana avevamo invitato il numero 1 del Napoli a prendere...

Editoriale DI: Marco Conterio

L'insensata ossessione per la convocazione azzurra di Mario Balotelli e le ragioni di Mancini. Intanto il ct ha praticamente già scelto la rosa per l'Europeo 17.11 - La domanda sgorga quasi spontanea, per abitudine e per sensazionalismo. "Balotelli?". Roberto Mancini che ha tanto pelo sullo stomaco quanto ciuffo, è ben abituato e preparato. Risponde che in questa Italia non c'è posto per Mario, quello che è la storia esatta di mille però, di altrettanti...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Ibra, in Italia Milan o Bologna. Maldini e Boban a caccia di rinforzi: Demiral in difesa, Xhaka o Strootman a centrocampo. L’Inter ripensa a De Paul ma servono 30 milioni. Florenzi, il futuro tra un mese 16.11 - Sosta uguale punto di mercato inevitabile. I preparativi sono iniziati. Comincio da Ibrahimovic. Il campione svedese non ha fretta di decidere, sceglierà il suo futuro solo poco prima di Natale. La situazione al momento è questa. Il Bologna in Italia è l’unico club che sta trattando...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ronaldo fa il Fenomeno e risponde a Sarri con una tripletta. Ma non stava male? Ibra al Milan con Raiola che piazza Suso e Donnarumma. Napoli, ecco perché Adl può vendere allo sceicco Al Thani 15.11 - Della serie alzati e cammina, Cristiano Ronaldo ieri sera in nazionale ha segnato una tripletta alla Lituania. Abbiamo il forte sospetto che andando in Portogallo abbia allungato un po’ il viaggio passando da Lourdes, altrimenti fatichiamo a capire cosa possa essere successo da domenica...

Editoriale DI: Luca Marchetti

È tempo di riflessioni, per mercato invernale e futuro in generale... all’insegna del prestito? 14.11 - Durante la pausa della Nazionale è sempre tempo di riflessioni in ogni società, per cercare di programmare al meglio il mercato invernale e per cercadi risolvere i problemi. Chi ne ha - al momento - più di tutti è il Napoli che deve cercare di sbrogliauna matassa piuttosto complicata....

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Cristiano Ronaldo è più grande della Juventus, e la Juve lo ha accettato. Ok il marketing, ma è venuto per la Champions League: per vincerla si perdona di tutto. Sarri-Allegri: dopo 3 mesi cosa è cambiato? 13.11 - Non è la prima volta che succede, e non è certo la fine del mondo del calcio, né tantomeno del mondo juventino, né tantomeno del mondo cristianoronaldiano. Un giocatore, stellare e acclamato, che esce in disaccordo per una decisione, e tira dritto per gli spogliatoi, incazzato per...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Ronaldo e gli effetti collaterali generati da un giocatore diverso dagli altri. Inter: la "pace" di Conte e i 2 colpi sul mercato. Milan: senza attacco non si va lontano, serve "quel" nome. E... bentornato Andrea 12.11 - Ben trovati. Sapete molto bene quanto da queste parti apprezziamo le pause per la Nazionale. Moltissimo. Ecco, esatto, in regime di “pausa” viene fuori un po’ di tutto: ci si annoia, saltano fuori le balle di mercato, si esasperano le polemiche e così via. In questo specifico caso...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

De Laurentiis, multali tutti: da Insigne ad Ancelotti. Inter, fai lo stesso con Conte. Marotta non guardi in faccia a nessuno. Cellino, te la sei cercata. Ibra? Poi mettiamo la scritta “completo” a Milanello 11.11 - La settimana vissuta dal Napoli, molto probabilmente, non la vivono molte squadre dalla serie A alla serie D. Una pessima gestione… di tutto. Una squadra amatoriale, una società senza personalità e dirigenti succubi del Presidente che non riescono a gestire il rapporto tra squadra-staff-proprietà....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510