HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Elliott tra alti e bassi ma il Milan riparte con chiarezza. Giuntoli, il vero potere è Napoli. Giancaspro e Lugaresi paghino per i fallimenti. Ansia Avellino: un pasticcio con un conto troppo salato...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
23.07.2018 16:22 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 41380 volte
© foto di Federico De Luca

Il Milan ha svoltato. Con il cinese sconosciuto era finito in mezzo ad una strada (frase che ha fatto arrabbiare alcuni tifosi rossoneri), senza Europa e senza prospettiva, oggi invece - piaccia o meno - il quadro è chiarissimo. Grazie al fondo Elliott, il Milan ha un futuro segnato. I fondi sono speculativi, ci mancherebbe, e sappiamo il mestiere che fanno. Di Lì non sapevamo nulla e già questo basta a rasserenare i tifosi milanisti che, da qualche giorno, sono consapevoli di cosa potrà succedere in un futuro prossimo. Due, massimo tre anni, per riportare il Milan nell'Europa che conta. Poi si venderà al migliore offerente ed ecco che Elliott ha fatto l'operazione, calcistica, della vita. Ha accompagnato un "imprenditore" debole al primo anno, ha aspettato che rotolasse per tutte le scale e ha preso un club glorioso a livello mondiale come il Milan a 300 milioni di euro. Se va male, al terzo anno, lo vende a 750 milioni di euro. Operazione fantastica a livello economico. Se Elliott ha un cervello (e si vede), Lì non aveva gli occhi per piangere e non aveva un disegno in testa. O forse noi non lo conosciamo e lo conosceremo solo quando la Procura della Repubblica deciderà di fare chiarezza su un personaggio ambiguo. Arrivato dalla Cina, ha speso 700 milioni e in un anno ha perso l'investimento fatto per non aver ricapitalizzato a 32 milioni di euro. Scusateci ma, sembra chiaro, che ci manca qualche passaggio. Due punti a favore di Elliott. Il primo lo abbiamo appena scritto, il secondo aver convinto l'Uefa della propria solvibilità e aver regalato al Milan l'accesso all'Europa. Il Presidente Scaroni è garanzia per il presente e futuro. Un grande manager alla guida di un grande club. Il Milan ai milanisti... ma quelli intelligenti. Questa mossa vale un punto in più per il fondo. Siamo 3-0. Palla a centro, partita finita? No, attenzione perché i contro sui pro provano a rimontare. L'uscita di Fassone sarebbe stata da gestire meglio. Ovviamente chi acquista ha il diritto e il dovere di piazzare i suoi uomini e ben venga un AD di fiducia. Fassone era uomo di Lì ed è giusto che sia stato messo alla porta. Ma per un fondo che per la prima volta entra nel mondo del calcio italiano bisognerebbe badare anche ai modi. Fassone è stato segato sul posto. Buongiorno, dov'è Fassone? Lei è fuori! Avranno avuto mille motivi ma le grandi aziende tengono riservate queste cose e avrebbero dovuto trovare un metodo più politico per separarsi. Fassone ha avuto la grande colpa di aver accostato il suo nome a quello del cinese, ma non è da buttare tutto quello che ha fatto in un anno di alta marea. Avrebbe potuto fare meglio? Certo, tutti possiamo fare meglio. Ma gestire un anno così al Milan equivale a 10 anni di altri club italiani in ordinaria amministrazione. 3-1 per Elliott. Conserva il doppio vantaggio. E Mirabelli? Mandare via il Direttore Sportivo, a meno di un mese dalla chiusura del mercato e dall'inizio del campionato, è una scelta incomprensibile. Poi per mettere chi? Paratici? Marotta? Monchi? No, Leonardo! Capite che è una scelta, almeno, discutibile. Allora, discutiamo: Mirabelli, al primo anno da Direttore, sono più le cose positive che quelle negative che ha portato a termine. La più grande fesseria è stata quella di aver confermato Montella ad inizio anno. La seconda è quella di aver speso soldi importanti per prendere Silva e Kalinic. Il primo potrà ancora riscattarsi perché ha le qualità, il secondo l'ha voluto Montella. Sta di fatto che con quei soldi avrebbe potuto prendere un Morata e amen... Cosa che stava facendo adesso. Per due errori, ci sono molte cose che Mirabelli ha fatto di buono al Milan ma ora tutti dimenticano. Il valore della rosa era basato solo sul valore di Donnarumma e Suso. Oggi c'è materiale da vendere e calciatori come Bonucci che potrebbero andare al PSG. Ha vinto la scommessa Gattuso, giocandosi la faccia e anche qualcosa di più intimo, quando l'ha preso tra lo scetticismo generale. Ha vinto la battaglia mediatica con Raiola, ha tenuto Donnarumma quando tutti lo volevano, ha preso Reina a zero e ha ridotto del 70% le procure degli agenti nel bilancio del Milan. Tutto questo al primo anno di rossonero. Non ha raggiunto la Champions è vero ma, soprattutto, per aver perso punti con le piccole e per esser partito con l'handicap Montella. Cambiare oggi il Direttore non ha senso. Avrebbe meritato di lavorare un anno nella normalità e, se avesse fallito al secondo anno, lo si sarebbe dovuto mandare a casa a calci. Oggi arriva Leonardo ma, seppur parliamo di un grande professionista, è l'uomo più sbagliato da inserire in questo momento storico. Con Gattuso non si ama, con il Milan si è lasciato male e i tifosi non lo vogliono vedere neanche sull'album Panini. I suoi recenti trascorsi non lasciano ben sperare per l'ex calciatore che, dopo aver smesso, non ha mai fatto capire se volesse fare l'allenatore o il dirigente. Tentarle tutte non vale. Il Milan ha bisogno di un vero DG e di un esperto DS. Gandini sarebbe ottima soluzione. Per il Direttore devi andare su Paratici (impossibile da prendere), Monchi (per il futuro) o devi andare a fregare Tare a Lotito (altra cosa non banale). Leonardo, però, non ha le credenziali giuste in questo momento.
Si era proposto ad Elliott anche Cristiano Giuntoli che sulla poltrona da Direttore del Napoli è comodo ma, da quando è arrivato Ancelotti, è stato scavalcato dal Mister e dallo stesso Presidente che fa tutto in prima persona lasciando le briciole al suo DS. Giuntoli, a Napoli, non è più sorridente come una volta. Con Dela vive di alti (pochi) e bassi (tanti). Giuntoli è un nostro amico dai tempi di Carpi. Grande Direttore e ottima persona. Ma sapete che, purtroppo, non guardiamo in faccia a nessuno e diciamo sempre quello che pensiamo. Giuntoli è un vero intenditore di calcio. Ha fatto la gavetta e capisce i calciatori prima degli altri. Merita il posto che ha a Napoli ma se non può incidere, per uno come lui, meglio andare altrove. Vedi Sabatini che è ripartito dalla Samp, dopo l'esperienza all'Inter. Cosa sbaglia Giuntoli? Fare il Direttore del Napoli esclude la possibilità di fare il Direttore di altre 3-4 squadre. Lo so che Cristiano nega la mia tesi ma i fatti sono altri. Al Chievo ha spinto Romairone e lo aiuta a fare il mercato anche perché da solo Giancarlo potrebbe fare fatica a seguire una società di serie A. Agevola il mercato del Carpi (vedi Tutino ed altri dal Napoli dove sono finiti), "impone" Soda sulla panchina del Gozzano e detta le linee guida del mercato di C e aiuta il Savona in D. Facendo un calcolo rapido, ha il potere del mercato in tutte le categorie. Chievo in A, Carpi in B, Gozzano in C e Savona in D. Un po' troppo per definirle strategie. Una dozzina di anni fa queste situazioni avevano un altro nome. Il consiglio che diamo a Giuntoli è semplice, in amicizia: hai fatto tanta gavetta per arrivare al Napoli che, oggi, devi tenerti stretto e non pensare al mercato di seconda e terza fascia che ti crea solo nemici senza avere alcun vantaggio professionale.
La situazione, in serie B, è ai limiti del paradossale. Siamo passati dalle minacce di suicidio al silenzio totale. Già chi minaccia di togliersi la vita con tanto di lettera di addio, come Lugaresi del Cesena, ti fa capire che qualche rotella non è a posto. Un atto così non andrebbe mai fatto, neanche scritto o pensato. Ciò, però, non può togliere l'attenzione sul disastro economico che ha fatto, insieme al suo predecessore, a Cesena. Lugaresi si deve assumere le sue responsabilità - non con una lettera di minacce - ma con la personalità di un imprenditore che ha fatto finire la passione per il calcio in una piazza storica. Erano anni che il Cesena partecipava ad un campionato senza averne i requisiti e avrebbero dovuto fermarlo molto prima. A Bari Giancaspro ha fatto anche peggio. Come se qualcuno gli avesse ordinato di acquistare il Bari. Una società reduce da un fallimento pilotato che fallisce per la pessima gestione del club, con un parco calciatori da spendere sul mercato e con una piazza che ti porta 16 milioni all'anno di fatturato. Giancaspro, prima o poi, dovrà uscire allo scoperto e spiegare il suo piano. Ormai è andata, ma questi "imprenditori" non possono uscire di scena sempre senza una spiegazione o senza pagare con le proprie aziende. Il calcio non può continuare ad essere terra di nessuno. Il Bari non poteva e non doveva fallire. Ripartire dalla serie D non è una fumata di sigaretta. La D è il campionato più difficile da vincere. Ne vince una sola, c'è la pesante regola degli Under e investire milioni di euro non ti garantisce la promozione. Nel caso del Cesena peggio ancora che si ritroverà nel girone Modena e Reggiana. In questi anni non dimentichiamo che non sono state promosse società come Varese (l'anno dopo addirittura retrocessa in Eccellenza), il Como (secondo dietro al Gozzano), il Latina, il Taranto, la Triestina (seconda dietro al Mestre) e così via...
Con il fiato sospeso c'è una città intera: Avellino. Qui la situazione è un po' particolare e andrebbe spiegata. Sicuramente, da 48 ore a questa parte, c'è più ottimismo grazie al ritorno in campo dell'Avvocato Chiacchio. Storico Avvocato che ha sempre tolto le castagne dal fuoco all'Avellino, basta ricordare il caso Catanzaro-Avellino. In due mesi chiuse i rapporti con Taccone, per il mancato riconoscimento economico ed ecco il patatrac della fideiussione. Il risparmio non è mai guadagno. Tuttavia, sabato, Chiacchio per amore dei Lupi ha accettato l'incarico ed è tornato in sella. Ovviamente sa bene che, anche senza soldi, se dovesse vincere questa causa il guadagno sarebbe soprattutto di immagine e riconoscenza di un'intera città a pochi chilometri da casa sua. Parliamo da giornalisti e non da tifosi. Se la Covisoc e la Federazione dovessero seguire l'iter procedurale, l'Avellino sarebbe fuori dalla prossima serie B. Taccone ha presentato tre fideiussioni. Ne sarebbe bastata una ma in regola e nei tempi. Se presenti tre fideiussoni, senza che nessuno te le richieda, significa che sei già nel torto. Oggi l'Avvocato Chiacchio può vincere la partita solo su un tema: rendere valida la prima fideiussione. Per intenderci, quella rumena. Presentata in tempo. Le altre due valgono zero! Perché? Semplicemente perché non sono state consegnate nei termini. La seconda, Finword, non è stata consegnata entro le 19.00 (è arrivata via Pec alle 19.15 ma neanche la fideiussione, un numero di polizza) e la terza di Groupama arrivata dopo due giorni. Inutile fare polemiche, oggi, non serve a nessuno. Come non sono utili dichiarazioni a mezzo stampa o conferenza populistiche. I fatti sono andati così: oggi Taccone deve affidarsi a Chiacchio e sperare di vincere la causa sulla prima fideiussione. Ci sarebbero due spiragli sui quali fare la battaglia. Una battaglia che sarà lunga e tortuosa. Il rischio di ricorsi è concreto ma l'Avvocato Chiacchio se ha accettato l'incarico sa che quei due cavilli potrebbero essere la fortuna dei Lupi. La strategia è chiara: silenzio stampa assoluto da parte del Presidente, l'Avvocato prepara le carte sul ricorso per la prima fideiussione rumena e basta invocare la seconda e terza fideiussione che oggi sono un boomerang e non un'arma. Il calcio italiano non può cancellare la storia e l'amore di una piazza così calorosa per questioni burocratiche. Hanno consentito, lo scorso anno, l'iscrizione di Cesena, Modena e Vicenza che erano piene di debiti. L'Avellino deve saltare se non può andare avanti a livello economico ma non per un pasticcio procedurale. Certamente grave ma la pena non può essere l'esclusione dal campionato. Il collegio di Garanzia del Coni dia 2-3 punti di penalizzazione da scontare sul prossimo campionato ma cancellare una società così è una pena pari all'ergastolo per essere passati con il rosso e aver fatto il dito medio al vigile. Giusto pagare ma non è giusto morire. Se Chiacchio vincerà anche questa battaglia con la maglia dell'Avellino, alla prima di campionato, farà il giro sotto la Sud con i pugni al cielo. Perché, di questi tempi, vale più un Chiacchio in toga che una coppia d'attacco composta da Juary e Barbadillo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Le incertezze della Champions: la cura non è solo il mercato... 13.12 - Possiamo dirlo senza mezzi termini: peggio di così difficilmente poteva andare. Martedì sera le due italiane non sono riuscite a qualificarsi nonostante avessero avuto tutto a disposizione, non soltanto in questo turno di Champions, ma anche i precedenti. Mercoledì Juve e Roma si...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->