HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Cristiano Ronaldo alla Juve: ora chi andrà via?
  Gonzalo Higuain
  Miralem Pjanic
  Daniele Rugani
  Paulo Dybala
  Alex Sandro
  Più di un big
  Nessuno

Editoriale

Finalmente è finito uno dei campionati più brutti degli ultimi anni. Il pagellone semiserio da 10 a 0: tra il closing più lungo di una soap, il tatuaggio di Baccaglini, il Pallone d'Oro a Buffon, la carriera di Totti e un addio che ha stufato

28.05.2017 09:19 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 114624 volte
© foto di Andrea Staccioli/Insidefoto

Finalmente uno dei campionati più brutti e scontati di cui abbia memoria è finito. Doveva vincere la Juventus e lo ha fatto. Dovevano retrocedere Pescara, Palermo e Crotone con l'Empoli a rischio e ci siamo quasi. Dovevano andare in Champions League il Napoli e la Roma e l'hanno fatto. Ha steccato l'Inter ma non è certo una meraviglia osservare, con tenerezza, il tracollo di un progetto milionario. E' finita l'era Berlusconi, e vivaddio visto quanto è stato lungo il closing. Sta per finire l'era Totti e per fortuna, vien da dire, perché la telenovela è stata appassionante come una soap messicana (mai viste ma spero renda l'idea). Doveva esserci una sorpresa, quest'anno è stato il turno dell'Atalanta. Che si prepara a far cassa coi suoi gioielli e allora occhio all'effetto boomerang nell'anno europeo. E' finito, o quasi, ma siccome di verdetti ne restano due (meno male) e degli esordi dei giocatori presi per far un favore all'amico e che giocheranno questi minuti finali salvo poi trovarsi tra due anni nella serie b azera poco c'interessa... Via col pagellone. Da zero a dieci.

Voto 10 - A Gianluigi Buffon E' quello che, con Massimiliano Allegri, merita il voto più alto. Più di Dybala, di Higuain, delle intuizioni di Marotta e Paratici, più della BBC. Buffon è il simbolo di una delle squadre più forti del calcio italiano. Chi se ne frega dei gol di Cristiano Ronaldo: tifare un'italiana in finale di Champions è d'obbligo, sperando che in Francia decidano finalmente di dare il Pallone d'Oro al miglior numero uno della storia del calcio.

Voto 9 - Alla carriera di Francesco Totti Si ritira (? vedi voto 0), uno dei più grandi 10 di sempre. Che ha infiammato le platee di mezzo mondo, tanto che la notizia del ritiro è stata ribattuta in tempo reale anche in Bangladesh (forza, ditemi un giocatore, una squadra del Bangladesh o se pensavate che sapessero chi fosse Totti). Ha segnato gol epici, ha difeso per la carriera, intera, una sola maglia. E' stato uno dei più grandi, penalizzato (ma per sempre nell'Olimpo) dal fatto di non aver mai fatto il grande salto. PS - Fustigazione immediata in sala mensa per chi proporrà il ritiro della 10.

Voto 8 - Alla buona vecchia scuola di Coverciano Ancora noi. Belli forse no, vincenti di sicuro. Dei cinque campionati più importanti d'Europa, tre sono stati vinti da italiani (uno da un portoghese, Jardim, uno da un francese, Zidane). Conte, Ancelotti, Allegri. Ma pure la gavetta di Sarri e il suo gioco champagne, il miracolo Atalanta, la storia di Inzaghi. Viva l'Italia, l'Italia che allena.

Voto 7 - Agli sconosciuti talenti della Sampdoria Schick. E tutti si mettono a ridere. Bereszyński (sì, amico mio, ho fatto la ricerca su Google e poi copia-incolla). E tutti i giornalisti imprecano. Linetty, poi Torreira, poi Skriniar (questo è più facile). Osti, Pradè, Pecini, sono stati fantastici nello scovare talenti nascosti e valorizzarli. Può diventare una nuova, premiatissima, gioielleria del calcio italiano.

Voto 6 - Alla Papu Dance L'intenzione era quella di dare 10 alla Papu Dance e il resto a scalare. Però è diventata un tormentone alla Despacito e si sa che i tormentoni poi stancano. Ora, però, scusatemi, che vado a vedere il video dell'università americana che la balla e poi riprendo a scrivere.

Voto 5 - Alla Lega di A e al Monday-night Pescara-Palermo Il calcio italiano è senza un governo, nei suoi primi due campionati. Che vergogna. E' senza intesa sui quattrini (sì, la questione ruota tutta attorno alla ripartizione dei diritti con le grandi che dicono "abbiamo più tifosi, vogliamo più soldi" e con le piccole che rispondono "sì, così gioca il magazziniere in difesa, tanto è la stessa"). Una fotografia dello stato del calcio italiano? Al netto delle feste e ricorrenze cittadine: Pescara-Palermo di lunedì sera. Non male, per esportare il prodotto Calcio all'estero...

Voto 4 - Alla gestione del portafogli di Suning "Oh, sono arrivati quelli coi soldi dalla Cina". E via a fargli strapagare Joao Mario, Gabigol e via discorrendo. Joorabchian e Zahavi sono stati anche tra gli artefici dell'acquisto dell'Inter ma in quanto intermediari, diciamo che hanno badato al lato economico più che sportivo. Tanti errori, da parte di Ausilio, tanti acquisti errati. Ora pure Sabatini a decidere: si rischia di complicare solo la cosa (ma il valore del ds è indiscutibile).

Voto 3 - Al tatuaggio di Baccaglini e al closing del Palermo Compra il Palermo e per onorarlo si tatua il logo del Palermo. "Che fico, Baccaglini". Già. Però quello vecchio e fallito, di Palermo. Che poi, una domanda: ma chi è, e perché prende il Palermo, e come, Paul Baccaglini? Anzi. Lo prenderà davvero? Auguri.

Voto 2 - Alla simpatica verve di Paulo Sousa Una delle profonde delusioni dell'anno è Paulo Sousa. In questa annata è stato simpatico ai tifosi della Fiorentina come le scie chimiche ai Cinque Stelle. Se ne andrà in modo indolore, col sospiro di sollievo di una città. Ah, dettaglio. Senza Europa...

Voto 1 - Al closing del Milan più lungo di Sentieri Non vi nascondiamo che in redazione a Tuttomercatoweb.com è volato lo spumante (del discount) e noccioline (fregate al bancone del bar vicino), una volta che il closing è stato ufficiale. Ne abbiamo scritte di tutte, pensate altrettante. Poi solo un pensiero, a prescindere dal finale. Per fortuna. Ah, e grazie a Berlusconi per il calcio che ci ha fatto vedere (negli anni passati, s'intende).

Voto 0 - Al ritiro di Francesco Totti Basta. Vi prego. Basta. Il ritiro di Francesco Totti è diventato pesante come il cinghiale in umido a colazione. Ok, va bene. E' stato un grande, uno dei più grandi "vedi voto 9). Ma questa telenovela, Spalletti, ma pure lui, potevano risparmiarcela. Che si ritiri e basta. E che nessuno osi a togliere dalla circolazione la sua 10. Che è il motivo principale per cui Totti è diventato Totti.

Voto 0 bis - All'inglese di Mazzarri "Mister, dopo tanti mesi, ci dice una cosa in inglese?". "Our fans is fantastic". Meraviglioso. Torna in Italia, mister!


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Bonucci, Donnarumma e Suso via dal Milan: oggi si saprà. Sarri vuole Reina, in ballo Morata. Cavani e il Napoli, dalla Francia insistono. E la suggestione continua anche per Luigi De Laurentiis... 20.07 - Soltanto oggi sapremo se il Milan giocherà o meno l’Europa League, il Tas si è preso qualche ora in più per decidere. Da questa sentenza dipenderà molto del futuro di Bonucci, Donnarumma e Suso. Senza l’Europa ci sarà un’altra perdita di una ventina di milioni e una ricaduta negativa...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Alisson al Liverpool e il giro dei portieri, la Juve fra Higuain, Rugani e Pjanic. Il Milan fra TAS, Elliot e mercato. Un mese in apnea (non solo per il mercato) 19.07 - Ormai Alisson è un giocatore del Liverpool. E così a spuntarla è stata il terzo, che si prende uno dei portieri più forti del mondo, sicuramente il più caro. Lo ha seguito il Real che però non ha mail voluto affondare il colpo perché non convinto di voler spendere così tanto. Ci ha...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: c’è qualcosa che nessuno vi ha detto sul Mondiale. Che forse sentite lo stesso. Perché chi se ne frega che abbia vinto la Francia o la Croazia (beh certo, fosse stata l’Italia…) 18.07 - Qui Radio Mosca, è l’ultima corrispondenza di Russia2018, siamo sul treno per San Pietroburgo per disperdere la malinconia per questo Mondiale che si allontana nel tempo e che dice a ognuno di noi che si chiude un periodo della nostra vita, ché ammettiamolo: tutti ragioniamo scandendo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la lezione di Ronaldo, il nodo-Higuain e gli alibi agli avversari. Inter: da Perisic a Icardi, il cambio di rotta dei critici a prescindere (e occhio a centrocampo). Napoli "vede" Cavani. E il Milan sceglie il suo bomber (Morata o...) 17.07 - “Cristiano Ronaldo fa la cacca anche lui”. Era la grande lezione di vita di mio nonno: “Quando qualcuno ti sembra inarrivabile, lontano, quando hai paura e ti senti in difetto, ricordati che fa la cacca anche lui. In un attimo lo vedrai sotto altri occhi”. Questa grande pillola di...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Benvenuti al Ronaldo day. Tra depistaggi e ombre. Higuain, giusto andare. Milan, cambiare ora non avrebbe senso. Napoli, ripetersi così è difficile... 16.07 - Ci siamo! Il momento, di mercato, più atteso degli ultimi 30-50 anni è arrivato. Ronaldo, il più forte del mondo, alla Juventus, la più forte d'Italia. In questa settimana il calcio italiano si è diviso in due; come sempre: c'è chi ha visto il vantaggio solo per la Juventus e chi,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

CR7 a Torino è un colpaccio per la Juventus, non per la Serie A. In Italia (e non solo) va avanti il monopolio e il risultato finale sarà uno solo: la nascita della Superlega 15.07 - Se ne sono dette tante, troppe. E forse è anche giusto così. Perché Cristiano Ronaldo è un acquisto che almeno per qualche giorno ha riportato l'Italia al centro del mondo calcistico. Ha risvegliato i sogni e riportato con la memoria indietro nel tempo, quando i grandi campioni -...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, assalto a Vrsaljko e Dembelé. Per Milinkovic Savic ora c’è il Real. Higuain e Rugani verso il Chelsea, che pensa anche ad Alisson. Florenzi rinnova fino al 2023 14.07 - L’Inter non si ferma e tenta il doppio colpo. Ausilio continua a lavorare per provare a chiudere altri due acquisti. A centrocampo l’obiettivo è Dembélé. Il belga è fortemente tentato dall’idea di misurarsi nel campionato italiano. La presenza di Nainggolan è uno stimolo in più per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cavani è la risposta del Napoli a Ronaldo. De Laurentiis tratta con il Psg, ingaggio da spalmare. Ma è il Milan il futuro di Giuntoli con Conte in panchina. Sarri e Zola firmano per il Chelsea. Juve lascia via libera al Real per Milinkovic Savic 13.07 - De Laurentiis ha incassato da signore (o quasi) il colpo del secolo messo a segno dalla Juventus. E adesso come risponderà all’acquisto di Ronaldo? Chi lo conosce bene sa che le dichiarazioni di questi giorni sono fumo per mascherare le intenzioni e la realtà. Non si prende un allenatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non solo Cristiano Ronaldo... la serie A risponde 12.07 - Cristiano Ronaldo alla Juventus ha avuto un’eco mediatica incredibile. E questo è solo l’assaggio di quello che succederà in Italia da adesso in poi. A cominciare da lunedì, quando ci sarà il CR7-day. Arrivo, visite mediche, conferenza stampa e presentazione. Poi da lì in poi inizierà...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

La Juventus porta avanti il calcio italiano riportando indietro l’orologio di 20 anni: entriamo in una nuova era. Nella storia del calcio italiano solo il passaggio di Ronaldo all’Inter è paragonabile, ecco perché 11.07 - Qui Radio Mosca, ma il terremoto di Torino è arrivato a ondate fino a qua. Qua dove sono io adesso, nel Media Center dell’astronave aliena della Krushovka Arena di San Pietroburgo, qua dove c’era una semifinale dei Mondiali. Ah, c’era una semifinale dei Mondiali? Se ne sono accorti...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy