Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali

Finalmente Juve e Inter. Milan, gennaio decisivo: 2 acquisti. Napoli, un centrocampista e due cessioni

Finalmente Juve e Inter. Milan, gennaio decisivo: 2 acquisti. Napoli, un centrocampista e due cessioniTUTTOmercatoWEB.com
lunedì 21 dicembre 2020 08:00Editoriale
di Michele Criscitiello
Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb

Ci hanno fatto penare nei primi mesi della stagione ma, finalmente, si sta delineando quello che tutti ci aspettavamo ad inizio anno. Testa a testa tra Juventus e Inter per lo scudetto. C'è, per fortuna, una squadra di troppo: il Milan. Il tempo, però, come sempre farà emergere i valori delle singole squadre. La Juve ha perso tempo in campionato ma quello si recupera ed è stata una scheggia in Europa con il blitz di Barcellona. L'Inter è stata lenta nell'inizio della serie A ma si è suicidata in Europa e quell'eliminazione brucerà fino a maggio. Una cicatrice sul volto. Sta meglio la Juve perché anche se non ha brillato all'inizio adesso sembra aver trovato la svolta dopo la vittoria di Barcellona. Prima era buio. Il derby con il Torino una vittoria per la classifica ma aveva lasciato ancora troppi sospetti su questa squadra. Adesso non ha affrontato sicuramente City e Bayern Monaco ma vincere contro le piccole ti lancia verso il primato. Vincere stravincendo aiuta a lavorare meglio e pescare il Porto agli ottavi è un segnale che forse la stagione davvero è iniziata nei primi giorni di dicembre. Pirlo ha avuto la saggezza di capire ben presto che alla Juve non si fanno gli esperimenti. Si deve vincere. Poi se vinci e quando vinci vuoi aggiungere qualcosa di nuovo nessuno te lo vieta. Certamente la squadra che ha pareggiato con Verona, Crotone e Benevento sta risalendo alla grande anche nelle prestazioni. L'Inter avrà il grande vantaggio di dover giocare una volta a settimana; a febbraio e marzo porterà punti l'uscita prematura dalla Champions League. Conte non lo dice e gioca a nascondino ma deve vincere, almeno, lo scudetto al termine di un biennio che sarebbe completamente fallimentare. Secondo non servirà più a nulla. La vittoria dello scudetto, invece, cambierebbe tutto, aiutato da un tricolore e da una stampa amica. "L'Inter ha interrotto il dominio della Juve dopo 10 anni" oppure "L'inizio di un nuovo ciclo". I titoloni sarebbero pronti per Conte il vincente, dimenticando i due fallimenti europei e i milioni spesi per rifare questa squadra. Ora l'Inter deve pensare ad andare avanti così.
Il Milan, a Sassuolo, ha vinto con troppa semplicità. I campanelli di allarme con Parma e Genoa facevano pensare ad altro. Invece il Sassuolo non sta bene e conferma ciò che dicevamo ad inizio anno. E' una squadra che può puntare al massimo ad arrivare tra le prime 11-12, tutto quello che arriverà in più sarà merito dell'allenatore. Non dimentichiamoci che togliere al Sassuolo Caputo e Defrel è come togliere al Milan Ibra e Rebic. Appunto. Il Milan non aveva le punte eppure ha vinto in scioltezza. Bravo Pioli ma brava tutta la squadra a tornare al successo, con una prova convincente. Il Milan non deve sentire la pressione del tricolore. Anche perché chi deve sentirla sono le altre due. Pioli deve giocare per arrivare terzo o quarto, questo è il suo compito. E sarebbe un grande risultato considerata la presenza di squadre forti come Roma e Napoli o alternative abituate all'Europa, negli ultimi anni, come Atalanta e Lazio. Il Milan è stato costruito bene e viene gestito benissimo. Difficile puntare allo scudetto. Dovrebbero morire la Juventus e svenire l'Inter. Maldini deve intervenire a gennaio. Ci siamo lasciati il 5 ottobre con il difensore in procinto di sbarcare a Linate. Per questioni di tempo ed opportunità non è arrivato. Serve, anche tanto. Servirebbe anche un'altra punta perché è vero che Ibra è eterno ma tra campionato ed Europa League serve numericamente una punta. Ibra avrà gli acciacchi di anzianità e se succede quello che sta succedendo adesso, Pioli deve potersi girare verso la panchina e trovare valide alternative.
Stesso discorso vale per il Napoli. Gattuso sta facendo i miracoli ma la società deve fare le uscite mancate in estate. In attacco il colpo da 90 (o meglio 75 milioni) non si è visto quasi mai. Colpa dell'infortunio. Osimhen serve, però, a Gattuso. Pesa anche l'assenza di Mertens per un mese. Quando saranno tornati tutti, il Napoli non avrà problemi di attaccanti ma a centrocampo servirebbe un giocatore di qualità. In estate Giuntoli ci ha provato, in inverno dovrà riuscirci. Obiettivo Napoli tornare in Champions. Non sarà facile.

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000