VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Finalmente Milan! I segreti Berlusconi-Mr Bee. Juve, pericolo Tevez-Pogba. Il Napoli diventa operaio. Como in B, il trionfo della semplicità. Giampaolo-Marchetti in A? Quando il suicidio diventa premeditato

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
15.06.2015 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 106831 volte
© foto di Federico De Luca

Correva l'anno 1998 quando scrissi il mio primo articolo. Lo feci per un giornale di Avellino che vendeva, sì e no, 30 copie al giorno. Mi assegnarono un trafiletto di 12 righe. Ero contento. Poi aggiunsero che avrei dovuto scrivere di pallamano. Non avevo la più pallida idea nemmeno del numero di giocatori che compone una squadra di pallamano. Passai 8 ore a raccogliere informazioni per scrivere 12 righe. Mi insegnarono che la prima cosa da fare, prima di scrivere, è sempre documentarsi. Su tutto. Poi le informazioni uno se le ritrova nella vita. Bene, molte di quelle sulla pallamano le ho rimosse il giorno dopo la pubblicazione dell'articolo, mentre altre le ho conservate. Sono settimane che ci stiamo documentando (uso i plurale maiestatis così fa più effetto) sulla cessione del 48% del Milan per 480 milioni di euro. Sarebbe come se - mettendo in vendita la mia casa - un perito la stimasse sui 400.000 euro, salvo poi trovare un magnate, che gestisce soldi altrui, pronto ad offrirmi 6 milioni di euro. Il mio vicino sarà contento perché, finalmente, si libererebbe di me e, se ve la devo dire tutta, anche io sarei felice di dirigermi verso altri lidi con 6 milioni di euro in tasca. Ma al notaio la vendita potrebbe puzzare. Non è il caso del Milan. Qui non c'è puzza di bruciato, ci mancherebbe, ma non c'è neanche l'odore dell'affare della vita chiuso da Berlusconi con Mr Bee, il quale è impazzito ad acquistare ad una cifra così alta la minoranza di un club. Tra loro due c'è un patto. Ci stiamo lavorando da settimane ma la risposta più frequente che riceviamo è "Lascia perdere...". Mr Bee tra 8 settimane verserà 150 milioni di euro nelle casse Fininvest, il Milan farà un mercato stellare, poi ne verserà altri 330 milioni e la partita sarà chiusa. Saranno, successivamente, problemi di Mr Bee dove andare a recuperare questa cifra in giro per il mondo. A noi interessa fino ad un certo punto. Quello che conta è che hanno dato a Galliani un tesoretto per rifare grande il Milan e questa operazione, vedrete, porterà benefici a tutta la serie A. Peccato che i soldi stiano uscendo dall'Italia. Finiranno in Portogallo (Jackson Martinez), in Francia (Kondogbia) e, forse, sui conti svedesi di Ibra e quelli monegaschi di Raiola. Avrebbe fatto più comodo un mercato interno ma il Milan deve pensare alla sua vita e sta facendo un grande mercato da assoluto protagonista.
Ci spaventa la Juventus. Non va sottovalutato questo mercato che deve servire per rendere la squadra di Allegri più forte, ma effettivamente rischia di renderla più debole. Lo abbiamo scritto, il giorno dopo Berlino. Tevez è una minaccia e se non dà una risposta in tempi brevi potrebbe compromettere le strategie di Marotta. Se non ha voglia di continuare meglio, per entrambi, cambiare aria. Su Pogba è iniziato il giochino di chi la spara più grossa ma se non arrivano almeno 80 milioni di euro la Juve farebbe bene a tenersi Pogba. Attenzione a Pirlo. Vogliamo credere alla storiella che la figlia ha raccontato alle amichette che il prossimo anno se ne va in America? Boh, non abbiamo amicizie tra i bimbi della scuola della figlia di Pirlo quindi non entriamo nel merito. Uno da cedere, e sarebbe dovuto andar via già lo scorso anno, è Vidal. Si può fare cassa e non è più indispensabile per questa Juventus. Dopo lo strapagto Dybala e il parametro zero Khedira sarebbe ora di acquistare un difensore, se non si vorrà andare avanti tutta la vita con Bonucci e Barzagli. Io tifo Rugani. Basta mandarlo in giro. Se la Juve ci crede deve trattenerlo. A proposito di Juve, elogiamo sempre i bianconeri ma non facciamo notare che quest'anno il settore giovanile è stato un flop assoluto. Paratici intervenga perché la Regina d'Italia non può fare queste figure tra i ragazzini.
Sta nascendo il Napoli operaio. Meno vanitoso e più concreto. Sarri, Giuntoli, Valdifiori... Tutta gente che ha mangiato la polvere sui campi e non si è mai gustata le ostriche di Benitez. Aurelio De Laurentiis ha cambiato completamente strategia, adesso vedremo se uno dei due estremi funziona o fallirà di nuovo miseramente. La sensazione è che il Presidente sia confuso, non abbia le idee chiare ed inizi a patire i pochi successi ottenuti ed una piazza che lo contesta in continuazione. Fare calcio a Napoli non è semplice ma per quel che percepisce, direi, ne vale la pena.
Da ieri abbiamo il quadro completo sia di serie A che di serie B. Complimenti vivissimi al Como. Questa promozione non è un'impresa ma un miracolo, per come è arrivata. Su 8 squadre, ai play off, ha vinto l'ottava classificata. Bisognerebbe farci un film. A Como già non credevano ai loro occhi quando, all'ultima giornata, si sono qualificati per i play off per merito dell'Alessandria che ha buttato il campionato. Poi la vittoria di Benevento e, infine, il trionfo con il Bassano. La semplicità del Direttore Dolci è stata premiata. Qualche giovanotto di belle speranze come Ganz, bravino ma non fate paragoni inutili e assurdi, tanta esperienza con Le Noci, Cassetti e Giosa, un maestro come Ardito e tanta corsa. In B è andato il Como. Esce tra gli applausi il Bassano ma credo che un vero vincitore sia colui che vince e non colui che sfiora la vittoria. Rosso ha detto cose giuste e sagge, ma chi non vince e si accontenta della bella annata non ha evidentemente un DNA da vincente. Il Bassano ha buttato via il campionato in due occasioni: a Monza e a Como. Quando il pugile barcolla non devi avere pietà. Se il leone ferito non muore e si rialza dopo ti ammazza.
In chiusura (fuori dall'editoriale) vi riporto la mia riflessione personale. Stavo pensando alla follia del calcio italiano: Inzaghi allena un anno gli allievi del Milan, un anno la Primavera e al terzo tentativo allena la prima squadra. Marco Giampaolo, grandissimo teorico e pessimo gestore di gruppo, è dovuto ripartire dalla serie C per poter lavorare. Aveva un contratto a Cremona e l'ha scomodato addirittura l'Empoli in serie A per sostituire Sarri. Cosa sarà passato nella testa di Carli e Corsi non lo sappiamo. Ancora più grave la decisione del Carpi che, probabilmente, in serie A ci vuole stare 9 mesi. Passare da Giuntoli a Marchetti è come passare da una notte con Angelina Jolie ad una con Anna Maria Barbero (Sconsolata). Uno conquista la A con il Carpi, l'altro retrocede in C con il Cittadella. E le chiacchiere nel calcio le sentiamo tutti. Ma qualcuno fa finta di non sapere!
Buona settimana.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.