VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Forza Fratelli d'Italia! Ma se finisce male arriva un nuovo Ct (ecco chi). Juve: l'idea Pato nasconde un altro nome. Mazzarri-Thohir: la situazione si fa molto pericolosa. Il Milan con la grana Kakà finge di mettere Iturbe, ma punta a...

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista Rai e Telelombardia
24.06.2014 00:00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 69184 volte
© foto di Federico De Luca

Dunque, alle 18 gioca l'Italia. Magari non lo sapevate. Vi confesso che ho una tensione persistente e fastidiosa simile a quella che mi colpì agli esami di quinta elementare. Che pessimo ricordo. Maestra: "Nella pancia di quale pesce finì Pinocchio nel libro del Collodi?". Io, assai gradasso: "Balena! Non spreco neanche l'aiuto da casa!". Maestra: "No, cretinetti! Pescecane!". Io: "Maestra non dica boiate, è la balena, lo sanno tutti". Maestra: "Leggi qui, cosa c'è scritto pisquano?". Io: "Pescecane, ma io ho visto il film". Che tensione e che infame la maestra con la sua domanda trabocchetto. Probabilmente era uruguaiana.
Stasera, invece, non ci saranno trabocchetti: con un punto siamo dentro, senza punto andiamo a casa. Inutile far pronostici, ma precisazioni sì. Prandelli ha un contratto freschissimo con scadenza 2016. Secondo voi in caso di fallimento (toccatevi i preziosissimi senza dare nell'occhio) sarà lui il ct verso l'Europeo 2016 o leverà le tende? Leverà le tende. E al suo posto arriverà chi? Allegri? Molto probabile...
Ma son questioni che non ci interessano perché noialtri siamo l'Italia e stasera sfodereremo la super arma segreta tipica di certe situazioni assai complicate: il "cul de Sac", nato nel 1994 quando la squadra allenata da Arrigo grazie a una serie di botte del suddetto ci condusse alla finale. Finì male, ma almeno non passammo il Mondiale a guardare gli altri che se la tiravano come fionde australiane. Vedremo.

La micidiale tensione, in ogni caso, non può distoglierci dalle faccende di casa nostra. Al Milan domina il caso-Seedorf. Lui s'è fatto venire i 5 minuti e pretende un risarcimento, il club col piffero che glielo vuole concedere. Dalla crociera rossonera prima parla Barbara, poi Tassotti, Galliani nisba: aveva cose importanti da fare legate alla faccenda diritti tv. Le parole di Lady Berlusconi fanno pensare: "Mio padre e Galliani lavorano per Iturbe". Ennesima prova che la figlia del presidente sembra essersi allontanata dal centro di comando. Durerà la tregua tra amministratori delegati ora che Seedorf (colui che ha "unito" i due) non c'è più? Lo scopriremo presto. Di sicuro sappiamo che l'opzione Mandzukic se mai era nata è già tramontata, che Iturbe è un falso obiettivo, che in realtà resta vivissima la pista Cerci, che i problemi di Kakà stanno diventando i problemi del Milan. Il divorzio è apparecchiato, ma il brasiliano potrebbe ritardare l'addio di sei mesi complicando parecchio il mercato rossonero. E Balotelli? Il giocatore partirà (destinazione Arsenal) a prescindere da quel che accadrà oggi: lo impone il bilancio, lo desidera patron Silvio, mai entrato in sintonia con il promesso sposo.

Le questioni interiste sono al momento le più spinose. Ausilio pur senza quattrini a disposizione sta lavorando come una bestia per sistemare una rosa monca. M'Vila se la tira come la fionda di cui sopra, ma alla fine arriverà. A meno che... A meno che Mazzarri non decida di fare i capricci.
Ecco, la sensazione è che in casa Inter si stia rischiando grosso ma si faccia finta di niente perché nessuno ha il coraggio di dire "Huston, abbiamo un problema". E allora ci proviamo noi. Thohir due mesi fa ha sparato "calbonate" tipo "prendo uno tra Dzeko, Torres e Morata". In seguito, grazie alla faccenda "banche e garanzie", abbiamo intuito che: o Erick pensava di essere all'asta del Fantacalcio o il traduttore era strafatto di LSD e colle vendute al mercato nero. Le recenti dichiarazioni del patron indonesiano ("lavoriamo per una squadra da Europa League che in un paio d'anni possa tornare in Champions") ha regalato un clamoroso assist al Walterone, ovvero il mister che la scorsa stagione diceva "stiamo lavorando per l'anno prossimo, abbiate fede" e l'anno prossimo potrà dire "stiamo lavorando per l'anno prossimo, abbiate fede". Secondo questo principio l'Inter rischia di giocare sì la finale di Champions "in casa" nel 2016... in casa di Thohir, nell'ampio salotto, a FIFA 2016 però.
La situazione in effetti è persino più intruppata: Mazzarri sa che l'anno prossimo non gli basterà dire "vedremo la stagione ventura", soprattutto perché un contratto per il 2015-2016 non ce l'ha. E allora pretende, chiede, catechizza i suoi operatori di mercato: vuole Behrami, vorrebbe Luis Gustavo o almeno Luis Miguel di "Cuando calienta il sol", al limite persino Miguel Bosè, straordinario interprete de "l'autoradio" nel 1996 (http://www.youtube.com/watch?v=zPF04lXaMJM). In questo modo sì che potrà dire: "non mi hanno preso neppure Bosè, con questa squadra più di così non potevo fare".
E allora il discorso è sempre il solito (e proviamo a esser seri): o la società davvero crede in questo allenatore e gli rinnova il contratto, o tratta la buonuscita, piange per i milioni buttati al vento ma prova a rimediare prima che sia troppo tardi.
Per dire: il fatto che si stia già parlando dei possibili eredi di Mazzarri in panchina (Seedorf e Mancini sono bufale, ma c'è chi le ha messe in giro) è sintomo che l'"allegrata"(ovvero la brutta fine del tecnico confermato a parole, ma non a fatti) incombe pericolosamente.

E poi c'è la questione Pato-Juve. Sembrava una panzana e invece così non è. O meglio: Pato non vestirà il bianconero (comunque toccherebbe sborsare quattrini per una clamorosa incognita), ma il giocatore si è offerto e la Signora ascolta volentieri con lo scopo di risvegliare la dirigenza del Real. Questo più o meno il ragionamento: "Vi interessa o non vi interessa la nostra proposta per Morata? Occhio che altrimenti cambiamo strada". Praticamente come quando in vacanza al mare, per conquistare la bonazza, punti l'amica un po' meno carina per pungolare l'orgoglio della bonazza. Il problema è che molto spesso la bonazza non ti si fila comunque, la meno carina smaschera il giochino e tu finisci a mangiare un ghiacciolo al tamarindo con la cozza della compagnia.
E Sanchez? La pista resta rovente ma fino a fine Mondiale non se ne parla.

Chiusura su Infront, ultima speranza del calcio italiano. Non vogliamo entrare nella diatriba sui diritti tv, complessa come un disegno dello stilista di Marco Mazzocchi, ci atteniamo alle cifre: 1,3 miliardi di euro per la Serie A (1,1 netti) in arrivo dal 2015/16. Dalle simulazioni risultano circa 30 milioni in più per la Juventus, una ventina per le milanesi e soldi a pioggia per tutti gli altri. Non sarà la salvezza del nostro pallone - che dovrebbe darsi una mossa e trovare altri mezzi per ingrossare i bilanci - ma per ora l'advisor fa respirare i club in difficoltà.
Nuovo appuntamento domani in Lega per capire come andrà a finire la vicenda.
Anche "chissenefrega", tra l'altro, perché oggi conta solo sopravvivere. Uruguaiano, scansati! Dossena, portaci agli ottavi! Mazzocchi, sei tutti noi! Il cielo è blu sopra Natal! Forse...
E per voi quanto finisce (Twitter @FBiasin)? Dite dite...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.