VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Caso Donnarumma: come finirà?
  Dirà addio al Milan per il Real Madrid
  Rinnoverà separandosi da Raiola
  Rinnoverà restando con Raiola
  Dirà addio al Milan per la Juventus
  Dirà addio al Milan con altra destinazione

TMW Mob
Editoriale

Fra sconfitti e banane ci resta solo Rizzoli

03.08.2014 00:00 di Italo Cucci   articolo letto 31812 volte
© foto di Federico De Luca

Con la collaborazione di un editore (Minerva) e di un comune (Cesenatico) sono riuscito a ridare vita a un evento calcistico che negli anni Sessanta ebbe un clamoroso successo: Il Processo al Calcio. Da un'idea del mitico Conte Alberto Rognoni (cui ho appena dedicato un libro, "Il capanno sul porto") nacque la più grande assise pallonara cui dedicavano tempo, passione e presenza giornalisti come Gianni Brera e Enzo Tortora (due fra tanti) e personaggi come Umberto Agnelli, Angelo Moratti e Enzo Ferrari. Memorabili i "Processi" del '66, dopo la tragicomica Corea di Edmondo Fabbri, e del '70, dopo i famigerati sei minuti di Rivera decisi da Ferruccio Valcareggi in Brasile-Italia. Rivera era (modestamente) il nostro Pelè, fra gli oroverde Pelè fu presentissimo e decisivo. Con questo spirito abbiamo "processato" il Mondiale brasiliano dell'Italia, aperitivo della scorpacciata di banane fatta con Tavecchio. E Albertini. Non ci era bastato, evidentemente, dover registrare la sparata di Buffon contro i giovani (in primis Balotelli), la prima volta che si sentiva un capitano battuto dirsi sostanzialmente estraneo alla sconfitta; ci è toccato - e non è finita - dover assistere alla candidatura di Albertini e ascoltare i suoi programmi (?) come se l'ineffabile compagno di strada di Abete & C. non fosse stato il capocomitiva azzurro in Brasile, quindi il capofila degli sconfitti accolti in patria da un diffusissimo titolo di giornale che gridava "Tutti a casa". Ci risiamo. E nel dubbio - mentre si avvicina la data dell'elezione del nuovo presidente federale - vien voglia di rispolverare quel titolo suggerito da una pagina di poco commendevole storia patria: sì, tutti a casa, e ricominciamo. Da dove? Da chi? Questo è il problema. L'ennesimo equivoco "democratico" lega la soluzione ai numeri, come saggiamente spiega il "roseo" e competentissimo Ruggiero Palombo. E invece ci vorrebbe il coraggio di contarsi non per compartimenti (Federazione, Leghe, Giocatori , Tecnici e Arbitri) ma per teste, ovvero con l'esposizione diretta in forma si suffragio universale di tutti i presidenti, calciatori, tecnici, arbitri e tesserati vari. Non succederà perché il calcio contemporaneo è vittima di un vizio antico - l'omertà - e di un vizio moderno, il "politicamente corretto", ovvero ipocrisia. Di questo e d'altro si è dibattuto a Cesenatico, alla fine consolati dalla sorridente, orgogliosa presenza del premiatissimo Nicola Rizzoli, l'arbitro che ha trionfalmente diretto la finale Germania-Argentina rivelando al mondo esterno e a quello interno, popolato di disfattisti, che il calcio italiano ha ancora punte di eccellenza. La ripresa del campionato è vicina e invece di continuare a piangerci addosso ricominciamo proprio da Rizzoli, dagli Arbitri. Magra consolazione - direte. Mica vero. L'irreprensibile bolognese (che spesso ho criticato, come se fosse un calciatore) ha messo in campo competenza, passione e preparazione fisica (senza passar dalla famigerata "casetta" di Coverciano), arti minime mancate completamente ai pedatori azzurri. Per favore, imitatelo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: la tensione si combatte a colpi di “francese”. Inter, 2 fuori e 2 dentro: le mosse nella settimana decisiva. Milan: un punto al caso-Donnarumma e la pesca in Germania. Fiorentina: ci sono cose da dire 27.06 - Ciao. Nelle ultime ore ho pensato molto all’hacker di Donnarumma: cosa farà nella vita? L’impiegato di banca? Il commesso al Calzedonia? L’hacker a tempo pieno? Cosa lo ha spinto ad hackerare il profilo Instagram di Donnarumma? Perché proprio quello di Donnarumma e non – chessò –...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Fassone in tre mesi ha fatto quello che il Milan doveva fare da 5 anni. La trappola per "Topo Gigio". Firenze, le "non colpe" del Corvo. Inter, count down partito per Walter (People from Ibiza) 26.06 - Sta arrivando una bufera dalla Procura Federale che i venti dell'Est a novembre, in confronto, sono cicloni provenienti dal Marocco. Adesso bisognerà capire se la Procura andrà avanti o, come spesso accade, deciderà di fermarsi per questioni politiche. Nel mirino degli uomini di Tavecchio...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alex Sandro vale 70 milioni, chissà quanto valeva Cafù. Troppi giovani non fanno vincere niente, così come spendere soldi. Donnarumma è solo un portiere, Spalletti un allenatore. De Laurentiis non può decidere per tutti 25.06 - Il candidato svolga, al netto dell'attuale situazione patrimoniale, le quotazioni di mercato dei seguenti calciatori. Berardi, Bernardeschi, Alex Sandro, Salah, Manolas, Belotti, Pellegri. Niente di più semplice per chi segue un pochino il chiacchiericcio che negli ultimi giorni si...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gigio firma subito ed esci dal tritacarne! Mercato Juventus, adesso tocca alla difesa. Città in rivolta: Borja Valero come Hernanes? Roma e Napoli: Milan e Inter snobbate 24.06 - La visita di Vincenzo Montella a Castellammare di Stabia ha riportato la vicenda nel suo ambito, quello della casa e della famiglia. Il PSG e il Real Madrid sono stati una tentazione, drenata e gestita da Mino Raiola, e possiamo comprenderlo. Ma oggi che anche il presidente del Senato...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Bonucci non è incedibile. Se vuole può partire. Douglas Costa o Bernardeschi? Iniesta con Cuadrado al Barça. Agnelli rimane presidente. Milan, Donnarumma resta 23.06 - Dalla notte di Cardiff sta nascendo il mercato della Juventus e neppure le liti (presunte o vere), i lunghi coltelli (veri o presunti) dello spogliatoio, potranno far cambiare idea a Marotta e Paratici. Avanti con questo gruppo, anche se i ritocchi saranno pesanti. E se qualcuno pensa...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Gli incastri della Juve, le mosse dell'Inter, le attese del Milan. E tutte le trattative di giornata... 22.06 - La Juventus comincia a muoversi per sostituire Dani Alves. E per farlo deve stare attenta agli incastri. Perché i nomi su cui si è concentrata in queste ore sono Darmian (che per il Manchester non è più incedibile) e Danilo (che però è extracomunitario). E soprattutto i dirigenti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan-Donnarumma, la soluzione c’è! Roma, le idee (giuste) di Monchi… Juve, ansia Alex Sandro! Ma Ibra? 21.06 - Ogni estate ha il suo tormentone calcistico… Il 2017 lo ricorderemo, a parte per il caldo asfissiante, per le “bizze” legate a Gigio Donnarumma. Neanche i sceneggiatori di Beautiful (soap opera che va in onda, in Italia, dal 1990) potevano creare un intrigo simile… Dal bacio alla...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: c’è un nome per sostituire D.Alves (ma fa a “pugni” con D.Costa…). Milan: attenti alla novità “per forza” su Donnarumma (e Conti…).  Inter: tutto quello che Spalletti ha chiesto dal mercato. Napoli: Raiola ci ha fatto un regalo 20.06 - Per iniziare salutiamo tutti assieme Luigi di Sciacca, filibustiere siciliano incontrato sabato sera a Como. “Ciao, tu scrivi chilometri di robe su tmw. Ti leggo per addormentarmi”. Gli ho offerto un birrone bello fresco perché mi sembrava un complimento. A mente fredda rivorrei...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Raiola non è una minaccia ma una condanna: Tavecchio vigili per il bene dei vivai. Juve, multa Dani Alves. Sabatini prepara i colpi. Serie C, final four "format" da rivedere 19.06 - Quello che in molti non capiscono, dirigenti e tifoserie lontane dai colori rossoneri, che la battaglia sul caso-Donnarumma non riguarda solo il Milan o solo Donnarumma. E' una battaglia di sistema. I tifosi, invece, la racchiudono frettolosamente nel colore sociale e si perdono nel...

EditorialeDI: Marco Conterio

E' il calciomercato più bello del nuovo millennio. Casi shock e trasferimenti record: la top ten dei tormentoni ma siamo solo all'inizio 18.06 - E' un'estate calda, ma questo non è certo una novità. Solo che quest'anno, sotto l'ombrellone, ci stiamo già godendo la più bella e divertente sessione di mercato da anni a questa parte. In ordine sparso: la bomba Cristiano Ronaldo con il Real Madrid. L'avvento dei cinesi del Milan...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.