VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Fra sconfitti e banane ci resta solo Rizzoli

03.08.2014 00:00 di Italo Cucci   articolo letto 31824 volte
© foto di Federico De Luca

Con la collaborazione di un editore (Minerva) e di un comune (Cesenatico) sono riuscito a ridare vita a un evento calcistico che negli anni Sessanta ebbe un clamoroso successo: Il Processo al Calcio. Da un'idea del mitico Conte Alberto Rognoni (cui ho appena dedicato un libro, "Il capanno sul porto") nacque la più grande assise pallonara cui dedicavano tempo, passione e presenza giornalisti come Gianni Brera e Enzo Tortora (due fra tanti) e personaggi come Umberto Agnelli, Angelo Moratti e Enzo Ferrari. Memorabili i "Processi" del '66, dopo la tragicomica Corea di Edmondo Fabbri, e del '70, dopo i famigerati sei minuti di Rivera decisi da Ferruccio Valcareggi in Brasile-Italia. Rivera era (modestamente) il nostro Pelè, fra gli oroverde Pelè fu presentissimo e decisivo. Con questo spirito abbiamo "processato" il Mondiale brasiliano dell'Italia, aperitivo della scorpacciata di banane fatta con Tavecchio. E Albertini. Non ci era bastato, evidentemente, dover registrare la sparata di Buffon contro i giovani (in primis Balotelli), la prima volta che si sentiva un capitano battuto dirsi sostanzialmente estraneo alla sconfitta; ci è toccato - e non è finita - dover assistere alla candidatura di Albertini e ascoltare i suoi programmi (?) come se l'ineffabile compagno di strada di Abete & C. non fosse stato il capocomitiva azzurro in Brasile, quindi il capofila degli sconfitti accolti in patria da un diffusissimo titolo di giornale che gridava "Tutti a casa". Ci risiamo. E nel dubbio - mentre si avvicina la data dell'elezione del nuovo presidente federale - vien voglia di rispolverare quel titolo suggerito da una pagina di poco commendevole storia patria: sì, tutti a casa, e ricominciamo. Da dove? Da chi? Questo è il problema. L'ennesimo equivoco "democratico" lega la soluzione ai numeri, come saggiamente spiega il "roseo" e competentissimo Ruggiero Palombo. E invece ci vorrebbe il coraggio di contarsi non per compartimenti (Federazione, Leghe, Giocatori , Tecnici e Arbitri) ma per teste, ovvero con l'esposizione diretta in forma si suffragio universale di tutti i presidenti, calciatori, tecnici, arbitri e tesserati vari. Non succederà perché il calcio contemporaneo è vittima di un vizio antico - l'omertà - e di un vizio moderno, il "politicamente corretto", ovvero ipocrisia. Di questo e d'altro si è dibattuto a Cesenatico, alla fine consolati dalla sorridente, orgogliosa presenza del premiatissimo Nicola Rizzoli, l'arbitro che ha trionfalmente diretto la finale Germania-Argentina rivelando al mondo esterno e a quello interno, popolato di disfattisti, che il calcio italiano ha ancora punte di eccellenza. La ripresa del campionato è vicina e invece di continuare a piangerci addosso ricominciamo proprio da Rizzoli, dagli Arbitri. Magra consolazione - direte. Mica vero. L'irreprensibile bolognese (che spesso ho criticato, come se fosse un calciatore) ha messo in campo competenza, passione e preparazione fisica (senza passar dalla famigerata "casetta" di Coverciano), arti minime mancate completamente ai pedatori azzurri. Per favore, imitatelo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.