HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Editoriale

Fuori Dybala, torna Mandzukic: ecco cosa farà Allegri per la sfida di domani. Ronaldo ritrova Ancelotti, gli amici della Decima Champions. Litigò con Perez per il licenziamento di Carletto dal Real

28.09.2018 06:45 di Enzo Bucchioni   articolo letto 25616 volte
© foto di Federico De Luca

I dissapori fra Cristiano Ronaldo e Florentino Perez iniziarono proprio per Carlo Ancelotti. Cr7 e Carletto al Real alzarono insieme la Decima Champions, quella Decima che non arrivava mai. L’hanno conquistata loro due e attorno a quella coppa è nato un rapporto di grande stima professionale, ma anche personale. Ho visto con i miei occhi, a Valdebebas, lo straordinario feeling fra Ancelotti e Ronaldo, difficile da ritrovare, fra un campionissimo e un allenatore.
Quando Carletto andò in disgrazia agli occhi del presidente spagnolo (non è difficile), Ronaldo si è opposto al licenziamento con tutta la sua forza personale e contrattuale. Ha parlato con Perez, ha cercato di dissuaderlo, si è anche esposto pubblicamente e duramente per impedire prima e criticare dopo, la decisione del suo presidente. Con Perez niente da fare.
Carletto e Cr7 si ritrovano domani. Sono sicuro che il rapporto fra loro è rimasto intatto in questi anni, si sentono, si sono già incontrati sul campo durante un burrascoso Bayern-Real in Champions nella primavera del 2017, ma allo Stadium avrà un altro sapore. Il sapore dello scudetto.
Juventus e Napoli sono ancora lassù, divise da tre punti, una storia che si ripete. Non c’è più Sarri, d’accordo, il Napoli con Ancelotti ha cambiato modo di giocare, ma i valori restano quelli: la Juventus più forte, i partenopei che ci provano e le armi non mancano.
Cosa farà Allegri?
L’anno scorso perse per un colpo di testa di Koulibaly, l’idea di imbrigliare il gioco del Napoli, di congelare la partita, non ha funzionato. Quest’anno è tutta un’altra storia. Quando prendi Cristiano Ronaldo devi fare la partita, non puoi aspettare e subirla. L’allenatore bianconero ha le idee chiarissime, lineari e logiche, le sei vittorie consecutive più una in Champions, lo dimostrano. Che squadra ha in testa?
Dybala probabilmente starà fuori nonostante il gol al Bologna e la buona prestazione. Allegri tornerà alla squadra e al sistema che gli danno maggiori garanzie, vale a dire il 4-3-3.
In porta Szczesny dopo il debutto di Perin. In difesa coppia centrale super collaudata Bonucci-Chiellini con Cancelo sulla destra e Alex Sandro a sinistra. In mezzo al campo Emre Can, Pjanic e Matuidi con il tedesco al posto di Khedira, ma anche capace di scambiarsi la regia con Pjanic che a seconda delle situazioni potrebbe fare l’interno per giocare di più senza palla. In attacco scontato il ritorno di Mandzukic in mezzo all’area con Ronaldo a sinistra, ma anche la licenza di fare il contrario. A destra un Bernardeschi in gran forma che si è riscoperto avere un grande feeling tecnico con Ronaldo. I giochi sembrano fatti. Con questi giocatori in fase di non possesso può scivolare Bernardeschi a destra, Matuidi a sinistra per formare una linea a quattro che garantisce ampia copertura.
Non sembra questa la partita giusta per tornare al 4-2-3-1 e sfruttare la ritrovata vena di Dybala. In questo caso dovrebbe uscire Pjanic con una mediana muscolare fatta solo con Emre Can e Matuidi, oppure Emre Can e Pjanic, troppo poco, con il rischio di andare in inferiorità numerica in mezzo al campo se gli esterni non tornano con i tempi giusti. E’ vero che Dybala fra le linee del Napoli potrebbe far male, giocare con il rombo con l’argentino dietro Ronaldo e Mandzukic è un’altra soluzione, ma è più probabile che in quella zona in certe situazioni possa spostarsi Bernardeschi con Ronaldo e Mandzukic che si allargano.
Il 4-4-2 e le invenzioni di Ancelotti non vanno sottovalutate. Ha detto bene Allegri, quello che ha vinto vorrà pur dire qualcosa…Se il Napoli di Sarri era l’essenza del bel gioco, della spettacolarità, del possesso palla esasperato, delle giocate di prima, era anche più leggibile. Pensando a questo Napoli che Ancelotti sta trasformando, c’è da chiedersi: dove cercherà la qualità? Carletto ha adottato il 4-4-2 classico, molti movimenti ricordano il Milan di Sacchi, che era anche il suo Milan. Poi c’ha messo molto del suo. Il 4-4-2 che diventa -2-4-4 con i terzini che avanza e gli esterni che affondano.
La partita si giocherà soprattutto sulla capacità proprio degli esterni di saltare l’uomo per avere la superiorità numerica. Davanti prevedo Milik con l’intoccabile Insigne, centroavanti aggiunto, ma anche rifinitore per il polacco. In mezzo si profila il ritorno di Hamsik con Allan. Sugli esterni, Callejon a destra è fatta. A sinistra potrebbe tornare Verdi con il suo brio, ma anche la capacità di tagliare e finire l’azione in mezzo, da trequartista. Il lavoro che faceva Donadoni nel 4-4-2 di Sacchi. Partiva dall’esterno per finire l’azione dietro le punte, andando al tiro o cercando l’assist. A destra dovrebbe tornare Hysaj, al centro Albiol. E Mertens? Non credo parta dall’inizio per tornare a far coppia con Insigne. Il belga serve anche per cambiare la partita, potrebbe entrare per fare l’esterno o la punta, è duttile per un eventuale cambio di modulo. Un elemento prezioso per la panchina. Ma da Ancelotti c’è da aspettarsi qualche invenzione o qualche intuizione. Oltre a conosce benissimo il calcio, sa altrettanto bene delle qualità e dei limiti della Juve.
La partita si giocherà anche lì, dalla capacità tattica delle due panchine. Allegri sfida un allenatore più simile a lui e più bravo di lui, come racconta la storia personale. Mi aspetto mosse e contromosse, certe sfide a volte si vincono per un dettaglio.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Higuain da il via libera per Ibra al Milan. Tutto fatto, lui deciderà entro novembre. Barella, l’Inter torna in pole. Conte al Real, ora si può. Figc, Gravina è l’uomo giusto   19.10 - Un altro importante tassello per il ritorno di Ibrahimovic al Milan l’ha messo direttamente Gonzalo Higuain. Nella bella intervista rilasciata ieri alla Gazzetta, fra le tante cose non banali, si legge anche: “Ibra al Milan? Io amo giocare con i grandissimi e lui lo è”. E’ più di...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il derby di Milano: strade incrociate, obiettivi comuni 18.10 - Siamo entrati nel vivo: la settimana del derby di Milano. E dopo la pausa per gli impegni della Nazionale, che ci ha regalato una bella vittoria contro la Polonia fatta di speranza e di bel gioco, non poteva tornare con una partita migliore, il campionato di serie A. Milan e Inter...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby time: ecco perché il Milan è favorito. L’Inter sarebbe più in forma, ma… Cristiano Ronaldo con vista Manchester: la Juventus pensa già allo United per spaventare l’Europa. I 35 milioni offerti dal Napoli per Piatek 17.10 - Come si vince il Derby della Madonnina? E chi rischia di più? Inter-Milan è la partita che noi tutti ci meritiamo dopo due settimane di pausa, ristoratrici per la Nazionale e per il nostro amor proprio, ma che ci hanno lasciato una fame di calcio tale da sbirciare quasi con curiosità...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: quel che si può dire (e non dire) su Ronaldo. Inter e Milan: un derby lunghissimo (con Marotta sullo sfondo). Napoli: il prezzo di Piatek. Italia: bentornati azzurri, ma sugli stadi… 16.10 - Ciao. Domenica c’è il derby, l’altro giorno invece ha giocato la Nazionale. Ci si divide tra chi dice “uh ma che bella Nazionale! Parliamone!” e chi “che due maroni la sosta, pensiamo al derby di Milano”. Solo che il derby è domenica sera, manca ancora una vita. E allora ci si spreme...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Berlusconi e il Milan di Gattuso. Ad Allegri manca solo un tetto. Marotta-Inter, non avrebbe senso. Io voto Gravina perché.... 15.10 - Quando c'è la pausa campionato è un disastro. Non sai cosa scrivere e devi inventare storie, raccogliere notizie e parlare di mercato anche quando non c'è. Per fortuna, in questa domenica pomeriggio, Silvio Berlusconi su Sportitalia (durante Monza-Triestina) ci ha dato diversi spunti...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La pausa degli esoneri e dei primi acquisti per gennaio. Pungiball Ventura, ma il Chievo ha fatto benissimo. Finalmente c'è la formazione: ora Mancini segua il consiglio di Sarri 14.10 - Lo sport Nazionale degli ultimi undici mesi è stato insultare Gian Piero Ventura. Non è stato solo il colpevole dell'eliminazione dell'Italia dal Mondiale, ma dallo scorso 13 novembre di qualsivoglia problema. L'aumento dello spread? E' colpa di Ventura. Il surroscaldamento globale?...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Conte ipotesi concreta per il Real, Florentino pronto a tutto per avere anche Hazard. Milan, che colpo Paquetà. Under verso il rinnovo fino al 2023. Napoli a breve l’accordo con Zielinski, per gennaio non sono previste operazioni in entrata 13.10 - Lopetegui, Conte, Real e Chelsea. Il mese di ottobre potrebbe regalarci un’altra interessante rivoluzione in panchina. Florentino Perez non è soddisfatto del rendimento del suo allenatore, fortemente voluto in estate dopo l’addio di Zidane e ora sta pensando in maniera concreta ad...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ronaldo, una vergogna. In certi casi è vietato tifare. Juve su James Rodriguez e Rabiot. Milan, dopo Paquetà tutto su Barella. Derby con l’Inter per Ramsey 12.10 - Attorno alla vicenda personalissima che coinvolge Cristiano Ronaldo stiamo scrivendo un’altra pagina imbarazzante. E dico poco. Fatevi questa domanda: avete elementi seri che vi possano far pensare che Cristiano Ronaldo sia colpevole di stupro? La risposta sensata, quasi obbligata,...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Milan: un colpo in Brasile. Leicester: in arrivo un italiano, faceva il cameriere! E una Nazionale che non decolla... 11.10 - Il Milan ha praticamente preso Paquetà, il primo colpo di Leonardo. Nella notte italiana, Globo Esporte aveva lanciato l'indiscrezione. Nel corso della giornata le conferme. Accordo raggiunto tra Milan e Flamengo per il centrocampista offensivo brasiliano classe '97. Il ragazzo arriverà...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Incredibile Cristiano! Si sente perseguitato dalla Uefa, e ha deciso di boicottare la Nations League! Come se al momento non ci fossero altre preoccupazioni. L’Italia e Mancini invece devono considerarla priorità, per non finire come Ventura 10.10 - La faccenda ha dell’incredibile, e sarebbe da farci una risata sopra se non apparisse assurda. E terribilmente fuori luogo, visto il momento estremamente delicato. Cristiano Ronaldo, e insieme con lui il suo entourage familiare e lavorativo (che nel caso di Cristiano si mischiano),...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy