HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Fuori Dybala, torna Mandzukic: ecco cosa farà Allegri per la sfida di domani. Ronaldo ritrova Ancelotti, gli amici della Decima Champions. Litigò con Perez per il licenziamento di Carletto dal Real

28.09.2018 06:45 di Enzo Bucchioni   articolo letto 25678 volte
© foto di Federico De Luca

I dissapori fra Cristiano Ronaldo e Florentino Perez iniziarono proprio per Carlo Ancelotti. Cr7 e Carletto al Real alzarono insieme la Decima Champions, quella Decima che non arrivava mai. L’hanno conquistata loro due e attorno a quella coppa è nato un rapporto di grande stima professionale, ma anche personale. Ho visto con i miei occhi, a Valdebebas, lo straordinario feeling fra Ancelotti e Ronaldo, difficile da ritrovare, fra un campionissimo e un allenatore.
Quando Carletto andò in disgrazia agli occhi del presidente spagnolo (non è difficile), Ronaldo si è opposto al licenziamento con tutta la sua forza personale e contrattuale. Ha parlato con Perez, ha cercato di dissuaderlo, si è anche esposto pubblicamente e duramente per impedire prima e criticare dopo, la decisione del suo presidente. Con Perez niente da fare.
Carletto e Cr7 si ritrovano domani. Sono sicuro che il rapporto fra loro è rimasto intatto in questi anni, si sentono, si sono già incontrati sul campo durante un burrascoso Bayern-Real in Champions nella primavera del 2017, ma allo Stadium avrà un altro sapore. Il sapore dello scudetto.
Juventus e Napoli sono ancora lassù, divise da tre punti, una storia che si ripete. Non c’è più Sarri, d’accordo, il Napoli con Ancelotti ha cambiato modo di giocare, ma i valori restano quelli: la Juventus più forte, i partenopei che ci provano e le armi non mancano.
Cosa farà Allegri?
L’anno scorso perse per un colpo di testa di Koulibaly, l’idea di imbrigliare il gioco del Napoli, di congelare la partita, non ha funzionato. Quest’anno è tutta un’altra storia. Quando prendi Cristiano Ronaldo devi fare la partita, non puoi aspettare e subirla. L’allenatore bianconero ha le idee chiarissime, lineari e logiche, le sei vittorie consecutive più una in Champions, lo dimostrano. Che squadra ha in testa?
Dybala probabilmente starà fuori nonostante il gol al Bologna e la buona prestazione. Allegri tornerà alla squadra e al sistema che gli danno maggiori garanzie, vale a dire il 4-3-3.
In porta Szczesny dopo il debutto di Perin. In difesa coppia centrale super collaudata Bonucci-Chiellini con Cancelo sulla destra e Alex Sandro a sinistra. In mezzo al campo Emre Can, Pjanic e Matuidi con il tedesco al posto di Khedira, ma anche capace di scambiarsi la regia con Pjanic che a seconda delle situazioni potrebbe fare l’interno per giocare di più senza palla. In attacco scontato il ritorno di Mandzukic in mezzo all’area con Ronaldo a sinistra, ma anche la licenza di fare il contrario. A destra un Bernardeschi in gran forma che si è riscoperto avere un grande feeling tecnico con Ronaldo. I giochi sembrano fatti. Con questi giocatori in fase di non possesso può scivolare Bernardeschi a destra, Matuidi a sinistra per formare una linea a quattro che garantisce ampia copertura.
Non sembra questa la partita giusta per tornare al 4-2-3-1 e sfruttare la ritrovata vena di Dybala. In questo caso dovrebbe uscire Pjanic con una mediana muscolare fatta solo con Emre Can e Matuidi, oppure Emre Can e Pjanic, troppo poco, con il rischio di andare in inferiorità numerica in mezzo al campo se gli esterni non tornano con i tempi giusti. E’ vero che Dybala fra le linee del Napoli potrebbe far male, giocare con il rombo con l’argentino dietro Ronaldo e Mandzukic è un’altra soluzione, ma è più probabile che in quella zona in certe situazioni possa spostarsi Bernardeschi con Ronaldo e Mandzukic che si allargano.
Il 4-4-2 e le invenzioni di Ancelotti non vanno sottovalutate. Ha detto bene Allegri, quello che ha vinto vorrà pur dire qualcosa…Se il Napoli di Sarri era l’essenza del bel gioco, della spettacolarità, del possesso palla esasperato, delle giocate di prima, era anche più leggibile. Pensando a questo Napoli che Ancelotti sta trasformando, c’è da chiedersi: dove cercherà la qualità? Carletto ha adottato il 4-4-2 classico, molti movimenti ricordano il Milan di Sacchi, che era anche il suo Milan. Poi c’ha messo molto del suo. Il 4-4-2 che diventa -2-4-4 con i terzini che avanza e gli esterni che affondano.
La partita si giocherà soprattutto sulla capacità proprio degli esterni di saltare l’uomo per avere la superiorità numerica. Davanti prevedo Milik con l’intoccabile Insigne, centroavanti aggiunto, ma anche rifinitore per il polacco. In mezzo si profila il ritorno di Hamsik con Allan. Sugli esterni, Callejon a destra è fatta. A sinistra potrebbe tornare Verdi con il suo brio, ma anche la capacità di tagliare e finire l’azione in mezzo, da trequartista. Il lavoro che faceva Donadoni nel 4-4-2 di Sacchi. Partiva dall’esterno per finire l’azione dietro le punte, andando al tiro o cercando l’assist. A destra dovrebbe tornare Hysaj, al centro Albiol. E Mertens? Non credo parta dall’inizio per tornare a far coppia con Insigne. Il belga serve anche per cambiare la partita, potrebbe entrare per fare l’esterno o la punta, è duttile per un eventuale cambio di modulo. Un elemento prezioso per la panchina. Ma da Ancelotti c’è da aspettarsi qualche invenzione o qualche intuizione. Oltre a conosce benissimo il calcio, sa altrettanto bene delle qualità e dei limiti della Juve.
La partita si giocherà anche lì, dalla capacità tattica delle due panchine. Allegri sfida un allenatore più simile a lui e più bravo di lui, come racconta la storia personale. Mi aspetto mosse e contromosse, certe sfide a volte si vincono per un dettaglio.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Le incertezze della Champions: la cura non è solo il mercato... 13.12 - Possiamo dirlo senza mezzi termini: peggio di così difficilmente poteva andare. Martedì sera le due italiane non sono riuscite a qualificarsi nonostante avessero avuto tutto a disposizione, non soltanto in questo turno di Champions, ma anche i precedenti. Mercoledì Juve e Roma si...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->