VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Galliani-Sacchi da una parte e Capello dall'altra anche il 29 settembre. Napoli, Sarri rischia la sindrome da stress. Inter, non era colpa di Brozovic

01.10.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 16848 volte

I 30 dei suoi 80 anni regalati da Silvio Berlusconi al Milan non sono stati tutti rose e fiori. Oltre ai petali di rose, ci sono state le dinamiche interne, le tensioni. Nei momenti degenerativi anche le fazioni. Ne abbiamo avuta una rappresentazione simbolica il 29 Settembre, nella completa, appassionata, intensa, e nella nostra interpretazione assolutamente realistica diretta di Tiki Taka su Italia 1 nel giorno del compleanno presidenziale. Sacchi-Capello ad esempio: Arrigo aveva appena finito di dichiarare a Milan TV "lasciamo stare" ad una domanda sulla partecipazione alla manovra di Carlos Bacca, ed ecco che Fabio parte live all'attacco di Galliani proprio su Bacca. "E' fondamentale", dice Don Fabio, "deve esserci sempre, e loro lo volevano vendere"...Ad un Galliani che si stringe nelle spalle, sorvolando sulle reali volontà di cessione nonchè sulle intenzioni iniziali dello stesso Bacca, e che risponde sorridendo "E qui", Capello risponde "Meno male, per noi milanisti meno male". Noi che eravamo Milanisti anche dal 2004 al 2006, prendiamo atto. E il buon Paolo Maldini? Deve essere stata dura per lui non essere al fianco del suo amico Marco Van Basten, ma da una parte c'era Fabio Capello con il quale dopo l'espulsione di Roma del 1998 non si era lasciato benissimo e dall'altra Adriano Galliani con il quale i rapporti sono cordiali e sorridenti, ma proverbialmente lontani. Niente di cui stupirsi, è il Milan, ragazzi. Personalità forti, caratteri veri, profondi. E che Silvio Berlusconi sia riuscito a sintetizzarli e a compattarli tutti in 30 anni è il vero senso, la vera eredità della sua Presidenza. Il 29 Settembre è stata la festa della Storia del Milan. Alla quale non bisogna avvicinarsi in maniera arruffata e tendenziosa. Perchè dal tritacarne della Storia, poi se ne esce piccoli piccoli. La scelta storica ad esempio di Shevchenko al Milan è stata più volte raccontata da Adriano Galliani: "Il suo arrivo è stato merito di Braida. La sera che andammo a vederlo io e Ariedo a Kiev lui giocò male, ma Ariedo riuscì a farmi vedere anche le cose che non si vedevano quella sera e mi fidai di lui". Se poi oggi, per compiacere chissà quale motore immobile e per provare a rendere nuovamente irrespirabile l'aria, si ritoccano anche le verità ormai assimiliate dal Tempo, è solo una conferma del fatto che purtroppo il Milan deve essere dolorosamente venduto dal suo Presidente per il semplice motivo che sono quattro anni che non riesce più ad essere completamente sè stesso. Esattamente dallo Scudetto, perso, non vinto, nel 2012.

Per chi insegna calcio come Maurizio Sarri, non può che essere la Champions League l'alveo naturale. La Champions è una competizione nella quale l'unità di misura è il gioco. Non conta altro, la Champions per sua natura smaschera utilitarismi, tattiche mezze e mezze, speculazioni di campo di vario tipo. E' consequenziale che il suo Napoli trovi le sue ispirazioni migliori nell'Europa che conta, adesso che è sicuro del suo gioco e tutti i giocatori sanno come essere coinvolti nel gioco. Non è facile mettere in campo una squadra così, ce ne rendiamo perfettamente conto. Far giocare il Napoli come abbiamo visto con il Benfica, significa avere cura del Napoli. Volergli bene, tenerci tantissimo. E questo dal punto di vista nervoso, costa. Ci raccontano di un Sarri intimamente ed esteriormente nervosissimo dopo Genoa-Napoli. Deve curare anche sè stesso, Sarri. Non solo la sua creatura. Lo stress di cui è stato vittima Arrigo Sacchi nel 2000 lo conferma e lo insegna. Maurizio va tutto bene, è bellissimo vedere giocare il Napoli, ma con calma e con giudizio.

Frank De Boer ha utilizzato Brozovic per indicare al gruppo un modello di non comportamento, di non atteggiamento. Cose da non seguire e da non imitare. Effettivamente, nel primo tempo di Inter-Hapoel proprio Brozovic era stato irritante. Ma a Praga il croato non c'era. Il capro espiatorio diventano tanti capri espiatori. Senza Brozovic, l'Inter non è riuscita a dare importanza all'Europa League neanche contro lo Sparta. Erano in campo sette-otto undicesimi della formazione titolare. Mancava la spina dorsale, Murillo-Joao Mario-Icardi, ma di fronte c'era una squadra in crisi appena battuta in casa nel derby dallo Slavia Praga. Quindi è tutta l'Inter dell'Europa League che non funziona. La lista UEFA monca, per comprensibili ragioni di Fair Play Finanziario, ha inoculato nella squadra il concetto che quest'anno la competizione vera è il Campionato. L'Europa League viene dopo, meno giocatori, meno campioni, meno vetrina, meno potenzialità, meno tutto. I tifosi si sfogano contro i giocatori, ma il problema Europa League dell'Inter di quest'anno è strutturale, non umorale.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Finalmente è finito uno dei campionati più brutti degli ultimi anni. Il pagellone semiserio da 10 a 0: tra il closing più lungo di una soap, il tatuaggio di Baccaglini, il Pallone d'Oro a Buffon, la carriera di Totti e un addio che ha stufato 28.05 - Finalmente uno dei campionati più brutti e scontati di cui abbia memoria è finito. Doveva vincere la Juventus e lo ha fatto. Dovevano retrocedere Pescara, Palermo e Crotone con l'Empoli a rischio e ci siamo quasi. Dovevano andare in Champions League il Napoli e la Roma e l'hanno fatto....
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Gigio guardalo, è il tuo Milan. L'inevitaible egoismo di Totti. Bonucci e United esempi veri 27.05 - Ci sono in giro due tentativi di contaminare il momento magico del Milan. Che non è il sesto posto, ma è il mercato di svolta fatto con intensità e coraggio, il buon senso che si legge in tante scelte e in tanti atteggiamenti, l'eccezionale stato di forma dei tifosi. Che non si sono...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.