HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Editoriale

Gattuso confermato, il Milan ha deciso. Ma Donnarumma va via, arriva Reina: se i cinesi in pagano, Elliott ha già l’acquirente. Sabatini in Cina per l’Inter del futuro

23.02.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 35833 volte
© foto di Federico De Luca

Il Milan sta trovando una sua dimensione, non c’è motivo di cambiare, Fassone e Mirabelli hanno deciso: Gattuso sarà l’allenatore rossonero anche l’anno prossimo. La decisione è già stata comunicata a Rino che l’ha accolta con entusiasmo e una promessa: farà di tutto per provare a conquistare la Champions League. Un obiettivo non da poco, insperato e insperabile fino a qualche settimana fa. E’ la carica di questo allenatore che ha trasformato il Milan, ma non solo la carica. Fassone e Mirabelli prima di decidere la riconferma hanno analizzato questi mesi di Gattuso sulla panchina rossonera per scoprire che dietro al ritorno del Milan non ci sono soltanto il carattere, la grinta e la determinazione che Rino ha trasmesso alla squadra, ma anche capacità tecniche e manageriali insperate e non ipotizzabili al momento del cambio di panchina. Gattuso ha stupito tutti. E’ un allenatore vero e non soltanto un motivatore come pensavano i più. Anche giocatori esperti come Bonucci si sono espressi favorevolmente, in giro non ci può essere niente di meglio di Gattuso, indipendentemente da come finirà la stagione. Il Milan ha trovato un allenatore vero che in più ha portato anche il senso di appartenenza, ha un solido legame con il Grande Milan, pure questo è un valore aggiunto. Il gruppo è compatto con lui, la decisione trova tutti d’accordo. Ora parte l’assalto alla Champions a cominciare dalla sfida di ‪domenica sera‬ con la Roma.
Al Milan, comunque, nonostante Gattuso i problemi non mancano. Come avevamo già scritto qualche settimana fa, continuano ad arrivare notizie sempre più insistenti sulla decisione di Donnarumma di accettare le offerte del Psg. Meglio, la decisione di Raiola. Cambia poco. Al giocatore andranno dieci milioni di euro netti più bonus che dovrebbero far salire l’ingaggio a tredici milioni, il doppio di quanto percepito oggi. Raiola si è impegnato a portare subito nelle casse del Milan circa 70 milioni che serviranno per la gestione e per il mercato dell’estate prossima, tanta manna vista l’incertezza sulla situazione societaria. E’ un sacrificio annunciato, niente di strano. Certe cifre non si possono rifiutare e il ruolo di portiere è già stato coperto grazie ad un accordo biennale con Pepe Reina che lascerà il Napoli.
La società nel mirino, appunto. Gattuso ricorda che gli stipendi arrivano tutti i mesi, che l’allarme non ha senso. La verità, come al solito, sta nel mezzo. Yonghong Li non sarà il cinese nababbo che ci si aspettava, di sicuro le incertezze e i dubbi su questa mega acquisizione restano intatti, ma il Milan ha poco da temere. Il signor Li, di fatto, ha già tirato fuori delle cifre enormi. Di chi sono? Dove li ha presi? Esistono le sue risorse?
Domande che al Milan e soprattutto ai milanisti devono interessare relativamente. Il nodo sarà sciolto il prossimo ottobre quando il fondo Elliott dovrà riavere i 300 milioni più interessi, circa ‪380, che ha anticipato a Yonghong Li‬. Se il finanziere cinese non dovesse pagare, il fondo diventerebbe immediatamente proprietario del Milan e il signor Li ci avrebbe rimesso tutto quello tirato fuori fino ad oggi.
Perché i milanisti devono stare tranquilli?
Nelle stanze della finanza internazionale si parla già di un possibile acquirente in grado di rilevare il Milan per 400 milioni dal fondo Elliott. Una cifra interessante per un brand così importante. La potenza e la visione strategica di Elliott è riconosciuta, chi ipotizza scenari catastrofici forse non ha una chiara visione del business mondiale.
In questo momento, e siamo al paradosso, se la passano peggio i cinesi dell’Inter. Sabatini sta andando in Cina per parlare con il Grande Capo Suning e capire cosa vorrà fare dell’Inter ora e soprattutto nel mercato estivo. La fiducia a Spalletti arrivata appena ieri è un gesto di debolezza. Una grande società avrebbero dovuto impedire a Spalletti di fare le dichiarazioni pubbliche che ha fatto, ma dover ribadire oggi la fiducia a un tecnico ingaggiato appena otto mesi fa non ha senso. Se l’Inter non ritrova in fretta una coesione fortissima fra società, manager e comparto tecnico, non fa programmi nei quali crede fortemente, il futuro non potrà essere positivo. In questo quadro c’è anche la posizione di Icardi. Intanto la clausola da 110 milioni per l’estero si rivela un errore colossale. Troppo poco. Il giocatore è bravo, ma ingombrante. L’Inter deve chiarire subito che gioco vorrà fare in futuro, se vorrà continuare a dare le chiavi del gioco a un giocatore solo o cambiare prospettiva tecnico-tattica. Se, come confermato da Wanda Nara, dietro Icardi c’è anche il Real, diventa difficile competere con certi ingaggi. Anche di questo Sabatini parlerà con il signor Zhang. Lo stesso discorso si può fare per Dybala. In questi mesi il suo nome è rimasto fra le nebbie perché non giocava, ma gli operatori di mercato hanno continuato a lavorare. Sull’argentino sono in molti e la Juventus lo sa. I bianconeri aspettano il ritorno ad alti livelli del giocatore, dovranno valutare la ritrovata umiltà e la cultura del lavoro, l’integrazione con il gruppo e l’allenatore. Non c’è una linea già adottata, si naviga a vista, molto dipenderà da cosa farà Dybala nei prossimi mesi, ma io non scommetto un euro sulla sua permanenza in bianconero.
Un altro giocatore che piace a molte società europee e italiane è Federico Chiesa. Vi abbiamo già raccontato che per il ragazzino (classe 1997) si sono mossi anche Bayern e Arsenal e altre grandi società hanno inviato osservatori. Bene. Oggi sappiano tutti che c’è uno spartiacque, il giocatore e la famiglia, stando a indiscrezioni, hanno deciso che dell’estero non si parla. Federico Chiesa resterà a maturare in Italia. Se la Fiorentina farà una squadra da Europa League sarà felice di restare a Firenze, in caso contrario Napoli, Milan e Inter sono già pronte a un’asta che come minimo partirà da 40 milioni.     


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: quel che si può dire (e non dire) su Ronaldo. Inter e Milan: un derby lunghissimo (con Marotta sullo sfondo). Napoli: il prezzo di Piatek. Italia: bentornati azzurri, ma sugli stadi… 16.10 - Ciao. Domenica c’è il derby, l’altro giorno invece ha giocato la Nazionale. Ci si divide tra chi dice “uh ma che bella Nazionale! Parliamone!” e chi “che due maroni la sosta, pensiamo al derby di Milano”. Solo che il derby è domenica sera, manca ancora una vita. E allora ci si spreme...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Berlusconi e il Milan di Gattuso. Ad Allegri manca solo un tetto. Marotta-Inter, non avrebbe senso. Io voto Gravina perché.... 15.10 - Quando c'è la pausa campionato è un disastro. Non sai cosa scrivere e devi inventare storie, raccogliere notizie e parlare di mercato anche quando non c'è. Per fortuna, in questa domenica pomeriggio, Silvio Berlusconi su Sportitalia (durante Monza-Triestina) ci ha dato diversi spunti...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La pausa degli esoneri e dei primi acquisti per gennaio. Pungiball Ventura, ma il Chievo ha fatto benissimo. Finalmente c'è la formazione: ora Mancini segua il consiglio di Sarri 14.10 - Lo sport Nazionale degli ultimi undici mesi è stato insultare Gian Piero Ventura. Non è stato solo il colpevole dell'eliminazione dell'Italia dal Mondiale, ma dallo scorso 13 novembre di qualsivoglia problema. L'aumento dello spread? E' colpa di Ventura. Il surroscaldamento globale?...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Conte ipotesi concreta per il Real, Florentino pronto a tutto per avere anche Hazard. Milan, che colpo Paquetà. Under verso il rinnovo fino al 2023. Napoli a breve l’accordo con Zielinski, per gennaio non sono previste operazioni in entrata 13.10 - Lopetegui, Conte, Real e Chelsea. Il mese di ottobre potrebbe regalarci un’altra interessante rivoluzione in panchina. Florentino Perez non è soddisfatto del rendimento del suo allenatore, fortemente voluto in estate dopo l’addio di Zidane e ora sta pensando in maniera concreta ad...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ronaldo, una vergogna. In certi casi è vietato tifare. Juve su James Rodriguez e Rabiot. Milan, dopo Paquetà tutto su Barella. Derby con l’Inter per Ramsey 12.10 - Attorno alla vicenda personalissima che coinvolge Cristiano Ronaldo stiamo scrivendo un’altra pagina imbarazzante. E dico poco. Fatevi questa domanda: avete elementi seri che vi possano far pensare che Cristiano Ronaldo sia colpevole di stupro? La risposta sensata, quasi obbligata,...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Milan: un colpo in Brasile. Leicester: in arrivo un italiano, faceva il cameriere! E una Nazionale che non decolla... 11.10 - Il Milan ha praticamente preso Paquetà, il primo colpo di Leonardo. Nella notte italiana, Globo Esporte aveva lanciato l'indiscrezione. Nel corso della giornata le conferme. Accordo raggiunto tra Milan e Flamengo per il centrocampista offensivo brasiliano classe '97. Il ragazzo arriverà...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Incredibile Cristiano! Si sente perseguitato dalla Uefa, e ha deciso di boicottare la Nations League! Come se al momento non ci fossero altre preoccupazioni. L’Italia e Mancini invece devono considerarla priorità, per non finire come Ventura 10.10 - La faccenda ha dell’incredibile, e sarebbe da farci una risata sopra se non apparisse assurda. E terribilmente fuori luogo, visto il momento estremamente delicato. Cristiano Ronaldo, e insieme con lui il suo entourage familiare e lavorativo (che nel caso di Cristiano si mischiano),...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri sta vincendo l'ultima sfida (e Ronaldo...). Inter: Spalletti ha un muro insuperabile da battere (e c'entra Icardi). Milan: il mercato e la memoria corta. Arriva il derby, con le solite balle... 09.10 - C’è la sosta. Porca malora. La sosta non piace a noi, ma neppure ai giocatori: Mancini ne ha convocati 28 e sono tornati a casa in 29 (anche il giardiniere di Coverciano si è dato malato). Ma non è questo il punto: le soste ci sono e ce le teniamo. Parliamo piuttosto di Temptation...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Serie A senza emozioni. La Juve cala subito il sipario. Ventura-Chievo? La sua giusta dimensione. Gattuso, numeri da... Conte! E Ancelotti si sta prendendo il Vesuvio 08.10 - Il problema della serie A non sono gli stadi, i diritti tv, il mercato o il marketing. Il vero problema sta diventando la Juventus. E non è una battuta. Vuole essere un'analisi semiseria. La, quasi, ossessione dei bianconeri di vincere questa maledetta Champions sta aumentando il...

Editoriale DI: Marco Conterio

L'assurdo processo mediatico per Ronaldo già prima delle sentenze. In campo Fenomeno e Juve pazzesca. L'Italia finalmente si accorge di Pellegrini mentre è in cerca di un 9. Solo che Cutrone è in panchina e il Milan pensa a Ibra 07.10 - Giustizialisti e innocentisti. Accecati dalla voglia di una soluzione, prima che il tempo faccia il suo corso. Scrivere di Cristiano Ronaldo in queste delicate ore non è certo facile. Perché pende su di lui una scure importante, un'accusa grave. Però non c'è null'altro da aggiungere....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy