HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi tra le italiane passerà il girone di Champions League?
  Tutte
  Juventus, Inter e Roma
  Juventus, Inter e Napoli
  Juventus, Napoli e Roma
  Inter, Napoli e Roma
  Juventus e Roma
  Juventus e Inter
  Juventus e Napoli
  Inter e Roma
  Inter e Napoli
  Roma e Napoli
  Solo la Juventus
  Solo la Roma
  Solo l'Inter
  Solo il Napoli
  Nessuna

La Giovane Italia
Editoriale

Gattuso e l’ombra di Conte, un problema da risolvere subito. Se ci crede, la società protegga l’allenatore, altrimenti lo cacci. Inter, anche una Champions da brividi. E Spalletti in difficoltà si aggrappa a Nainggolan

31.08.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 40816 volte
© foto di Federico De Luca

Dopo il Napoli ecco la Roma, stasera è l’occasione giusta per capire se il nuovo Milan di Gattuso cresce o no. A che punto è arrivato con il lavoro. La sconfitta del San Paolo non è stato un bel segnale, le squadre non possono durare soltanto 55 minuti e gli errori dell’allenatore nella gestione dei cambi e della partita sono stati determinanti. Con l’onestà che lo accompagna, Gattuso li ha riconosciuti. E’ chiaro che non si cambia Biglia per mettere Bakayoko, due giocatori troppo diversi, la partita l’ha persa lì.

Ma è quello che è successo dopo che deve far riflettere a fondo la dirigenza rossonera. Se esiste un problema allenatore va risolto e se non esiste il Milan deve essere chiaro e duro.

Cosa è successo?

Un autentico massacro di Gattuso sui social e sui media inscenato dagli stessi tifosi rossoneri. La cosa è strana, Gattuso è una bandiera del Milan e non si merita tanto dopo appena una partita di campionato. Non sarà un fenomeno, ma l’anno scorso ha fatto bene, in un girone è riuscito in parte a rimediare i disastri di Montella con una squadra certamente non perfetta.

A chi non piace Gattuso?

Chi spinge per cambiarlo?

Non vogliamo fare dietrologia, ma una reazione così forte ha bisogno di una analisi meno superficiale. E, diciamo la verità, le parole di Leonardo dopo la sconfitta non sono state così decise, la delusione nel suo sguardo e nel non verbale era evidente.

Una cosa deve essere chiarissima se non si vuole compromettere una stagione o impedire al Milan di crescere: con Gattuso non servono le mezze misure.

La nuova proprietà deve essere completamente convinta che Rino sia l’allenatore giusto e se lo è va difeso con grande energia, a parole e con i gesti. Duramente. Sempre. Nello spogliatoio e fuori. Con i media e con i tifosi.

L’allenatore e il gruppo che sta iniziando la stagione devono essere messi nelle condizioni ideali per lavorare, vanno accompagnati con fiducia e protetti.

Ma siccome nel calcio può sempre succedere di tutto, potrebbe anche darsi che qualcuno veda Gattuso come una scelta della vecchia proprietà, che ci siano dei dubbi sul suo modo di fare calcio, o meglio, sulla sua idea di calcio. Se è così va presa subito una decisione, anche drastica, anche con cinismo. La peggior soluzione sarebbe tenere Gattuso solo perché ha un contratto, perché è un grande ex, ha il Milan dentro, o perché non si hanno sottomano alternative.

Gattuso, invece, va tenuto soltanto se c’è la totale e incondizionata fiducia, altrimenti tutto diventa complicato, difficile, inutile.

E’ davvero Conte l’allenatore ideale per la nuova proprietà rossonera?

Si sta aspettando soltanto che l’ex Ct risolva le sue questioni (anche legali) con il Chelsea?

Interrogativi che sono tornati a circolare dopo una sola sconfitta in campionato e per di più contro il Napoli. Come campanello d’allarme non sembra poco.

Dalla gara di stasera, un’altra molto complicata, comunque vada vorrei vedere un atteggiamento diverso da parte di tutti. Lasciare solo Gattuso è la peggiore delle soluzioni. Non decidere nel calcio è la cosa che va evitata.

E’ chiaro che la risposta ai dubbi e agli interrogativi li dovrà dare la squadra e già stasera aspettiamo dei miglioramenti. Anche di Gattuso.

E se il Milan non ride, l’altra milanese piange. Come se non bastasse un punto in due partite, il sorteggio Champions ha infilato l’Inter nel girone più difficile con Barcellona, Tottenham e Psv. Questa Inter sembra avere poche chances, ma il ricordo dell’impresa della Roma che un anno fa in un girone simile arrivò addirittura prima, deve essere stimolante. Il problema, naturalmente, è l’Inter. Spalletti ha clamorosamente sbagliato l’avvio della stagione, ha tolto alla squadra le certezze che aveva acquisito a fatica l’anno scorso e da quelle doveva ripartire. Troppi cambi di giocatori, affrettato inserimento dei nuovi, bocciature eccessive dei vecchi, sottovalutazione dell’impatto del mondiale, soprattutto suoi croati. Mi chiedo: ma gente come Borja Valero in questo inizio non poteva essere utile? E Candreva, pur con i suoi limiti?

Resto comunque convinto che Spalletti ne uscirà e il debutto di Nainggolan a galleggio fra centrocampo e attacco lo aiuterà a portare muscoli e personalità. L’importante è decidere. Una difesa a tre con Skriniar, Miranda e De Vrij, sinceramente ce l’hanno in pochi. Che si aspetta a ripartire da lì?

A proposito di sorteggio Champions, al Napoli è andata peggio visto che era in seconda fascia. Psg e Liverpool, ultima finalista, sono tanto roba. Qualcuno scherza, avete visto? Cavani torna a Napoli, ma uno scherzo non sarà. Per fortuna che c’è Ancelotti, l’uomo della Decima, lo specialista della Champions.

La Juve avrà Mourinho con il suo United e Valencia, girone abbordabile. Come la Roma che tornerà a Madrid con Real, ma Cska Mosca e Victoria Pilzen non fanno paura.

A proposito di Juve, come vi abbiamo anticipato venerdì scorso l’esclusione del deludente Dybala di Verona al debutto, ecco in arrivo un’altra chance per l’argentino con il Parma. Allegri passa al 4-2-3-1 con Cuadrado, Dybala e Ronaldo dietro a Mandzukic. Questi due con licenza di scambiarsi la posizione.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

La Champions delle emozioni: ecco chi è "condannato" a vincere... 20.09 - E' tornata la Champions. Ed è tornata in tutto il suo splendore. La Champions esalta, la Champions non perdona. La Champions dimostra che la Juve ha una squadra forte fisicamente, tecnicamente e mentalmente, anche senza CR7, anzi con l'espulsione di CR7. Ha mandato all'inferno la...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

L’Inter ha il cuore, ma la testa? Ecco l’errore più grosso che sembra non vedere. Le ragioni per cui la Juventus è la favorita per la Champions. Il Napoli può aver già compromesso la qualificazione. Mentre per la Roma a Madrid è facile 19.09 - Forse il Tottenham aveva creduto di vincerla. E forse poteva anche avere ragione. Ma aveva sottovalutato un aspetto: mai dare per finito chi ha mangiato merda per 7 anni, ed adesso è disperato per uscire dalla sua condizione. Eppure, a prescindente dalla folle rimonta, l’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve e Douglas: il suo errore e quello "degli altri". Inter: ecco chi ha fretta di seppellire i nerazzurri. Milan: la ricetta di Gattuso (in barba alle "ombre"). Ridateci il Var, per carità. E su Barella... 18.09 - L’ombra di Conte. L’ombra di Conte è devastante. È su tutti. Su Spalletti. Su Gattuso. Su Di Francesco. Ma anche su di te. Al lavoro sei stato rimbrottato? C’è l’ombra di Conte. La tua ragazza ultimamente ti tratta male? Pensaci, potrebbe essere l’ombra di Conte. Sei pallido? Per...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Si scrive Inter, si legge crisi. Ronaldo e il gol: adesso via ai titoloni. Allarme Roma mentre Gattuso deve prendere una decisione 17.09 - Parlare di crisi dopo 4 giornate è prematuro. Non si possono lanciare allarmi e non si possono fare funerali ad uno che ha solo il raffreddore. Se è vero che abbiamo forzato un pò la mano per il titolo è altrettanto vero che l'Inter non ha solo il raffreddore ma la diagnosi è piuttosto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il Var così è inutile, parte seconda. Ci hanno rotto il calcio: è tutto più che ridicolo. E il campionato sembra già finito 16.09 - In due settimane di pausa si sono sviluppati tre macrotemi: la Nazionale, il campionato dei tribunali e quello che sembra già finito, cioè la A, perché provate a pensare quando si sbloccherà Cristiano Ronaldo. Ieri si è aggiunto in maniera prepotente, ma in realtà è così dalla prima...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter ancora Modric nel mirino e si lavora per il rinnovo di Skriniar, Juve occhi su Marcelo, il Napoli vuole blindare Milik. Milan, oltre Rabiot piacciono Paquetà e Paredes 15.09 - Siamo appena a metà settembre eppure gennaio sembra così vicino, perché il mercato è sempre in movimento. E allora parto dall’Inter che ha cullato per alcuni giorni il sogno Modric. Il no netto di Florentino Perez ha chiuso ogni possibilità, ma ancora il rinnovo con il Real Madrid...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Dybala al Real, Pogba alla Juve, Griezmann allo United: si prepara un grande giro forse già a gennaio. Molto dipende da Zidane. E l’Inter non molla Modric. Sta per finire lo strapotere dei procuratori. Stop ai prestiti selvaggi 14.09 - Visto che il mercato non si ferma mai, le ultime che arrivano soprattutto dalla Spagna vale davvero la pena di cercare di intercettarle e valutarle. Da tempo i giornali spagnoli parlano di Dybala al Real, l’estate scorsa ci furono anche annunci ufficiali con relative smentite. Che...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il mercato internazionale ai raggi X: l'Italia spende e gli affari sono sempre fra i soliti... 13.09 - La FIFA ha fatto la fotografia del mercato internazionale. Ovvero dei trasferimenti provenienti dalle federazioni estere. Un lavoro complesso, reso possibile dal TMS (il Transfer Matching Sistem): quindi non si tratta di proiezioni o di valutazioni, ma di dati certi. Sono dati aggregato...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Cristiano Ronaldo ha distrutto la Spagna e il suo Mondiale dal di dentro, e Allegri lo ha aiutato. Ecco come. Mancini poteva avere ragione, ma c’è un particolare fondamentale che lui e la Figc hanno dimenticato su Euro2020 12.09 - E’ stato un piano perfetto. E noi distratti dal passaggio di Cristiano Ronaldo alla Juventus. Altroché. Diabolico CR7, che arrivando ai Mondiali con il Portogallo campione d’Europa, e avendo nel proprio gruppo la Spagna, ha usato tutte le armi per farla fuori, anche se non è bastato...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Italia: un anno senza vittorie (ma non diamo la colpa agli stranieri). In arrivo la quarta giornata, ma c’è già chi parla “del mercato di gennaio” (pietà…). Inter: per il rinnovo di Icardi… non c’è fretta 11.09 - Siamo in piena pausa per la Nazionale. Ma il peggio è passato. Da oggi smetteremo di far finta che ce ne freghi qualcosa della Nations League (“La Nations League è importante!”) e torneremo a creare nuovi casi mediatici: perché Ronaldo non ha segnato durante la pausa? (“perché è bollito!”)....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy