HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A: quale di questi attaccanti vi ha deluso di più?
  Giovanni Simeone
  Edin Dzeko
  Arkadiusz Milik
  Patrik Schick
  Marko Pjaca
  Paulo Dybala
  Duvan Zapata
  Keita Balde Diao
  Simone Zaza

La Giovane Italia
Editoriale

Gattuso e l’ombra di Conte, un problema da risolvere subito. Se ci crede, la società protegga l’allenatore, altrimenti lo cacci. Inter, anche una Champions da brividi. E Spalletti in difficoltà si aggrappa a Nainggolan

31.08.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 40846 volte
© foto di Federico De Luca

Dopo il Napoli ecco la Roma, stasera è l’occasione giusta per capire se il nuovo Milan di Gattuso cresce o no. A che punto è arrivato con il lavoro. La sconfitta del San Paolo non è stato un bel segnale, le squadre non possono durare soltanto 55 minuti e gli errori dell’allenatore nella gestione dei cambi e della partita sono stati determinanti. Con l’onestà che lo accompagna, Gattuso li ha riconosciuti. E’ chiaro che non si cambia Biglia per mettere Bakayoko, due giocatori troppo diversi, la partita l’ha persa lì.

Ma è quello che è successo dopo che deve far riflettere a fondo la dirigenza rossonera. Se esiste un problema allenatore va risolto e se non esiste il Milan deve essere chiaro e duro.

Cosa è successo?

Un autentico massacro di Gattuso sui social e sui media inscenato dagli stessi tifosi rossoneri. La cosa è strana, Gattuso è una bandiera del Milan e non si merita tanto dopo appena una partita di campionato. Non sarà un fenomeno, ma l’anno scorso ha fatto bene, in un girone è riuscito in parte a rimediare i disastri di Montella con una squadra certamente non perfetta.

A chi non piace Gattuso?

Chi spinge per cambiarlo?

Non vogliamo fare dietrologia, ma una reazione così forte ha bisogno di una analisi meno superficiale. E, diciamo la verità, le parole di Leonardo dopo la sconfitta non sono state così decise, la delusione nel suo sguardo e nel non verbale era evidente.

Una cosa deve essere chiarissima se non si vuole compromettere una stagione o impedire al Milan di crescere: con Gattuso non servono le mezze misure.

La nuova proprietà deve essere completamente convinta che Rino sia l’allenatore giusto e se lo è va difeso con grande energia, a parole e con i gesti. Duramente. Sempre. Nello spogliatoio e fuori. Con i media e con i tifosi.

L’allenatore e il gruppo che sta iniziando la stagione devono essere messi nelle condizioni ideali per lavorare, vanno accompagnati con fiducia e protetti.

Ma siccome nel calcio può sempre succedere di tutto, potrebbe anche darsi che qualcuno veda Gattuso come una scelta della vecchia proprietà, che ci siano dei dubbi sul suo modo di fare calcio, o meglio, sulla sua idea di calcio. Se è così va presa subito una decisione, anche drastica, anche con cinismo. La peggior soluzione sarebbe tenere Gattuso solo perché ha un contratto, perché è un grande ex, ha il Milan dentro, o perché non si hanno sottomano alternative.

Gattuso, invece, va tenuto soltanto se c’è la totale e incondizionata fiducia, altrimenti tutto diventa complicato, difficile, inutile.

E’ davvero Conte l’allenatore ideale per la nuova proprietà rossonera?

Si sta aspettando soltanto che l’ex Ct risolva le sue questioni (anche legali) con il Chelsea?

Interrogativi che sono tornati a circolare dopo una sola sconfitta in campionato e per di più contro il Napoli. Come campanello d’allarme non sembra poco.

Dalla gara di stasera, un’altra molto complicata, comunque vada vorrei vedere un atteggiamento diverso da parte di tutti. Lasciare solo Gattuso è la peggiore delle soluzioni. Non decidere nel calcio è la cosa che va evitata.

E’ chiaro che la risposta ai dubbi e agli interrogativi li dovrà dare la squadra e già stasera aspettiamo dei miglioramenti. Anche di Gattuso.

E se il Milan non ride, l’altra milanese piange. Come se non bastasse un punto in due partite, il sorteggio Champions ha infilato l’Inter nel girone più difficile con Barcellona, Tottenham e Psv. Questa Inter sembra avere poche chances, ma il ricordo dell’impresa della Roma che un anno fa in un girone simile arrivò addirittura prima, deve essere stimolante. Il problema, naturalmente, è l’Inter. Spalletti ha clamorosamente sbagliato l’avvio della stagione, ha tolto alla squadra le certezze che aveva acquisito a fatica l’anno scorso e da quelle doveva ripartire. Troppi cambi di giocatori, affrettato inserimento dei nuovi, bocciature eccessive dei vecchi, sottovalutazione dell’impatto del mondiale, soprattutto suoi croati. Mi chiedo: ma gente come Borja Valero in questo inizio non poteva essere utile? E Candreva, pur con i suoi limiti?

Resto comunque convinto che Spalletti ne uscirà e il debutto di Nainggolan a galleggio fra centrocampo e attacco lo aiuterà a portare muscoli e personalità. L’importante è decidere. Una difesa a tre con Skriniar, Miranda e De Vrij, sinceramente ce l’hanno in pochi. Che si aspetta a ripartire da lì?

A proposito di sorteggio Champions, al Napoli è andata peggio visto che era in seconda fascia. Psg e Liverpool, ultima finalista, sono tanto roba. Qualcuno scherza, avete visto? Cavani torna a Napoli, ma uno scherzo non sarà. Per fortuna che c’è Ancelotti, l’uomo della Decima, lo specialista della Champions.

La Juve avrà Mourinho con il suo United e Valencia, girone abbordabile. Come la Roma che tornerà a Madrid con Real, ma Cska Mosca e Victoria Pilzen non fanno paura.

A proposito di Juve, come vi abbiamo anticipato venerdì scorso l’esclusione del deludente Dybala di Verona al debutto, ecco in arrivo un’altra chance per l’argentino con il Parma. Allegri passa al 4-2-3-1 con Cuadrado, Dybala e Ronaldo dietro a Mandzukic. Questi due con licenza di scambiarsi la posizione.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Pronti per gennaio: il Milan più attivo ecco i primi nomi. E poi attenzione: parametri zero pazzeschi! 15.11 - Il mercato si avvicina alla velocità della luce. Sarà più corto del previsto, visto che chiuderà il 18 gennaio, ma non per questo sarà meno intenso. Se dovessimo sbilanciarci potremmo dire che per il Milan potrebbe essere una sessione di primo livello. Nel senso che a gennaio Elliot,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Allegri cosa dici?! Hai cambiato idea rispetto a quando eri al Milan, e proprio prima di una partita con la Juve… Ibrahimovic in rossonero è possibile: ecco a che punto è la trattativa. Juventus su De Gea e James? C’è questo retroscena 14.11 - Massimilano Allegri è già l’allenatore che ha vinto più Panchine d’Oro nella storia, 4. Anche se ovviamente i suoi obiettivi sono altri. Il primo e ovvio è vincere la Champions (Allegri è anche il primo allenatore italiano a perdere entrambe le prime due finali di Champions a cui...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

C’è solo una cosa bella della Sosta per la Nazionale. No, non è vero, non c’è. Tra l’altro sarà la 2323esima quest’anno. Si sono moltiplicate. O forse è solo un’impressione. 13.11 - Juve: la panchina d’oro, i cervelli di ghisa. Inter: le scelte di Spalletti (e un segreto…). Milan: il (troppo) rigore di Higuain. Arbitri: l’esempio di IrraQuando c’è la Sosta per la Nazionale a nessuno frega nulla di qualunque cosa, si fa finta di appassionarsi a temi come “Balotelli...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, no a Ibra. Napoli, un salto nel fango. Spal, l'unica società che ha sfruttato il triplo salto. Liverani, oro di Lecce. Gravina, ecco il primo colpo: Brunelli dalla Lega 12.11 - Arriva la sosta, nel momento meno opportuno, e come sempre si tornerà a parlare di calciomercato. La Juventus cerca un centrocampista, l'Inter in teoria è a posto così, la Roma necessita di almeno due tasselli, mentre il Napoli potrebbe aver bisogno di un vice Milik che, a gennaio,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

En plein probabile, chi l'avrebbe mai detto: la Serie A è di nuovo la casa dei grandi difensori. De Laurentiis aveva ragione: Ancelotti vale un top player. Calo Juventus? Non c'è da fidarsi 11.11 - Kalidou Koulibaly, Milan Skriniar e Kostas Manolas. Poi la difesa della Juventus che può andare ad Harvard per dare lezioni sulla fase difensiva. Sono loro il miglior spot di una Serie A che quest'anno in Champions ha buone possibilità di portare tutte le squadre almeno agli ottavi...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Su Skriniar tutte le big d’Europa: City, United, Barcellona e Bayern Monaco, ma la sua volontà è rimanere all’Inter. Il Napoli in pressing su Tonali. Il Milan pensa a Paredes. Juventus, a San Siro prova verità 10.11 - L’Inter è al lavoro per blindare Skriniar. Il difensore slovacco cresce partita dopo partita e ormai è arrivato a un livello altissimo. Anche Spalletti dopo la gara con il Barcellona ha sottolineato che ormai è un giocatore top. Un vero leader della difesa, in grado di unire qualità...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Contro Mourinho, evviva Mourinho. Si scatena un altro Juventus-Inter. Gli eccessi del tifo da condannare. Bocciato dagli inglesi. Da Mazzone in giù, ma che calcio vogliamo? Il Var in Champions, ora basta, cosa aspettate? 09.11 - Mourinho non è tipo da mezze misure, o lo odi o lo ami, ma questo lo sapevamo già. Il doppio confronto fra Juventus e Manchester è stata l’occasione per rimettere in moto cose antiche, rivalità mai sopite, sgarbi mai digeriti, gesti sopra le righe, un Triplete esagerato, pensieri...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Sorprese (e certezze) in Champions: Juve, CR7 e Pellegrini. E una foto - da non conservare - della nostra Serie A 08.11 - Bene: se la giornata di martedì ci aveva confermato che Napoli e Inter non solo hanno una propria posizione in Champions, ma che ce l'hanno anche Icardi e Insigne la sorpresa arriva dalle gare del mercoledì. Anzi le sorprese: una positiva e una negativa. Chiaramente quella negativa...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Inter, perché aspettare 150 minuti? Mentre a Napoli il confine è solo il cielo. Ecco perché alla Juventus la vittoria contro il Manchester United serve…contro l’Inter. Davvero Mosca ultima chiamata per la Roma e Di Francesco? 07.11 - Il calcio è questione di punti di vista, certamente. Dunque è sicuramente un punto di vista positivo per l’Inter aver rischiato di pareggiare all’83’ al Camp Nou. Così come è sicuramente un punto di vista positivo l’aver tenuto a San Siro il risultato fino al finale di partita. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i problemi di cui non si parla perché tanto... è la Juve. Milan: la zona Champions e le "indiscrezioni" su Wenger. Inter: il giorno del Barcellona. Napoli, vendicaci tutti 06.11 - Prima le cose importanti. Mi scrive Antonio Portaccio, lo trovate su messenger, ha una barba da competizione: “Ciao Fabrizio, io non ti ho scritto per i biglietti per il derby, inoltre ti leggo sempre. Se ci troviamo in giro ti offro un caffè, sono su Milano. Mo’ veniamo al favore,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy