HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Lotta per l'Europa: Inter e Milan andranno in Champions?
  Sì, arriveranno entrambe in Champions League
  Solo l'Inter riuscirà nell'obiettivo
  Niente Inter: sarà solo il Milan a raggiungerla
  Nessuna delle due riuscirà ad andarci

La Giovane Italia
Editoriale

Gattuso e l’ombra di Conte, un problema da risolvere subito. Se ci crede, la società protegga l’allenatore, altrimenti lo cacci. Inter, anche una Champions da brividi. E Spalletti in difficoltà si aggrappa a Nainggolan

31.08.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 40918 volte
© foto di Federico De Luca

Dopo il Napoli ecco la Roma, stasera è l’occasione giusta per capire se il nuovo Milan di Gattuso cresce o no. A che punto è arrivato con il lavoro. La sconfitta del San Paolo non è stato un bel segnale, le squadre non possono durare soltanto 55 minuti e gli errori dell’allenatore nella gestione dei cambi e della partita sono stati determinanti. Con l’onestà che lo accompagna, Gattuso li ha riconosciuti. E’ chiaro che non si cambia Biglia per mettere Bakayoko, due giocatori troppo diversi, la partita l’ha persa lì.

Ma è quello che è successo dopo che deve far riflettere a fondo la dirigenza rossonera. Se esiste un problema allenatore va risolto e se non esiste il Milan deve essere chiaro e duro.

Cosa è successo?

Un autentico massacro di Gattuso sui social e sui media inscenato dagli stessi tifosi rossoneri. La cosa è strana, Gattuso è una bandiera del Milan e non si merita tanto dopo appena una partita di campionato. Non sarà un fenomeno, ma l’anno scorso ha fatto bene, in un girone è riuscito in parte a rimediare i disastri di Montella con una squadra certamente non perfetta.

A chi non piace Gattuso?

Chi spinge per cambiarlo?

Non vogliamo fare dietrologia, ma una reazione così forte ha bisogno di una analisi meno superficiale. E, diciamo la verità, le parole di Leonardo dopo la sconfitta non sono state così decise, la delusione nel suo sguardo e nel non verbale era evidente.

Una cosa deve essere chiarissima se non si vuole compromettere una stagione o impedire al Milan di crescere: con Gattuso non servono le mezze misure.

La nuova proprietà deve essere completamente convinta che Rino sia l’allenatore giusto e se lo è va difeso con grande energia, a parole e con i gesti. Duramente. Sempre. Nello spogliatoio e fuori. Con i media e con i tifosi.

L’allenatore e il gruppo che sta iniziando la stagione devono essere messi nelle condizioni ideali per lavorare, vanno accompagnati con fiducia e protetti.

Ma siccome nel calcio può sempre succedere di tutto, potrebbe anche darsi che qualcuno veda Gattuso come una scelta della vecchia proprietà, che ci siano dei dubbi sul suo modo di fare calcio, o meglio, sulla sua idea di calcio. Se è così va presa subito una decisione, anche drastica, anche con cinismo. La peggior soluzione sarebbe tenere Gattuso solo perché ha un contratto, perché è un grande ex, ha il Milan dentro, o perché non si hanno sottomano alternative.

Gattuso, invece, va tenuto soltanto se c’è la totale e incondizionata fiducia, altrimenti tutto diventa complicato, difficile, inutile.

E’ davvero Conte l’allenatore ideale per la nuova proprietà rossonera?

Si sta aspettando soltanto che l’ex Ct risolva le sue questioni (anche legali) con il Chelsea?

Interrogativi che sono tornati a circolare dopo una sola sconfitta in campionato e per di più contro il Napoli. Come campanello d’allarme non sembra poco.

Dalla gara di stasera, un’altra molto complicata, comunque vada vorrei vedere un atteggiamento diverso da parte di tutti. Lasciare solo Gattuso è la peggiore delle soluzioni. Non decidere nel calcio è la cosa che va evitata.

E’ chiaro che la risposta ai dubbi e agli interrogativi li dovrà dare la squadra e già stasera aspettiamo dei miglioramenti. Anche di Gattuso.

E se il Milan non ride, l’altra milanese piange. Come se non bastasse un punto in due partite, il sorteggio Champions ha infilato l’Inter nel girone più difficile con Barcellona, Tottenham e Psv. Questa Inter sembra avere poche chances, ma il ricordo dell’impresa della Roma che un anno fa in un girone simile arrivò addirittura prima, deve essere stimolante. Il problema, naturalmente, è l’Inter. Spalletti ha clamorosamente sbagliato l’avvio della stagione, ha tolto alla squadra le certezze che aveva acquisito a fatica l’anno scorso e da quelle doveva ripartire. Troppi cambi di giocatori, affrettato inserimento dei nuovi, bocciature eccessive dei vecchi, sottovalutazione dell’impatto del mondiale, soprattutto suoi croati. Mi chiedo: ma gente come Borja Valero in questo inizio non poteva essere utile? E Candreva, pur con i suoi limiti?

Resto comunque convinto che Spalletti ne uscirà e il debutto di Nainggolan a galleggio fra centrocampo e attacco lo aiuterà a portare muscoli e personalità. L’importante è decidere. Una difesa a tre con Skriniar, Miranda e De Vrij, sinceramente ce l’hanno in pochi. Che si aspetta a ripartire da lì?

A proposito di sorteggio Champions, al Napoli è andata peggio visto che era in seconda fascia. Psg e Liverpool, ultima finalista, sono tanto roba. Qualcuno scherza, avete visto? Cavani torna a Napoli, ma uno scherzo non sarà. Per fortuna che c’è Ancelotti, l’uomo della Decima, lo specialista della Champions.

La Juve avrà Mourinho con il suo United e Valencia, girone abbordabile. Come la Roma che tornerà a Madrid con Real, ma Cska Mosca e Victoria Pilzen non fanno paura.

A proposito di Juve, come vi abbiamo anticipato venerdì scorso l’esclusione del deludente Dybala di Verona al debutto, ecco in arrivo un’altra chance per l’argentino con il Parma. Allegri passa al 4-2-3-1 con Cuadrado, Dybala e Ronaldo dietro a Mandzukic. Questi due con licenza di scambiarsi la posizione.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, è Lukaku la prima scelta se parte Icardi. Dzeko e Zapata le altre ipotesi. Juventus, per il centrocampo si continua a monitorare Ndombele del Lione. Svolta Mertens, l’attaccante belga ora potrebbe rimanere. Giuntoli al lavoro per Callejon 13.04 - La fine del campionato è dietro l’angolo e una decisione deve essere presa per forza. La svolta tra l’Inter e Icardi sta per arrivare. L’addio resta l’ipotesi più probabile ma non scontata. Icardi è un grande bomber, ha 26 anni e ora più che mai è un’occasione di mercato per tante...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve, il Real vuole Kean. De Ligt, passi avanti. Conte, scatto della Roma. Un piano con Faggiano come ds. L’ombra del Qatar. Ma l’Inter vuole chiudere in fretta. Skriniar rinnova, Chiesa più lontano. Pioli-Fiorentina alle carte bollate 12.04 - La Juve deve fare in fretta a rinnovare il contratto di Moise Kean in scadenza fra un anno. Dopo la raffica di gol e le capacità tecniche e fisiche messe in mostra dal ragazzo del 2000, mezza Europa lo sta monitorando, ma in particolare è scattata l’attenzione del Real Madrid. Zidane...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la legge di CR7 e le panchine che cambiano in Serie A 11.04 - Tiene duro la Juventus, CR7 ci mette sempre la sua firma per un gol che fra una settimana potrebbe valere moltissimo. La Juve tocca con mano la freschezza dei giovani talenti olandesi, ma ha assolutamente imparato la lezione impartita al Real Madrid negli ottavi di finale. Non ha...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

L’assenza di Chiellini è più pesante di quella di Cristiano Ronaldo. Ma è la Champions della Juventus: anche così Allegri può vincere. Conte dentro, Icardi fuori: perché l’Inter deve decidersi, e presto 10.04 - Senza Chiellini contro l’Ajax non mancherà solo uno dei migliori tre difensori del mondo. Mancherà il condottiero, ancora prima che il capitano, quello che è capace di trascinare l’esercito fuori dal fuoco di fila. Si teme uno stop che possa includere anche il ritorno, ma il Chiello...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510